Collegati con noi

Cronache

Orrore non giornalismo, foto macabre di Schumacher a letto rubate e messe in vendita a un milione di sterline

Avatar

Pubblicato

del

È una vergogna, non è informazione. Chi pensava che con Corona si fosse toccato il fondo, ora dovrà ricredersi. Vi raccontiamo la storia delle foto rubate di Michael Schumacher. Come se non bastasse la tragedia che lo ha colpito sei anni fa e che lo sta costringendo a una lunghissima cura riabilitativa, Michael Schumacher che per almeno un  anno ha lottato per vivere, ora deve anche fare i conti con la spietatezza delle voci e delle indiscrezioni che lo accompagnano da quel tragico 29 dicembre 2013. Il britannico ‘Mirror’ ha fatto sapere che alcune immagini, definite macabre, noi preferiamo definirle disgustose come disgustoso è chi le ha scattate, sono state carpite all’interno della villa dove vive l’ex campione di F1 sarebbero state prima rubate e poi offerte a una cifra clamorosa: 1 milione di sterline.

Da quel terribile giorno dell’incidete sulle Alpi francesi nessuna immagine o video dell’ex pilota tedesco è infatti mai circolata. Anche una forma di rispetto per l’uomo, per l’essere umano, non tanto e non  solo per il campione. “Ma l’anno scorso – scrive oggi il tabloid – ci sono stati degli scatti presi di nascosto che mostrano Schumacher sdraiato a letto, a casa sua a Ginevra, in Svizzera. Foto che, in violazione del rigidissimo protocollo di riservatezza che ha da sempre accompagnato Schumi in questi anni, furono poi portate fuori di casa da una persona sconosciuta”. L’autore o gli autori dell’esecrabile gesto avrebbero poi cercato di rivendere le foto per circa un milione di sterline. Il Mirror aggiunge anche che il mese scorso la moglie Corinna, venuta a conoscenza della cosa, ha invitato la polizia sizzera a intervenire, per bloccare eventuali pubblicazioni, coinvolgendo anche gli avvocati della famiglia per violazione della privacy del pilota.

Lo stesso tabloid  che dà la notizia penosa del furto di foto, cita anche le dichiarazioni di un neurochirurgo, secondo il quale le condizioni di Schumacher sarebbero peggiorate negli ultimi anni parlando di “struttura organica, muscolare e scheletrica molto alterata e deteriorata” a causa del trauma cerebrale subito. In un raro aggiornamento sullo stato di salute dell’ex ferrarista, poco prima del sesto anniversario dell’incidente, Corinna aveva affermato che “le cose grandi iniziano con piccoli passi” diffondendo ottimismo tra i fans del campione. In realtà le condizioni di Schumi sono ignote: sei anni fa il bollettino medico parlò di danno assonale diffuso al cervello.

Da allora le informazioni sono state rarissime e non ufficiali. A settembre Schumi venne trasportato all’ospedale Pompidou di Parigi per essere sottoposto ad un trattamento con le cellule staimali per ottenere quella che tecnica,mente viene definita un’azione anti-infiammatoria sistemica”. Per il resto buio e mistero. Come quello che avvolge la vicenda sulle presunte cartelle cliniche di Schumi trafugate nell’agosto del 2014 da un uomo, funzionario della Rega, l’azienda del trasporto medico della Svizzera, che si sarebbe poi impiccato in una cella di Zurigo. Un episodio degno di una spy-story senza fine.

Advertisement

Cronache

Traffico internazionale di droga, 14 arresti a Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Uomini e donne della Squadra Mobile di Napoli, con la collaborazione della Squadra Mobile di Caserta, hanno eseguito un’ordinanza cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari su richiesta della DDA, nei confronti di 14 indagati gravemente indiziati di traffico internazionale e spaccio di sostanze stupefacenti. Con il medesimo provvedimento cautelare è stato, inoltre, disposto il sequestro di beni immobili, autovetture, motoveicoli, conti correnti e quote societarie. Le attività di indagine, si legge nell’ordinanza, traggono origine dall’incendio sviluppatosi, in data 14 giugno 2018, all’interno del bar “Le Shabby Cafè”, in via Toledo n. 33 a Napoli, gestito da una delle società riconducibili agli indagati.

Gli elementi raccolti hanno consentito di individuare un consolidato traffico di cocaina, importata dai Paesi Bassi, riferibile alla famiglia Bonavolta, parte del cartello camorristico Mazzarella.

Il quadro indiziario è costituito dalle intercettazioni e dai riscontri, arresti e sequestri di sostanza stupefacente e di somme di denaro.

In particolare l’arresto di uno dei corrieri, avvenuto l’11.04.2019, al rientro da un viaggio dall’Olanda per conto dell’organizzazione, trovato in possesso di circa 7 kg si sostanza stupefacente del tipo cocaina ed il sequestro di una grossa somma di denaro, 557.410,00 euro, nei confronti di altri due corrieri, somma destinata all’acquisto di sostanza stupefacente e strettamente collegata ad uno degli innumerevoli viaggi organizzati per l’acquisto all’estero di sostanza stupefacente.

Ulteriore riscontro è stato acquisito con il sequestro di persona a scopo di estorsione nei confronti cognato di uno dei corrieri a causa di un debito, di 350.000,00 euro, per l’acquisto all’estero di sostanza stupefacente.

Di seguito si riportano i nomi degli arrestati:

  • 1) BALZAMO Elena;
  • 2) BONAVOLTA Luigi;
  • 3) BONAVOLTA Mariano;
  • 4) BONAVOLTA Salvatore;
  • 5) CAPUTO Roberto ;
  • 6)COZZOLINO Filomena;
  • 7) DEL VECCHIO Pasquale;
  • 8) DEL VECCHIO Rosario;
  • 9)MONACO Carlo );
  • 10) NOCERA Cira;
  • 11) NOCERA Mariangela;
  • 12) NOCERA Giuseppe ;
  • 13) ORLANDO Luciano;
  • 14) SASSOLINO Alberto;

Continua a leggere

Cronache

Agguato , stile mafioso, notte , Sant’Antimo, ferito gravemente, 21enne ,incensurato

Avatar

Pubblicato

del

Agguato nella notte a Sant’Antimo. Un ragazzo 21enne è stato gambizzato con  6 proiettili alle gambe. Il giovane è incensurato. È stato colpito mentre camminava in corso Europa con un amico, anch’egli privo di legami con la criminalità e rimasto illeso. Il 21enne è stato trasportato all’ospedale civile di Frattamaggiore dove è tuttora ricoverato in gravi condizioni, è in  coma farmacologico indotto, a seguito di un complesso intervento chirurgico per estrarre le pallottole. Il giovane ha perso molto sangue. Sull’agguato indagano i carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e della Tenenza di Sant’Antimo che hanno trovato sul luogo alcuni bossoli calibro 9×21. Ancora ignoti autori e movente dell’agguato. Sarà determinante la collaborazione del giovane rimasto illeso a capire chi e perchè ha sparato e quasi ucciso il 21enne.

Continua a leggere

Cronache

Maltratta moglie e in presenza dei Carabinieri la minaccia

Avatar

Pubblicato

del

Maltratta la moglie e poi, in presenza dei Carabinieri, la minaccia di morte: un 54enne è stato arrestato a Ercolano (Napoli). A seguito di una telefonata al 112, i Carabinieri della tenenza di Ercolano insieme a quelli della sezione operativa della compagnia di Torre del Greco sono giunti nell’ abitazione dei due e hanno constatato che dopo l’ennesima lite la donna era stata presa a schiaffi e pugni dal marito. Il 54enne anche in presenza dei militari ha minacciato di morte la donna: a quel punto, hanno tentato di calmare l’uomo che ha finito per spintonarli. Arrestato, il 54enne è stato condotto n carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto