Collegati con noi

Tecnologia

Onde gravitazionali, dai pc di casa un aiuto alla ricerca

Avatar

Pubblicato

del

Chiunque potra’ studiare gli oggetti piu’ misteriosi dell’universo, i buchi neri, stando comodamente seduto davanti al proprio pc di casa. Potra’ analizzare come questi titani cosmici, che grazie al loro irresistibile abbraccio gravitazionale ingoiano pure la luce, scontrandosi producano onde gravitazionali che increspano lo spazio-tempo, come fa un sasso gettato in uno stagno. I cittadini diventeranno scienziati grazie al progetto BlackHoles@Home, lanciato al congresso della Societa’ americana di fisica di Denver, in Colorado, dai ricercatori dell’Universita’ statunitense della Virginia Occidentale, coordinati da Zachariah Etienne. Gli studiosi stanno mettendo a punto un apposito sito web, dal quale chiunque potra’ scaricare i software necessari per partecipare al progetto BlackHoles@Home, in modo analogo a quanto avviene per il programma SETI@Home (Search for Extra-Terrestrial Intelligence), per la caccia al primo segnale di vita intelligente extraterrestre.

L’appello per aiutare i ricercatori che danno la caccia alle onde gravitazionali prodotte dai buchi neri arriva all’indomani della pubblicazione della prima foto di uno di questi cannibali cosmici, realizzata dalla collaborazione internazionale Event Horizon Telescope (Eht), una rete globale di radiotelescopi che si comportano come un unico grande osservatorio grande come la Terra. L’annuncio giunge, inoltre, a pochi giorni dalla riaccensione, all’inizio di aprile, dei cacciatori di onde gravitazionali Ligo e Virgo, ora molto piu’ potenti e sensibili. I due rivelatori americani Ligo, della National Science Foundation (Nsf), e Virgo, dell’Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego), al quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), hanno infatti ripreso a osservare il cielo, ma a una distanza doppia e a un volume otto volte superiore rispetto al 2018. E ad aiutarli questa volta ci saranno anche comuni cittadini con i loro computer di casa. “I nostri rivelatori sono diventati piu’ sensibili e quindi – ha spiegato Etienne – abbiamo bisogno di ampliare i nostri sforzi per decodificare tutte le informazioni contenute nelle onde gravitazionali prodotte dalla collisione tra coppie di buchi neri. Per questo – ha concluso – chiediamo aiuto ai cittadini, per simulare con i loro pc di casa gli effetti di queste collisioni estremamente energetiche”.

Advertisement
Continua a leggere

Tecnologia

Samsung, slitta il lancio del Galaxy pieghevole: “Servono altri test”

Avatar

Pubblicato

del

Samsung annuncia lo slittamento del lancio del Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole. Una decisione per consentire ulteriori test e per valutare i commenti dei critici, secondo i quali servono ulteriori miglioramenti per il dispositivo che costa quasi 2.000 dollari. Alcuni critici hanno infatti riscontrato difetti non trascurabili, quali la rottura dello schermo solo dopo uno o due giorni di uso. Il Galaxy pieghevole sarebbe dovuto arrivare nei negozi americani il 26 aprile. Samsung annuncerà la nuova data per il lancio nelle prossime settimane.

Continua a leggere

Tecnologia

Scoperta super-tempesta magnetica su una mini-stella

Avatar

Pubblicato

del

Una super-tempesta magnetica, dieci volte più potente della piu’ grande mai osservata sul Sole, e’ stata scoperta su una mini-stella delle dimensioni di Giove: si tratta dell’eruzione piu’ energetica mai vista su una stella cosi’ piccola e fredda, che l’ha resa 10.000 volte piu’ luminosa del normale. L’evento, avvenuto il 13 agosto 2017, e’ stato osservato da un gruppo di ricerca guidato dall’Universita’ di Warwick, Gran Bretagna, e descritto sulla rivista mensile della Royal Astronomical Society. La stella, a 250 anni luce di distanza dalla Terra (un anno luce equivale a circa 9.461 miliardi di chilometri), e’ diventata visibile ai telescopi solo grazie alla gigantesca esplosione.

“Per le sue dimensioni, si trova esattamente al limite tra una stella e una nana bruna, un oggetto estremamente piccolo”, spiega James Jackman, alla guida del gruppo che ha osservato la stella per 146 notti. “Investigando questo limite – aggiunge – possiamo scoprire se questo tipo di eruzioni stellari, dovuto all’improvviso rilascio di energia magnetica dall’interno del corpo celeste, sono limitati dalle sue dimensioni”. La tempesta magnetica, in termini energetici, ha prodotto l’equivalente di 80 miliardi di milioni di tonnellate di Tnt, o tritolo: dieci volte piu’ potente della piu’ grande eruzione solare mai osservata, il cosiddetto Evento di Carrington del 1859. In quell’occasione la tempesta provoco’ notevoli disturbi all’allora recente tecnologia del telegrafo, causando l’interruzione delle linee per 14 ore, e produsse un’aurora boreale visibile anche a latitudini molto inusuali, come a Roma. Se un evento della stessa potenza avvenisse sul Sole, i sistemi energetici e le comunicazioni sulla Terra sarebbero in serio pericolo.

Continua a leggere

Tecnologia

Cervelli di maiale riattivati dopo la morte

Avatar

Pubblicato

del

Nonostante la morte fosse avvenuta alcune ore prima, i cervelli di 32 maiali sono tornati a essere vitali grazie a una tecnica che ripristina la circolazione del sangue e le funzioni cellulari, fino a formare delle sinapsi. Il risultato e’ pubblicato sulla rivista Nature, che gli ha dedicato la copertina, e si deve al gruppo dell’Universita’ di Yale coordinato da Nenad Sestan. Primi autori sono Zvonimir Vrselja e Stefano G. Daniele, ha collaborato l’italiana Francesca Talpo, che lavora fra Yale e Università di Pavia. Proprio Francesca Talpo ha notato anche una debolissima attivita’ elettrica legata pero’ alle singole cellule e non globale: l’elettroencefalogramma resta piatto e non si puo’ parlare di alcun risveglio della coscienza. E’ piuttosto il giro di boa verso la possibilita’ di poter studiare il cervello di mammiferi complessi dopo la morte, senza che i tessuti si degradino rapidamente. Adesso diventa possibile studiare le malattie neurodegenerative con un dettaglio mai visto e sperimentare farmaci per combattere i danni cerebrali provocati dalla carenza di ossigeno. Certamente ci si chiede come stia cambiando il confine tra vivente e non vivente, ma i ricercatori si muovono lungo questa strada insidiosa con molta prudenza e un continuo dialogo con i comitati etici. Una prima fuga di notizie sull’esperimento c’era stata nel 2018, quando sui giornali si comincio’ a parlare di ‘maiali zombie’, ma solo adesso sono stati pubblicati i dati. Secondo Sestan, in futuro la stessa tecnologia “potrebbe essere utilizzata per terapie contro i danni provocati dall’ictus”. Di certo, ha aggiunto, questo primo risultato indica che “la capacita’ dei cervelli dei grandi mammiferi di ripristinare la microcircolazione e l’attivita’ molecolare e cellulare e’ stata sottovalutata”. L’esperimento e’ stato condotto su 32 cervelli di maiale ottenuti da macelli con lo strumento chiamato BrainEx, progettato e finanziato nell’ambito della Brain Initiative promossa dagli statunitensi National Institutes of Health (Nih). Il dispositivo si basa su un sistema che, a temperatura ambiente, pompa nelle principali arterie del cervello una soluzione chiamata BEx perfusato, un sostituto del sangue basato su un mix di sostanze protettive, stabilizzanti e agenti di contrasto. Immersi nel dispositivo, in sei ore nei cervelli sono state ripristinate l’irrorazione in tutti i vasi sanguigni e alcune funzioni cellulari; si e’ anche notata la riduzione della morte cellulare. Non e’ chiaro se tempi di perfusione piu’ lunghi possano portare a un ripristino completo dell’attivita’ cerebrale: per questo nuovo obiettivo, secondo i ricercatori, saranno necessari ulteriori test. Solo tra molto tempo si potra’ pensare di utilizzare questa tecnologia su cervelli umani.

Continua a leggere

In rilievo