Collegati con noi

In Evidenza

Paralizzato scrive col pensiero grazie all’uso dell’intelligenza artificiale

Avatar

Pubblicato

del

Grazie all’intelligenza artificiale e a due minuscoli chip impiantati nel cervello, un paziente di 65 anni Paralizzato da parecchi anni ha potuto ‘scrivere’ su uno schermo, semplicemente pensando di scrivere un testo a mano con la penna. Un software cattura e traduce in parole la sua attivita’ cerebrale connessa all’ideazione dei movimenti della mano per scrivere, capacita’ che la mente dell’uomo e’ riuscita a mantenere anche a dieci anni dal trauma che ha congelato il suo corpo nell’immobilita’ totale. Reso noto sulla rivista Nature, e’ il successo di un gruppo di ricerca della Stanford University, dopo anni di lavoro nell’ambito del consorzio di ricerca ‘BrainGate’, che e’ anche il nome di una delle prime interfacce uomo-computer sviluppate dai ricercatori. Per arrivarci gli esperti hanno impiantato due chip grandi quanto un’aspirinetta nella corteccia motoria del cervello dell’uomo, precisamente nella parte che governa i movimenti delle mani. Questi chip sono stati collegati a un software basato sull’intelligenza artificiale. Quando l’uomo pensa di scrivere a mano, il suo cervello comincia ad azionarsi come se dovesse, appunto, far scorrere la penna sul foglio bianco. L’attivita’ neurale raccolta dai chip viene tradotta in testo dal software. Questi risultati potrebbero portare ad ulteriori avanzamenti nel campo delle interfacce uomo-macchina a beneficio di milioni di pazienti paralizzati in tutto il mondo a causa di traumi o malattie, ha sottolineato Jaimie Henderson, tra gli autori del lavoro. “Il nostro approccio ha permesso a una persona con paralisi di comporre frasi a velocita’ quasi comparabili a quelle di adulti normo-dotati della stessa eta’ del paziente, che scrivono su uno smartphone,” -spiega Henderson. Il paziente ha scritto a una velocita’ di 18 parole al minuto contro una velocita’ media di 23 parole al minuto di una persona sana della stessa eta’. Ad oggi di interfacce uomo-macchina ne sono state create diverse, ad esempio quelle che cercavano di tradurre in scrittura il pensiero del paziente di digitare su una tastiera o ancora i movimenti degli occhi del paziente sulle lettere di una tastiera a video. L’interfaccia piu’ famosa e’ appunto ‘BrainGate’, la porta sul cervello con cui in passato pazienti hanno potuto muovere il cursore su un PC o comandare una protesi robotica o scrivere su una tastiera virtuale solo con il pensiero. Ben diverso e’ pero’ tradurre il pensiero di scrivere a mano, perche’ ogni segno grafico (essendo le lettere in corsivo molto diverse tra loro) corrisponde a profili di attivita’ neurali ben distinto e quindi piu’ facilmente riconoscibile dall’intelligenza artificiale, che trascrive la scrittura mentale con meno errori. Al paziente, infatti, e’ stato prima chiesto di immaginare di tracciare una lettera alla volta, in modo da addestrare l’IA ad associare un particolare pattern di attivita’ neurale a ciascuna lettera dell’alfabeto scritta a mano. Poi in seconda battuta i ricercatori hanno chiesto al paziente di immaginare di scrivere a mano delle frasi da loro presentate. Il sistema e’ stato un successo, l’uomo ha immaginato di scrivere diverse frasi e il software ha scritto al posto suo. Si tratta di un avanzamento enorme verso l’obiettivo di far comunicare persone che non possono piu’ parlare ne’ scrivere; l’aspetto stupefacente, inoltre, e’ che anche a distanza di anni dal trauma che ha congelato i movimenti della mano, il cervello ancora trattiene il pensiero di come farla scorrere su un foglio per scrivere un testo.

Advertisement

In Evidenza

Parkinson, Neuromed e CNR identificano 16 geni prima mai associati alla malattia

Avatar

Pubblicato

del

È il più ampio studio genetico realizzato su pazienti italiani affetti da morbo di Parkinson: l’IRCCS Neuromed di Pozzilli, Isernia, e l’Istituto di Genetica e Biofisica “Adriano Buzzati Traverso” del
CNR di Napoli hanno sequenziato il genoma di 500 pazienti. Identificati ventisei geni, sedici dei quali associati per la prima volta alla patologia.

La ricerca, pubblicata su Molecular Neurodegeneration, ha evidenziato come alcune varianti genetiche rare, se presenti simultaneamente, possano esercitare un ruolo importante nell’aumentare significativamente il rischio di ammalarsi di Parkinson.

Lo studio ha preso in esame i dati genetici di due tipologie di pazienti: quelli appartenenti a famiglie nelle quali la malattia di Parkinson è ricorrente e quelli in cui la patologia era comparsa senza che ci fosse familiarità (cosiddetti casi “sporadici”). Inoltre gli autori del lavoro hanno approfondito la ricerca esaminando, sia su tessuti umani che su modelli animali, l’espressione genica (il processo di trascrizione dell’informazione genetica in proteine funzionali). Cinque dei geni studiati sono risultati particolarmente espressi in neuroni dopaminergici della Substantia Nigra la cui degenerazione è la causa principale del morbo di Parkinson.

Si tratta del più ampio studio genetico realizzato su pazienti italiani affetti da morbo di Parkinson utilizzando metodiche di sequenziamento di ultima generazione. “Abbiamo potuto identificare – dice Alessandro Gialluisi, ricercatore del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione del Neuromed, primo autore del lavoro – varianti correlate al rischio di Parkinson in ventisei geni, sedici dei quali non erano stati precedentemente associati alla malattia. E abbiamo potuto riscontrare anche come la maggior parte di questi geni siano coinvolti in “pathways” importanti per la funzionalità del sistema dopaminergico la cui degenerazione porta allo sviluppo della patologia”.

 

 

Un risultato importante dello studio è che le varianti esaminate possono avere una sorta di effetto cumulativo. “La presenza contemporanea di due o più di queste varianti rare – spiega Teresa Esposito, ricercatrice dell’Istituto di Genetica e Biofisica Buzzati-Traverso del CNR e responsabile del Laboratorio CNR presso il Neuromed, ultimo autore dello studio – si è rivelata associata con un aumento della probabilità di sviluppare il Parkinson nel 20% dei pazienti. Possiamo parlare di un ‘carico’ di mutazioni crescente che, in futuro, potrebbe portarci a valutare il rischio di malattia proprio attraverso l’individuazione del numero di varianti dannose presenti nel DNA di una persona”.

“Questi risultati – commenta il professor Antonio Simeone, Direttore dell’Istituto di Genetica e Biofisica ‘A Buzzati-Traverso’ – appaiono promettenti nella prospettiva di perfezionare le tecniche di diagnostica molecolare rivolte a individuare precocemente le persone a rischio elevato. Saranno naturalmente necessari altri studi da un lato per aumentare il numero di pazienti diagnosticabili e dall’altro per comprendere e sviluppare potenziali approcci terapeutici, primi fra tutti quelli basati su sviluppi farmacologici e di medicina rigenerativa. Ciò che possiamo pensare, per un futuro più vicino, è un esame genetico che tenga conto del carico di varianti dannose presenti nel genoma di un individuo. Potrebbero aprirsi possibilità importanti per avviare screening di popolazione e, quindi, migliorare la diagnosi precoce di una patologia che si sviluppa nel tempo, e nella quale i sintomi si manifestano solo quando i pazienti hanno già perso il 50% dei neuroni dopaminergici, quelli maggiormente implicati nel Parkinson”.

Alessandro Gialluisi, Mafalda Giovanna Reccia, Nicola Modugno, Teresa Nutile, Alessia Lombardi, Luca Giovanni Di Giovannantonio, Sara Pietracupa, Daniela Ruggiero, Simona Scala, Stefano Gambardella, International Parkinson’s Disease Genomics Consortium (IPDGC), Licia Iacoviello, Fernando Gianfrancesco, Dario Acampora, Maurizio D’Esposito, Antonio Simeone, Marina Ciullo and Teresa Esposito. Identification of sixteen novel candidate genes for late onset Parkinson’s disease. Molecular Neurodegeneration.

DOI: doi.org/10.1186/s13024-021-00455-2
https://molecularneurodegeneration.biomedcentral.com/articles/10.1186/s13024-021-00455-2

Continua a leggere

In Evidenza

M5s, Dettori lascia Rousseau: resto nel Movimento e ci credo

amministratore

Pubblicato

del

“Oggi ho comunicato ufficialmente le mie dimissioni dall’Associazione Rousseau. E’ stata un’esperienza durata cinque anni, di cui due da dipendente a Milano e gli ultimi tre da socio mentre continuavo la mia attivita’ professionale a Roma. I cinque anni precedenti ho lavorato alla Casaleggio Associati, a supporto di Gianroberto e Beppe, tra il computer alla scrivania e l’iPad sul camper, tra l’ufficio e i palchi. Il primo colloquio in via Morone, dieci anni fa, lo feci con Davide Casaleggio. Si puo’ quindi dire che e’ la prima persona che ha creduto in me e che mi ha dato un’opportunita’. Per questo, e per tante altre cose, gli sono sempre stato e gli saro’ sempre riconoscente. La stima e l’affetto nei suoi confronti sono immutati.” Lo scrive in un lungo post su Fb Pietro Dettori, uno dei soci dell’Associazione Rousseau. “Gli ultimi mesi sono stati difficili e la conclusione delle vicende, tutt’altro che indolore, e’ nota a tutti. La strada che ho scelto io e’ diversa. Perche’ io nel MoVimento ci credo ancora. Chi mi conosce sa che con il MoVimento ho un rapporto quasi carnale. D’altronde quel tipo di lavoro, se non c’e’ la passione a sostenerti, non lo reggi. Nel futuro del MoVimento ci credo innanzitutto perche’ mi fido di Beppe Grillo. Beppe e’ il nostro garante e nei momenti piu’ critici della nostra storia e’ sempre stato lucido, a dispetto di chi lo etichetta solo come un pazzo visionario. Ha indicato un orizzonte (il 2050) e una persona (Giuseppe Conte) per il rilancio del MoVimento. Io non posso che fidarmi e invito chi in questo sogno ci crede ancora e chi ora tentenna, a fare altrettanto. Non so cosa ci riserva il futuro. Non so quali saranno le nostre prossime battaglie. Non so cosa il MoVimento politicamente deve o non deve fare. Di questo si discutera’ nei modi e nei tempi opportuni e potro’ dire la mia, assieme a migliaia di persone, in qualita’ di iscritto. Quello che so e’ che dobbiamo ritornare a essere una comunita’ di persone che si vogliono bene, in cui la fiducia e’ alla base dei rapporti personali, politici e professionali”, spiega Dettori. “Il MoVimento 5 Stelle – sottolinea – e’ come una fenice. Ogni volta che muore rinasce dalle proprie ceneri. E anche questa volta, con l’impegno di tutti, sara’ cosi'”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, Campania: leggero calo dell’incidenza, 3 morti e 82 positivi

Avatar

Pubblicato

del

 Sono 82 i nuovi positivi al Covid in Campania su 6.545 test molecolari esaminati ieri. Il tasso di incidenza si attesta all’1,25% in calo rispetto all’1,66% precedente. Nel bollettino dell’Unita’ di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, si segnalano 3 nuove vittime. I ricoveri ospedalieri segnalano una risalita dei posti letto occupati in terapia intensiva (23, +3 rispetto al giorno prima), quelli nei reparti di degenza sono 287 (-9).

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto