Collegati con noi

Guerra Ucraina

Nato, firmati i protocollo di accesso per Svezia e Finlandia

Pubblicato

del

Con la firma dei protocolli di accesso “inizia il processo di ratificazione” da parte degli alleati della Nato, che presto sarà composta da 32 membri dopo che Finlandia e Svezia faranno ufficialmente parte dell’Alleanza. “Questa è una giornata storica per la Nato, per la Svezia e per la Finlandia: insieme saremo piu’ forti e le nostre popolazioni piu’ sicure”, ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. La risposta della Russia è stata immediata, istantanea.  Sono in corso “sforzi” per garantire la sicurezza della Russia, in particolare alla luce del possibile dispiegamento di armi della Nato in Finlandia e Svezia” ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, come riporta la Tass. “Tali opzioni sono al vaglio, non del Cremlino ma del ministero della Difesa. Ci sono i piani necessari, gli sforzi sono in corso per garantire la nostra sicurezza”, ha detto, quando gli e’ stato chiesto se la Russia stesse valutando opzioni per rispondere alla possibile creazione di una base Nato in Finlandia vicino al confine russo.

Advertisement

Esteri

Estonia acquista sistemi difesa Usa HIMARS per 200 mln dollari

Pubblicato

del

Il ministero della Difesa estone ha comunicato oggi che l’Estonia acquisterà dagli Stati Uniti sistemi di difesa HIMARS per quasi 200 milioni di dollari. La fornitura sarà accompagnata dall’invio di personale americano per addestrare le Forze Armate del Paese baltico all’uso degli armamenti. L’acquisto rientra nel generale piano di ammodernamento dell’arsenale militare intrapreso da Tallinn dopo l’inizio della guerra in Ucraina. I primi sistemi difensivi con i rispettivi missili HIMARS – dotati di una gittata compresa tra 70 e 300 chilometri – saranno forniti nel corso del 2024. Il mese scorso, il Dipartimento di Stato americano ha dato il nulla osta per l’acquisto da parte della vicina Lituania di analoghi sistemi HIMARS per un valore complessivo che sfiora i 500 milioni di dollari.

Continua a leggere

Esteri

Usa, il price cap al petrolio colpirà Putin immediatamente

Pubblicato

del

Il nuovo limite al prezzo del petrolio russo “ridurrà immediatamente la più importante fonte di entrate di Putin”. Lo ha affermato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen, dopo l’intesa per il tetto a 60 dollari raggiunta a livello europeo e di G7. Secondo Yellen saranno i paesi a basso e medio reddito che sono stati pesantemente colpiti dagli alti prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari a trarre particolare beneficio dal price cap. E verrà colpito il leader russo. La nuova misura infatti “limiterà le entrate che sta utilizzando per finanziare la sua brutale invasione”, evitando allo stesso tempo che si interrompano le forniture globali che potrebbero far salire i prezzi della benzina in tutto il mondo. “Con l’economia russa già in contrazione e il suo budget sempre più ridotto, il tetto massimo taglierà immediatamente la più importante fonte di entrate di Putin”, ha affermato Yellen in una nota.

Continua a leggere

Esteri

Kiev, tentano di rubare murale di Banksy a Gostomel: arrestati

Pubblicato

del

Un gruppo di persone ha cercato di rubare un murale dell’artista britannico Banksy da un edificio colpito dai bombardamenti russi a Gostomel, nel distretto di Kiev. La polizia ha riferito di aver arrestato i responsabili, come riporta la Bbc. Il murale, che rappresenta una donna con una maschera antigas, non è stato danneggiato, ha detto il governatore della regione Oleksiy Kuleba. “Queste immagini sono, dopo tutto, simboli della nostra lotta contro il nemico”, ha dichiarato, “sono storie sul sostegno e la solidarietà dell’intero mondo civilizzato all’Ucraina. Faremo di tutto per preservare queste opere di street art come simbolo della nostra vittoria”. La polizia ha pubblicato le immagini del muro giallo a Gostomel, con un’ampia macchia tagliata fino alla muratura. Banksy ha pubblicato il video delle sue opere d’arte in Ucraina il mese scorso, con le opere che mostrano persone che svolgono attività quotidiane su edifici devastati dai bombardamenti in Ucraina.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto