Collegati con noi

Economia

Pensioni: Avvenire, anche preti hanno diritto a quota 100

Avatar

Pubblicato

del

“In merito al cumulo dei contributi versati in diverse gestioni previdenziali, l’Inps non si è mai espresso nelle sue circolari (o in messaggi diffusi al pubblico) sulla sua applicazione al Fondo Clero. Di qui l’incertezza nelle stesse sedi Inps e nei patronati sul diritto degli interessati. Confermo, tuttavia, che il cumulo ha carattere universale e che da esso non puo’ essere esclusa alcuna gestione pensionistica”. Lo scrive, in risposta alle lettere al direttore di Avvenire, l’esperto di previdenza, Vittorio Spinelli, dopo la missiva di una sacerdote che ritiene di aver maturato il diritto alla pensione, ma ha raccontato che l’Inps ha respinto la sua domanda non calcolando i versamenti precedenti. “Quanto alla speranza di vita nel Fondo Clero – spiega Spinelli – , nel quale da decenni e’ in vigore un’eta’ minima di 68 anni, si tratta dell’applicazione di una giusta misura correttiva, che pero’ i sacerdoti hanno gia’ fatto propria e applicata sin dal 2003. Si tratta quindi di una forzatura dell’Inps contraria alla logica e a una corretta interpretazione della norma. Va poi ricordato – aggiunge – che sui “silenzi” dell’Inps pesa sempre una fondamentale sentenza della Corte di Cassazione (n. 2757 dell’8 febbraio 2006) che invita l’Istituto a non adottare “interpretazioni restrittive” nei riguardi del Fondo Clero”. “Anche il legislatore, in questa fase di governo – continua -, ha sempre dimenticato la presenza del Fondo nel panorama previdenziale. Posso pero’ assicurare che diversi soggetti si dedicano alla tutela dei diritti dei sacerdoti, ma i muri della legge o dell’interpretazione di legge possono essere abbattuti, oggi – e’ l’invito -, partendo obbligatoriamente dai ricorsi degli interessati, avanzati con convinzione e fino, se necessario, al livello costituzionale”.

Advertisement

Economia

Nissan, nuove accuse a Ghosn: rischia di restare in cella

Avatar

Pubblicato

del

Nuova incriminazione per Carlos Ghosn in Giappone: la quarta a cinque mesi dall’arresto, che potrebbe segnare il primo punto di arrivo dell’inchiesta del pubblico ministero, e l’avvio di un altro tormentato capitolo per la difesa. I pm sostengono che l’ex presidente di Nissan-Renault-Mitsubishi Motors abbia causato una perdita di 5 milioni di dollari alla casa auto nipponica in conseguenza a un trasferimento fittizio di denaro ad una succursale in Oman. “Saremo in grado di respingere ogni imputazione nel modo piu’ palese”, ha detto l’avvocato di Ghosn, Junichiro Hironaka, che ha fatto ricorso, e presentato la richiesta di liberta’ su cauzione, precisando che il suo assistito si e’ avvalso la facolta’ di non rispondere. Dal canto suo, il vice capo del pool degli investigatori assicura che i pm hanno quanto necessita per ottenere un verdetto di colpevolezza dell’imputato. La stessa Nissan ha presentato una denuncia penale nei confronti dell’ex tycoon sulla gestione dei fondi discrezionali e i presunti investimenti illeciti ai danni dell’azienda. Le precedenti incriminazioni riguardavano l’aver sottostimato i propri guadagni in due diverse istanze per un periodo di oltre 8 anni, e un altro caso di abuso di fiducia aggravata per la copertura di perdite personali tramite trasferimenti a societa’ prestanome in Arabia Saudita.

Il tribunale che dovra’ pronunciarsi sulla proroga del fermo dopo la recente denuncia, potrebbe accogliere la richiesta di liberta’ su cauzione, e in quel caso i pm si appellerebbero alla decisione del giudice. Una vicenda legale dai risvolti incerti che a tratti lascia perplessa l’opinione pubblica sulla conduzione delle indagini, e rischia di creare frizioni tra i vertici delle due case auto. Secondo le ultime rivelazioni dei media nipponici il prospetto di integrazione avanzato a meta’ aprile dalla casa transalpina sarebbe stato gia’ respinto a meta’ aprile dal presidente e Ceo di Nissan, Hiroto Saikawa. Sul tavolo ci sono le questioni che riguardano i rapporti di forza tra le due aziende, considerati sbilanciati dalla casa nipponica, dal momento che Nissan genera gran parte delle redditivita’ del gruppo ma possiede appena il 15% della Renault e senza diritti di voto, a differenza del marchio francese che controlla il 43% di Nissan. In un video pubblicato prima del suo ultimo arresto, a inizio aprile, Ghosn si e’ detto estraneo alle accuse ribadendo di essere vittima di una complotto da parte dei vertici della azienda nipponica, minacciata dal progetto di fusione delle due entita’.

Continua a leggere

Economia

Contratto, boom accordi pirata: il Cnel propone un codice unico per i contratti

Avatar

Pubblicato

del

Un ddl per istituire un codice unico dei contratti collettivi nazionali di lavoro da realizzare in collaborazione con Inps. Lo propone il Cnel con l’obiettivo, come spiega il presidente Tiziano Treu “per arginare il fenomeno della proliferazione di contratti pirata registratosi nel corso dell’ultimo decennio”, visto che ad ora “risultano depositati ben 888 accordi suddivisi per i diversi settori lavorativi per cui esiste un corrispondente contatto collettivo nazionale. Di questi 229 solo nel commercio e 110 in istituzioni private, enti assistenziali, sanitari e terzo settore”. Il testo e’ stato depositato al Senato e oltre a definire il Codice di identificazione unico di tutti i contratti e gli accordi depositati e archiviati, con “sequenza alfanumerica a ciascun contratto o accordo collettivo”, sara’ anche “inserito dall’Inps” nella “compilazione digitale dei flussi delle denunce retributive e contributive individuali mensili” e i datori di lavoro saranno obbligati “a indicare per ciascuna posizione professionale il codice Ccnl riferibile al contratto o accordo collettivo applicato”.

Continua a leggere

Economia

Studio della Cgia: molte grandi imprese italiane sono sparite ma le piccole e medie sono leader in Europa

Avatar

Pubblicato

del

Sebbene le nostre Pmi (piccole e medie imprese) siano leader in Europa, il nostro sistema produttivo ha ancora dei forti elementi di criticità. Sino alla prima metà degli anni ’80, segnala la Cgia, l’Italia era tra i leader mondiali nella chimica, nella plastica, nella gomma, nella siderurgia, nell’ alluminio, nell’informatica e nella farmaceutica. Grazie al peso di molte grandi imprese pubbliche e private (Montedison, Montefibre, Pirelli, Italsider, Alumix, Olivetti, Angelini, Eni), lo sviluppo ruotava attorno a questi comparti. A distanza di 40 anni abbiamo perso terreno e leadership in quasi tutti questi settori. “In Italia – spiega Paolo Zabeo – le grandi imprese si sono pressoche’ estinte, non certo per l’eccessiva numero delle piccole aziende, ma per l’incapacita’ di questi grandi player di reggere la sfida della globalizzazione”. Per la Cgia si deve guardare con piu’ attenzione al mondo delle imprese, specie alle piccole e alle micro, visto che la tassazione resta su livelli insopportabili, il credito viene concesso con il contagocce, l’ammontare del debito commerciale della nostra Pa verso i propri fornitori e’ di 57 miliardi di euro, di cui circa la meta’ e’ riconducibile ai mancati pagamenti.

Le performance delle nostre Pmi (sotto i 250 addetti) e delle micro imprese sono molto positive, anche a livello europeo, per numero delle attivita’, fatturato, valore aggiunto e occupati. Siamo primi in Ue per numero di imprese (oltre 3.719.000) e pur constatando che anche negli altri paesi il peso delle Pmi e’ molto simile al nostro, il ruolo delle nostre micro aziende, invece, ci vede primeggiare, soprattutto quando ci confrontiamo con paesi nostri omologhi come la Germania. In termini di fatturato, invece, l’Italia e’ al quarto posto in UE con 2.855 mld di euro all’anno (2016). Solo Germania (6.195 mld), Regno Unito (3.976 mld) e Francia (3.696 mld) hanno un risultato superiore al nostro. Tuttavia, quando analizziamo l’incidenza prodotta dalle nostre Pmi sul totale fatturato, tra i big non abbiamo rivali. E cosi’ anche relativamente al valore aggiunto delle nostre Pmi e delle piccolissime aziende. A fronte di 14,5 mln di occupati in Italia (dato al netto dei lavoratori del pubblico impiego e di alcuni comparti economici rilevanti), 11,4 lavorano presso le Pmi, di cui 6,5 nelle micro imprese. In entrambi i casi, l’incidenza sul totale occupati sbaraglia qualsiasi altro grande paese Ue. Cosi’ anche per quanto riguarda le microimprese (44,9% sul totale occupati).

Continua a leggere

In rilievo