Collegati con noi

Cronache

Papa: democrazia arretra, reagire a seduzioni autoritarie

Pubblicato

del

Dalla patria della democrazia papa Francesco lancia l’allarme sull'”arretramento” – non solo in Europa – di questa forma di governo. “Qui e’ nata la democrazia. La culla, millenni dopo, e’ diventata una casa, una grande casa di popoli democratici: mi riferisco all’Unione Europea e al sogno di pace e fraternita’ che rappresenta per tanti popoli”, dice il Pontefice parlando alle autorita’ e alla societa’ civile della Grecia nel Palazzo presidenziale di Atene, dove e’ giunto stamane da Cipro. “Non si puo’, tuttavia, che constatare con preoccupazione come oggi, non solo nel Continente europeo, si registri un arretramento della democrazia”, avverte. Essa “richiede la partecipazione e il coinvolgimento di tutti e dunque domanda fatica e pazienza. E’ complessa, mentre l’autoritarismo e’ sbrigativo e le facili rassicurazioni proposte dai populismi appaiono allettanti”. Secondo Francesco, “in diverse societa’, preoccupate della sicurezza e anestetizzate dal consumismo, stanchezza e malcontento portano a una sorta di ‘scetticismo democratico’”. Ma “c’e’ pure uno scetticismo nei confronti della democrazia – spiega ancora – provocato dalla distanza delle istituzioni, dal timore della perdita di identita’, dalla burocrazia”. E il rimedio a cio’ “non sta nella ricerca ossessiva di popolarita’, nella sete di visibilita’, nella proclamazione di promesse impossibili o nell’adesione ad astratte colonizzazioni ideologiche”, ma “nella buona politica”, in quanto “arte del bene comune”. Bergoglio, citando anche De Gasperi, punta il dito contro le “polarizzazioni” che “animano la democrazia ma rischiano di esasperarla”. E indica come “amplificate dalla comunicazione virtuale, si diffondono ogni giorno paure e si elaborano teorie per contrapporsi agli altri”. Si deve invece “passare dal parteggiare al partecipare; dall’impegnarsi solo a sostenere la propria parte al coinvolgersi per la promozione di tutti”. Un richiamo importante del Pontefice riguarda la Unione europea, che lui vede “lacerata da egoismi nazionalistici”, ed “anziche’ essere traino di solidarieta’, alcune volte appare bloccata e scoordinata”. E “se un tempo i contrasti ideologici impedivano la costruzione di ponti tra l’est e l’ovest del continente”, ricorda, oggi e’ “la questione migratoria” ad aprire “falle anche tra il sud e il nord”. Per questo, alla vigilia della sua visita ai rifugiati di Lesbo, isola sulla quale ritornera’ domani dopo la visita di cinque anni fa, esorta “nuovamente a una visione d’insieme, comunitaria, di fronte alla questione migratoria” e incoraggia “a rivolgere attenzione ai piu’ bisognosi perche’ secondo le possibilita’ di ciascun Paese siano accolti, protetti, promossi e integrati nel pieno rispetto dei loro diritti umani e della loro dignita’”. Proprio loro, i migranti, per papa Francesco, “sono i protagonisti di una terribile moderna odissea”. Ma la loro accoglienza, “piu’ che un ostacolo per il presente”, “rappresenta una garanzia per il futuro, perche’ sia nel segno di una convivenza pacifica con quanti sempre di piu’ sono costretti a fuggire in cerca di casa e di speranza”. Nel suo discorso, che ha la portata di un manifesto politico – presenti la presidente della Repubblica Ekaterini Sakellaropoulou e il premier Kyriakos Mitsotakis, con i quali il Papa ha avuto due separati incontri -, entra anche l’auspicio che “gli impegni assunti nella lotta contro i cambiamenti climatici siano sempre piu’ condivisi e non siano di facciata, ma vengano seriamente attuati. Alle parole seguano i fatti, perche’ i figli non paghino l’ennesima ipocrisia dei padri”. E inoltre una forte sollecitazione alla difesa della vita e contro l’eutanasia: “La vita e’ infatti un diritto, non la morte, la quale va accolta, non somministrata”. Ma la conclusione e’ ancora contro il serpeggiare dei nuovi nazionalismi e delle “seduzioni” autoritarie. “Vi esorto a far progredire questo Paese nell’apertura, nell’inclusione e nella giustizia – afferma -. Da questa citta’, da questa culla di civilta’ si e’ levato e sempre si levi un messaggio che orienti verso l’Alto e verso l’altro; che alle seduzioni dell’autoritarismo risponda con la democrazia; che all’indifferenza individualista opponga la cura dell’altro, del povero e del creato, cardini essenziali per un umanesimo rinnovato, di cui hanno bisogno i nostri tempi e la nostra Europa”.

Advertisement

Cronache

Camorra, preso esponente del clan De Martino di Ponticelli

Pubblicato

del

Francesco De Martino, classe ´69, stava scontando la detenzione domiciliare nella sua abitazione di Ponticelli quando i carabinieri della locale stazione lo hanno arrestato. Elemento di spicco del clan che porta il suo nome, il 51enne è stato accompagnato nel carcere di Secondigliano, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla procura generale della corte d’Appello di Napoli, che ha ripristinato il precedente stato detentivo in carcere. De Martino sconterà nel penitenziario napoletano gli ultimi nove mesi di una condanna a 4 anni e 4 mesi di reclusione per associazione di tipo mafioso e violenza privata.

Continua a leggere

Cronache

Si oppone al matrimonio combinato, indagati i genitori di un 14enne

Pubblicato

del

Maltrattamenti in famiglia e tentata induzione o costrizione al matrimonio. Con queste accuse i carabinieri di Roma Ostia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare del divieto di avvicinamento e di comunicazione alla persona offesa, emessa dal tribunale di Roma, nei confronti di una coppia di coniugi, lui di 44 anni e lei 40enne, entrambi cittadini del Bangladesh, indagati per aver commesso questi reati in danno della figlia 14enne convivente. Il provvedimento cautelare – richiesto dalla procura – arriva all’esito di attivita’ investigativa originata dalla denuncia della vittima, che ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in ordine alle condotte vessatorie e di violenza contestate.

Lo scorso 13 novembre, la 14enne aveva denunciato ai militari di Ostia che per diverso tempo e’ stata vittima di comportamenti violenti e oppressivi, costituiti da sistematiche violenze fisiche e verbali, in particolare da parte della madre e dal fratello, ogni qualvolta si ribellava al rispetto delle rigide regole della religione islamica imposte. I suoi familiari le imponevano di indossare il velo islamico, controllavano le sue conversazioni telefoniche e l’utilizzo della televisione, le impedivano di frequentare i suoi coetanei fuori dalla scuola, anche picchiandola ad ogni suo rifiuto di sottostare a tali imposizioni. Tutti comportamenti e regole condivise dal padre, il quale si dimostrava omissivo e connivente, e che voleva che la figlia si sposasse anziche’ continuare a studiare, pur sapendo che il suo sogno era quello di diventare un chirurgo. Nella denuncia la 14enne ha anche raccontato, infatti, che da circa un anno i familiari avevano iniziato a dirle che doveva sposare un suo connazionale in Bangladesh, persona a lei del tutto sconosciuta; alle rimostranze della minore che rappresentava alla madre che voleva proseguire gli studi, veniva anche picchiata. L’ultimo episodio, secondo quanto denunciato, si e’ verificato il 13 novembre 2021 quando la madre e la sorella maggiore, che si trovavano in Bangladesh, la informavano che stavano acquistando un burka per lei e che stavano tornando per prenderla e portarla in Bangladesh, per darla in sposa ad un connazionale. La vittima manifestava il proprio dissenso al fratello e questo la schiaffeggiava violentemente facendola cadere a terra e sbattere la testa contro un armadio. A seguito di tale episodio, la minore, temendo che la madre una volta tornata in Italia la portasse effettivamente in Bangladesh per farla sposare, e’ scappato di casa e si e’ recata dai carabinieri per denunciare i fatti, per poi essere collocata in una struttura protetta. (AGI)Rmc/Nat 2

Continua a leggere

Cronache

Abusi su sorelle minori: vittime sono tre, anche maggiorenne

Pubblicato

del

Sono tre, e non due, come si era appreso in un primo tempo, le vittime degli abusi di cui e’ accusato un 46enne, arrestato a San Giovanni in Fiore e condotto in carcere con l’accusa di violenza sessuale aggravata dai carabinieri della Compagnia di Cosenza insieme alla madre delle ragazze, posta ai domiciliari, alla quale viene contestato il concorso nello stesso reato. Oltre alle due minorenni, una delle quali disabile, il 46enne avrebbe abusato, infatti, anche di un’altra sorella di poco maggiorenne ed anche lei affetta da disabilita’. La potesta’ genitoriale e’ stata sospesa nei confronti dei genitori delle vittime delle violenze soltanto per quanto riguarda le due figlie minorenni.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto