Collegati con noi

Uncategorized

Pioggia e gelo, Coldiretti: coltivazioni distrutte fra Caserta e Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Gli imprevisti freddi primaverili e la coda dell’inverno, hanno duramente colpito l’area agricola al confine fra Caserta e Napoli, con gelate che hanno bruciato pomodori e frutta. Lo denuncia Coldiretti Campania, che attraverso i suoi uffici territoriali sta effettuando un monitoraggio dei danni subiti. Particolarmente grave appare la situazione nel basso casertano, dove Coldiretti Caserta stima il coinvolgimento di 1.500 ettari di terreno, di cui il 40% colpito dal gelo. Il danno per ettaro è calcolato in circa 2mila euro. Conta dei danni ancora in corso sul versante napoletano, dove anche Coldiretti Napoli segnala gelate che hanno investito le coltivazioni di ortaggi, con particolare virulenza sugli alberi da frutto. Colpiti in particolare i kiwi. “Siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo che ha fatto perdere oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti”, spiega la Coldiretti.

Advertisement

Uncategorized

Festa di compleanno di Lukaku in un hotel di Milano, i carabinieri multano tutti

Avatar

Pubblicato

del

I carabinieri sono intervenuti la notte scorsa a Milano in un hotel del centro dove, in un sala eventi, era in corso il compleanno del calciatore dell’Inter Romelu Lukaku. Il giocatore era con altre 23 persone che saranno sanzionate per violazione della normativa anti covid. Tra loro anche molti altri calciatori dell’Inter commensali di Lukaku nel giorno del suo 28esimo compleanno. L’episodio è accaduto intorno alle 3 della notte scorsa e i militari della Compagnia Milano Duomo e del Nucleo Radiomobile sono intervenuti a seguito di una segnalazione anonima al 112. Oltre a Lukaku sono state identificate altre persone e giocatori dell’Inter e il direttore del ristorante dell’Hotel che ha organizzato l’evento. Il direttore e gli ospiti – spiegano i carabinieri – saranno, a vario titolo, sanzionati per la violazione della normativa sul contenimento del Covid – 19.  Questi i fatti, così come emersi dal lavoro dei militari che hanno semplicemente fatto rispettare le norme anticontagio in atto.  A difesa del calciatore, però, è scesa in capo la società dell’Inter. Con motivazioni che sembrano assai discutibili. L’Inter fa sapere che quella sanzionata dai carabinieri non era una festa di compleanno (ieri però Lukaku festeggiava 28 anni, essendo il campione belga nato il 13 maggio del 1993) ma una semplice cena dopo la partita con la Roma. Così  fonti vicine all’Inter ricostruiscono il ‘caso’ attorno a Lukaku che, secondo i Carabinieri, avrebbe festeggiato il compleanno nell’hotel milanese violando le norme anti Covid. L’unica contestazione riguarda la violazione del coprifuoco, secondo fonti vicino all’Inter. In realtà – spiegano – dopo la partita Lukaku e alcuni suoi compagni sono andati a cena in un albergo dove sono arrivati già a tarda notte (la partita è terminata alle 22,45). Alcuni di loro hanno deciso di non pernottare nell’hotel ma di tornare a casa. Mentre si recavano alle rispettive vetture, fuori dall’hotel, sono stati fermati e multati per la violazione del coprifuoco. La questione della festa – spiegano – sarebbe venuta erroneamente fuori perchè Lukaku ha ricevuto un piccolo dono da un partecipante alla cena che glielo ha consegnato in separata sede all’esterno proprio mentre gli veniva rivolta la contestazione da parte dei militari.

Continua a leggere

Uncategorized

Giustizia, “Associazione Vittime del Dovere”: darci voce nel processo penale

Avatar

Pubblicato

del

È al vaglio della Commissione Giustizia della Camera dei deputati il Disegno Legge che prevede la “Delega al Governo per l’efficienza del processo penale e disposizioni per la celere definizione dei procedimenti giudiziari pendenti presso le corti d’appello”. A questo riguardo l’Associazione Vittime del Dovere, che nel corso degli anni ha da sempre sostenuto l’imprescindibilità della funzione delle vittime all’interno del procedimento penale, ritiene sia necessario dare definizione al ruolo delle vittime, attribuendo loro peso specifico e facolta’ di poter incidere in modo sostanziale. “E’ necessario – sostiene l’associazione – che coloro che subiscono un reato di sangue vengano valorizzati mediante una rivisitazione ad hoc dell’attuale normativa, al fine di garantire tutela, considerazione e dignita’ soprattutto in relazione agli autori di reato. Cio’ trova la sua ragione nelle indicazioni raccomandate dall’Unione Europea, promotrice dell’introduzione di strumenti finalizzati ad accrescere considerazione e attenzione verso quanti subiscono un reato. Le vittime non possono piu’ essere messe in secondo piano rispetto alle altre parti processuali” e per questa ragione l’Associazione ha sottoposto all’attenzione dei membri della Commissione Giustizia e ai diversi Gruppi parlamentari della Camera dei Deputati alcuni emendamenti volti a configurare la vittima di reato, ovvero la cosiddetta “parte offesa” con limitati diritti e funzioni riconosciutele, quale soggetto attivo all’interno del procedimento penale, garantendo un concreto diritto di accesso alla Giustizia e alla gestione del procedimento come parte sostanziale e necessaria.

Continua a leggere

Uncategorized

Trenta tonnellate di cozze affondate a largo del mare di Napoli

amministratore

Pubblicato

del

I carabinieri hanno sequestrato 31 filari abusivi utilizzati per la coltivazione di mitili verosimilmente destinati al consumo alimentare a largo delle acque di napoli. Sequestrate circa 30 tonnellate di cozze successivamente rilasciate, come previsto dalla normativa, in un’area Marina di almeno 50 metri di profondità. Effettuata campionatura dei molluschi che verrà consegnata alla ASL per le verifiche sanitarie di competenza in materia di proliferazione batterica.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto