Collegati con noi

Economia

Prada dice addio a pellicce, la moda punta anche alla sostenibilità

Avatar

Pubblicato

del

Prada entra nella famiglia ‘fur-free’. Dalle collezioni donna della primavera/estate 2020 il gruppo italiano del lusso quotato ad Hong Kong non usera’ piu’ pellicce animali per realizzare nuovi prodotti. La decisione era nell’aria ed e’ stata annunciata con la Fur Free Alliance (Ffa, che riunisce oltre 50 organizzazioni in piu’ di 40 paesi) ed e’ frutto di un dialogo positivo tra il Gruppo, Ffa, Lav e The Humane Society of the United States. Per la mente creativa Miuccia Prada si tratta di un traguardo importante per un’azienda che ha in innovazione e responsabilita’ sociale i suoi valori fondanti. “La ricerca e lo sviluppo di materiali alternativi – ha spiegato – consentira’ all’azienda di esplorare nuove frontiere della creativita’ e di rispondere, allo stesso tempo, alla domanda di prodotti piu’ responsabili”. Critico, ovviamente, l’International Fur Federation, l’organismo mondiale che raggruppa le associazioni della filiera della pelliccia. “Sono sorpreso che un marchio attento alla sostenibilita’ metta al bando un prodotto naturale come la pelliccia.

Ora i clienti Prada avranno come unica alternativa la pelliccia in plastica, che e’ dannosa per l’ambiente”, afferma il ceo Mark Oaten, che invita la maison tornare sui suoi passi. Prada e’ solo l’ultima delle aziende del lusso a dire addio alle pellicce, in un settore sempre piu’ attento ai temi della sostenibilita’, anche per il ritorno mediatico connesso. L’alto di gamma e’ sempre piu’ concentrato sulle tematiche cosiddette ESG (acronimo di environmental, social and governance). Un’attenzione etica che ha pero’ anche un indubbio interesse economico visto che – stando ad una ricerca presentata nel marzo da McKinsey e Camera della Moda – nei prossimi cinque anni i responsabili degli acquisti dei maggiori department store del mondo raddoppieranno gli acquisti di prodotti sostenibili, passando dal 23% al 42%, visto che 7 clienti su 10 sono disponibili a spendere fino al 10% in piu’ per un prodotto che rispetti diritti dei lavoratori e ambiente. Nelle ultime settimane infatti si e’ assistito ad un rinnovato attivismo dei colossi del settore, con Kering che ha pubblicato nuovi standard per il benessere degli animali coinvolti nella sua filiera e ha deciso di non far piu’ sfilare modelle minorenni, mentre Lvmh ha siglato un’intesa di cinque anni con l’Unesco per sostenere il suo programma dedicato a uomo e biosfera. Per non parlare per la gara di solidarieta’ scattata dopo l’incendio di Notre Dame a Parigi. Nella famiglia ‘Fur-free’ Prada comunque non e’ da sola. Tra le Maison piu’ blasonate che gia’ detto stop alle pellicce ci sono Giorgio Armani, Versace, Burberry, Michael Kors, Ralph Lauren e Gucci, fino alle paladine del Fur-free Stella McCartney e Vivienne Westwood. Miuccia Prada a settembre dell’anno scorso, alla presentazione della collezione primavera-estate 2019, aveva annunciato che la svolta era vicina: “Io le pellicce non voglio piu’ farle – aveva detto la stilista – gia’ oggi rappresentano solo lo 0,1% del prodotto, ma non amo gli annunci, diro’ che non le faccio piu’ quando sara’ cosa fatta e finita”. Il momento e’ arrivato. Dalla prossima primavera-estate quindi, Prada non utilizzera’ piu’ pellicce per nuovi prodotti, mentre lo stock continuera’ ad essere in vendita fino ad esaurimento delle scorte.

Advertisement

Economia

Alitalia, Fs sceglie Atlantia e Di Maio parla di “grande risultato”

Avatar

Pubblicato

del

E’ Atlantia il partner scelto da Ferrovie dello Stato per affiancare Delta e Tesoro nell’operazione per la nuova Alitalia. Lo ha deciso il consiglio di amministrazione del Gruppo guidato da Gianfranco Battisti, che ha scartato invece le altre tre offerte sul tavolo presentate dal gruppo Toto, Claudio Lotito e dal patron di Avianca German Efremovich. Una scelta che certo non e’ quella auspicata fin dall’inizio dal M5s, da sempre freddo sulla societa’ dei Benetton, finita nel mirino dopo il crollo del Ponte Morandi. Il vicepremier Luigi Di Maio annuncia comunque la scelta come una vittoria e, non senza lanciare una stoccata al collega leghista Matteo Salvini (“un grande risultato mentre qualcuno oggi si prendeva il caffè al tavolo”), non molla la presa e assicura che comunque sulla revoca della concessione di Autostrade non si indietreggia. Atlantia, da mesi considerata come la strada piu’ percorribile, ma fattasi avanti ufficialmente solo pochi giorni fa (giovedi’ il mandato del cda all’a.d. ad approfondire e poi ieri con la presentazione dell’offerta) e’ stata scelta nel corso di una riunione fiume di oltre 4 ore del consiglio di amministrazione di Fs, che ha passato in rassegna le offerte arrivate ieri all’advisor Mediobanca da quattro soggetti. Solo Atlantia e’ stata pero’ ritenuta adatta ad andare avanti nella prossima fase, che servira’ a “condividere un piano industriale” e a definire gli “altri elementi dell’eventuale offerta”, spiega Fs, assicurando che il lavoro con i partner iniziera’ “quanto prima”. Scartati dunque gli altri tre pretendenti.

 

Quello che ci aveva sperato di più, il gruppo Toto, che avrebbe avuto il consenso di Di Maio, fa trapelare una certa delusione: “Prendiamo atto della decisione, restando convinti del valore delle nostre linee guida di Piano presentate, basate sulla crescita e sullo sviluppo di Alitalia nel medio e lungo termine”. Ostenta soddisfazione il ministro Di Maio, che affida il suo commento a Facebook. Abbiamo “posto le basi per il rilancio di Alitalia!”, annuncia a gran voce ma dicendo di non voler cantare vittoria. Atlantia, pero’, non sara’ una scelta facile da far digerire all’elettorato grillino dopo gli attacchi portati avanti in questi mesi. E infatti il ministro, sembra giocare un po’ in difesa: spiega che il cda di Fs “e’ autonomo” nella scelta di Atlantia e assicura che non c’e’ “nessun pregiudizio”. Anche perche’ lo Stato, ribadisce, avra’ la maggioranza assoluta e anche il controllo della newco. Cosi’, di dossier in dossier, torna all’attacco sulla revoca della concessione di Autostrade, garantendo che non saranno fatti passi indietro. Critiche le opposizioni (Zingaretti parla di confusione e opportunismo, Fassina chiede a Di Maio di riferire), mentre i sindacati attendono al piu’ presto una convocazione dal Mise. Sul tavolo sono aperti temi delicati, dalla messa a punto del piano industriale, alle quote azionarie alla governance. La newco dovrebbe partire con una dotazione di circa un miliardo: quello che al momento e’ certo e’ che il Mef partecipera’ con il 15%, Delta con un altro 15%, Fs potrebbe arrivare al 35% e una pari quota e’ attesa da Atlantia, con un esborso di circa 350 milioni.

Continua a leggere

Economia

Huawei punta 3 miliardi di dollari in 3 anni sull’Italia

Avatar

Pubblicato

del

Huawei continua ad investire in Italia e nei prossimi tre anni puntera’ sul Paese piu’ di 3 miliardi di dollari (2,6 miliardi di euro) prevedendo di creare 3 mila posti di lavoro (compreso l’indotto). Parola del Ceo di Huawei Italia, Thomas Miao, che pero’ punta il dito contro la riforma del golden power per il 5g chiedendo al governo italiano “regole trasparenti, efficienti e giuste”. Gli investimenti del colosso cinese delle tlc saranno destinati, nello specifico, “all’acquisto di forniture locali (1,9 miliardi), a marketing e operations (1,2 miliardi), ricerca e sviluppo (52 milioni)”, chiarisce Miao evidenziando che l’azienda ha intenzione di assumere mille persone e di impiegarne, indirettamente, altre 2.000. Unica nota dolente riguarda il recente decreto di Palazzo Chigi sul ‘potere speciale’ (golden power) attribuito allo Stato in difesa di asset strategici e della sicurezza nazionale, relativo ai servizi di comunicazione elettronica a banda larga basati sulla tecnologia 5G. L’auspicio e’ che “non ritardi lo sviluppo” della rete ultra veloce nel Paese, oltre al fatto che queste regole “al momento vengono applicate solo ai fornitori non europei, invece, dovrebbero essere rivolte a tutti, perche’ la tecnologia e’ neutrale e non e’ legata a questioni geopolitiche”, ammonisce Miao, che contesta in particolare l’allungamento dei tempi per porre il veto su un’operazione (“da 25 a 165 giorni”). Al di la’ di questo, Huawei conferma il suo interesse per l’Italia e per l’Europa, in particolare nello sviluppo del 5g, a fronte di tensioni geopolitiche oltreoceano, con le indiscrezioni che circolano sui licenziamenti di Huawei negli Stati Uniti. Ma le tensioni con gli Usa – secondo Miao – non avranno ripercussioni sull’Italia, dove il business e il dialogo con i partner italiani continua ad andare avanti come di consueto (“as usual”). Inoltre, l’Italia e la Cina sono due paesi che “da adesso in poi saranno sempre piu’ vicini” sostiene il leader del colosso di Italia, ricordando che Huawei e’ presente nel Belpaese da 15 anni e ha realizzato quattro centri di innovazione in collaborazione con i maggiori operatori di telecomunicazioni nazionali, oltre a un innovation center a Cagliari dedicato alle Smart City. Da settembre sara’ inoltre operativo un laboratorio di microelettronica nell’Universita’ di Pavia che impieghera’ una quindicina di ricercatori.

Continua a leggere

Economia

I super-ricchi vivono a Milano, Roma sempre più povera

Avatar

Pubblicato

del

La meta’ dei Paperoni italiani vive in un’unica città: Milano. Il dato arriva dall’Inps, non solo sinonimo di pensioni, ma sempre piu’ protagonista di tutto cio’ che tocca il mercato del lavoro. La sua banca dati e’ imprescindibile e da qui parte anche l’analisi che ha caratterizzato il Rapporto annuale di quest’anno. L’Istituto guidato da Pasquale Tridico, il ‘padre’ del Reddito di cittadinanza, se da una parte nota una riduzione della precarizzazione dall’altra osserva come restino sul tappeto “problemi quali il part time involontario” e “la sempre piu’ elevata polarizzazione della distribuzione dei redditi da lavoro ai suoi estremi rappresentati dai percettori di bassi salari e dai top earners”. Disuguaglianze ancora piu’ forti se si guarda alla differenze territoriali. Basti pensare che un super-ricco su due e’ appunto milanese. La Capitale segue a grande distanza. I dati dell’archivio dell’Inps sul lavoro privato parlano chiaro: il 54% di coloro che guadagnano piu’ di 533 mila euro e il 42% di chi prende oltre i 217 mila euro annui risiede nella provincia del capoluogo lombardo. Roma mostra percentuali che non raggiungono il terzo di quelle milanesi. Pesanti anche i divari di genere, nello 0,01% dei piu’ ricchi solo il 7,5% e’ donna. Raggiungere i livelli top e’ poi diventato sempre piu’ difficile. Per Tridico “cio’ suggerisce come negli ultimi decenni la concentrazione degli alti redditi abbia caratterizzato in modo rilevante anche il nostro Paese”. In generale, guardando al periodo che va dal 1974 e il 2017 si evidenzia come alla “forte diminuzione delle disuguaglianze negli anni Settanta” abbia fatto seguito “un rilevante aumento fino a inizio anni Novanta”, con una “sostanziale stabilita’ negli ultimi due decenni”. Da allora si assiste a una “stagnazione” dei salari. E di certo il part time, soprattutto se forzato, non aiuta. Il Rapporto mette in evidenza come attualmente questa tipologia di orario coinvolge circa il 20% degli occupati contro il 15% del 2008. Una “crescita consistente”, che manifesta una “tendenza di grande rilievo” alla base del ‘gap’ tra un’occupazione che ha recuperato il terreno perso con la crisi e un Pil che resta ancora indietro. Quindi se il numero delle persone che hanno un posto ha riagganciato i livelli raggiunti prima che si innescassero le varie recessioni, l’intensita’ del lavoro, misurata dal numero di ore passate in fabbrica, nei cantieri o in ufficio, resta del 4,3% inferiore. Insomma, se il lavoro non recupera su tutti i fronti le disuguaglianze avanzano.

Continua a leggere

In rilievo