Collegati con noi

Cronache

Nuovo rimpasto in Giunta a Napoli, nominati 4 nuovi assessori: de Magistris fa “assessora” anche l’ex del M5S

amministratore

Pubblicato

del

Eleonora De Majo, Luigi Felaco, Rosaria Galiero e Francesca Menna sono i nuovi assessori che vanno a integrare la Giunta comunale di Napoli. Nella squadra guidata dal sindaco Luigi de Magistris, prendono il posto di Mario Calabrese, Nino Daniele, Roberta Gaeta e Laura Marmorale. Prende forma così il rimpasto ampiamente annunciato nelle scorse settimane e ufficializzato dal primo cittadino nel corso di una conferenza stampa. Il cambio di nomi si accompagna anche a una redistribuzione delle deleghe. De Majo,consigliere comunale del gruppo demA ed esponente del centro sociale Insurgencia, riceve Cultura e Turismo, prima in capo a Daniele. All’altro consigliere di demA, Felaco, vanno Verde e Beni confiscati, mentre Rosaria Galiero, del gruppo Napoli in Comune a sinistra, si occuperà di Commercio e Attività produttive (prima affidate al vicesindaco Panini). L’ex consigliera Francesca Menna, eletta con il M5s e dimessasi all’indomani del voto degli attivisti del Movimento sul caso Diciotti, viene ripescata e lavorerà sui temi delle Pari opportunità della Salute e del Contrasto alla violenza di genere. Con il nuovo rimpasto sale a 33 il numero degli assessori che hanno affiancato il sindaco negli ultimi otto anni. Entrando in Giunta, i consiglieri De Majo, Felaco e Galiero lasciano il posto in Consiglio a Elena De Gregorio e Sergio Colella di demA e a Chiara Guida, eletta con la Sinistra ma passata successivamente nel movimento fondato dal sindaco. Il sindaco, come di consueto, si intesta ogni cambiamento. Assume su di sé oneri ed onori di guidare la terza metropoli d’Italia.  “Questa decisione è frutto solo della mia volontà e me ne assumo tutta la responsabilità nel bene e nel male”, chiarisce de Magistris, che si dice “onorato del lavoro svolto dalla vecchia Giunta”. Assicura che le scelte operate “consolidano e rafforzano quanto fatto finora” e “danno ossigeno all’amministrazione”, con l’obiettivo di “guardare ai giovani e al futuro e migliorare, affinchè si vincano le prossime Comunali”. Il sindaco riconosce che, negli ultimi tempi, “si viveva un momento di stanca” e precisa che la scelta dell’ex Cinque Stelle Menna, vicina a Fico, non apre le porte a un’intesa politica. Sono sempre questi i momenti in cui il primo cittadino dà uno scossone. Quando sente che c’è un momento di “stanchezza” nella squadra di governo della città. Per chi va via, per chi lascia, però, non è un atto di sfiducia. Anzi, il primi cittadino tiene molto a sottolineare l’apporto che hanno fornito. È certamente il caso dell’assessore alla Cultura Nino Daniele, eccellente protagonista di nelle pagine di cultura in città, benché le risorse siano sempre poche.

Rimpasto in Giunta. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dimettere e ringrazia 4 assessori e ne nomina altri quattro

“È una scelta di persone e non di partito”, taglia corto. Con la nuova Giunta l’ex pm si prepara ad affrontare in Consiglio la mozione di sfiducia presentata nei suoi confronti dal centrodestra, che sarà discussa il 22 novembre. “Sono certo che la maggioranza darà una prova forte – dice – e si rispetterà il diritto di essere valutati a fine mandato. Capiremo se conta questo o se conta altro, altrimenti andremo a casa, ma mi auguro che la mozione sia rigettata”. La sfiducia ha preso corpo dopo la diffusione da parte del quotidiano Repubblica nelle pagine locali di un audio che svelava un ‘patto’ tra cinque consiglieri di maggioranza per mandare a casa il sindaco prima delle Regionali del prossimo maggio se non ci fosse stato un rimpasto condiviso con loro. “Un’operazione infingarda”, la definisce de Magistris, che “ha turbato la città e mi ha procurato amarezza. Ma piu’ cercano di logorarmi piu’ io mi carico”. Guardando proprio all’appuntamento con le Regionali, il primo cittadino lascia intendere che potrebbero esserci ulteriori avviendamenti perche’, rbadisce, come demA “ci saremo certamente e qualche componente di questa Giunta potrebbe essere tra i candidati”.

Advertisement

Cronache

Materiale pedopornografico reperito sulla rete, arrestato un 49enne di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania nella giornata di giovedì ha tratto in arresto un quarantanovenne di Napoli resosi responsabile di detenzione di materiale pedopornografico. L’attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – IV Sezione – Fasce Deboli, è stata avviata a seguito di segnalazione del Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia online (C.N.C.P.O.) del Servizio  Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma e ha consentito di ricostruire le condotte criminose poste in essere dall’arrestato attraverso l’utilizzo della rete internet e finalizzate a procacciarsi materiale pedopornografico.

Il predetto è stato identificato attraverso l’analisi delle tracce informatiche relative alle connessioni di interesse investigativo e,  a seguito di perquisizione,  è stato trovato in possesso di un’ingente quantità di materiale a carattere pedopornografico rinvenuto sui dispositivi a lui in uso.

Continua a leggere

Cronache

Coppia trovata morta in casa, l’ipotesi è una overdose di stupefacenti

Avatar

Pubblicato

del

I corpi senza vita di un uomo di 47 anni e di una donna di 42 sono stati rinvenuti dai carabinieri in un’abitazione a Brugherio (Monza), nella tarda serata di ieri. Dai primi accertamenti i decessi potrebbero verosimilmente essere riconducibili a un’overdose da sostanze stupefacenti. Le indagini sono in corso da parte dell’Arma dei Carabinieri.

Continua a leggere

Cronache

Alessandro Bologna alias Franchino il criminale, il boxer che fornisce ai ragazzi le “istruzioni” anti bulli

Salvatore Calleri

Pubblicato

del

Alessandro Bologna alias Franchino, boxer di 41 anni, fa l’istruttore. Ed è assai ricercato. Da quel che si evince sui social ha un concetto di boxe popolare molto interessante. Facciamo 2 chiacchere con lui. Con ironia.

Franchino chiariamo subito una cosa: vieni da Roma nord o da Roma sud?

Teoricamente vengo da Roma centro! Sono nato nel quartiere Prati, mia mamma era di la’ ma cresco e vivo fino a 20 anni a San Giovanni. Poi a dire il vero quando ero ragazzo io non esisteva questa divisione netta di pensiero tra Roma nord e Roma sud. Mi spiego meglio, c’era ma non era palesata o etichettata come invece è successo negli ultimi 15 anni. Mi definisco infine un “Roma sud”, è la Roma che alla fine mi ha adottato, dove mi trovo bene e sicuramente più affine al mio modo di vivere, popolare, de core e dove forse qualcuno ancora ti saluta per strada e ti chiede come stai! A Roma nord ormai sembra comincino a mangiare le cotolette alla milanese e fanno le cartoline col Duomo! Noi ci teniamo la nostra veracità e il Colosseo.

Il tuo personaggio che oramai spopola su Youtube è quello di Franchino specializzato in una vera e propria arte marziale mistica detta “faccia da matto”… Come nasce il personaggio?

Tutto quello che ne è scaturito compresa la Franchino Magia e sopratutto la Faccia da Matto sono state delle “trovate” venute sul momento, su due piedi, come tutto quello che giriamo d’altronde. Non abbiamo mai un copione scritto e andiamo a braccio su un’idea. Sarebbe bello a questo punto lavorare con un minimo di preparazione e sceneggiatura scritta chissà se ne sarei in grado e cosa verrebbe fuori. Tutto, dalla faccia fa matto, le vecchiette, l’armo e il disarmo, i dieci euro falsi al barista è tutto inventato al momento. Estro? Fantasia? Forse più idiozia ma alla fine dei conti…mi viene bene!

Passiamo ora a una domanda seria, come nasce il tuo amore per la boxe?

Il mio amore per la boxe nasce da ragazzino, avevo 12 o forse 14 anni quando un amico di mio fratello più grande di me di circa 8 anni mi parlava della boxe e mi faceva vedere alcuni movimenti, ne rimasi affascinato, poi verso i 18/20 anni ho cominciato a praticarla e non ho più smesso, sicuramente sono un tecnico migliore rispetto all’atleta ormai di un tempo ma 20 anni fa la boxe era molto molto diversa.

Qualcuno non ironico ti vede come un bullo, al contrario io ti vedo come un predatore di bulli. Dimmi la tua su come aiutare le vittime dei bulli? La boxe serve?

Chi mi vede come un bullo ha evidentemente una percezione sbagliata di quello che lo circonda e di come vede, legge e traduce la vita. Il personaggio di Franchino il criminale è un maleducato, inopportuno, manesco ma non un bullo. Io personalmente sono ovviamente contro ogni forma di bullismo, lo combatto e nel mio piccolo sensibilizzo il pensiero dei ragazzi che mi circondano a questa piaga socio comportamentale.
La boxe come ogni altro sport da combattimento serve sicuramente a combattere il bullismo e secondo me serve per entrambe le figure ovvero sia al bullo che al ragazzo/a bullizato/a. Il bullo ha modo di confrontarsi con altri ragazzi/e forti sia mentalmente che fisicamente dei quali non può approfittarsi o sfogarsi, cambiare modo di pensare, di ragionare e di vivere.
Altresì tutti i ragazzi/e che subiscono atti di bullismo con gli sport da combattimento trovano più che una sicurezza direi un equilibrio psico/fisico che permette loro piano piano di prendere coscenza di se, dell’atto di prevaricazione e quindi con i giusti mezzi il modo di contrastarlo. Con giusti mezzi non intendo calci e pugni ma una condizione mentale per la quale l’atto di prevaricazione per loro perda importanza.

Ora passo ad una domanda standard. Che rapporto hai con la paura?

La paura è una conditio sine qua non della vita di tutti. La paura fa parte di noi stessi e prende varie forme. Ci conviviamo quotidianamente, tutti abbiamo paura di qualcosa. Si un pugno? Della solitudine? Della morte? Del diverso? L’importante è saperla manipolare e farne uscire qualcosa di positivo, “nasconderla sotto al tappeto” come fosse polvere.

Continua a leggere

In rilievo