Collegati con noi

Cronache

Nasconde corpo della madre morta per mesi per prendere la pensione, poi si suicida

Avatar

Pubblicato

del

Avrebbe tenuto nascosto il corpo della madre morta da mesi nel letto di casa, continuando a percepire la sua pensione. Una vicenda di profonda disperazione, quella cui si sono trovati di fronte i carabinieri di Cadelbosco, nella Bassa reggiana. In mattinata, dopo numerose segnalazioni lanciate dai vicini di casa, i militari hanno fatto irruzione assieme ai vigili del fuoco in una palazzina vicino al centro cittadino, in via Gabella. All’interno dell’abitazione, senza vita, c’erano i corpi di un uomo, Mauro Culzoni, 53enne, della sua anziana madre e del loro cane. Il cadavere della pensionata di 81 anni, Adriana Caffarri, era nel letto della sua camera, in avanzato stato di decomposizione, quasi mummificato. Secondo i primi accertamenti l’anziana potrebbe essere deceduta, per cause naturali, alla fine dell’estate. Risalirebbero a giugno, infatti, gli ultimi avvistamenti della donna in vita. Il corpo del figlio era nell’altra stanza, sempre nel letto: si e’ tolto la vita con un colpo di pistola con la sua Smith & Wesson regolarmente detenuta, dopo aver riservato la stessa sorte al cagnolino; probabilmente il gesto e’ avvenuto fra sabato e domenica. Stando alle ipotesi investigative l’uomo, disoccupato e appassionato di modellismo, avrebbe cercato di tener nascosto il decesso della donna per evitare di perdere la pensione, unico sostentamento della famiglia. Ma il fatto di non vedere piu’ la pensionata, da tempo gravemente malata e in precarie condizioni di salute, ha preoccupato i vicini e li ha spinti a dare l’allarme e a contattare le forze dell’ordine. I carabinieri avevano cosi’ chiamando il cinquantenne chiedendo notizie della madre. Lui aveva risposto che si trovava ospite di un’amica nel Modenese. Gli uomini dell’Arma gli hanno comunque chiesto di passare in caserma con la donna, appena lei fosse rientrata. A quel punto l’uomo avrebbe capito che la morte della madre non poteva rimanere ancora a lungo un segreto. E, preso dalla disperazione, si sarebbe tolto la vita. I due cadaveri sono a disposizione della Procura di Reggio Emilia.

Advertisement
Continua a leggere

Cronache

Pasqua tragica a Monopoli per un 26enne: gli va per traverso un boccone e muore soffocato

amministratore

Pubblicato

del

Un boccone di carne ha causato la morte per soffocamento di un 26 enne di Monopoli, Bari. Il giovane era a casa dello zio per il pranzo pasquale e quando i commensali riuniti a tavola si sono accorti che stava soffocando hanno provato a fare le manovre per liberargli la gola ma non ci sono riusciti così hanno allertato il 118. Giunto in ospedale però neppure i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di carne che nel frattempo aveva istruito le vie respiratorie del giovane ed hanno effettuato una tracheotomia ma ormai era troppo tardi e il giovane è morto. Sulla vicenda indaga la polizia anche se con ogni probabilità si è trattato di una tragica fatalità.

Continua a leggere

Cronache

Salerno, donna accoltellata al cuore per strada dal suo stalker

Avatar

Pubblicato

del

Tragedia della follia  a Salerno.  Un uomo ha accoltellato una giovane romena. La donna è ora al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio e ruggi d’Aragona e la sua vita è appesa ad un filo: alla 39enne è stato inferto un colpo al cuore. L’uomo è stato invece bloccato da alcuni carabinieri di pattuglia in centro che sono accorsi sul luogo della tragedia ed hanno fermato l’accoltellatore nell’immediatezza dei fatti. La donna era da tempo oggetto di morbose attenzioni di quell’uomo che ha precedenti proprio per stalking..

Continua a leggere

Cronache

Pasqua a Napoli: tutti in fila per Caravaggio a Capodimonte

Avatar

Pubblicato

del

Lunghe file al museo di Capodimonte per la mostra “Caravaggio Napoli”: solo nel lunedi’ in albis 2396 ingressi. Molti visitatori hanno scelto il biglietto integrato (con 1 solo euro di differenza infatti e’ possibile visitare anche il museo con le preziose collezioni e le altre due mostre in corso: Depositi di Capodimonte e Jan Fabre). A dieci giorni dall’inaugurazione, l’esposizione ha superato i 10mila ingressi e si prepara alle prossime festivita’: 25 aprile e 1 maggio. Positivo anche il confronto con lo scorso anno: nonostante la Pasqua 2018 coincidesse con la prima domenica ad ingresso gratuito, tutto il weekend di Pasqua 2019 fa registrare un incremento del 30%. Soddisfatto il direttore Sylvain Bellenger: “Siamo giunti a queste festivita’ con un’offerta culturale variegata: ben 3 mostre (Caravaggio, Fabre e Depositi) e un museo sempre piu’ accessibile con tutte le sezioni aperte, dalla ritrovata collezione De Ciccio all’Armeria Farnesiana e borbonica fino all’arte contemporanea”.

Continua a leggere

In rilievo