Collegati con noi

Economia

Pandemia sociale, in piazza la rabbia dei lavoratori delle isole del Golfo e delle Costiere

Paolo Chiariello

Pubblicato

del

La vía crucis degli stagionali del turismo fa tappa sulle isole di Ischia e Capri, ed in terraferma ad Amalfi e Sorrento. Sono localitá turistiche che rappresentano l’ eccellenza non della Campania ma dell’Italia. La Campania è zona rossa, la voglia di manifestare deve essere autorizzata e nelle piazze di queste  località simbolo del turismo internazionale ci sono centinaia di lavoratori stagionali che dal marzo del 2020 non lavorano, non percepiscono un reddito e non possono sfamare le famiglie. Parlare di queste località e associare i loro nomi a migliaia di disperati sembra un controsenso. Eppure a Sorrento, Capri, Ischia, Amalfi ma anche in tante altre località rinomate ci sono migliaia di uomini e donne ridotti sul lastrico. Sul Piazzale del Soccorso di Forio, sull’isola di Ischia, un luogo meraviglioso, sospeso tra cielo, mare e terra, ci sono centinaia di persone che noi chiamiamo lavoratori stagionali, ufficialmente sono emarginati di una società che nell’immaginario collettivo é simbolo di bellezza ed anche opulenza.

La situazione sociale dell’isola di Ischia viene descritta alle centinaia di presenti in piazza dalla direttrice della pastorale sociale della Diocesi di Ischia, Marianna Sasso. “La pandemia sanitaria ha fatto venire alla luce ed ha amplificato  i problemi di un comparto turistico già in ginocchio. Il senso di questa manifestazione – spiega con voce flebile ma ferma – non è la mera protesta. Noi vorremmo che la pandemia fosse una opportunità, non la rappresentazione di miseria. Noi vorremmo con questa manifestazione – continua Marianna Sasso – arrivare al cuore delle istituzioni per far capire che ci sono migliaia di famiglie che non rappresentano un problema di ordine pubblico ma una straordinaria risorsa dalla quale ripartire”. Marianna Sasso ha ricordato le parole di Papa Francesco che ha spiegato in più occasioni come lavoratori e imprenditori devono essere dalla stessa parte in questo momento drammatico. Perché “la vocazione del lavoro è dare dignità all’uomo. Il lavoro non é solo retribuzione ma soprattutto dignità” spiega la Sasso che racconta anche “le commoventi parole di un imprenditore che in una recente udienza in Vaticano chiedeva al Papa di pregare per lui in lacrime  affinché non licenziasse i suoi dipendenti”. Perché per un imprenditore licenziare è segno di una sconfitta della società non solo dell’impresa. Ferdinando Caredda, coordinatore nazionale dei lavoratori stagionali ha invece ricordato a tutti, con commozione, che “le diversità vanno bene ma lasciamole da parte. Oggi occorre guardare avanti”. “Con La Naspi  è stata dimezzata la indennità di disoccupazione. Le iniziative del Governo per aiutare i lavoratori non ha toccato gli stagionali del turismo” spiega Caredda.
“Noi lavoratori stagionali dal primo gennaio del 2020 non abbiamo di fatto avuto un solo euro. E riusciamo a sopravvivere solo grazie all’aiuto delle famiglie, della Caritas, grazie al terzo settore. Solo grazie a tutti loro abbiamo potuto mettere un piatto sulla tavola. Non avremmo potuto campare senza questi aiuti, che non sono aiuti dello Stato.  Prima i lavoratori stagionali lavoravano per 4 mesi all’anno e poi venivano aiutati con la indennità di disoccupazione. Prima si arrivava all’anno successivo con l’acqua alla gola. Ora per queste famiglie dignitose non c’è più manco il pane da mangiare da oltre un anno. Siamo al tracollo. Solo a Ischia – ricorda Caredda – ci sono 2500 famiglie che da oltre un anno vivono grazie all’aiuto della sola Caritas. Molte altre famiglie che sfuggono alla nostra conta vengono aiutate da altre associazioni”. Perché?
“Tutto questo – spiega Caredda – perché i lavoratori stagionali non avevano un codice Ateco. Anche se si é ampliata la platea non sono arrivati i bonus”. Ma che cosa chiedono questi lavoratori al Governo? Lo spiega sempre Caredda. “Chiediamo al governo di approvare l’emendamento in commissione Bilancio che dá la possibilità di coprire quei mesi che mancano al nostro lavoro per poter sopravvivere. Chiediamo – enumera Caredda con puntiglio – che i sussidi vengano messi nelle casse dell’Ente (Comuni, Regioni e altri enti) per i quali poi noi possiamo svolgere lavori socialmente utili. Noi non vogliamo carità ma lavoro, non vogliamo soldi ma  lavoro perché questa è dignità, altre scelte sono elemosina”.
I numeri drammatici delle difficoltà che vive Ischia li spiega Luisa Pilato, direttrice della Caritas dell’isola di Ischia. I suoi numeri sulla povertà ad Ischia, i suoi racconti delle difficoltà quotidiane delle famiglie sono un pugno nello stomaco per tutta le gente in piazza che ascolta in religioso silenzio.
Francesco Del Deo, sindaco di Forio e presidente dell’Associazione delle isole minori, è presente sul piazzale e parla alla gente.  Avverte subito un rischio e lo fa presente. “Avrei voluto vedere più persone a questa manifestazione. Temo l’apatia, lo scoraggiamento. Capisco la rabbia contro le istituzioni. Noi sindaci facciamo quel che possiamo. Da quando sono presidente dell’associazione delle isole minori, siamo riusciti a portare le istanze del lavoro sulle isole in Parlamento. Abbiamo chiesto la decontribuzione anche per la assunzione degli ultra 30enni. Sono cose che ora conoscono bene al Governo. Ci è stato promesso dal Governo di fare qualcosa. Non vogliamo bonus o aiuti a pioggia per i nostri lavoratori stagionali ma provvedimenti strutturali. Impresa e lavoro vanno assieme. Abbiamo chiesto agevolazioni per Tari e Imu, contributi per la pesca, concessioni demaniali con canoni a carico dei comuni. Agevolazioni di cui abbiamo usufruito fino al ’68 in base  a norme varate dagli Aragonesi. Abbiamo chiesto – ha spiegato Del Deo – l’abolizione delle tasse universitarie per studenti isolani. La ripresa deve ripartire dalle isole. Abbiamo chiesto la istituzione delle Zes (zone ecomiche speciali), che rappresentano vantaggi in termini competitivi con altre località di altri paesi turistici come carburanti che costino meno e tanto altro. Se lo Stato riconosce che ci sono costi alti sulle isole per le sue casse, allora deve dare le stesse agevolazioni ai cittadini. Non possiamo avere la stessa tassazione in terra ferma. Vogliamo – dice Del Deo – opportunità non carità. Ischia e Capri rappresentano da sole il 70 per cento del Pil della Campania che si riversa poi su tutta l’economia regionale. Ogni anno diamo 115 milioni e riceviamo 56 milioni. Le isole devono ripartire. E subito. Cominciamo – ripete ancora Del Deo – dal piano di vaccinazione di massa delle isole e delle altre località turistiche per intercettare la ripresa economica. Perché se riparte l’economia riparte, riparte tutto”.

Giornalista. Ho lavorato in Rai (Rai 1 e Rai 2) a "Cronache in Diretta", “Frontiere", "Uno Mattina" e "Più o Meno". Ho scritto per Panorama ed Economy, magazines del gruppo Mondadori. Sono stato caporedattore e tra i fondatori assieme al direttore Emilio Carelli e altri di Sky tg24. Ho scritto libri: "Monnezza di Stato", "Monnezzopoli", "i sogni dei bimbi di Scampia" e "La mafia è buona". Ho vinto il premio Siani, il premio cronista dell'anno e il premio Caponnetto.

Advertisement

Economia

Troppo lavoro fa male, si rischia di morire per ictus

Avatar

Pubblicato

del

Lavorare piu’ di 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte per malattie cardiache e ictus. Tanto che solo in un anno, sono stati 745.000 decessi per questo motivo, con un aumento del 29% rispetto al 2000. E la pandemia Covid-19 sta rafforzando in modo preoccupante la tendenza a lavorare troppe ore. A quantificare il danno e’ uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanita’ e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), appena pubblicato sulla rivista Environment International. Gli autori hanno sintetizzato i dati di dozzine di studi precedenti all’emergenza Covid, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di partecipanti. I risultati mostrano che lavorare 55 ore o piu’ a settimana e’ associato a un aumento del 35% del rischio di ictus e del 17% del rischio di morte per cardiopatia ischemica rispetto al lavorare per le normali 35-40 ore settimanali. Nello specifico, solo nel 2016, ad esempio, Oms e Ilo stimano che 398.000 persone siano morte per ictus e 347.000 per malattie cardiache dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Un trend in peggioramento negli ultimi anni, tanto che tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati e’ aumentato del 42%, mentre la percentuale si attesta al 19% per gli ictus. Questo carico di malattie legate al lavoro e’ particolarmente significativo negli uomini (il 72% dei decessi si e’ verificato tra i maschi), nelle persone che vivono nelle regioni del Pacifico occidentale e del Sud-est asiatico, mentre l’impatto e’ minore in Europa Occidentale. La maggior parte dei decessi hanno riguardato persone morte tra 60 e 79 anni, che avevano lavorato per 55 ore o piu’ a settimana quando avevano tra 45 e 74 anni. Angola, Libano, Corea ed Egitto sono tra i paesi piu’ colpiti. I motivi per cui cio’ accade, suggeriscono le evidenze scientifiche, sono due: il primo e’ che lavorare a lungo attiva continuamente gli ormoni di risposta allo stress e cio’ innesca reazioni nel sistema cardiovascolare, portando a ipertensione e arteriosclerosi. Il secondo sono le risposte comportamentali allo stress, che includono un maggior uso di tabacco, alcol, dieta malsana e inattivita’ fisica, tutti fattori di rischio stabiliti per la cardiopatia ischemica e l’ictus. E la pandemia ha peggiorato la situazione. Uno studio del National Bureau of Economic Research in 15 paesi ha mostrato, infatti, che il numero di ore di lavoro e’ aumentato di circa il 10% durante i lockdown. Il telelavoro, infatti, rende piu’ difficile disconnettere i lavoratori. Inoltre la pandemia ha aumentato la precarieta’ del lavoro, che, in tempi di crisi, tende a spingere chi ha mantenuto il proprio a lavorare di piu’. “La pandemia Covid19 ha cambiato in modo significativo il modo in cui molte persone lavorano”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. “Il telelavoro – prosegue – e’ diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre, molte aziende sono state costrette a ridimensionare il personale per risparmiare denaro e le persone che sono ancora sul libro paga finiscono per lavorare piu’ a lungo”. Per ridurre questi rischi, concludono Oms e Ilo, i governi possono introdurre leggi e politiche che vietano lo straordinario obbligatorio e garantiscono limiti massimi all’orario di lavoro.

Continua a leggere

Economia

Incubo giovani, lavoro precario e pensione a 70 anni

Avatar

Pubblicato

del

Giovani sospesi tra l’incertezza del presente e del futuro, costretti a fare i conti con le difficolta’ a trovare un lavoro e ben pagato ed il timore di andare in pensione a 70 anni o anche piu’ con un assegno basso. A cinque anni dalla fine degli studi, soltanto poco piu’ di uno su tre (il 37,2%) puo’ contare su un posto stabile. A fotografare le condizioni e le prospettive occupazionali, retributive e contributive degli under-35 e’ il rapporto realizzato dal Consiglio nazionale dei giovani in collaborazione con Eures. Per molti, di conseguenza, il percorso verso l’autonomia resta un sogno nel cassetto e la scelta di non lasciare la casa dei genitori e costruire un nuovo nucleo familiare e’ obbligata: e’ cosi’ per oltre la meta’ (50,3%). Dall’indagine, condotta tra febbraio e aprile di quest’anno, emerge dunque una situazione di vulnerabilita’, in cui “il fenomeno della precarizzazione, destinato ad aumentare alla luce della crisi post pandemica”, sottolinea la presidente del Cng, Maria Cristina Pisani, finisce per impattare non solo sull’oggi ma anche sulla loro visione del domani. Un percorso, quello dei giovani, spesso segnato da discontinuita’ lavorativa e basse retribuzioni: completati gli studi, nei cinque anni successivi, se soltanto il 37,2% ha un lavoro stabile, il 26% e’ un precario con contratto a termine ed un quarto degli under-35 (il 23,7%) risulta disoccupato, mentre il restante 13,1% e’ uno studente-lavoratore. All’interno di tale scenario, un’ampia maggioranza (il 58,9% negli ultimi tre anni) indica di ricevere una retribuzione inferiore a 10 mila euro annui (il 23,9% sotto i 5 mila e il 35% tra 5 e 10 mila). Cosi’, se la maggior parte degli under-35 sta ancora a casa con i propri genitori, neanche quattro su dieci (37,9%) vivono da soli o con il proprio partner. La mancanza di certezze dal punto di vista occupazionale, secondo l’indagine, condiziona anche le altre scelte familiari: soltanto il 6,5% dei giovani tra i 18 e i 35 anni afferma di avere figli (8,8% tra i lavoratori stabili), mentre un terzo (33%) dichiara di non averne e di non volerne neanche negli anni a venire. Soltanto un’esigua minoranza, il 12%, possiede una casa di proprieta’. Quattro giovani su dieci non fanno neppure richiesta di mutuo perche’ non hanno le condizioni necessarie per ottenerlo. Sfiduciati anche nei confronti del futuro e del sistema pensionistico: il 44,4% pensa che andra’ in pensione dopo i 70 anni, il 35,4% tra i 65 e 69 anni ed appena il 10,7% prima dei 65 anni. E, ancora, il 73,9% immagina che l’importo dell’assegno che potra’ ricevere non consentira’ di vivere dignitosamente. E per questo, tra le altre cose, per il 75% si dicono favorevoli all’introduzione di una pensione di garanzia. Nel nostro Paese, “la discontinuita’ lavorativa e’ arrivata a rappresentare una condizione strutturale del mercato del lavoro”, sottolinea Pisani. Per questo, “chiediamo nuovi interventi normativi tra cui – prosegue – un tavolo di lavoro con il Governo sulla pensione di garanzia e l’istituzione di un Osservatorio ad hoc che monitori gli impatti degli interventi, centrato su una strategia volta a ridurre la percentuale di Neet, come indicato nell’Agenda 2030”. Un punto su cui insistono anche i sindacati. “Lanciamo un appello alla politica: la questione giovanile va affrontata in maniera strutturale”, afferma il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri. Urgente, inoltre, ripartire con il confronto per la riforma delle pensioni. “Si riapra il prima possibile”, per “dare una risposta” anche a loro, insiste la Cgil, con i segretari confederali Roberto Ghiselli e Giuseppe Massafra.

Continua a leggere

Economia

Crisi Covid, oltre 73.000 imprese a rischio chiusura

Avatar

Pubblicato

del

Sono 73.200 le imprese italiane che rischiano di non sopravvivere al contraccolpo del Covid e di essere costrette a chiudere. E’ una quota che corrisponde al 15% del totale, e che vede una maggiore incidenza nel Mezzogiorno con quasi 20mila imprese (19.900) seguito a ruota dal Centro con 17.500. Di queste, una quota quasi doppia riguarda le imprese dei servizi (17%), rispetto alla manifattura (9%). E’ quanto emerge dall’indagine Svimez-Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne-Unioncamere, condotta su un campione di 4mila imprese manifatturiere e dei servizi tra 5 e 499 addetti. Nel rapporto viene messo in evidenza come le imprese a rischio di chiusura siano quelle che “hanno forti difficolta’ a ‘resistere’ alla selezione operata dal Covid come risultato di una fragilita’ strutturale dovuta ad assenza di innovazione (di prodotto, processo, organizzativa, marketing), di digitalizzazione e di export, e di una previsione di performance economica negativa nel 2021”. Quasi la meta’ (48%) delle imprese italiane e’ fragile (non innovative, non digitalizzate e non esportatrici). Al Sud arrivano al 55%, per quasi il 50% al Centro, per il 46% e il 41% rispettivamente nel Nord-Ovest e nel Nord-Est. Questi divari confermano la tesi Svimez di “nuova questione del Centro”, che ha un’incidenza piu’ vicina a quella del Mezzogiorno. E guardando nel dettaglio, l’incidenza e’ ancor piu’ marcata nel settore dei servizi, dove i deficit di innovazione e digitalizzazione fanno si’ che le imprese fragili superino il 50% a livello nazionale, sfiorando il 60% al Sud. Nel comparto manifatturiero sono fragili in Italia il 31% delle aziende, che salgono al 39% nel Mezzogiorno. “Dall’indagine emerge, oltre a una differenziazione marcata tra Nord Est e Nord Ovest, anche la fragilita’ di un Centro che si schiaccia sempre piu’ sui valori delle regioni del Sud – commenta il direttore Svimez, Luca Bianchi – I diversi impatti settoriali, con la particolare fragilita’ di alcuni comparti dei servizi, impongono, dopo la prima fase di ristori per tutti, una nuova fase di interventi di salvaguardia specifica dei settori in maggiore difficolta’, accompagnabili con specifiche iniziative per aumentare la digitalizzazione, l’innovazione e la capacita’ esportativa delle imprese del Centro-Sud”. L’indagine ha rilevato che il 30% delle imprese dei servizi e il 22% di quelle manifatturiere dichiarano aspettative di fatturato in calo anche nel 2021. Un chiaro segnale che la crisi non e’ affatto finita. Incrociando dinamiche settoriali e territoriali emergono due fatti principali: 1) nei servizi non si segnalano differenziali territoriali apprezzabili ed una persistenza della crisi soprattutto nel Nord-Ovest 2) nel manifatturiero, invece, si confermano le difficolta’ di ripresa del Mezzogiorno (27% delle imprese con previsioni di performance negative, contro il 19% del Nord-Est) e, sia pur meno accentuate, del Centro (25%). “E’ possibile che le imprese del Mezzogiorno possano conseguire quest’anno risultati ancora piu’ negativi rispetto alle loro aspettative, perche’ meno consapevoli dei propri ritardi accumulati sui temi dell’innovazione e del digitale – avverte Gaetano Fausto Esposito, direttore generale del Centro Studi delle Camere di commercio G. Tagliacarne – Anche per questo c’e’ bisogno di un patto per un nuovo sviluppo che tenga conto della gravita’ della situazione e del preoccupante aumento dei divari nel nostro Paese”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto