Collegati con noi

Cultura

Pier Paolo Patti, giovane artista napoletano, in mission diplomatica per l’Arte

Avatar

Pubblicato

del

È la Diplomazia dell’Arte che fa incontrare culture che sembrano distanti ed inavvicinabili.

È la Diplomazia dell’Arte che abbatte muri e pregiudizi.

L’ Arte non potrà mai essere separatrice, la sua funzione è votata alla bellezza e alla comprensione di sentimenti e sensazioni che a qualsiasi latitudine sono del cuore e delle menti, quelle libere.

Gli artisti sono i messaggeri, gli artisti sono coloro che vivendo senza confini hanno il compito di universalizzare  questa missiva.

Pier Paolo Patti, giovane artista napoletano è tra loro.

Vincitore italiano del Progetto “ARTIST IN RESIDENCE”, ideato e promosso dall’ISTITUTO GARUZZO per le Arti Visive di Torino, trascorrerà il mese di dicembre a Teheran, in Iran, per un’opera progetto che sia ponte per il confronto e l’interscambio tra le culture occidentali-italiane e le orientali-iraniane.

Pier Paolo, come scrive Stefano Taccone nel testo della mostra “ABBÁ” tenuta alla galleria Primo Piano “Da lungo tempo concepisce l’arte come riflessione sull’uomo e per l’uomo”.

Le sue particolari installazioni multi-visive e fotografiche, che attraversano lo spazio e si connettono a materie e oggetti della vita quotidiana (il pane, i corpi, il sangue…), sono come una scrittura impossibile che appare da fondi oscuri in frammenti di baleni di luce.

La residenza in Iran, con il progetto “Radici”, sarà ulteriore passaggio per la vocazione di Pier Paolo Patti alle interconnessioni geo-politiche e di socialità dell’umano. Si tratta di un’opera corale che intende raccontare in modo diverso la armoniosa coabitazione dei popoli, il rispetto per l’individuo, la pacifica convivenza tra le diverse religioni e le tante culture. Obbiettivo del progetto (che partirà da Teheran per proseguire poi in altri paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente) è la costruzione di una vera e propria bibliotecacomposta da frammenti di diverse origini e provenienze (associazioni, enti, Ong e istituzioni che lavorano nell’ambito della cooperazione dei popoli).

Fotografie, appunti, tessuti, fotocopie, imballaggi, plastiche, frammenti di documenti, disegni che – rilegati in volumi – racconteranno una storia nuova, diversa.

Il progetto generale “ARTIST IN RESIDENCE” ideato dall’ISTITUTO GARUZZO per le ARTI VISIVE, oltre ad accompagnare Pier Paolo a Teheran, ha visto 5 giovani artisti internazionali ed una giovane curatrice,  tutti selezionati dalla open call, ospiti a Torino nel mese di novembre per la realizzazione delle loro opere presentate il 28 Novembre presso L’ OFFICINA Con-Temporanee a San Salvario, storico quartiere torinese, dove hanno anche risieduto presso la residenza Luoghi Comuni.

Gli artisti  in mostra erano Georgiani, Iraniani e Argentini, Shota Aptsiauri(Tbilisi, Georgia), Matías Ercole(Buenos Aires, Argentina), Sadaf Hesamiyan(Tehran, Iran), Mananiko Kobakhidze(Tbilisi, Georgia) e ad una curatriceRenata Zas (Buenos Aires, Argentina).

“ARTIST IN RESIDENCE” è una mission che coinvolge giovani emergenti artisti come afferma Rosalba Garuzzo quando ci dice: “Abbiamo sempre investito nei giovani è così che nasce Residenze per l’Arte; crediamo nel talento e nel futuro. L’Istituto crede nell’incontro, nel viaggio, nella contaminazione”.

Pier Paolo Patti, napoletano, riuscirà a contaminare e farsi contaminare realizzando i lavori del suo progetto che vedremo al ritorno in Italia e nella nostra città.

Torino, 1 Novembre 2018 – Pier Paolo Patti durante Artissima, la più importante fiera di arte contemporanea in Italia. Ph. Roberta Basile KontroLab per Istituto Garuzzo

Advertisement

Cultura

“Il corpo dell’idea. Immaginazione e linguaggio in Vico e Leopardi” è una straordinaria mostra alla Biblioteca nazionale di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

È un disegno di Oreste Zevola, che accoglie i visitatori alla mostra/installazione “Il corpo dell’idea. Immaginazione e linguaggio in Vico e Leopardi” una straordinaria mostra dedicata a Giacomo Leopardi e Giovanbattista Vico con la curatela di Fabiana Cacciapuoti e Maria Gabriella Mansi organizzata dalla Biblioteca Nazionale, diretta da Francesco Mercurio, con la collaborazione del Polo museale campano e del Mann, sostenuta dalla Regione Campania inaugurata presso la sala Dorica a Palazzo Reale come apertura del Bicentenario dell’Infinito di Giacomo Leopardi.

Nella mostra si possono ammirare   gli originali, accompagnati da testi del Cinquecento e Settecento, autografi della Scienza Nuova di Giambattista Vico, lo Zibaldone di pensieri, le Operette Morali, la Primavera, lo Stratone da Lampsaco, la Ginestra di Giacomo Leopardi e altri preziosi scritti esposti in una cornice arricchita dalle statue provenienti dal Museo di Palazzo Reale di Napoli e dal Museo Archeologico nazionale di Napoli.
Mostra basata sul rapporto tra i testi dei due autori, in particolare Scienza Nuova e Zibaldone di pensieri, dove l’analisi dei testi ha consentito di individuare dei nuclei tematici comuni nella linea dell’interpretazione antropologica della realtà.

Il raffinato percorso della mostra ci accompagna in giochi di chiaroscuro, con luci e profondi neri permettendo la visione dei preziosi autografi e di due diversi mappamondi, uno storico, l’altro tecnologico, immergendoci in un ambiente che sprona la concentrazione e stimola i sensi della vista regalandoci sensazioni di stupore e ammirazione come da sempre ci ha abituato con i suoi allestimenti il direttore artistico e progettista mutimediale Stefano Gargiulo. Tutto il progetto   multimediale della esposizione fondato sullo scambio continuo e reciproco tra Vico e Leopardi si snoda idealmente in tre sezioni, dedicate rispettivamente agli Dei, agli Eroi e agli Uomini, in un dialogo che sembra non appartenere ad un tempo e uno spazio finito, ma tuffato in un flusso profondamente immerso nella contemporaneità inducendo il visitatore alla lettura dei testi e alla recitazione delle Ginestra in una sala che accende l’infinito  cielo stellato ogni volta che si declamano le parole del giovane favoloso

 

 

 

 

Continua a leggere

Cultura

Le terme di Castellammare di Stabia candidate al patrimonio Unesco

Avatar

Pubblicato

del

Sarà presentata ufficialmente sabato la richiesta di candidatura delle sorgenti di Castellammare di Stabia come patrimonio naturale Unesco. La richiesta avverrà nel corso del Med Cooking Congress 2019, l’evento internazionale nel corso del quale sarà possibile accedere al Parco delle Antiche Terme ed alle storiche fonti, comprese quelle presenti nei pressi degli chalet.

Nino Di Costanzo. Top Chef (2 stelle Michelin del Danì Maison a Ischia) protagonista del Med Cooking Congress 2019

L’evento sarà reso unico dalla presenza di un’area cooking con numerosi chef stellati italiani, tra cui spiccano Mauro Uliassi (3 stelle Michelin di Senigallia), Nino Di Costanzo (2 stelle Michelin del Danì Maison a Ischia) e Gennaro Esposito (2 stelle Michelin di La Torre del Saracino a Vico Equense). Nelle acque dello Stabia Main Port, inoltre, si potrà assistere agli allenamenti degli atleti di canottaggio del Circolo Nautico Stabia con gli istruttori del team dei campioni olimpionici stabiesi Carmine, Giuseppe e Agostino Abbagnale.

La due giorni sarà dedicata ai tanti che potranno riscoprire le proprietà curative delle acque di Castellammare di Stabia. Le acque stabiesi furono analizzate per la prima volta nel 1787, con Ferdinando di Borbone. Ma, le fonti erano già conosciute e amate nell’antichità da Plinio il Vecchio e Claudio Galeno. Per la sua unicità e storicità sarà presentata la richiesta di candidatura delle sorgenti di Castellammare di Stabia come patrimonio naturale Unesco.

Continua a leggere

Ben'essere

Accademia e mondo rurale si incontrano a Napoli, all’Università Federico II

Avatar

Pubblicato

del

L’incontro fra accademia e mondo rurale il 21 marzo a Napoli, si parlerà di biodiversità, storytelling del cibo e tutela del territorio. Un workshop dedicato al racconto del cibo e alle opportunità legate alla valorizzazione del patrimonio agroalimentare made in Italy. L’iniziativa vede la collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II, Coldiretti Campania, fondazione Campagna Amica, fondazione UniVerde e Osservatorio Giovani.

A partire dalle ore 14 si aprirà il collegamento in diretta con F2 RADIO LAB, la web radio dell’Ateneo Federico II di Napoli, con interviste ai protagonisti della giornata e confronto con gli studenti universitari. Si aprirà alle ore 15 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Sociologia, in via vico Monte di Pietà 1 (traversa via San Biagio dei Librai), il workshop sul tema “Lo storytelling del cibo, l’Atlante della Biodiversità di Campagna Amica“, con la presentazione per la prima volta in una sede accademica della pubblicazione realizzata da Coldiretti e dedicata al ruolo dei contadini nella salvaguardia del patrimonio agroalimentare italiano.

Sono previsti gli interventi di Stefano Consiglio, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Napoli Federico II, Enrica Amaturo, presidente dell’Associazione Italiana di Sociologia (AIS), Alex Giordano, docente di Comunicazione, marketing e pubblicità – Università di Napoli Federico II, Alfonso Pecoraro Scanio, presidente comitato scientifico fondazione Campagna Amica, CarmeloTroccoli, direttore generale fondazione Campagna Amica, Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale Coldiretti. Introduce e modera Lello Savonardo, coordinatore scientifico Osservatorio Giovani – Università di Napoli Federico II. Sono previste anche le testimonianze di giovani imprenditori agricoli con storie di successo legate a prodotti della biodiversità. L’evento si inserisce nel ciclo di seminari Bit Generation promosso dall’Osservatorio Giovani.

Continua a leggere

In rilievo