Collegati con noi

Politica

Porti chiusi e multe, com’era ‘sicurezza’ Salvini

Pubblicato

del

Due decreti in poco meno di nove mesi, quando il governo era gialloverde e il ministro dell’Interno, e vicepremier, era Matteo Salvini. Due provvedimenti per contenere, tra gli altri, il fenomeno delle migrazioni e le attività delle numerose organizzazioni che operano nel Mediterraneo. La ‘sicurezza’ del leader della Lega passava per il mare e i porti chiusi, per le maximulte alle navi delle ong e la revisione delle norme sulla protezione internazionale. Strette severe che hanno portato a diversi interventi della Consulta e lo stesso presidente della Repubblica Sergio Mattarella ad inviare, prima di firmare il cosiddetto ‘sicurezza bis’, una lettera al governo in cui ribadiva che il salvataggio dei migranti “rimane un dovere”. Che il tema dei migranti fosse in cima alla lista del programma del neo-insediato governo Conte era chiaro sin dall’inizio. E’ il 24 settembre 2018, sono passati appena 115 giorni dal travagliato giuramento del nuovo esecutivo quando il consiglio dei ministri dà il via libera al primo decreto sulle “disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione”, immediatamente denominato proprio ‘decreto Salvini’. Una sorta di ‘prova generale’ di quello che sarà, qualche mese dopo, il più stringente ‘Sicurezza bis’. I 40 articoli del decreto prevedevano un giro di vite sui permessi di soggiorno con l’abrogazione di quelli concessi per motivi umanitari, sostituiti dai ‘permessi speciali’ in base a sei fattispecie, come sfruttamento, motivi di salute o calamità nel Paese di origine. Prevista anche la sospensione della domanda d’asilo in caso di pericolosità sociale o condanna in primo grado, nonché la possibilità di negare o revocare la protezione internazionale per alcuni tipi di reati. Il decreto disponeva poi la revoca della cittadinanza italiana a carico dei condannati per reati di terrorismo nonché l’estensione del tempo di permanenza nei Centri per il rimpatrio, i cosiddetti Cpr, per facilitare l’espulsione degli irregolari. La rotta del governo gialloverde viene confermata il 14 giugno 2019 quando l’esecutivo approva il secondo dei decreti voluti da Salvini, il cosiddetto ‘Sicurezza bis’. La conversione in legge e la conseguente firma del presidente Mattarella arriveranno solo ad agosto, con due pesanti rilievi mossi dal Colle. Il senso della lettera inviata dal capo dello Stato a governo e Parlamento era che l’obbligo dei naviganti di salvare i naufraghi rimane un dovere imprescindibile. Il decreto, infatti, consentiva al ministro dell’Interno di “limitare o vietare l’ingresso il transito o la sosta di navi nel mare territoriale” per motivi di sicurezza. Un divieto che poteva costare alle ong non solo maxisanzioni fino a un milione di euro ma anche il sequestro della nave stessa. Sulle norme si è pronunciata più volte, tra il 2019 e il 2020, la Corte Costituzionale, prima per bocciare l’esclusione dell’iscrizione anagrafica per i richiedenti asilo. Un provvedimento che, scriveva la Consulta, viola la “pari dignità sociale”. Un altro stop era arrivato ai cosiddetti ‘superprefetti’, spiegando che non avrebbero potuto sostituire i sindaci in quanto la norma era lesiva delll’autonomia degli enti locali. Con la crisi di governo, e il nuovo esecutivo guidato da M5S e Pd, si riapre la discussione sui decreti sicurezza che vengono limati e modificati dal nuovo ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Tra i nuovi provvedimenti viene reinserito il permesso di soggiorno per motivi umanitari, ma viene anche stabilito il divieto di espulsione degli stranieri in gravi condizioni di salute. Abolite anche le sanzioni amministrative per le navi che compiono operazioni di soccorso in mare e il loro sequestro.

Advertisement

Politica

Meloni non molla: lo Stato non tratta con la mafia 

Pubblicato

del

Giorgia Meloni non molla: seppur senza citare i suoi colonnelli Donzelli e Delmastro, la premier tira dritto ribadendo che lo Stato non deve “trattare con la mafia e nemmeno con chi lo minaccia”. Una posizione netta espressa alla kermesse del centrodestra a sostegno della candidatura di Francesco Rocca alla guida del Lazio, all’indomani dello scontro frontale con il Pd, che prosegue durissimo. Ma nella maggioranza non tutti la pensano esattamente come lei. Sin dall’inizio della bufera, Forza Italia aveva reagito con freddezza alle accuse di Giovanni Donzelli all’opposizione in Aula.

In questa chiave, anche l’appello “erga omnes” lanciato da Giorgia Meloni perchè torni la calma viene cortesemente respinto al mittente dal partito azzurro. Un distinguo reso evidente da Antonio Tajani, vicepremier e coordinatore nazionale di Forza Italia. “Credo che il caso debba essere chiuso. C’è un gran giurì alla Camera che dovrà decidere se ci sono stati comportamenti errati o meno. L’invito ad abbassare i toni deve essere accolto da tutti. Noi di FI – precisa arrivando alla manifestazione elettorale – non abbiamo mai alzato i toni. Lavoriamo per l’unità del governo e per dare risposte concrete”. Sulla stessa linea anche Maurizio Lupi, leader di Noi Moderati, che punta soprattutto sul fatto che Giorgia Meloni abbia fatto bene a chiedere di abbassare i toni, “anche a Fratelli d’Italia”.

Smarcamenti che però non impensieriscono più di tanto la premier che, lanciando la candidatura di Francesco Rocca, risfodera tutta la sua grinta e la sua voglia di restare a palazzo Chigi per tutta la legislatura, promettendo di rimanere sempre se stessa, di governare “con coraggio”, seguendo le sue idee, senza “scorciatoie”, senza “cercare un consenso effimero con provvedimenti popolari”. Un intervento forte, caldo, partecipato, a tratti quasi recitato. Meloni quasi simula un pianto, quando cita sarcasticamente chi, prima del voto, annunciava sciagure imminenti in caso di una sua vittoria elettorale. “C’è chi dice che l’Italia oggi è isolata, è isolatissima, una tragedia…Ma la verità – aggiunge cambiando repentinamente di tono che si fa furente e orgoglioso – è che non è possibile isolare l’Italia, è fondatrice dell’Ue, della Nato, è nel G7, una delle nazioni più ricche nel mondo. Semmai – aggiunge in un crescendo tra gli applausi – è che ora siamo consapevoli della sua centralità”.

Insomma, è sicura della sua forza, rivendica che grazie a questo esecutivo torna il rispetto delle regole, cita al riguardo le norme anti-rave, come le nuove regole sulle Ong. I conti si faranno tra cinque anni, è il suo messaggio chiaro. Vuole governare la nazione, esclama, come un padre gestisce una famiglia, convinto di fare quello che che è necessario per il bene di tutti, senza cambiare idea, senza spese inutili “su richiesta di un figlio o un altro”. E intende portare a compimento le riforme annunciate ( il 2023 sarà l’anno buono, dice).

Il suo, è certa Meloni, è “un orizzonte lungo”. “Se hai un orizzonte corto – sottolinea – guardi al consenso giorno dopo giorno. Ma se hai l’ orizzonte lungo sai che le risposte arrivano tra cinque anni, perchè saremo ancora qua. E allora vedrò i dati del Pil, dell’occupazione. Allora – aggiunge tra gli applausi – arriverà anche il consenso vero, non quello effimero frutto di provvedimenti facili”. La platea è tutta per lei: il clima che si respira all’Auditorium di Via della Conciliazione è quello della vittoria, qui nel Lazio come in Lombardia. “Abbiamo coraggio, sapendo che dovremo affrontare menzogne e colpi bassi…”.

A quel punto, tra il pubblico si leva un urlo: “Giorgia, non abbassare la testa”. E lei, sorridente ma soddisfatta, replica pronta, in leggero romanesco: “Nun te preoccupà”.

Continua a leggere

Politica

Leader centrodestra uniti lanciano Rocca per il Lazio 

Pubblicato

del

 I leader del centrodestra si uniscono nel lanciare la candidatura di Francesco Rocca alla guida della Regione Lazio. A Roma, come a Milano, il clima è di grande ottimismo per il risultato della settimana prossima. Nel corso di una lunga e affollata kermesse all’Auditorium di Santa Cecilia, condotta da Pino Insegno, per appoggiare l’ ex Presidente della Croce Rossa, si mobilitano i vertici della maggioranza. In prima fila la premier Giorgia Meloni, i due vicepremier, Matteo Salvini e Antonio Tajani, uno stuolo di ministri, da Guido Crosetto a Gennaro Sangiuliano, da Francesco Lollobrigida a Andrea Abodi, il leader di Noi Moderati, Maurizio Lupi e infine il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in collegamento da Arcore.

Antonio Tajani, molto applaudito, non ha dubbi nel legare il risultato delle urne di domenica e lunedì prossimi alle sorti dell’attuale esecutivo: “L’11 e il 12 febbraio vorrei vincere. E vincere bene, anche per dimostrare – sottolinea il coordinatore nazionale azzurro – che questo governo sta lavorando bene: è un voto di fiducia non solo a Francesco Rocca ma a questo governo”. Sicuro della vittoria anche Silvio Berlusconi: “Il centrodestra, ha scelto Francesco Rocca come candidato presidente e ha deciso di mettere in campo con lui, capitano di grande valore, una squadra molto competente: una squadra che vincerà le prossime elezioni”, assicura il Cavaliere. 

Fiducioso anche Matteo Salvini, che attacca i media accusandoli di parlare poco di queste elezioni: “Domenica si vota in Lazio e in Lombardia, due regioni niente male, ma – afferma rivolto alla platea – se vedete le tv e i grandi giornali, non ci siete, sembra non si voti. Mi sembra che ci sia una enorme cappa di silenzio su queste elezioni: siccome sanno che il Pd prenderà una lezione di cui se ne parlerà per i prossimi trent’anni non ne parla nessuno”. Infine l’incoronazione più attesa, quella di Giorgia Meloni, che aprendo il suo intervento ricorda come proprio in questo auditorium ebbe inizio, poco più di 10 anni fa, l’avventura di Fratelli d’Italia. “Oggi abbiamo lo stesso coraggio di allora”, esordisce dopo una standing ovation incassata al suo arrivo. 

“Come FdI – aggiunge – avevamo personalità importanti da presentare qui nel Lazio ma abbiamo scelto Rocca perchè è un eccellenza italiana conosciuta nel mondo: è il primo italiano che è riuscito a diventare presidente della più grande associazione di volontariato al mondo. Ha dialogato con i più grandi leader del mondo, s’è seduto all’Onu, ha deciso di dedicarsi al volontariato. E’ stato attaccato sul suo passato: da giovane ha sbagliato, è caduto, poi s’è rimesso in piedi”. Infine, un consiglio, in leggero romanesco: “Colpi bassi ci saranno ma siamo vaccinati, prima, seconda, terza e quarta dose. Francè, ti consiglio di non leggere niente, leggi solo il tuo specchio, non farti condizionare…” Quindi, dopo la rituale foto insieme ai leader la parola passa a Rocca, che uno dopo l’altro elenca i punti qualificanti del suo programma, dalla digitalizzazione della sanità, agli sforzi per ascoltare tutta la regione, non solo Roma. “Con noi – assicura – tornerà l’assessorato alla Cultura, cancellato vergognosamente da Zingaretti. Poi lavoreremo al turismo: chi viene a visitare Roma dopo va al mare in Puglia, non nel Pontino perchè non sanno come arrivarci. Quindi la ferrovia: serve una linea che colleghi Roma a Rieti”. Infine, un ultima stoccata al suo rivale dem: “D’Amato fa il fenomeno contro il Covid, fa il numero uno: ma vorrei ricordargli le migliaia di persone che hanno lavorato alla sanità, sono loro che tutti insieme hanno portato avanti i vaccini, donne e uomini…”.   

Continua a leggere

Politica

Pd a conta nei circoli,scontro con Renzi su Jobs Act 

Pubblicato

del

 Musica pop e macchine veloci. La nuova polemica a sinistra ha i toni leggeri dei giorni festivi, ma non risparmia offese e reazioni piccate. A scagliare la freccia, da Milano, è l’ex segretario Matteo Renzi: “Avevano una Ferrari, me e Calenda, e l’hanno scambiata con una Twingo, Speranza”. Il leader di Italia Viva attacca le scelte del ‘Nuovo PD’, parafrasando l’ormai celebre canzone di Shakira contro il suo ex Gerard Piqué. Lì il paragone era tra Rolex e Casio, qui si ricorre al gioiello automobilistico nostrano. Ad alzare gli scudi Dem è Gianni Cuperlo, che non risparmia l’ironia: “Ferrari in leasing dalla destra”. E Arturo Scotto non perde l’occasione di attaccare il Jobs Act: “per Renzi era una Ferrari, per i lavoratori no”.

Bonaccini e Schlein evitano di salire a bordo e trovano altri terreni di disputa. Il retroscena serio dei colpi di spirito di Renzi è l’assemblea di Art.1, che sabato ha avuto come bersaglio principale proprio l’ex premier. Lì, Pier Luigi Bersani ha invitato a scegliere un candidato alla Segreteria Dem il più possibile lontano dalle “scorie del renzismo”. 

Scorie, che per molti, significano Jobs Act. Scotto ha persino lanciato l’appello a ripristinare l’articolo 18, mentre Speranza ha gioito per la vittoria ottenuta nel nuovo Manifesto dei valori, dove il “libero mercato” ha lasciato spazio allo “Stato regolatore”. “L’asse si è spostato”, ha certificato il segretario di Art.1, che ha così suscitato l’irritazione di Renzi. “Nel Pd avevano me e Calenda che parlavamo di lavoro con industria 4.0 e Jobs Act, ora hanno gente che dice che bisogna recuperare Lenin e Speranza che dice che bisogna abbattere il neoliberismo”.

Per il senatore toscano i Dem hanno dunque preferito la Twingo alla sua Ferrari. Ma Cuperlo ribatte e rivendica con orgoglio la scelta del ‘ricongiungimento familiare’: “la Twingo la stiamo pagando a rate ma è nostra”. Nella corsa alla Segreteria, il deputato triestino, che non disdegna l’utilitaria, guadagna terreno. Nelle ultime ore arrivano il sostegno di Bruno Tabacci e quello di una nutrita schiera di intellettuali con un documento a favore della sua mozione. Cuperlo dichiara di non essere votato alla sconfitta e di partecipare alla sfida per salvare “una casa che brucia”. 

Chi, invece, è già certo di essere promosso dal voto nei circoli e si prepara alla sfida nei gazebo è Stefano Bonaccini. Alle primarie? “Ci faremo bastare chi viene”, risponde secco durante un evento nella capitale. A suonare la carica, per lui, sono Paola Picierno e Dario Nardella: “Bonaccini ha raccolto oltre il 50% dei consensi con oltre 13 punti di vantaggio”. Dati parziali, certo, sufficienti però a indispettire il comitato Schlein. Che prima ha risposto con ‘controdati’ nelle singole sezioni, dove la candidata risulta vincente, e poi solleva dubbi sui congressi campani. 

“Spettacolo indecente”, quello del tesseramento “gonfiato”, accusa il portavoce Corrado. E Ruotolo chiede l’annullamento dei congressi nei circoli a Salerno. La mozione in Toscana, invece, celebra il passaggio della candidata e guarda avanti: “ogni spazio visitato è stato riempito completamente da centinaia di persone, la partita è aperta”. Il comitato sembra aver accettato il secondo posto, ma Elly Schlein rilancia: “siamo in grado di vincere questo congresso”.   

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto