Collegati con noi

Cultura

Pier Paolo Patti a Teheran, un dialogo possibile con l’Oriente dell’arte

Avatar

Pubblicato

del

 

 

Pier Paolo Patti, videomaker e artista visivo, vincitore del concorso “Artist in residence”, indetto dall’ Istituito Garuzzo per le Arti Visive da Kooshk Residency insieme all’ Ambasciata d’Italia a Teheran e EUNIC, ha avuto l’opportunità di trascorrere un mese a Teheran per dare vita a “Roots”: un’opera che si pone come ponte per il confronto e l’interscambio tra le diverse culture occidentali e mediorientali e che inevitabilmente, affonda le proprie “radici” nel rapporto tra arte, politica e società.
Pier Paolo Patti, di cui si ricordano tra le altre due importanti mostre personali come “Skèpsis” e “Abbà” è partito per l’Iran con la curiosità e il desiderio tipico di chi fa ricerca, di chi immagina l’arte come un mezzo di studio e strumento sociale.

Il progetto artistico “Roots“ si è posto come obiettivo l’indagine del rapporto tra i diversi Paesi del Medio Oriente e del Mediterraneo, nel tentativo di comprendere meglio e a fondo le questioni che caratterizzano l’età contemporanea, mettendo insieme le riflessioni fatte in un’ottica diversa: un desiderio di speranza attraverso una voce che narri una storia differente, nuova, di pace.

Teheran diventa così un primo passo, quasi obbligato, per partire in questa nuova ricerca artistica. Una città piena di contraddizioni, con il fascino dovuto alla sua complessità sociale che lascia spesso spazio alle suggestioni più che alle parole.

Teheran è la capitale di un Paese vasto, dalle mille sfumature e interpretazioni, crogiolo di culture millenarie, tradizioni e religioni, essa rappresenta il luogo fondamentale per entrare negli intrecci e negli equilibri che hanno in passato scolpito l’Iran di ieri e influenzano quello di oggi.

Paese guida per l’intero Medio Oriente.
Questa residenza di un mese in Iran ha rappresentato per l’artista un ulteriore transito per il suo interesse alle interconnessioni geo-politiche e agli aspetti della socialità umana. “Roots” sarà un’opera corale per provare a raccontare in modo diverso la armoniosa coabitazione dei popoli, il rispetto per l’individuo, la pacifica convivenza tra le diverse religioni e le tante culture.
Con questo nuovo progetto Pier Paolo Patti vuole coinvolgere chi opera nei diversi territori di questa vasta area geografica, i volontari per esempio o quanti tengono a cuore il valore delle culture e delle persone e lavorano per preservarlo. Le associazioni, le Ong e chiunque, aderendo al progetto, voglia dare un “contributo” da rilegare in dei libri che racconteranno una storia diversa, un modo nuovo di coabitare tra Medio Oriente, Nord Africa, Mediterraneo ed Europa.
Con l’intensità del suo rapporto con la memoria e la contemporaneità del mondo, con la sua attitudine “visionaria” e critica allo stesso tempo, Pier Paolo, come è lui stesso a dirci: ha avuto in Iran l’occasione di interagire con una alterità che in Occidente risulta ancora “incomprensibile” e per un artista che lavora da sempre sui cortocircuiti sociali del nuovo millennio – utilizzando l’arte come strumento e credendo che essa sia un veicolo fondamentale per l’emancipazione culturale –

Il tema della pacifica coabitazione è terreno fertile per la sua ricerca artistica.
Si tratta certamente di un progetto ambizioso con un fine nobile che diventa – attraverso la sua realizzazione – pratica, metodo e divulgazione, azione politica tra i fruitori del progetto, tra i suoi attori e le organizzazioni coinvolte.

 

Info:

roots.artproject@gmail.com

www.pierpaolopatti.com

Advertisement

Cultura

Le terme di Castellammare di Stabia candidate al patrimonio Unesco

Avatar

Pubblicato

del

Sarà presentata ufficialmente sabato la richiesta di candidatura delle sorgenti di Castellammare di Stabia come patrimonio naturale Unesco. La richiesta avverrà nel corso del Med Cooking Congress 2019, l’evento internazionale nel corso del quale sarà possibile accedere al Parco delle Antiche Terme ed alle storiche fonti, comprese quelle presenti nei pressi degli chalet.

Nino Di Costanzo. Top Chef (2 stelle Michelin del Danì Maison a Ischia) protagonista del Med Cooking Congress 2019

L’evento sarà reso unico dalla presenza di un’area cooking con numerosi chef stellati italiani, tra cui spiccano Mauro Uliassi (3 stelle Michelin di Senigallia), Nino Di Costanzo (2 stelle Michelin del Danì Maison a Ischia) e Gennaro Esposito (2 stelle Michelin di La Torre del Saracino a Vico Equense). Nelle acque dello Stabia Main Port, inoltre, si potrà assistere agli allenamenti degli atleti di canottaggio del Circolo Nautico Stabia con gli istruttori del team dei campioni olimpionici stabiesi Carmine, Giuseppe e Agostino Abbagnale.

La due giorni sarà dedicata ai tanti che potranno riscoprire le proprietà curative delle acque di Castellammare di Stabia. Le acque stabiesi furono analizzate per la prima volta nel 1787, con Ferdinando di Borbone. Ma, le fonti erano già conosciute e amate nell’antichità da Plinio il Vecchio e Claudio Galeno. Per la sua unicità e storicità sarà presentata la richiesta di candidatura delle sorgenti di Castellammare di Stabia come patrimonio naturale Unesco.

Continua a leggere

Ben'essere

Accademia e mondo rurale si incontrano a Napoli, all’Università Federico II

Avatar

Pubblicato

del

L’incontro fra accademia e mondo rurale il 21 marzo a Napoli, si parlerà di biodiversità, storytelling del cibo e tutela del territorio. Un workshop dedicato al racconto del cibo e alle opportunità legate alla valorizzazione del patrimonio agroalimentare made in Italy. L’iniziativa vede la collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università Federico II, Coldiretti Campania, fondazione Campagna Amica, fondazione UniVerde e Osservatorio Giovani.

A partire dalle ore 14 si aprirà il collegamento in diretta con F2 RADIO LAB, la web radio dell’Ateneo Federico II di Napoli, con interviste ai protagonisti della giornata e confronto con gli studenti universitari. Si aprirà alle ore 15 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Sociologia, in via vico Monte di Pietà 1 (traversa via San Biagio dei Librai), il workshop sul tema “Lo storytelling del cibo, l’Atlante della Biodiversità di Campagna Amica“, con la presentazione per la prima volta in una sede accademica della pubblicazione realizzata da Coldiretti e dedicata al ruolo dei contadini nella salvaguardia del patrimonio agroalimentare italiano.

Sono previsti gli interventi di Stefano Consiglio, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Napoli Federico II, Enrica Amaturo, presidente dell’Associazione Italiana di Sociologia (AIS), Alex Giordano, docente di Comunicazione, marketing e pubblicità – Università di Napoli Federico II, Alfonso Pecoraro Scanio, presidente comitato scientifico fondazione Campagna Amica, CarmeloTroccoli, direttore generale fondazione Campagna Amica, Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale Coldiretti. Introduce e modera Lello Savonardo, coordinatore scientifico Osservatorio Giovani – Università di Napoli Federico II. Sono previste anche le testimonianze di giovani imprenditori agricoli con storie di successo legate a prodotti della biodiversità. L’evento si inserisce nel ciclo di seminari Bit Generation promosso dall’Osservatorio Giovani.

Continua a leggere

Cultura

San Carlo, il sindaco de Magistris accusa De Luca: un bugiardo che si atteggia a filantropo con i soldi pubblici

amministratore

Pubblicato

del

“Sul San Carlo, De Luca ha detto un’ennesima bugia”. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha replicato con parole nette al presidente della giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, che aveva rivendicato l’impegno della Regione Campania per il teatro San Carlo sottolineando la scarsità di fondi messi invece a disposizione dal Comune. “Continua a dire che lui dà tanti soldi a tutti”, ha affermato il primo cittadino riferendosi all’ex sindaco di Salerno. “Non li dà Vincenzo de Luca perchè se guardiamo il bilancio della Regione Campania è un disastro quello che fa De Luca. De Luca distribuisce i finanziamenti europei. Lui non è che sta diventando il filantropo del San Carlo piuttosto che di un altro teatro della Campania. Fa male quello che dovrebbe far meglio, cioè distribuire in modo capillare i fondi europei”.

Il maestro Riccardo Muti. Sono tanti gli appelli del maestro a stare vicini al San Carlo

De Magistris ha rivendicato che per il teatro San Carlo “c’e’ un impegno enorme del Comune di Napoli e addirittura della Città metropolitana, che prima con la Provincia era uscita dal teatro San Carlo e che, invece, io ho fatto rientrare in modo forte dalla finestra”. Tornando ai rapporti con il governatore della Campania, il sindaco di Napoli ha detto che De Luca “fa un’altra cosa molto scorretta, perchè fa sempre il paragone tra quello che mette la Regione e ciò che mette il Comune. E’ come dire ciò che mette una banca e ciò che mette una merceria. Solamente un bambino di sei mesi non capisce quanto falsa sia questa ricostruzione della realtà. E ancor più falsa se pensiamo che non sono soldi suoi”.

L’elemosina pubblica e la carità dei privati per il Real Teatro San Carlo, ricchi doni e assegni munifici da banche, governo e imprenditori per il Teatro alla Scala

 

 

Continua a leggere

In rilievo