Collegati con noi

In Evidenza

Paul Simon ha venduto alla Sony il suo catalogo musicale

Avatar

Pubblicato

del

Paul Simon ha venduto il suo intero catalogo musicale alla Sony, l’ultimo artista della sua generazione in ordine di tempo dopo Bob Dylan e Neil Young, mentre Dolly Parton sta ancora pensando di farlo: oltre 60 anni di canzoni, dai tempi del duo Simon & Garfunkel al successivo periodo da cantante solista, sono al centro del monumentale accordo di cui hanno dato notizia lo stesso Simon e la Sony. “Ho cominciato la mia carriera a Columbia/Sony Records e mi sembra la naturale estensione lavorare con la divisione editoriale. Sono felice che siano i custodi delle mie canzoni per decenni a venire”. Per Sony Publishing, il cui Ceo Jon Platt ha parlato di “un incredibile onore”, l’intesa e’ particolarmente importante: la divisione editoriale, che rappresenta tra gli altri Motown, Michael Jackson, i Beatles, Carole King, Stevie Wonder, Queen, e Leonard Cohen, e’ la piu’ grande del mondo, ma di recente ha perso importanti pezzi tra cui la musica di Taylor Swift che era andata a contratto da teen-ager ma un anno fa e’ passata a Universal Music. I termini dell’accordo con Simon non sono stati rivelati ma dovrebbero essere nell’ordine di centinaia di milioni di dollari. Il database di Bmi, l’organizzazione per i diritti d’autore degli artisti dello spettacolo a cui e’ affiliato il cantante, conta oltre 400 canzoni sotto il suo nome, tra cui alcune che hanno fatto da colonna sonora all’ultimo mezzo secolo, da “Sound of Silence”, a “Bridge over Troubled Water”, “Mrs. Robinson” dal “Laureato”, “Still Crazy after All These Years” e “Graceland”, ispirata alla musica di strada sudafricana: il brano del grande ritorno dopo la rottura musicale con l’amico d’infanzia Garfunkel e il divorzio dall’attrice Carrie Fisher. Premiato 16 volte con un Grammy, Paul Simon compira’ 80 anni in ottobre e tre anni fa, calato il sipario sul tour d’addio “Homeward Bound”, ha smesso di fare tournee’ anche se nel 2019 e’ eccezionalmente apparso sul palco a San Francisco. L’accordo rientra in un trend: Dylan, Young, Stevie Nicks e Mick Fleetwood, il fondatore dei Fleetwood Mac, hanno negli ultimi mesi ceduto i loro cataloghi in cambio di somme favolose: per Dylan si e’ parlato tra 300 e 400 milioni di dollari per 600 canzoni, mentre Young avrebbe incassato 150 milioni per il 50% della sua produzione musicale. ll boom di servizi in streaming come Spotify nei mesi della pandemia e’ dietro il boom delle vendite dei cataloghi musicali generano introiti ogni volta che vengono suonate sulla radio, internet o usati in film, show televisivi o programmi di fitness online come Peloton. Ma e’ anche in gioco il lockdown che ha bloccato concerti e tournee (“non avrei mai venduto se non fossi stato costretto a farlo”, ha dichiarato David Crosby, ex membro dei Byrds e co-fondatore di Crosby, Stills and Nash) per non parlare del “fattore eta’” dei musicisti coinvolti: con rare eccezioni sono tutti settuagenuari e oltre.

Advertisement

Corona Virus

Covid, bollettino del contagio: 5.321 positivi, 5 vittime, 230 pazienti in terapia intensiva

Avatar

Pubblicato

del

Sono 5.321 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 6.513. Sono invece 5 le vittime in un giorno (ieri erano state 16). I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.355.348, i morti 128.068. I dimessi ed i guariti sono invece 4.135.930, con un incremento di 1.250 rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 91.350, in aumento di 4.065 unita’ nelle ultime 24 ore. Sono 230 i pazienti ricoverati in terapia intensiva con il Covid in Italia, 16 in piu’ rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 22. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.954, 103 in piu’ rispetto a ieri. Sono 167.761 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 264.860. Il tasso di positivita’ e’ del 3,17%, in netto aumento rispetto al 2,4% di ieri.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, in Campania 377 positivi e un morto in 24 ore

Avatar

Pubblicato

del

Sono 377, in Campania, i casi positivi al Covid nelle ultime 24 ore su 6.129 tamponi molecolari esaminati. Come quasi sempre si verifica nel fine settimana, diminuiscono i tamponi effettuati e di conseguenza si alza il tasso di positivita’ che ieri era pari al 5,34% ed oggi e’ 6,15%. Un solo decesso e’ stato registrato. In merito alla situazione negli ospedali, resta invariato a 12 il numero dei posti letto occupati in terapia intensiva; aumentano, invece, i ricoveri in degenza passando dai 196 posti letto occupati ieri ai 218 di oggi.

Continua a leggere

Corona Virus

Il 60% degli over12 sono vaccinati, si decide su pass trasporti e scuola

Avatar

Pubblicato

del

Green pass per i trasporti a lunga percorrenza, Piano Scuola, valutazione di eventuali obblighi del vaccino per i prof. E ancora dal 6 agosto entrata in vigore del certificato verde per spettacoli, cinema, centri termali, piscine, palestre e ristoranti al chiuso: esercenti e gestori si preparano alla misura, che per i trasgressori prevede multe di mille euro fino alla chiusure del locale. Si apre un’altra settimana decisiva per i nuovi provvedimenti anti-Covid che puntano ad arginare la risalita dei contagi. Prosegue intanto la corsa all’immunizzazione. Gli italiani che hanno completato il ciclo vaccinale hanno superato quota 32,4 milioni, ovvero il 60% della platea degli over 12 e le somministrazioni procedono alla media di oltre 500 mila al giorno. Un obiettivo in linea con le previsioni del Piano, che colloca il Paese sopra la media europea per numero di inoculazioni in proporzione alla popolazione. “E’ una tappa importante verso l’immunita’ di comunita’, che e’ prevista entro la fine di settembre, con il completamento del ciclo vaccinale da parte dell’80% della platea da vaccinare”, commenta il Commissario all’Emergenza, Francesco Figliuolo, il quale ha anche annunciato “la disponibilita’ di ulteriori dosi di vaccino Pfizer, a partire dalla terza settimana di agosto”, ricordando che “tale fornitura aggiuntiva e’ stata chiesta e ottenuta nel corso di colloqui tra il premier Mario Draghi e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, centrati sulla disponibilita’ dei vaccini e alla ridistribuzione tra Paesi Ue”. Aumentano le forniture, ma anche i prezzi delle dosi di tipo mRna negli ultimi contratti di fornitura con l’Unione Europea, secondo quanto riporta il Financial Times citando stralci dei contratti presi in visione: il nuovo prezzo per i vaccini Pfizer e’ di 19,50 euro contro i 15,50 delle precedente fornitura mentre quello di Moderna sale invece a 25,50 dollari a dose, sopra i 22,60 dollari del precedente accordo ma meno dei 28,50 dollari inizialmente previsti dopo che l’ordine e’ stato ampliato. Prima dell’obiettivo sull’immunita’ di gregge, ci sono pero’ altre tappe che il Governo sta per segnare. In vista del rientro tra i banchi a settembre, mercoledi’ prossimo sara’ presentato il Piano Scuola alle Regioni e nello stesso giorno potrebbe essere quindi prevista l’apposita cabina di regia e un Cdm che riguardera’, oltre all’esame del documento del ministero dell’Istruzione, anche altri provvedimenti sul green pass, come l’introduzione – ma non c’e’ ancora certezza sulla data dell’entrata in vigore della misura – dell’obbligo del certificato verde anche per i trasporti a lunga percorrenza. Non sara’ necessario per il trasporto pubblico locale, ma alle Regioni e’ stato chiesto un piano dettagliato sul potenziamento dei mezzi pubblici: l’intenzione e’ di aumentare il numero delle corse, visto che l’80% della capienza non e’ sufficiente a garantire distanziamento su metro e autobus. Non e’ escluso inoltre che possa riaprirsi il dibattito sul green pass obbligatorio anche per alcune categorie professionali. Sul tema il leader Cgil, Maurizio Landini, ha chiarito che non c’e’ nessuna contrarieta’ del sindacato, ma avverte: niente sanzioni per chi dice no e a muovere sia il governo con un atto di legge. Resta prudente al momento la posizione del Governo sull’obbligo del vaccino per il personale scolastico. Con l’85% dei prof immunizzati o in attesa del richiamo, l’ipotesi prevalente e’ di aspettare ancora almeno fino al 20 agosto (contando di sfondare la quota del 90% di vaccinati) prima di adottare eventuali provvedimenti forti. Nuove misure che servono a fermare il rialzo della curva dei contagi: il tasso di positivita’ e’ salito al 3,17% con 5.321 nuovi contagi e 5 decessi in 24 ore. Crescono anche le ospedalizzazioni, parametro determinante per l’assegnazione dei colori alle regioni. Sono 230 i pazienti ricoverati in terapia intensiva con il Covid in tutta Italia (+16) e gli ingressi giornalieri sono stati 22. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.954 (+103). Corrono ai ripari i territori: la Sicilia valuta l’ipotesi di legare – all’introduzione delle eventuali mini zone rosse – il parametro sul numero di cittadini vaccinati in quel territorio. E sul fronte nazionale, a breve sara’ siglata l’intesa con le farmacie e altre strutture sanitarie per calmierare i prezzi dei tamponi, in vista dell’entrata in vigore del green pass. (

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto