Collegati con noi

Corona Virus

Pioggia di multe e denunce in tutta Italia a chi non indossa la mascherina o non rispetta le distanze

Avatar

Pubblicato

del

Le norme anticontagio ci sono. Le sanzioni anche. Ora che la situazione è diventata difficile cominciano a fioccare le multe e le denunce per far capire a chi non intende che il rispetto delle regole è essenziale per evitare il diffondersi del contagio. E così dalle Alpi alla Sicilia le forze di polizia, finora distratte da mille altri impegni, hanno ricevuto istruzioni dai comandi centrali di essere inflessibili con chi non rispetta le norme anticovid.

Cinque sanzionati a Torre Annunziata perchè non indossavano le mascherine

Multe per cinque persone perchè non indossavano la mascherina, 14 centri scommesse ispezionati di cui uno sanzionato. E’ il bilancio di un attivita’ di controllo del territorio che ha riguardato la citta’ di Torre Annunziata (Napoli) e che ha visto gli agenti del locale commissariato di polizia, i finanzieri del gruppo oplontino e personale della polizia locale, con il supporto degli equipaggi del reparto prevenzione crimine Campania e del reparto mobile di Napoli. Nel corso degli interventi sono state identificate settanta persone, di cui 34 con precedenti di polizia: cinque di esse sono state sanzionate perche’ non indossavano la mascherina. I poliziotti, durante le verifiche a 14 centri scommesse, hanno accertato che il titolare di un esercizio in via Roma, registrato come ”Intenet point”, in realta’ svolgeva e organizzava la raccolta di scommesse sportive senza avere la prescritta licenza. Un giovane di 25 anni, con precedenti di polizia, e’ stato denunciato per esercizio abusivo di attivita’ di giuoco o di scommessa.

Non distanziati e senza mascherina, 19 sanzioni a Bari

Diciannove sanzioni per violazioni alla normativa anti-Covid sono state elevate dalla Polizia locale di Bari ieri sera a carico di giovani senza mascherine, al quartiere Poggiofranco, che non rispettavano la distanza interpersonale in luoghi particolarmente affollati e nei confronti di gestori di locali. In particolare sono stati sanzionati quattro dipendenti di un locale nel quartiere Madonnella per non aver indossato correttamente la mascherina di protezione ed e’ stato sanzionato anche il gestore per non aver assicurato la giusta distanza tra i clienti intenti a consumare alimenti e bevande. Sanzioni anti-Covid anche in un locale di Palese. Nell’ambito degli stessi controlli la Polizia locale ha elevato anche 160 sanzioni per violazioni al codice della strada, nei confronti di conducenti di monopattini e guida in stato di ebbrezza (un 50enne che ha anche danneggiato alcune auto in sosta).

 

Covid: no mask a Roma, 90 multati
Sono circa 90 le persone identificate dalle forze dell’ordine ieri durante le manifestazioni a Roma perche’ non indossavano la mascherina. Saranno tutti multati, secondo quanto si apprende. Nel caso di ulteriori violazioni alle normative si procedera’ con la denuncia all’autorita’ giudiziaria. Ieri nella Capitale si sono svolte diverse manifestazioni. Tra queste a Bocca della Verita’ c’e’ stato un sit-in contro la , a cui hanno partecipato i gilet arancioni e Forza Nuova, e a piazza San Giovanni la . Qui piu’ volte gli organizzatori dal palco hanno invitato al rispetto delle regole anti Covid ribadendo che non era . Un invito, pero’, che non e’ stato accolto da tutti i partecipanti. Molti quelli che non hanno indossato la mascherina.

Covid: in zone movida Reggio E. senza mascherina, 16 multati
E’ di 16 persone sanzionate per mancato utilizzo delle mascherine e di un esercizio commerciale deferito a sua volta all’Autorita’ giudiziaria per omessa vigilanza rispetto ad una cliente che non indossava correttamente la propria di mascherina, il bilancio dell’attivita’ di controllo svolta nella serata di ieri per le vie e le piazze nel centro storico di Reggio Emilia – su ordinanza del Questore – da parte di agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale e della Guardia Finanza impegnati a verificare il rispetto delle normative anti-Covid. Gli agenti hanno effettuato pattugliamenti a piedi nelle zone delle ‘movida’ cittadina. Nel corso dell’attivita’ e’ stato anche denunciato un cittadino di nazionalita’ kosovara per rifiuto di fornire le proprie generalita’.

 

 

Advertisement

Corona Virus

De Luca va avanti su progetto isole Covid free e annuncia “Campania zona arancione prossima settimana”

Avatar

Pubblicato

del

“Bonaccini dice no a isole Covid free? La Campania lavorera’ per avere le isole Covid free. Lavoriamo per perseguire questo obiettivo perche’ si ritiene prioritario il rilancio del comparto turistico in Campania: o questa operazione si fa oggi o perdiamo un altro anno di turismo che significa decine di migliaia di stagionali senza pane. La Campania andra’ quindi avanti e non chiedera’ l’autorizzazione a nessuno, ne’ a Roma, ne’ a Bruxelles, ne’ alle Nazioni Unite” ha detto il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Per  De Luca, la Campania si avvia gia’ dalla prossima settimana al passaggio alla zona arancione e a una riapertura dei locali fino a tarda sera purche’ si rispettino le regole basilari del distanziamento, e quindi evitare gli assembramenti, dell’uso obbligatorio delle mascherine e del controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine. E’ questa, in sintesi, l’idea del governatore De Luca che con il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha incontrato a Palazzo Mosti una delegazione di commercianti e ristoratori del Sannio. “Con i commercianti – ha detto De Luca rispondendo alle domande dei giornalisti – abbiamo parlato di una situazione che sara’ sicuramente di maggiore vantaggio per il mondo del commercio, per l’ambulantato gia’ dalla prossima settimana. Credo che venerdi’ prossimo il Cts collochera’ in zona arancione anche la Campania. Usciamo quindi fuori da questa cosa demenziale della zona rossa per la Campania”. “Ho spiegato ovviamente – ha aggiunto il governatore – che noi dobbiamo avere un limite che e’ quello della movida notturna. Non possiamo scherzare: a mezzanotte tutti a casa. Decidiamo la prossima settimana anche gli orari di apertura, soprattutto per i ristoranti per il servizio serale perche’ e’ evidente che il grosso dell’attivita’ avviene di sera e non a pranzo. Anche li’ dobbiamo definire un orario: 11,30 di sera o mezzanotte finisce l’attivita’ di ristorazione ma l’importante e’ che dopo tutti vadano a casa perche’ se abbiamo migliaia di persone in mezzo alla strada nei fine settimana noi nel giro di due settimane torniamo in zona rossa. Su questo dobbiamo essere tutti responsabili”. “Ovviamente – ha continuato De Luca – questo significa un impegno delle forze dell’ordine perche’ la verita’ e’ che in questi tre mesi che abbiamo alle spalle il territorio italiano e’ stato abbandonato a se stesso. Siamo stati nelle mani del Padreterno perche’ non c’era una pattuglia in mezzo alla strada e avevamo centinaia di ragazzi senza mascherina”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, in Campania forte aumento dell’indice di positività

Avatar

Pubblicato

del

E’ in forte rialzo, in Campania, l’indice di positivita’. Ha raggiunto, infatti, il 14,63% con 1.386 casi rispetto al 10,75% precedente ma con un minor numero di tamponi molecolari (9.473 rispetto ai 17.231 del dato precedente). Secondo i dati dell’Unita’ di crisi della Regione i sintomatici sono 499 nelle ultime 24 ore Le persone decedute sono 43 e 1.828 le persone guarite. In merito alla situazione degli ospedali, calano i posti di terapia intensiva occupati (136 rispetto a 145) mentre quelli in degenza aumentano (oggi 1.594, in precedenza 1.569).

Continua a leggere

Corona Virus

Influenza, vaccini a ottobre: così si evita il mix con il Covid

Avatar

Pubblicato

del

Anticipare le campagne di vaccinazione antinfluenzale, anche in considerazione della situazione epidemiologica per la circolazione del virus SarsCov2, a partire dall’inizio di ottobre. E’ quanto prevede la nuova circolare del Ministero della Salute ‘Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022′. L’obiettivo e’ infatti impedire una co-circolazione del nuovo coronavirus e dei virus dell’influenza stagionale, limitando questi ultimi anche al fine di non intasare le strutture ospedaliere ed i Pronto soccorso. Per questo, avverte il ministero, cruciale e’ anche anticipare i tempi delle gare per i vaccini. Al fine di ridurre l’impatto di una probabile co-circolazione di SarsCov2 e virus influenzali nel prossimo autunno, si legge infatti nel documento, “e’ cruciale che le Regioni e Province Autonome avviino le gare per l’approvvigionamento dei vaccini anti-influenzali al piu’ presto basandole – si avverte – su stime effettuate sulla popolazione eleggibile e non sulle coperture delle stagioni precedenti”. Analogamente allo scorso anno, il documento raccomanda la vaccinazione antinfluenzale nella fascia di eta’ 6 mesi – 6 anni, anche allo scopo di ridurre la circolazione del virus influenzale fra gli adulti e gli anziani. Inoltre, al fine di facilitare la diagnosi differenziale rispetto a Covid-19 nelle fasce di eta’ a maggiore rischio di malattia grave, la vaccinazione antinfluenzale e’ “fortemente raccomandata e puo’ essere offerta gratuitamente” nella fascia d’eta’ 60-64 anni. Quest’anno, nonostante non si sia raggiunto l’obiettivo di una estesa vaccinazione anti influenza, a causa del distanziamento sociale e delle mascherine, i casi di influenza continuano a confermarsi bassi. Nella settimana dal 29 marzo al 4 aprile 2021, i casi stimati di sindrome simil influenzale in Italia sono stati circa 65.000, per un totale di circa 2.291.000 casi a partire da ottobre scorso. L’incidenza, che quest’anno non ha mai raggiunto la soglia epidemica, raggiunge ora, con 1,1 casi per mille assistiti, il valore osservato nella passata stagione influenzale in questo periodo dell’anno, emerge dal nuovo bollettino sulla sorveglianza delle sindromi influenzali InfluNet, a cura dell’Istituto Superiore di Sanita’ (Iss). La vaccinazione, si sottolinea nella circolare, “costituisce la piu’ efficace strategia di prevenzione dell’influenza” e sono previste campagne informative ad hoc. Vista l’attuale situazione epidemiologica, si raccomanda quindi di anticipare la conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale e, comunque, di offrire la vaccinazione ai soggetti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione. Poiche’ permane una situazione pandemica COVID-19, il documento raccomanda la vaccinazione anche agli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, che operano a contatto con i pazienti, e per gli anziani istituzionalizzati in strutture residenziali o di lungodegenza. Inoltre, “si dovrebbe considerare di estendere questo gruppo a rischio includendo gli adulti oltre i 50 anni di eta’ che sono a piu’ alto rischio di COVID19 grave”. Il ministero indica quindi le altre categorie prioritarie per la vaccinazione antinfluenzale: le donne in gravidanza e le persone con patologie quali malattie croniche cardiache o polmonari. Gli obiettivi di copertura, per tutti i gruppi target, sono il 75% come obiettivo minimo perseguibile e il 95% come obiettivo ottimale. Quanto agli eventi avversi della vaccinazione, sono stati riferiti, in correlazione temporale con la vaccinazione antinfluenzale, eventi rari quali trombocitopenia, nevralgie, parestesie, disordini neurologici e reazioni allergiche gravi, ma la correlazione causale tra la somministrazione di vaccino antinfluenzale e tali eventi avversi, si precisa nella circolare, “non e’ stata dimostrata”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto