Collegati con noi

Cronache

Ospedale del Mare, la voragine del parcheggio forse causata dalle forti piogge

Avatar

Pubblicato

del

La causa del crollo dell’area del parcheggio dell’Ospedale del Mare di Ponticelli, a Napoli, potrebbe essere stata la forte pioggia caduta in questi giorni sulla città, in particolare proprio nella zona orientale. Secondo il comandante dei Vigili del Fuoco di Napoli, Ennio Aquilino, la prima ipotesi è che l’acqua torrenziale caduta abbia riempito un terrapieno che era poggiato su una piastra sottostante. È possibile che questo eccesso di carico abbia causato il cedimento”.

Intanto l’area del parcheggio dell’ospedale del Mare in cui si è aperta la voragine (circa 2.000 mq) è stata messa sotto sequestro dalla procura di Napoli, che sta svolgendo le indagini con l’ausilio del comando provinciale dei carabinieri. Le verifiche da parte dei vigili del fuoco andranno dunque coordinate con il consulente della procura e i militari dell’arma. I Vigili del Fuoco stanno completando le ultime verifiche strumentali con il coordinamento della Procura. Il cedimento dell’area del parcheggio ha costretto i responsabili ad evacuare il Covid residence dell’Ospedale del Mare.

Advertisement

Cronache

Molestò 4 bimbe nel centro ippico, processo a Milano

Avatar

Pubblicato

del

Per avere molestato quattro bambine, tra i 5 e i 9 anni, in un maneggio alle porte di Milano, verra’ processato con rito abbreviato con l’accusa di violenza sessuale aggravata un 25enne originario di Voghera (Pavia), ma residente a Cesano Boscone, nel milanese. Gli episodi sono avvenuti tra febbraio 2018 e novembre 2019, tutti all’interno del centro ippico alle porte del capoluogo lombardo dove le ragazzine frequentavano un corso di equitazione. Stando all’indagine del pm Rossana Guareschi, che ha chiesto il rinvio a giudizio, gli abusi sarebbero avvenuti nella selleria. L’uomo, che frequentava il posto perche’ proprietario di uno dei cavalli, le avrebbe prima spinte all’interno di questo luogo appartato del maneggio per molestarle, e brandendo un coltello, le avrebbe minacciate di ucciderle se avessero raccontato le violenze. Il processo, in abbreviato, che consente lo sconto di un terzo della pena, iniziera’ il prossimo 11 febbraio davanti al gup Alessandra Dal Corvo. Quel giorno chiederanno di costituirsi parti civili i genitori di due delle ragazzine, assistiti dall’avvocato Solange Marchignoli.

Continua a leggere

Cronache

Il Csm rassicura alcuni pm e politici finti moralisti: Maresca è libero di candidarsi, anche a sindaco di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

“Ai sensi dell’art. 51 della Costituzione, tutti i cittadini possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive. Tale diritto, di primario rilievo in un ordinamento a base democratica, spetta anche ai magistrati, per i quali il Costituente ha previsto unicamente la possibilità che, con legge primaria, siano poste ‘limitazioni al diritto di iscriversi ai partiti politici’. Non vi è poi una norma — si legge ancora nella delibera — che precluda ai magistrati di candidarsi per competizioni di natura amministrativa all’interno del circondario o del distretto nel quale esercitino le proprie funzioni”. “Catello Maresca ha pieno diritto di candidarsi per competizioni elettorali amministrative in Campania e nella provincia di Napoli, ivi comprese quelle relative al sindaco della città di Napoli. Non risulta poi che Maresca si sia reso autore di condotte tali da far ritenere concreto ed attuale un significativo appannamento della sua indipendenza ed imparzialità quale magistrato in servizio”. E ancora: “Maresca non ha mai dichiarato pubblicamente di essere candidato né ha mai svolto tipica e manifesta attività da campagna elettorale. È vero che risulterebbe aver intrattenuto contatti con personalità politiche, locali e nazionali, anche e proprio per valutare una sua possibile candidatura come sindaco di Napoli; tuttavia tali contatti di per sé non possono acquisire rilievo in quanto prodromici alla presentazione di una legittima candidatura”. Con questa motivazione la prima commissione del Consiglio superiore della magistratura ha chiesto al plenum di archiviare le accuse nei confronti di Catello Maresca. È questa la risposta, l’ennesima, alle insinuazioni, alle polemiche inutili, alle offese sul filo della querela (quasi mai superata) di qualche ex magistrato politicizzato in pensione o qualche attuale magistrato di sinistra che da sempre fa incetta di incarichi in ministeri e commissioni parlamentari senza aver quasi mai svolto le funzioni di inquirente, che avevano(ed hanno) paura di una possibile candidatura di Maresca a sindaco di Napoli. La prima Commissione del Csm prova così a rassicurare alcuni magistrati politicizzati che provano ad infangare la figura di magistrato integerrimo di Maresca. Una reputazione, quella di Maresca, costruita con arresti di mafiosi, sequestri di beni per centinaia di milioni di euro di mafiosi. Nelle prossime ore sarà dunque archiviata la pratica relativa all’ipotesi di candidatura a sindaco di Maresca perchè “ha pieno diritto di candidarsi per competizioni elettorali amministrative in Campania e nella provincia di Napoli, ivi comprese quelle relative al sindaco della città di Napoli”. E perchè “non risulta poi che Maresca si sia reso autore di condotte tali da far ritenere concreto ed attuale un significativo appannamento della sua indipendenza ed imparzialità quale magistrato in servizio”. Tutto finito? Tutto chiarito? Nel plenum non mancheranno certe le polemiche di qualche magistrato politicizzato. Due settimane, tale Giuseppe Cascini, un magistrato di una corrente politica dell’Anm, aveva sollecitato la necessità di approfondire la questione contestando al Csm un “atteggiamento ondivago sui rapporti fra politica e magistratura”. Chi è Giuseppe Cascini? Per farsi una idea, basta andare sul motore di ricerca Google e scrivere queste tue parole: “Giuseppe Cascini”. A Cascini, oggi consigliere togato di sinistra del Csm, rispose  Nino Di Matteo, il magistrato antimafia a Palermo eletto come indipendente al Csm, che aveva invece invitato a distinguere il caso Maresca, la cui candidatura è un’ipotesi “di cui si parla solo in articoli di stampa”, da altre vicende di magistrati vicini alla politica.

Continua a leggere

Cronache

Piazza San Carlo, 2 morti e 1600 feriti: condannati la sindaca di Torino Appendino e altri 4 imputati

Avatar

Pubblicato

del

Sono stati tutti condannati a un anno e sei mesi i 5 imputati – tra cui la sindaca di Torino Chiara Appendino – nel processo con rito abbreviato per i fatti di piazza San Carlo. Il procedimento si riferisce a quanto accadde nel capoluogo piemontese la sera del 3 giugno 2017, durante la proiezione su maxischermo della finalissima di Champions League: una serie di ondate di panico tra la folla portarono a 1.600 feriti e in seguito alla morte di due donne a causa delle lesioni subite. La sentenza del gup Maria Francesca Abenavoli riguarda, oltre ad Appendino, l’ex capo di gabinetto del Comune Paolo Giordana, l’allora questore Angelo Sanna, l’architetto Enrico Bertoletti e l’ex presidente dell’Agenzia Turismo Torino, Maurizio Montagnese. Un sesto imputato, Danilo Bessone, esponente di Turismo Torino, ha chiesto e ottenuto di patteggiare un anno e sei mesi. Tutti hanno ottenuto la sospensione condizionale della pena. Le accuse mosse dalla procura erano disastro, lesioni e omicidio colposo. Dice di provare “amarezza” la sindaca di Torino, Chiara Appendino, che in un lungo post su Facebook commenta la condanna per i fatti di piazza San Carlo. Appendino sottolinea di non avere intenzione di sottrarsi alle responsabilita’, ma “e’ altrettanto vero che oggi devo rispondere, in quanto sindaca, di fatti scatenati da un gesto – folle – di una banda di rapinatori”, aggiunge sostenendo che sul “difficile ruolo dei sindaci forse andrebbe aperta una sana discussione”. Appendino conclude dicendosi “fiduciosa di riuscire a far valere le nostre tesi nei prossimi gradi di giudizio”.

“Questa tragica vicenda mi ha segnato profondamente”. E’ un passaggio del lungo post su Facebook in cui la sindaca di Torino, Chiara Appendino, commenta la sua condanna a un anno e mezzo per i fatti di piazza San Carlo. “Quei giorni e i mesi che sono seguiti sono stati i piu’ difficili sia del mio mandato da sindaca sia della mia sfera privata, personale – aggiunge la prima cittadina -. E il dolore per quanto accaduto quella notte e’ ancora vivo e lo portero’ sempre con me”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto