Collegati con noi

Cronache

Ponte Morandi, Yelina Nataliya è una vittima dimenticata: uccisi, feriti e umiliati da Autostrade

Pubblicato

del

Questo giornale ha sempre provato a ricordare le 43 vittime del Ponte Morandi di Genova senza l’ipocrisia italica che svilisce tragedie enormi annacquandole con l’oblio del tempo che passa. In troppi continuano a balbettare e ballare sui cadaveri di 43 persone uccise, non morte, che aspettano giustizia. Il giornalismo quando è racconto della realtà e non mistificazione ci impone di far rilevare alcune miserie umane che offendono un Paese che mostra in certe occasioni il suo lato peggiore. E poi, è utile ricordarlo, oltre alle tragedia immensa delle vittime e due familari delle vittime, ci sono i tanti feriti che sono rimaste fisicamente e psichicamente menomate in eterno.
Quest’anno, il giorno della commemorazione delle vittime del Ponte di Genova (dove spesso i familiari delle vittime non sono andati per scelta, perchè non se la sentivano di fare tappezzeria nel corso di una passerella) abbiamo deciso di dare voce ad una delle tante persone ferite nel fisico e nella mente e al suo legale: Yelina Nataliya, una delle vittima rimaste ferite gravemente, che è in piedi per scommessa e che cerca giustizia; l’avvocato cassazionista Giovanni Mastroianni, difensore di Yelina Nataliya e i suoi familiari. Leggere le loro parole ci fa capire quanto sono ancora lontane le parole verità e giustizia in questa storia italiana assurda.

Ponte Morandi. La vittima Yelina Natalia e il suo avvocato Giovanni Mastroianni

Yelina Nataliya, Vittima Ponte Morandi

“Dal 14 Agosto 2018 la mia vita è stata travolta da un un’ondata di dolore che non si è mai più arrestata. Ero diretta in Francia per una vacanza sognata da tanto tempo, con Eugeniu che oggi è mio marito. Appena giunti sul viadotto in quel giorno maledetto, abbiamo sentito l’autostrada sollevarsi sotto di noi, poi dopo pochi attimi, eravamo sanguinanti e feriti tra le lamiere contorte della nostra auto, divenuta una prigione di metallo che a sua volta era contenuta in una prigione di tonnellate di cemento, ovvero tutto ciò che restava del Ponte Morandi crollato. Ma noi non sapevamo neanche cosa fosse successo e cosa fosse quell’inferno dove eravamo stati catapultati all’improvviso, e per quatto ore siamo rimasti sepolti vivi sotto quelle macerie senza vedere e sentire nulla, tranne il dolore atroce delle nostre ossa rotte e il calore del nostro stesso sangue che ci inzuppava i vestiti.  Se siamo vivi è solo grazie ai soccorritori, veri angeli che ci hanno regalato un’altra esistenza. Ma a parte loro, dopo quattro anni lo Stato ci ha totalmente abbandonato e la lentezza della Giustizia mortifica ogni giorno noi “vittime del Ponte Morandi”. Oltre alle menomazioni fisiche alle quali siamo stati condannati per sempre, il trauma di quel giorno ci provoca anche più dolore delle ferite fisiche, che ancora opprimono ogni attimo della nostra vita. Oggi provo dunque una grande rabbia, quasi un senso di umiliazione, perché chi ci ha fatto questo si gode i profitti guadagnati causando una tragedia che si poteva evitare adottando minime precauzioni, invece per ingordigia e assurda negligenza il crollo del viadotto ha ucciso quarantatré persone innocenti,  tanto che ed io ed Eugenio, anche se distrutti da questa ignobile vicenda, dobbiamo persino dirci fortunati a non essere morti con loro, anche se una parte di noi è rimasta sotto quell’orrore per sempre. Nei giudizi civili intrapresi dai miei familiari, la società di gestione “Autostrade Per l’Italia” Spa, in modo che non riesco neanche a definire, viene a raccontare che non ha alcuna responsabilità e non c’entra nulla con l’accaduto, anche se il 15 Marzo di quest’anno hanno patteggiato una pena dove ammettono le loro gravissime colpe. Un atteggiamento che dire beffardo sarebbe poco, ma che di certo viene assunto con la consapevolezza di una perdurante impunità e la complicità di uno Stato benevolo con i nostri carnefici e non con le vittime. Una vergogna senza fine, e pensare che all’indomani di quel giorno disgraziato, ormai di quattro anni fa, esponenti politici di primo piano fecero a gara per sfilare a Genova sulle macerie e sul sangue dei morti e dei feriti come noi, promettendo giustizia e ristori. A distanza di quattro anni nessuno paga per questi crimini e Autostrade per l’Italia racconta nei giudizi civili che è estranea a tutto. Non ho davvero altro da dire”.

——————-

Giovanni Mastroianni

“La situazione è grave , potremmo dire paradossale, eppure rappresenta uno spaccato non inconsueto della Giustizia italiana e più in generale dell’Amministrazione del nostro Paese. I giudizi sono lenti, come sempre, malgrado la Procura della Repubblica di Genova abbia fatto sforzi significativi per giungere nei tempi più brevi possibili, quantomeno alla conclusione delle indagini preliminari. Ma sono passati già quattro anni. Avere una sentenza di condanna tra dieci anni o anche più non sarà che un altro duro colpo per le “Vittime del Ponte Morandi” ed i loro familiari. In Sede Civile le cose non vanno di certo meglio, anzi, anche qui i Magistrati cercano di fare quello che possono con i tempi della Giustizia, che sono però parimenti lenti a causa un problema che affligge tutta l’organizzazione amministrativa italiana. Mezzi insufficienti, strutture giudiziarie non sempre adeguate, ancora poco personale di cui una considerevole parte ancora da formare e rendere effettivamente capace di sfruttare al meglio tutte le innovazioni del Processo Telematico e della Digitalizzazione. Effettivamente appare sconcertante che una Società ormai pubblica, come Autostrade per l’Italia Spa , venga nel Tribunale Civile di Roma a dire che è totalmente estranea alle responsabilità del crollo del Ponte Morandi, quando presso il Tribunale Penale di Genova ha patteggiato la pena per i medesimi fatti contestati, quindi riconoscendo ovviamente la sua responsabilità nel crollo del viadotto autostradale.  I nostri giudizi civili sono comunque ormai prossimi alla conclusione della fase istruttoria, e dopo l’espletamento della già richiesta prova testimoniale ed interrogatorio formale, siamo certi che mergerà anche in tal Sede, ed ancora una volta, la gravissima responsabilità di Autostrade per l’Italia Spa nella causazione del crollo del Ponte Morandi, dove hanno perso la vita quarantatré persone e tante altre sono rimaste gravemente ferite, proprio come Nataliya. Noi avvocati forse più di tutti sappiamo quanto la Giustizia possa essere lenta nel nostro Paese, ma sappiamo anche quanto sia inarrestabile”

Avvocato cassazionista Giovanni Mastroianni, difensore della signora Yelina Nataliya e suoi familiari, vittime del Ponte Morandi

Advertisement

Cronache

Cassazione: falsa laurea, 1 anno a ex capo-staff Campidoglio

Pubblicato

del

Non è stato un “falso innocuo” quello commesso da Andrea Bianchi, stretto collaboratore dell’ex vicesindaco di Roma Luigi Nieri – ‘numero due’ all’epoca di Ignazio Marino – che dichiaro’ all’amministrazione del Campidoglio di avere una laurea in giurisprudenza, mai conseguita, per ottenere l’incarico di responsabile della segreteria di Nieri, un posto per il quale non era richiesto il titolo universitario. Lo sottolinea la Cassazione – verdetto 36184 depositato oggi, udienza del 5 maggio – confermando la condanna di Bianchi a un anno di reclusione, pena sospesa, e senza concessione delle attenuanti, emessa dalla Corte di Appello il cinque novembre 2020. Il ‘Palazzaccio’, condividendo, quanto stabilito dai giudici di merito, rileva che sebbene la laurea non fosse richiesta, la remunerazione di Bianchi fissata in 115mila euro lordi l’anno fu parametrata anche tenendo in considerazione la laurea ‘fasulla’. Senza successo la difesa ha sostenuto che si era trattato di un “falso innocuo”, . di nessuna “rilevanza penale”. Ma gli ‘ermellini’ non sono stati d’accordo. “La Corte di Appello con motivazione adeguata, coerente e priva di vizi logici – afferma la Cassazione – ha ritenuto che la dichiarazione fosse tutt’altro che irrilevante o innocua, evidenziando che il compenso da attribuire al Bianchi era stato determinato tenendo conto, tra l’altro, degli specifici requisiti professionali e dell’alta qualificazione professionale dello stesso, determinata, inevitabilmente, anche dal titolo di studio conseguito”. “La rilevanza del titolo – proseguono gli ‘ermellini’ – era dimostrata anche dal fatto che il Bianchi si era dovuto confrontare con figure apicali di vari enti che miravano al medesimo incarico ed era evidente il rilievo che il possesso o meno della laurea aveva avuto nella valutazione comparativa dei candidati”. Secondo la Suprema Corte, “la falsa dichiarazione, non solo aveva tratto in inganno l’ente pubblico su un requisito personale del candidato, ma aveva avuto anche rilevanza sia ai fini del conferimento dell’incarico, che della determinazione della retribuzione”. Per questo, concludono gli ‘ermellini’, e’ “del tutto infondato il riferimento al ‘falso innocuo'”.

Continua a leggere

Cronache

Il maltempo sferza ancora il Sud, e c’è rischio neve sulle Alpi

Pubblicato

del

A Trapani strade e piazze allagate, molte abitazioni al piano terra, negozi, uffici, cinema invasi dall’acqua e l’invito alla cittadinanza a rimanere in casa. In Sicilia situazione critica anche ad Erice e Palermo. Forti piogge e strade chiuse e stessa raccomandazione a Fondi, nel Lazio. Allagamenti sul litorale romano, soprattutto a Fiumicino. Sospesa per parecchie ore la circolazione ferroviaria tra Potenza ed Eboli; anche se in Basilicata l’allerta e’ diminuito di grado, da rosso ad arancione, il Comune di Potenza stamani ha disposto la chiusura per tutta la giornata oltre che delle scuole di ogni ordine e grado, anche delle palestre scolastiche e degli impianti sportivi comunali. Ancora aliscafi fermi per Ischia e Procida per il vento di libeccio che ha raggiunto punte di oltre 20 nodi di velocita’, mentre sono garantiti i collegamenti delle navi traghetto. Fase di attenzione a Grosseto per il fiume Ombrone che ha superato il livello di sicurezza di 5 metri. Disagi anche nella provincia di Siena: le abbondanti piogge hanno trasportato su gran parte della rete stradale, 1.600 km in tutto, detriti, ramaglie e fango per lo piu’ proveniente dai terreni agricoli creando difficolta’ alla circolazione. Ed e’ solo l’inizio. Sono le conseguenze della prima delle tre perturbazioni che nei prossimi sette giorni raggiungeranno l’Italia. Secondo le previsioni le temperature sono in calo, tanto che per domani si annuncia l’arrivo della neve sulle Alpi, mentre temporali intensi, nubifragi e allagamenti colpiranno un po’ tutto lo stivale. Venti di Ponente e di Libeccio soffieranno via via piu’ forti trasportando intensi corpi nuvolosi carichi di pioggia che si abbatteranno principalmente su Toscana, Lazio, Umbria, Campania e su tutto il Sud. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni metereologiche avverse che prevede dalle prime ore di martedi’, venti forti dai quadranti occidentali con rinforzi fino a burrasca dapprima su Toscana, Umbria e Lazio in estensione a Campania, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria. Mareggiate lungo le coste esposte. Quindi allerta gialla su l’intero territorio di Calabria e Campania e in alcuni settori del Lazio, Sicilia, Abruzzo e Molise. Le piogge cadute nel weekend, nella zona del Senigalliese nelle Marche, che hanno innalzato i livelli dei fiumi Nevola e Misa ma senza causare criticita’, non hanno fermato le ricerche dei soccorritori per trovare Brunella Chiu’, 56 anni, di Barbara (Ancona), l’unica persona ancora dispersa dopo l’alluvione del 15 settembre che ha devastato l’hinterland di Senigallia e provocato 12 vittime travolte dalla furia dell’acqua, compreso Mattia di 8 anni. Per l’undicesimo giorno si cerca sulla terra ferma e nel fiume il corpo della donna, l’ultima dispersa ufficiale. In azione ci sono i vigili del fuoco dotati di droni, la protezione civile, il soccorso alpino, i sommozzatori di carabinieri, vigili del fuoco e guardia di finanza con l’utilizzo di elicotteri impegnati con voli a bassa quota. Finora le ricerche di Brunella, inghiottita dal Nevola nella zona del Ponte ‘Molino’ di Barbara non hanno dato esito. Anche oggi, parlando ai soccorritori, il sindaco di Barbara Riccardo Pasqualini ha ribadito come la famiglia della 56enne si auguri che la donna venga ritrovata al piu’ presto. Una famiglia gia’ provata dalla morte della figlia diciassettenne della dispersa, Noemi, mentre l’altro figlio Simone e’ riuscito a salvarsi aggrappandosi ad una pianta.

Continua a leggere

Cronache

Bonus 200 euro, via alle domande: sono 3 milioni gli aventi diritto

Pubblicato

del

Semaforo verde scattato oggi, alle 12, per richiedere (in via esclusivamente telematica) l’indennita’ da 200 euro per i lavoratori autonomi iscritti all’Inps e i professionisti associati alle Casse previdenziali private, con l’intento di contrastare gli attuali rincari sui prezzi, a seguito della crisi fra Russia e Ucraina: sui siti degli Istituti pensionistici, nell’arco di una manciata di ore, sono affluite migliaia di richieste dagli occupati indipendenti che, nel 2021, non sono andati oltre i 35.000 euro di reddito complessivo. L’opportunita’, stando alle stime realizzate in occasione dell’approvazione della misura, all’interno del primo decreto Aiuti, finanziata con 600 milioni di euro, interesserebbe un bacino potenziale di 3 milioni di soggetti che esercitano un’attivita’ lavorativa senza vincoli di subordinazione; di questi, almeno 477.000 sono professionisti iscritti ad Ordini e Collegi, che versano i contributi agli Enti di previdenza. La ‘porta’ informatica per prenotare il sussidio da 200 euro rimarra’ ‘aperta’ fino al prossimo 30 novembre, dunque l’Inps e le Casse tengono a sottolineare da giorni che non si e’ in presenza di un vero e proprio ‘click day’: le risorse, infatti, appaiono congrue per il pagamento a tutto il bacino dei possibili fruitori del bonus ed il solo riferimento temporale, contenuto nel provvedimento attuativo dell’iniziativa, riguarda il fatto che, si legge, per la corresponsione delle somme si seguira’ “l’ordine cronologico” delle istanze presentate e accolte. Oltre alla ‘soglia’ reddituale dei 35.000 euro, requisito fondamentale per accedere all’indennita’ e’ l’aver effettuato, entro la data di entrata in vigore del decreto Aiuti (il 18 maggio scorso), “almeno un versamento, totale e parziale, per la contribuzione dovuta con competenza a decorrere dall’anno 2020”; il sistema informatico, inoltre, e’ stato aggiornato pochi giorni fa, in modo che, con un’unica domanda, si possa prenotare l’ulteriore bonus da 150 euro inserito nel decreto Aiuti Ter per gli autonomi con redditi non superiori ai 20.000 euro. Come accennato, appena e’ stata resa disponibile online la procedura, a mezzogiorno, sono giunte numerose richieste: basti pensare, ad esempio, che la Cassa forense ne ha registrate “almeno 10.000” nell’arco di un paio d’ore. Un ‘assaggio’ significativo della mole di istanze previste, giacche’ si stima che, su una platea globale di poco meno di 242.000 avvocati iscritti, circa 156.000 abbiano guadagni tali da poter accedere all’indennizzo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto