Collegati con noi

Politica

Oltre 5 milioni a scuola, Conte: “Sono al vostro fianco”

Avatar

Pubblicato

del

Ancora poche ore e in dodici regioni piu’ la provincia di Trento 5,6 milioni di studenti (su 8,3 totali) torneranno a sentire il suono della campanella che sancira’ l’inizio dell’anno scolastico piu’ difficile perche’ banco di prova per l’emergenza coronavirus. Lo sa bene il premier Giuseppe Conte che senza giri di parole, in una diretta Facebook, ha riconosciuto che “ci saranno difficolta’, disagi, soprattutto all’inizio”. La cerimonia ufficiale di inaugurazione del nuovo anno si terra’ a Vo’, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e della Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Sara’ una scuola diversa quella del 2020-2021, che si e’ cercato di rendere piu’ sicura, anzi, come ha detto nei giorni scorsi la ministra Azzolina, “e’ il posto piu’ sicuro di tutti in questo momento”.

Affermazione che Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) ha fatto sua stamani – “la scuola non e’ un pericolo, forse e’ l’ambiente piu’ protetto” – assicurando che le mascherine “saranno disponibili a scuola tutti i giorni, sono sicuro che nei prossimi giorni la distribuzione sara’ capillare e sara’ garantita. Ci saranno per tutto l’anno scolastico, il commissario Arcuri lo ha garantito”. Inizio d’anno a tante incognite dunque che vede sommarsi “alle carenze strutturali che ci trasciniamo da anni – ha detto Conte – l’attuale pandemia”. Dalla carenza di organico di personale docente e non a quella di spazi spesso insufficienti per garantire il distanziamento, dalla paura del reperimento quotidiano di mascherine alla gestione delle quarantene, dagli orari ridotti alla mancanza dei banchi monoposto, le scuole hanno dovuto fare un vero sudoku per riaprire i loro spazi garantendo il diritto all’istruzione senza far venire meno la sicurezza sanitaria. D’altronde “non sara’ come prima”, aveva detto ieri la stessa Azzolina, “ci vuole un po’ di pazienza”.

Viste le difficolta’, il premier ha voluto dedicare “un saluto agli insegnanti: avete fatto uno sforzo straordinario in questi mesi di lockdown continuando a fare lezione con la didattica a distanza. Ringrazio anche le famiglie che hanno fatto molti sacrifici. Grazie anche ai dirigenti e tutto il personale della scuola: in questi mesi estivi avete lavorato tantissimo per essere pronti per la riapertura. Saremo con tutti voi, saremo al vostro fianco e continueremo a esserlo nei prossimi giorni e mesi”. Critico il leader della Lega Matteo Salvini che vuole mandare a casa la ministra: “Non accompagnero’ i miei figli a scuola perche’ sono lontano per lavoro. Pero’ ci sono milioni di famiglie che, per colpa di un Governo che ha perso mesi di tempo, non accompagneranno nessuno a scuola. Mancano 60mila insegnanti, mancano 20mila aule, mancano i bidelli, mancano le mense”. Intanto dal Ministero arrivano i dati: quest’anno gli studenti delle scuole statali saranno distribuiti in 369.048 classi. Di questi, 876.232 sono iscritti alla Scuola dell’infanzia, 2.384.026 alla Primaria, 1.612.116 alla Secondaria di primo grado, 2.635.110 alla Secondaria di secondo grado. Sempre nella scuola statale, gli studenti con disabilita’ aumentano dai 259.757 di un anno fa ai 268.671 di quest’anno. Di questi, 19.907 frequenteranno la Scuola dell’infanzia, 100.434 la Primaria, 70.431 la Secondaria di primo grado, 77.899 la Secondaria di secondo grado. Nelle Secondarie di II grado statali, 1.327.443 i ragazzi frequenteranno un indirizzo liceale, 830.860 un Istituto tecnico, 476.807 un Istituto professionale. Al di la’ dei numeri, da premier e da padre Conte (domani ha detto che accompagnera’ il figlio a scuola) lancia l’ultima raccomandazione: “Tutelate la vostra salute e la salute delle persone che amate e che vi amano”.

Advertisement

Napoli

Napoli, la Giunta comunale approva il rendiconto gestione 2020 e bilancio 2021: ridotti 150 milioni di disavanzo

Avatar

Pubblicato

del

La Giunta comunale ha approvato, ieri sera, il rendiconto di gestione relativo all’esercizio 2020 e il bilancio di previsione 2021-2023 unitamente alla salvaguardia degli equilibri di bilancio.Nonostante la crisi sanitaria, sociale ed economica che ha stravolto la programmazione e gestione finanziaria di tutti gli enti locali, il Comune di Napoli riesce a ridurre di circa 150 milioni il proprio Disavanzo di amministrazione.Tale risultato va sottolineato perché raggiunto in un momento di grandi complessità economiche e sociali considerando le difficoltà connesse al recupero dell’evasione dei tributi e la dismissione del patrimonio, attività che hanno risentito degli effetti della pandemia e che non hanno potuto trovare la piena espressione rispetto al percorso che il Comune aveva intrapreso e che iniziava a dare i suoi risultati. Relativamente al bilancio previsionale 2021- 2023, di seguito si riportano le principali direttrici: piano di assunzioni a tempo determinato di educatrici e maestre della scuola dell’infanzia; termine di un ciclo triennale di stabilizzazioni dei circa 500 Lavoratori Socialmente Utili in carico al Comune di Napoli; procedure di assunzioni per funzionari amministrativi, dirigenti, ecc. procedure di assunzioni a tempo determinato di nuove equipe multidisciplinari; stabilizzazione del personale impegnato nelle attività per l’attuazione del reddito di cittadinanza, da impiegarsi per le future attività di contrasto alle povertà, alla violenza di genere, e allo svantaggio sociale; conferma dell’investimento sul welfare anche mediante l’efficiente utilizzo di fondi europei; introduzione di alcuni benefici per le utenze non domestiche relativamente alle tariffe TARI; stanziamento di risorse per l’attivazione della linea metropolitana 6.

Da evidenziare che i risultati ottenuti dal Comune di Napoli sono ancora più importanti se si considerano la reiterazione dei tagli, specialmente in questo contesto pandemico, del Fondo di Solidarietà Comunale.A questo si aggiungono gli effetti della sentenza n°80 della Corte Costituzionale, in relazione alla quale, l’intervento del legislatore nel decreto sostegni bis ha consentito solo parzialmente di neutralizzare gli effetti della stessa. Il Comune di Napoli si è visto riconosciuti sul triennio 2021 – 2023 solo 240.000.0000 di euro a fronte dei 285.000.000 necessari. “Come Sindaco e come Giunta, assieme ai Dirigenti coinvolti nella predisposizione del Bilancio preventivo, abbiamo scelto di valorizzare un lavoro collegiale e di visione sistemica delle diverse fonti di finanziamento con l’obiettivo di garantire la tenuta della città e permettere, al futuro Sindaco, di iniziare un percorso senza una ulteriore barriera che, noi, come Amministrazione, non porremo mai alla nostra città, perché sappiamo cosa significa affrontare ogni giorno le disattenzioni che hanno dovuto subire i cittadini. Questa città merita un passaggio di consegne e una continuità che abbiamo sempre salvaguardato e che, fino alla fine, abbiamo garantito.” – dichiarano Luigi de Magistris e l’Assessora al Bilancio Rosaria Galiero- “Nonostante i numerosi ostacoli, nonostante la costante disattenzione dei Governi rispetto alle problematiche della Città, Napoli esiste e resiste ancora.”“Questo nostro bilancio di previsione registra soprattutto la volontà piena di questa amministrazione di parlare ancora una volta, come in questi anni, al lavoro, alla creazione di opportunità e alla riduzione delle disuguaglianze, in un momento storico che ci restituisce indicatori di svantaggio socio-economico drammatici che vengono utilizzati da una parte della politica di questo Paese che costruisce una narrazione mortificando chi vive delle disuguaglianze con l’unico obiettivo di creare consenso.” concludono il primo cittadino e l’assessora al bilancio.

Continua a leggere

Politica

Ermini, vicepresidente del Csm: ok su principi della riforma, ma investire di più

amministratore

Pubblicato

del

I principi della riforma della Giustizia sono condivisibili, ma per raggiungere gli obiettivi, garantendo la non impunita’ e mettendo al sicuro i processi in corso, non basta una legge, servono piu’ risorse. Lo sottolinea a Repubblica David Ermini, vicepresidente del Csm, che invita a passare “dall’astrattezza delle norme a concreti investimenti e misure organizzative”. I fondi Recovery possono bastare per il contingente, riflette, ma va mantenuto l’impegno di destinare una parte significativa del Pil alla giustizia. E avverte: “dico subito che se le cose dovessero andare male non si potra’ gettare la responsabilita’ sulla magistratura”.

Continua a leggere

Politica

Giustizia, Conte convoca il M55 per chiedere compattezza al voto

Avatar

Pubblicato

del

Il M5s di Giuseppe Conte e’ il “sorvegliato speciale” in vista delle prossime ore che dovrebbero dare il via libera alla riforma della Giustizia. L’accordo sul provvedimento che approda in Aula alla Camera dovrebbe essere ormai “blindato” ma nel governo l’attenzione rimane altissima soprattutto nei confronti di possibili strappi dentro il M5s. “Adesso tutti rispettino i patti”, invoca la Guardasigilli, Marta Cartabia, nel corso di un forum con la Repubblica. Il timore e’ che ci possa essere qualcuno o qualche partito che possa mettere nuovi paletti e aprire nuove questioni. Non e’ infatti passato inosservato il via libera all’emendamento dell’azzurro Pierantonio Zanettin in cui si chiedono “criteri piu’ stringenti” per la riapertura delle indagini: la previsione potrebbe rischiare di sollevare ulteriori dubbi tra i 5 Stelle che hanno anche dovuto rinunciare ad un’esplicito riferimento ad un allungamento dei tempi di prescrizione per i reati contro la Pa e che intanto, ad esempio, si uniscono a Leu per chiedere di dare piu’ tempo ai processi per le catastrofi ambientali. Fonti di governo ritengono “improbabile” che ci possano essere modifiche dell’ultimo minuto ma intanto Giuseppe Conte raduna i 5 Stelle. L’ex premier ha infatti indetto per domani pomeriggio una riunione con i deputati e senatori proprio per fare il punto sulla riforma Cartabia. L’assemblea, ci tengono a chiarire i 5 Stelle, era stata richiesta da tempo soprattutto per condividere con i gruppi le decisioni e le trattative che erano state portate avanti da un gruppo ristretto di esponenti. Nonostante arrivino appelli dagli ex “grillini” a non votare la riforma, i 5 Stelle assicurano di essere compatti, che i dubbiosi sarebbero pochissimi, ma siccome a metterci la faccia e’ Giuseppe Conte, l’ex premier chiedera’ alla sua pattuglia di sostenerlo. Per lui sono infatti giorni caldissimi. Lunedi’ e martedi’ il nuovo M5s di Conte con il suo nuovo Statuto sara’ sottoposto al voto della base: passera’ solo se avra’ raggiunto la maggioranza assoluta degli iscritti, altrimenti si dovra’ andare in seconda convocazione, il 5 e 6 agosto, dove il quorum sara’ la maggioranza dei votanti. Per Conte la sfida non sara’ tanto quella di ottenere una larga maggioranza, quanto quella di portare alle “urne” un numero consistente di iscritti. E questo sara’ il vero nodo della votazione. Perche’ molti degli iscritti al M5s rimasti “in sonno” sulla vecchia piattaforma Rousseau non avranno ricevuto l’invito a votare ma anche perche’ altri deliberatamente non voteranno. O voteranno No. Un meet-up di Catania lo ha scritto nero su bianco: “Noi voteremo NO al nuovo Statuto che pone un uomo solo al comando, in spregio ai valori fondanti del nostro Movimento”. E’ un granellino di sabbia nella prateria 5 Stelle ma e’ la spia di un sentimento che si va diffondendo nella base pentastellata e che nei prossimi giorni potrebbe concretizzarsi in azioni di aperto contrasto con la linea del futuro leader Giuseppe Conte. L’ex candidato sindaco M5s di Napoli, Matteo Brambilla, annuncia: “Io non votero’ proprio. Non legittimero’ questa votazione con il mio voto. E non aderiro’ neppure al nuovo Movimento 2050” . Anzi, lui si mettera’ alla testa di una lista alternativa al M5s, composta da ex “grillini”, che correra’ a Napoli. E mentre il M5s avvia la selezione dei candidati da inserire nelle liste M5s da “certificare”, iniziative analoghe a quella di Napoli spunteranno un po’ in tutta Italia, in Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Puglia, passando per Bologna ed anche per Roma e il Lazio. Ci saranno tra le 50 e le 100 liste locali alternative al M5s, disposte, si spiega, ad interloquire con Alessandro Di Battista, Nicola Morra (“Io moderato e liberale non ci voglio morire”, dice quest’ultimo) e Barbara Lezzi e a fare “rete” tramite una piattaforma. Quella di Davide Casaleggio potrebbe essere a disposizione.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto