Collegati con noi

Cronache

Nuovo attacco ai cristiani in Burkina Faso, altri 4 uccisi

Avatar

Pubblicato

del

Uccisi per strada dai terroristi islamici solo perche’ cattolici: non c’e’ pace per la minoranza cristiana in Burkina Faso. Dopo la strage di domenica, quando i jihadisti hanno massacrato un parroco e cinque fedeli durante la messa, stavolta e’ toccato ad altre quattro persone, falciate mentre partecipavano a una processione mariana. I due attentati sono stati messi a segno nella stessa regione settentrionale del Paese. Non lontano dal confine con il Niger, in un’area dove e’ maggiore la presenza di terroristi e dove i cristiani sono da tempo nel mirino: nella zona di frontiera col Burkina Faso un parroco nigerino e’ stato ferito a una mano e a una gamba. E ancora non si hanno notizie di padre Pier Luigi Maccalli, il missionario italiano rapito a settembre scorso.

“Quella in atto in Burkina oggi non e’ soltanto una guerra contro noi cristiani, ma e’ una guerra dichiarata contro Gesu’ Cristo – denuncia il vescovo di Kaya, monsignor Theophile Nare -. E’ chiaro che si vuole eliminare la presenza cristiana”. Un’escalation di attacchi iniziata a meta’ febbraio, quando un sacerdote spagnolo e quattro doganieri sono stati uccisi in un attacco jihadista nella parte orientale del Paese. Proseguita il 17 marzo con il rapimento di un parroco locale. E che non sembra fare distinguo tra le diverse confessioni cristiane: il 28 aprile, sempre di domenica e sempre durante una funzione, era stato assassinato un pastore protestante insieme a cinque fedeli. Nell’ultimo attacco, dopo avere ucciso i quattro fedeli in processione, gli estremisti islamici hanno anche distrutto la statua della Vergine. Domenica, durante la mattanza nella chiesa, hanno sparato al tabernacolo. “Quale messaggio piu’ chiaro – lamenta il prelato africano – per dire: non vogliamo che voi cristiani pratichiate la vostra religione?”. Intanto in Francia c’e’ stato l’omaggio nazionale ai due soldati “morti da eroi”, ha ricordato il presidente Emmanuel Macron, durante un’operazione in Burkina Faso per liberare quattro ostaggi, lo scorso 10 maggio. Dal 2014 Parigi ha schierato 4.500 militari nella zona del Sahel nel quadro di un’operazione anti-jihadista che tuttavia non e’ finora riuscita a venire a capo dell’attivita’ di organizzazioni come Ansaroul islam, lo Stato islamico del grande Sahara, o il Gruppo di sostegno all’islam e ai musulmani. Sigle che negli ultimi quattro anni, nel solo Burkina Faso, hanno provocato almeno 350 morti.

Advertisement

Cronache

Così fan tutti, razziati nelle scuole mantovane 52 computer

Avatar

Pubblicato

del

A Mantova li hanno ribattezzati “ladri delle scuole” perche’ in due settimane hanno colpito in due scuole, al comprensivo di Volta Mantovana e alla Bertazzolo in citta’, portando via 52 pc. L’ultimo bottino e’ di 20 Mac Apple. Gli agenti di polizia stanno cercando di ricostruire i colpi e ritengono che ad agire, probabilmente su commissione, siano sempre gli stessi componenti della banda.

Continua a leggere

Cronache

Quindicenne sfregiata al volto a Varese, è caccia ad un 50enne

Avatar

Pubblicato

del

A Varese una quindicenne è stata sfregiata al volto e ferita a un braccio da un uomo poco dopo la mezzanotte di sabato. La polizia sta dando la caccia all’aggressore, un uomo sulla cinquantina con la barba lunga e una cicatrice sul viso. La ragazzina stava raggiungendo la madre di un’amichetta 14enne che si trovava con lei e insieme dovevano essere riaccompagnate a casa dopo una serata con gli amici in centro. Prima che arrivassero al luo dell’appuntamento, pero’, l’uomo e’ passato in bicicletta davanti alle due ragazzine e poi e’ tornato indietro. La piu’ giovane e’ scappata mentre l’altra e’ stata bloccata dalla paura ed e’ stata aggredita con un coltello a seghetto. Ha riportato una ferita al volto, vicino a un occhio, e un’altra al braccio, ed e’ stata medicata in ospedale.

Continua a leggere

Cronache

Senza casco e senza patente investe e uccide un vecchino di 90 anni, denunciato per omicidio stradale un 19enne

Marina Delfi

Pubblicato

del

Non indossava il casco, non aveva la patente e guidava una motocicletta risultata senza assicurazione quando ha investito e ucciso un uomo di 90 anni, Vittorio Santorelli, in viale Traiano a Napoli. L’incauto driver, un ragazzo di 19 anni, è stato denunciato per omicidio stradale ma la sua posizione potrebbe aggravarsi: si attendono i risultati delle analisi per stabilire se guidasse anche sotto l’effetto di droghe.

Il giovane, a bordo di una moto Yamaha, andava a velocità sostenuta quando ha preso in pieno il pensionato che viene sbalzato ad alcuni metri di distanza. Si fermano gli automobilisti di passaggio, intervengono gli agenti della polizia municipale di Napoli  e quando arriva l’ambulanza, l’anziano viene trasportato in codice rosso all’ospedale Cardarelli ma appare subito chiaro che le sue condizioni sono gravissime e poco dopo muore.

Continua a leggere

In rilievo