Collegati con noi

Corona Virus

Pfizer, richiamo a 21 giorni ed è corsa a smaltire Astrazeneca

Avatar

Pubblicato

del

Una tempistica precisa per l’inoculazione della seconda dose di Pfizer, che si attenga a quella dei 21 giorni dopo la prima, e una spinta decisiva da imprimere alle somministrazioni del siero di Astrazeneca anche tra gli under 60, affinche’ siano utilizzate e non restino nei frigoriferi. Continua a rimodularsi la campagna vaccinale nelle varie regioni: in tante potrebbero rivedere la programmazione delle iniezioni, anche in vista dei nuovi carichi di fiale. Se a maggio gli shot previsti sfiorano i 17 milioni, a giugno ne saranno stoccati altri 25: un arrivo “massiccio” di vaccini che potrebbe aumentare i numeri quotidiani delle immunizzazioni, annuncia il generale, secondo il quale pero’ il richiamo di Pfizer nella maggior parte dei casi puo’ restare sulla distanza dei 42 giorni. Nell’incontro avvenuto in queste ore con i governatori, il commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo, ha pero’ anche ribadito che non va fatta nessuna fuga in avanti: fino alla fascia dei 50enni bisogna continuare a somministrare per classi di eta’ decrescenti e di fragili, seguendo la programmazione ed i tempi del Piano nazionale. Non sembra ancora il momento quindi per le inoculazioni nelle aziende che – nonostante siano gia’ state sollecitate da piu’ regioni – non avverranno prima dell’inizio di giugno. Alcuni territori pero’ puntano a ‘smaltire’ le dosi dei cosiddetti vaccini ‘a vettore virale’ (AstraZeneca o Johnson & Johnson), che dal 17 maggio nel Lazio potranno essere inoculati anche agli ultraquarantenni, ma solo negli studi del proprio medico di base. Nella regione ci si organizza anche con un ‘open day’ appositamente dedicato. Resta il nodo sulla possibilita’ di rendere esplicita la raccomandazione per l’immunizzazione degli under 60 con il siero di Astrazeneca (anche se al momento non e’ comunque vietato), un invito gia’ arrivato da Figliuolo una settimana fa. Il ministero della Salute aveva chiesto al Comitato tecnico scientifico di valutare questa eventualita’, ma gli esperti al momento non hanno formulato alcun parere e hanno chiesto al Commissario di avere i dati relativi a quanti sono i soggetti ancora da vaccinare in quella fascia d’eta’. Quest’ultimo ha intanto confermato ai governatori che il punto di riferimento sono i pronunciamenti del Comitato tecnico scientifico. A cambiare ancora potrebbe essere la data fissata per i richiami di Pfizer, che boccia l’allungamento a cinque settimane della finestra per questo tipo di iniezione e chiede di attenersi a quello che e’ emerso dagli studi scientifici che ne hanno permesso l’autorizzazione: la stessa societa’ ha detto che “il vaccino e’ stato studiato per una seconda somministrazione a 21 giorni. Dati su un piu’ lungo range di somministrazione al momento non ce ne sono se non nelle osservazioni di vita reale, come e’ stato fatto nel Regno Unito”, ma secondo la struttura commissariale, per tutti gli altri – esclusi i fragili – e’ raccomandato lo spostamento a 42 giorni. Al momento il periodo tra i 21 e i 28 giorni di distanza per il richiamo e’ previsto solo in Val D’aosta, Abruzzo e Sardegna, fino a 35 giorni per Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. In tutte le altre fino a 42 giorni. Nuove grane sul fronte europeo per Astrazeneca, dopo il mancato rinnovo da parte dell’Ue al vaccino. Bruxelles ha annunciato una nuova azione legale contro la societa’ di Oxford, chiedendo “la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute arrivare alla fine del primo trimestre, visto che ne sono state ricevute solo 30 su 120”. In ogni caso in Italia le dosi previste per tutto il 2021 restano confermate, comprese quelle del siero anglo-svedese. Per questo – garantisce Figliuolo – non c’e’ alcun problema sulle seconde dosi. “Nelle prossime settimane arriveranno milioni di nuovi vaccini, non c’e’ dunque alcun rischio di rimanere a corto di dosi. Ci sono tutte le condizioni per proseguire nel buon lavoro che stiamo facendo”, spiega il ministro per le Autonomie, Mariastella Gelmini. E negli Usa le vaccinazioni potrebbero riguardare anche i bambini dal prossimo mese, quando potrebbe arrivare l’autorizzazione alla somministrazione sotto i 12 anni di eta’.

Advertisement

Corona Virus

Vicequestore no-pass Nunzia Alessandra Schilirò: temo la destituzione, sono buon poliziotto

amministratore

Pubblicato

del

“Il paradosso e’ che da poliziotto che rappresentava l’immagine della polizia sono diventata una terrorista che incita a disobbedire le leggi, addirittura da indagare”. Queste le parole di Nunzia Alessandra Schiliro’, vicequestore di Roma finita al centro delle polemiche per le sue dichiarazioni contro il green pass sul palco di San Giovanni, intervistata da Fuori dal Coro su Retequattro. Dopo aver ribadito che si sente “nel giusto, non ho violato alcuna legge”, aggiunge: “Non mi posso fermare perche’ io sono un buon poliziotto”. ‘Il Ministro Lamorgese ha parlato dicendo che le sue affermazioni sono gravissime. Lei teme la sospensione?’, le viene chiesto. “Io temo proprio la destituzione, che e’ la fine del mio rapporto con la polizia – risponde Schiliro’ -. Non mi aspettavo questa reazione. Pero’ da questo, addirittura, pena esemplare, il Ministro che si interessa a me… Io credo molto nello Stato, credo nelle Istituzioni, credo nella divisa che indosso. Semplicemente sto dicendo che a volte ci sono delle figure che rappresentano le istituzioni che non sono all’altezza delle istituzioni che rappresentano. Evidentemente ho smosso qualcosa”.

Continua a leggere

Corona Virus

A 6 mesi crolla protezione fragili, cruciale la terza dose

Avatar

Pubblicato

del

La terza dose della vaccinazione anti-Covid si conferma fondamentale per i soggetti immunodepressi come i malati oncologici, per i quali e’ gia’ partita. A dimostrarlo sono i dati di un nuovo studio italiano, il piu’ grande al mondo sulla risposta immunologica e sulla sicurezza del vaccino a mRNA nelle persone colpite da cancro, che evidenzia come in questi pazienti il tasso di risposta anticorpale aumenta fino al 94,2% dopo la seconda dose, ma trascorsi 6 mesi il livello anticorpale si abbassa molto e dopo 9 si azzera. Da qui la necessita’ del richiamo che, come prevede la recente circolare del ministero della Salute, verra’ ora esteso anche agli over-80, agli anziani nelle Rsa e al personale sanitario. Intanto, il quadro epidemiologico in Italia rimane pressoche’ stabile, pur con fisiologiche variazioni quotidiane. Sono 2.985 i positivi individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute (ieri 1.772), mentre sono 65 le vittime (ieri 45). E sono scesi sotto quota centomila gli attualmente positivi al Covid in Italia: sono 98.872. Il tasso di positivita’ e’ dello 0,88%, in calo, cosi’ come i ricoveri: sono 459 i ricoverati in terapia intensiva (-29 rispetto a ieri). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono invece 3.418 (69 meno di ieri). A fare luce sul legame tra vaccino e pazienti oncologici e’ dunque lo studio condotto dall’Istituto Regina Elena-Sapienza Universita’ di Roma e pubblicato su Clinical Cancer Research, che ha arruolato 816 pazienti con diversi tipi di neoplasie solide in trattamento attivo o sottoposti a cure nei 6 mesi precedenti la vaccinazione anti-Covid. Il tasso di risposta, spiega Francesco Cognetti, direttore Oncologia Medica Regina Elena, “e’ aumentato in maniera significativa dal 59,8% a tre settimane dalla prima inoculazione fino al 94,2% dopo la seconda. Il vaccino e’ quindi efficace nei pazienti oncologici, che sono ad alto rischio di conseguenze gravi fino alla morte se contagiate dal virus”. Dati preliminari in corso di pubblicazione, tuttavia, rileva Cognetti, “mostrano una notevole diminuzione del tasso anticorpale negli oncologici in trattamento attivo a 6 mesi dalla prima dose, diminuzione molto piu’ significativa rispetto ai sani, ed una previsione di azzeramento degli anticorpi in questi pazienti a circa 9 mesi rispetto ai 16 mesi nei sani”. Intanto, mentre e’ appunto in atto il richiamo con la terza dose per gli immunodepressi, ci si prepara all’avvio della rivaccinazione degli anziani nelle Residenze assistite Rsa. Le asl nelle varie Regioni, spiega il presidente dell’Associazione nazionale strutture territoriali (Anaste) Sebastiano Capurso, “ci stanno contattando per un aggiornamento dei dati rispetto agli anziani presenti nelle Rsa sul territorio al fine di avviare le terze dosi gia’ nei prossimi giorni. Siamo soddisfatti ed e’ importante procedere in tal senso”. Da oggi sono gia’ partite le terze dosi per gli ospiti delle Rsa nella Asl di Rieti. Da mercoledi’ 29 settembre alle ore 24.00, poi, sara’ attivo per tutta la regione Lazio il servizio di prenotazione online per gli over 80 che hanno ricevuto la seconda dose entro il 31 marzo 2021, scegliendo il centro vaccinale o la farmacia vicino casa. Chi vuole puo’ invece fare la terza dose dal proprio medico contattandolo direttamente. A chiarire quale sara’ la tabella di marcia e’ stato oggi Gianni Rezza, direttore della prevenzione del Ministero della Salute: “Stiamo partendo, come gli altri Paesi, coprendo le persone a maggior rischio. Quando sara’ dato l’ok agli iperfragili? Probabilmente a ottobre, ma rispettando la tabella: avevamo cominciato con gli immunocompromessi. Sara’ una campagna di vaccinazione graduale”. Successivamente, la terza dose sara’ estesa ulteriormente, conferma il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “E’ ragionevole pensare che col passare del tempo si passi alla terza dose per tutti, ma – conclude – occorre sempre stabilire le priorita’”.

Continua a leggere

Corona Virus

Cartabellotta: Presto per dire più casi dalle scuole

Avatar

Pubblicato

del

A due settimane dall’inizio dell’anno scolastico e’ ancora “presto per dire se la riapertura delle stia influendo sui contagi”, ragiona Nino Cartabellotta, che con la fondazione Gimbe ha seguito dall’inizio l’andamento dell’epidemia in Italia, e rinvia ogni valutazione a meta’ ottobre. “L’ultimo rapporto di venerdi’ dell’Iss ancora non mostra grandi movimenti di numeri pero’ – osserva – dobbiamo anche considerare che e’ ancora presto, ci vogliono almeno 2-3 settimane per vedere eventuali incrementi di contagi”. Nel periodo tra il 6 e il 19 settembre, a cavallo dunque con l’inizio della scuola, sono stati diagnosticati e segnalati 14.967 nuovi casi nella popolazione 0-19 anni, Nelle due settimane precedenti (23 agosto – 5 settembre) erano stati 21.036. Una riduzione sui cui incide il buon andamento della campagna vaccinale tra i giovanissimi: ad oggi il 56,6% e’ immunizzato, due su tre tra i 12 e i 19 anni hanno fatto almeno una dose. Il nodo da sciogliere nei prossimi giorni sara’ quello della gestione degli eventuali positivi. “Aspettiamo cosa dira’ il Comitato tecnico scientifico”, afferma il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sottolineando che ci sono due elementi da far pesare: “il buonsenso della vaccinazione” e lo screening “nelle classi sotto i 12 anni anche con i test salivari”. “Nelle classi piu’ piccole – sottolinea – e’ piu’ facile che si verifichi un contatto e quindi e’ piu’ difficile poter gestire delle quarantene ristrette, mentre nelle classi in cui ci sono soggetti un po’ piu’ grandi e’ chiaro che e’ tutto piu’ semplice perche’ i contatti sono piu’ limitati”. Per il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi “e’ importantissimo lavorare sugli ambienti educativi”. E anche per il futuro dovra’ pesare l’esperienza della pandemia: “Dobbiamo si’ mettere in sicurezza le scuole ma dobbiamo pensare anche a nuovi spazi di educazione: le nuove scuole su cui stiamo lavorando reinventano lo spazio che e’ molto piu’ aperto”. Bianchi ricorda che da febbraio “il governo ha messo in campo quasi 5 miliardi, tra sicurezza sismica e digitalizzazione” negli oltre 40mila edifici scolastici, e annuncia che “abbiamo dei fondi anche sulle Fsc (Formazione, scuola e sicurezza, ndr)”, oltre alle risorse del Pnrr. Per quanto riguarda gli Atenei, la ministra messa Maria Cristina Messa esprime un auspicio: “Se raggiungiamo una copertura vaccinale superiore all’85-87% credo che si possa tornare come prima”. Su tutto pero’, osserva, pesa l’incognita delle eventuali altre mutazioni del virus: “Con una parte del mondo in cui la percentuale” dei vaccinati “e’ del 4% il rischio della circolazione di varianti continua ad esserci”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto