Collegati con noi

Cultura

Non provate a fermarla, già si riorganizza, in qualunque modo, la musica riprenderà sempre la sua marcia

Avatar

Pubblicato

del

Del primo lockdown, ne portano i segni e le ferite che oramai non sono più rimarginabili,  l’ assenza dai palchi, la lontananza dal proprio pubblico e l’impossibilità di esprimersi, gli strumenti fermi come era ferma la vita di tutti. Poi lo spiraglio estivo, solo per ricominciare a prendere contatto con le note e con le amplificazioni di piccoli festival o di serate che gli amanti della musica aspettavano da tempo. Quando è arrivata quella che è stata chiamata la seconda ondata, loro, come tutti poco hanno capito delle strategie attuate dalla politica per contrastarla, ma, purtroppo, hanno inteso da subito che sarebbero stati, insieme agli attori teatrali, la categoria professionale che più sarebbe stata dimenticata e sottoposta a inique restrizioni. I musicisti, come noi d’altronde, ci chiediamo ancora il perché si discute sull’eventualità di far rientrare il pubblico, benchè scaglionato, negli stadi, ma non ai concerti, non si capisce il perché i centri commerciali sono autorizzati ad  accogliere migliaia di persone, mentre un concerto, casomai assistendo da seduti, sia vietato e indicato come massimo luogo di contagio. I musicisti se lo chiedono, e a loro manca il pubblico, quella linfa vitale che li accompagna nelle loro creazioni e li aiuta a creare per esso. I musicisti, quelli evidentemente non allineati, si chiedono perché ci sarà il festival di Sanremo, con un teatro Ariston e tutto il suo ambaradan esterno agghindato con assembramenti contagiosi, ma il piccolo club, sanificato e con postazioni distanziate, continuerà ancora a rimanere chiuso. Domande legittime che i musicisti, ma non solo loro, pongono e alle quali le risposte forse non arriveranno mai, alle quali, però,  nella loro creatività e per rispetto dei propri fans, i musicisti hanno dato non una risposta, ma uno sbocco, una via d’uscita, loro, non si sono fermati e hanno con forza, continuato a produrre dischi. Li abbiamo chiamati dischi, ma sarebbe più corretto dargli il loro nome al passo con i tempi e le tecnologie, dischi, si tanti musicisti napoletani stanno producendo dischi, in vinile, CD, HD, Files, da ascoltare in streaming, sulle piattaforme come Spotifly,  o Youtube, o Facebook, dischi, compilation,  singoli, da farsi arrivare con Amazon, Ebay, su posta elettronica o con un postino che consegna il CD scelto. Nuove produzioni, inediti e rimasterizzazioni di pezzi già prodotti, ma comunque musica, musica che confermi la creatività dei musicisti partenopei che non si sono arresi e che hanno continuato a creare sogni per il loro pubblico che oggi diventa anche loro sostenitore consapevole, si, perché molte produzioni sono slegate da case discografiche e si autoproducono con il sistema crowdfunding. Siano esse produzioni one man band, quindi da solista o session con colleghi che praticano linguaggi musicali affini o distanti, la creatività non ha limiti, anche perché in alcuni casi, chiuse per DPCM gli studi di registrazione o in province diverse irraggiungibili per Decreto Ministeriale, le prove e le sincronizzazioni tra musicisti sono continuate on-line in una sorta di DaD divenuta Musica a Distanza, attendendo che si possa ascoltare di nuovo dal vivo. La lista non si ferma alle citazioni che faremo, ma  Libera Velo,  storica cantante e performer napoletana,  madre e combattente, artista versatile e allenatrice vocale. Concettuale e pratica, impegnata come attivista nel sociale: antirazzista, ecotransfemminista, promotrice dello sport popolare, fautrice della scuola laica, ci propone il suo terzo album ‘A Sguarrona, come  Daniele Sepe, colto e prolifico artista musicale inserito nella top ten della classifica 2020 dei più grandi jazzisti italiani, propone ben tre produzioni con l’ultima dedicata al suo ispiratore del quale ha simbolicamente ricevuto il testimone per proseguirne la ricerca  Direction ZAPPA, poi  Shaone,  il memorabile apripista del rap napoletano, un rap cosi particolare da divenire  oggi con i suoi epigoni il più ascoltato nelle banlieu parigine e molto  apprezzato negli States. Shaone con il suo gruppo storico, La Famiglia, sta lavorando al nuovo album, e ad un singolo, che si spera possa uscire quanto prima. E nel frattempo continua la collaborazione con Morfuco e Tonico 70, rapper e produttori storici della scena Hip Hop salernitana ed italiana e con  l’uscita del singolo  Pulp fiction , che ha già riscosso un discreto successo, e si sperimenta in un concept album dalle sonorità blues, percorso stilistico espressivo mai intrapreso prima. Altre sonorità per Massimo Ferrante, più legato ai temi tradizionali, con incursioni nella musica militante e politica, come l’ultima partecipazione all’arrangiamento collettivo di Bandiera Rossa  per i 100 anni della nascita del P.C.I. che ha prodotto  CANZUNI, un album accompagnato dalla sua fedele chitarra. Chitarra che è inseparabile anche per Francesco Sansalone, bluesman di razza dalla voce roca e profonda che ha dovuto interrompere la produzione del suo disco imperniato sul dramma dell’immigrazione per l’impossibilità di raggiungere la sala di registrazione sita in altra provincia, ma attivo con i suoi pezzi in rete e pronto a ripartire con le registrazioni.    E poi i Profugy con   Razionaleillogico .  4EST, con Vaporwave, un viaggio trap-hop negli anni ’80. Poi  le produzioni collettive quelle delle case discografiche che hanno riunito musicisti, in una sorta di festival a distanza con compilation celebrative come Full Heads – Ten Years . Dieci anni di produzioni discografiche racchiusi in 46 brani per circa 3 ore di musica con 39 tra artisti solisti e band del roster della label napoletana. Oppure URCA della POLOSUD, storica etichetta musicale fondata da Ninni Pascale. C’è poi la riscoperta, in questi giorni passati in casa , la riscoperta dell’archivio e di tanti pezzi rimasti solo su carta e mai strumentati, ma anche la riscoperta e la riproposta di pezzi musicali a cui gli artisti sono sentimentalmente legati, come nel caso di Maurizio Capone, l’eclettico ideatore e frontman  dei BungtBangt’ che ci ha ricordato il suo inizio, l’album del suo esordio, “CAPONE”, del 1993 pubblicato questa volta dallìetichetta del musicista, la Sciarap, un ricordo, certo, ma da prendere come lo stimolo per non dimenticare il pubblico e la musica dal vivo, quella viva, quella vera.

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cronache

Candelabro sparito a Palazzo Reale di Napoli, SoS di Borrelli al ministro Franceschini

Avatar

Pubblicato

del

“La scomparsa del candelabro nella Cappella Palatina di Palazzo Reale a Napoli mi lascia molto stupito e preoccupato. Una situazione incresciosa che mina la sicurezza dell’intero patrimonio artistico. E’ incredibile pensare che, se non avessimo segnalato la cosa, nessuno se ne sarebbe accorto o lo avrebbe reso noto. Come e’ possibile? Ed e’ assurdo che ad aver sollevato la cosa sia stato io, per caso, dopo una segnalazione. Mi appello al ministro Franceschini”. Questa la denuncia di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde che ieri, con una comunicazione alla direzione di Palazzo reale, aveva chiesto notizie sulla vicenda della quale si sono occupati i giornali cittadini. Secondo alcune ipotesi, sottolinea Borrelli, i candelabri ‘spariti’ potrebbero essere più di uno. Aggiunge Borrelli: “Mi chiedo: come si fa a non sapere che fine ha fatto un candelabro, non esiste un inventario? Non ci sono controlli e telecamere interne? E’ stato rubato o spostato? A questo punto siamo molto preoccupati per l’inestimabile patrimonio artistico di Palazzo Reale. La sorte riservata al candelabro potrebbe riguardare anche altri oggetti. Per questo abbiamo inviato un sos urgente al ministro per i Beni e le attività culturali affinche’ intervenga per la difesa e la tutela di quei beni. Chiediamo una maggiore attenzione, augurandoci che il caso del candelabro sia stato un episodio sporadico”. “Come se non bastasse, all’esterno di Pazzo Reale, la scultura realizzata da Jago, “Look down”, viene utilizzata come puliscipiedi da chi pesta deiezioni canine, o per attaccare i lucchetti dell’amore dai ragazzini. Tutelare il patrimonio culturale – chiude Borrelli – deve essere una priorita’ quotidiana”.

A rispondere alle tante inquietanti domande di Borrelli ci pensa il direttore del Palazzo Reale di Napoli, Mario Epifani. Non smentendo categoricamente il fatto che possa essere stato rubato. No, lui dice che “parlare di furto mi sembra prematuro, teniamo aperta la possibilità che il candelabro in questione sia stato soltanto spostato senza che questo spostamento fosse registrato come si deve”. Per Epifani uno dei tre piccoli candelabri posti sull’altare della Cappella Palatina potrebbe essere stato spostato senza registrarlo come si deve. “C’è ancora la possibilità che il candelabro si trovi in un’altra parte del palazzo, il che comunque è un fatto da correggere. Parlare di furto ora è prematuro; dopodiché, fatte tutte le verifiche, presenterò la denuncia, che verrà smentita se lo troveremo da un’altra parte”.

 

Continua a leggere

Cultura

Museo archeologico nazionale di Napoli, al via un restauro ‘epocale’ del Mosaico di Alessandro

Avatar

Pubblicato

del

”Ci vuole coraggio per affrontare un restauro di questo tipo, il coraggio che ci trasmette un personaggio come Alessandro, alla conquista del mondo”. E’ con emozione che Paolo Giulierini, direttore dell’Archeologico Nazionale di Napoli ha presentato, in un museo chiuso al pubblico a causa della pandemia ma denso di attivita’, il cantiere del restauro del mosaico di Alessandro o della battaglia di Isso, definito ‘epocale’. Si tratta infatti di una delle icone assolute dell’archeologia, considerata la piu’ celebre opera musiva dell’antichita’.

”Un coraggio che in parte e’ mancato nei tempi passati” aggiunge Giulierini dinanzi alla celebre opera della casa del Fauno, mai piu’ spostata dal 1916, quando dal pavimento al pian terreno venne trasferita su parete, al primo piano. Milioni di tessere, una superficie di eccezionale estensione (5,82X 3,13 m), sette tonnellate di peso, il mosaico dei record era arrivato nel 1844 al Real Museo di Napoli da Pompei su un carro tirato da 16 buoi. Da allora il ‘gran musaico’ con la scena di battaglia tra il Macedone e il re persiano Dario III (333 a.C), eseguito probabilmente da artisti alessandrini nel 100 a.C. (l’originale a cui si sarebbero ispirati potrebbe essere di Apelle) scoperto nel 1831, ha incantato i visitatori di tutto il mondo, da Goethe ai contemporanei .

”Ringrazio il prof. Antonio De Simone che mi ha subito sottolineato l’ urgenza e l’ importanza di questo restauro, il nostro architetto Amanda Piezzo. Il Museo, con il suo laboratorio di restauro guidato proprio da oggi da Maria Teresa Operetto, per questa impresa non si e’ chiuso in se stesso. Lavoriamo insieme a importanti partner scientifici, Universita’, alla TIM e NTT DATA. E la tecnologia si coniuga con il miracolo quotidiano, fatto dalle mani dei nostri restauratori. Tutti insieme ci prendiamo questa grande responsabilita’, in coordinamento con l’ Istituto centrale per il restauro (ICR) diretto da Alessandra Marino”. Grazie all’adozione di piattaforme innovative digitali si aprono infatti nuovi scenari nel campo del recupero del patrimonio artistico. Il progetto pilota TIM, supportato da NTT DATA, ha messo a disposizione per la prima volta soluzioni basate sulla Virtual e Augmented Reality. Con all’elaborazione simultanea dell’enorme quantita’ di dati acquisiti nel corso della fase diagnostica e’ possibile riprodurre, secondo vari livelli, sul corpo del mosaico, tutte le informazioni tecniche utili. Indossando un ‘visore intelligente’ il restauratore avra’ sempre le mani libere e potra’ lavorare anche sulla parte posteriore dell’opera controllando in ogni momento gli effetti negli strati anteriori. Successivamente, con il 5G, tutte le operazioni di restauro potranno essere seguite simultaneamente non solo dai tecnici nel museo tramite un grande schermo ma anche da altri collegati da remoto da tutto il mondo.

Il progetto e’ stato presentato da Claudia Carrer (Partnership, Alliances/ Project Manager TIM). Ma in quali condizioni e’ oggi il mosaico? Diverse sono le criticita’ conservative, consistenti in distacchi di tessere, lesioni superficiali, rigonfiamenti ed abbassamenti della superficie. In particolare, la zona centrale destra e’ affetta da una visibile depressione; rigonfiamenti puntuali sono presenti lungo il perimetro, probabilmente dovuti a fenomeni di ossidazione degli elementi metallici dell’intelaiatura lignea posta nel 1916. La delicata movimentazione dell’opera avverra’ in primavera, nella seconda fase dei lavori della durata complessiva di sette mesi. Le attivita’ diagnostiche sono promosse in rete con l’ Universita’ del Molise (UNIMOL) ed il Center for Research on Archaeometry and Conservation Science (CRACS) .Il cantiere sara’ visibile con particolari modalita’ quando il museo sara’ aperto. ”Tra un anno – annuncia Giulierini – organizzeremo la grande mostra ‘Alessandro e la via delle Indie’, con la Regione Campania. Perche’ il nostro Museo, simbolo dell’archeologia italiana nel mondo, guarda a Oriente e ad Occidente”.

Continua a leggere

Cronache

“La Donna con le ali”: la storia del riscatto di Cira Celotto diventa un libro per le donne di Scampia  

Avatar

Pubblicato

del

Cira Celotto, giovane donna del quartiere Scampia, era arrivata a pesare 92 chili, rinchiudendosi in casa e mangiando perlopiù cibo spazzatura. Il suo corpo era diventato una gabbia e il cibo un rifugio contro i mali e le sofferenze dell’anima. Ad un certo punto però, è scattata una scintilla. Cira ha scelto di reagire, riprendendo in mano la sua vita. Fra indicibili sacrifici e ostacoli apparentemente insormontabili, ha perso quasi 40 chili e ha raggiunto una condizione fisica ideale. Ma non solo. Cira ha conseguito il diploma presso l’ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane) in fitness, pilates, aerobica, integrazione sportiva “trampolino elastico” e alimentazione. I corsi di coach Cira – gestiti dalla sua associazione “Le ali di Scampia” – sono ospitati dalla palestra dell’Officina delle Culture “Gelsomina Verde”, un bene confiscato alla camorra e intitolato ad una ragazza barbaramente assassinata durante una faida fra clan rivali. 

La storia di riscatto di Cira diventa ora un libro: “La Donna con le ali – una storia di cambiamento e di coraggio”, edito da Giammarino Editore di Napoli, scritto a quattro mani con Alberto Guarino. Un racconto che proverà ad ispirare altre donne a prendere in mano la propria vita e a valorizzare sé stesse. L’attività di fitness di Cira è partita tra lo scetticismo di tanti che, per invidia o diffidenza, non aspettavano altro che vederla fallire. I primi tempi sono stati difficili e le donne iscritte ai suoi corsi erano poche e scarsamente motivate. “Nei primi tempi – ha raccontato l’istruttrice – le mie allieve si presentavano in palestra con le pantofole, chiaro segno che nessuna di esse provava amore e rispetto per sé stessa. Adesso arrivano agli allenamenti come se fossero passate prima dal parrucchiere”. E sono tantissime: circa 600 donne del rione Scampia frequentano i suoi corsi all’Officina delle Culture. Con l’avvento della pandemia, hanno incominciato a ritrovarsi in Villa Comunale, così da potersi allenare mantenendo il distanziamento fisico e nel rispetto delle norme anti-contagio. 

Il libro di Cira inaugura anche la collana editoriale (R)esistenze, un progetto nato dalla sinergia fra la casa editrice fondata da Gino Giammarino e l’associazione (R)esistenza anticamorra presieduta dal neo Cavaliere della Repubblica Ciro Corona. Una collana che prosegue la collaborazione col territorio di Scampia e con l’Officina delle Culture, nata alcuni mesi fa con il progetto di economia sociale della “Cassa del Mezzogiorno”. La collana non si limiterà a raccontare il territorio di Scampia, ma proverà ad abbattere i confini geografici e ad aprirsi a storie, anche meno note, di ordinaria resistenza provenienti da ogni angolo del pianeta, in un mondo sempre più globale ma al contempo meno attento ai bisogni delle persone e meno rispettoso delle tradizioni e delle identità.

“La Collana (R)esistenze è la sintesi evolutiva di un lungo lavoro avviato da (R)esistenza Anticamorra diversi anni fa con il progetto editoriale (erre)edizioni – ha spiegato Corona -. L’idea è di dare voce a storie di ricatto dei territori, a quelle schegge di resistenze anonime che tengono in vita la speranza”. Il libro di Cira sarà presentato alla stampa lunedì 8 marzo alle ore 11:00, presso la sede dell’”Officina delle Culture – Gelsomina Verde” a Napoli, in via Arcangelo Ghisleri. 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto