Collegati con noi

Corona Virus

Piano Ue anti-crisi, l’Italia vuole i coronavirus bond

Avatar

Pubblicato

del

Un meccanismo solidale di ripartizione del debito a livello europeo – dei ‘coronavirus bond’, insomma, come li ha battezzati il premier Giuseppe Conte – oppure un fondo di garanzia Ue che possa finanziare con urgenza tutte le iniziative dei singoli Governi per proteggere le economie che rischiano di essere messe in ginocchio dalla pandemia. L’Italia va in pressing sugli altri Stati europei perche’ si adotti il prima possibile una risposta unitaria alla crisi del coronavirus, che sta diventando sempre piu’ anche una crisi economica. E anche se dal vertice Ue straordinario non e’ emersa ancora una decisione in questa direzione, Roma puo’ incassare l’assicurazione del presidente del Consiglio europeo Charles Michel e della cancelliera tedesca Angela Merkel che l’Europa e’ “risoluta ad agire unita” e a fare tutto cio’ che sara’ necessario. Intanto il Governo italiano puo’ contare sul via libera dato dalla Commissione europea agli aiuti di Stato – fino a 500 mila euro – per le aziende in difficolta’ e per i lavoratori e a dare garanzie per i prestiti. Piena flessibilita’ anche per gli aiuti alle compagnie aeree – Alitalia compresa – affossate dal crollo dei trasporti. Ma Roma chiede molto di piu’ all’Europa in questa fase difficilissima: “A una crisi straordinaria si risponde con mezzi altrettanto straordinari, secondo la logica ‘whatever it takes'”, ha insistito Conte con gli altri leader, sottolineando che “se procederemo divisi la risposta sara’ inefficace e questo ci rendera’ deboli ed esposti alle reazioni dei mercati”. Sui coronavirus bond, ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel dopo il vertice telefonico, “per ora non c’e’ una decisione”. Ma alle iniziative possibili continueranno a lavorare i ministri delle Finanze dell’eurozona, in vista del prossimo summit europeo che si terra’ la prossima settimana, sempre in videoconferenza. “Non esiteremo a prendere misure aggiuntive se la situazione lo richiedera’”, ha assicurato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. D’altronde la consapevolezza che per rianimare un’economia finita in arresto cardiaco e’ necessario allargare i cordoni della borsa sui bilanci pubblici sembra essere ben chiara anche agli altri Paesi, che si preparano a usare il bazooka. Il governo francese ha annunciato uno sforamento dei parametri di Maastricht al 3,9% del rapporto deficit/Pil, con uno stanziamento da 45 miliardi di euro per sostenere imprese e lavoratori. La Spagna punta a mobilitare 200 miliardi di euro, di cui 117 pubblici. “La maggiore mobilitazione di risorse della storia democratica della Spagna”, ha promesso il premier Pedro Sanchez. Il governo britannico mettera’ sul piatto un pacchetto finanziario definito “senza precedenti” da 330 miliardi di sterline. Sul fronte delle misure sanitarie l’Unione europea ha deciso invece di sollevare il ponte levatoio e di richiudersi in una fortezza, per difendersi da ulteriori ondate del coronavirus. Tutti d’accordo i leader sulla decisione della Commissione Ue di limitare per un mese i viaggi dall’esterno verso i Paesi dell’area Schengen. “Di fatto un veto con pochissime eccezioni”, ha chiosato Merkel. Oltre alla muraglia eretta verso l’esterno dell’area Schengen, una misura senza precedenti nella giovane storia dell’Ue, continuano pero’ a sorgere anche sempre nuove barriere all’interno dell’Europa, per iniziativa dei singoli Stati che si muovono in ordine sparso. Con la notifica di Estonia e Norvegia e’ salito a 9 il conto dei Paesi che hanno informato Bruxelles di avere reintrodotto controlli alle frontiere verso altri Stati Ue. Prima di loro erano state Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Danimarca, Polonia, Lituania, Germania e Svizzera. Non sono invece arrivate per ora le notifiche di Francia e Spagna. D’altronde, anche all’interno di molti Paesi le persone sono sempre piu’ limitate nei loro spostamenti. I numeri dei contagi, in crescita esponenziale in tutto il Vecchio Continente, sembrano giustificare la preoccupazione delle capitali e l’accelerazione impressa nelle misure di contenimento. In Spagna i contagi accertati sono aumentati ancora, arrivando a 11.000, con un incremento di 2 mila casi in un giorno. Aumento analogo in Germania dove il numero dei malati e’ salito di quasi un quarto in 24 ore superando quota 8.000, con le vittime salite a 22. In Francia sono 7.730. In Francia si contano 7.730 casi gravi di coronavirus confermati con test, piu’ di 1.000 in piu’ nelle ultime 24 ore.

Advertisement

Corona Virus

#Coronavirus, Campania: sono stati registrati cinque morti

Avatar

Pubblicato

del

Ecco i numeri di oggi in Campania dell’epidemia virale.

  • Totale positivi: 4.822
  • Totale tamponi: 212.486

Totale deceduti: 425
Totale guariti: 3.623 (di cui 3.590 totalmente guariti e 33 clinicamente guariti. Vengono considerati clinicamente guariti i pazienti che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione virologicamente documentata da SARS-CoV-2, diventano asintomatici per risoluzione della sintomatologia clinica presentata ma sono ancora in attesa dei due tamponi consecutivi che ne comprovano la completa guarigione).

Il riparto per provincia:

  • Provincia di Napoli: 2.625 (di cui 1.003 Napoli Città e 1.622 Napoli provincia)
  • Provincia di Salerno: 687
  • Provincia di Avellino: 547
  • Provincia di Caserta: 462
  • Provincia di Benevento: 209
  • Altri in fase di verifica Asl: 292

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, già a settembre i risultati sul vaccino Oxford-Italia

Avatar

Pubblicato

del

Il colosso farmaceutico AstraZeneca scommette sulla scadenza di settembre per avere indicazioni attendibili sul risultato della sperimentazione in corso del prototipo di virus anti coronavirus sviluppato dall’universita’ di Oxford in partnership con l’azienda italiana Advent Irbm di Pomezia. Lo ha detto oggi alla Bbc Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca, che nei mesi scorsi si e’ assicurata il contratto per la produzione globale del preparato. “A settembre dovremmo sapere se questo vaccino e’ efficace o no”, ha aggiunto il top manager, precisando che la holding anglo-svedese ha peraltro gia’ iniziato a produrre dosi “da ora, per essere pronti quando consoceremo i risultati”. Pascal Soriot ha poi confermato che la fase 2 della sperimentazione, su una platea piu’ vasta di volontari sani, e’ stata estesa dal solo Regno Unito al Brasile, data la difficolta’ di campionare l’effetto del prototipo in Europa a causa del calo attuale del tasso d’infezione. L’eventuale successo dei test non significherà del resto disponibilità globale e uso di massa immediati. Tanto piu’ che AstraZeneca si e’ impegnata a garantire in partenza una prelazione di 100 milioni di dosi alla Gran Bretagna, il cui governo sta finanziando la sperimentazione; e altri 300 milioni agli Usa, firmatari di un contratto successivo.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus: 34.021 morti in Brasile, superata Italia

Avatar

Pubblicato

del

Sono 34.021 i morti per Covid-19 in Brasile, che scavalca l’Italia e si piazza al terzo posto per numero di vittime dopo Stati Uniti e Gran Bretagna. I morti registrati nelle ultime 24 ore sono 1.473, nuovo record, mentre i nuovi contagi sono stati 30.925, per un bilancio totale di 614.941. Lo rivela il ministero della Salute.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto