Collegati con noi

Economia

Musica online, Ue accusa Apple di posizione dominante

Avatar

Pubblicato

del

La playlist di Spotify risuona vittoriosa a fare da colonna sonora alla guerra per il controllo della musica in streaming. A infliggere il primo colpo ad Apple, a seguito di una denuncia partita proprio dalla rivale svedese, e’ stata ancora una volta la zarina dell’Antitrust europeo, Margrethe Vestager, che non ha esitato a definire l’App Store di Cupertino come un “monopolio” usato per favorire Apple Music ai danni dei concorrenti e ha riacceso cosi’ anche lo scontro tra Bruxelles e la Silicon Valley. Sotto accusa c’e’ quella che appare come una vera e propria strategia messa in piedi dalla ‘mela’ che costringe gli sviluppatori delle app a esclusivo contenuto digitale a pagare una royalty per ogni abbonamento che i nuovi utenti sottoscrivono utilizzando l’Apple Store. L’obolo e’ piuttosto alto: il 30% dell’abbonamento per il primo anno e il 15% dal secondo in poi. E vale anche per quegli utenti gia’ abbonati che pero’ decidono di passare all’account ‘premium’. Cosi’ “a perderci sono i consumatori”, ha osservato Vestager, dopo che l’indagine del suo team ha rilevato come la maggior parte dei servizi di streaming (Spotify, ma anche Deezer e SoundCloud) abbiano trasferito la tassa sugli utenti. Ma le restrizioni alla concorrenza di Cupertino non finiscono qui: una volta entrati nella sua ‘bolla’, anche le comunicazioni dei servizi rivali ai clienti sono limitate. Vale a dire che gli utenti non possono essere informati sulla possibilita’ di sottoscrivere l’abbonamento direttamente sul sito web della piattaforma, senza passare attraverso lo store di Apple. Alternativa che aggirerebbe la royalty e renderebbe la scelta piu’ economica. La combinazione delle misure, che non vengono applicate ad altre app a contenuto anche fisico come Uber e Deliveroo, avrebbe cosi’ avvantaggiato Apple Music e “non sappiamo che effetto abbia avuto sullo sviluppo di Spotify”, ha sottolineato Vestager, perche’ il ‘metodo Cupertino’ ha “distorto la concorrenza”. Di certo, “per Apple funziona bene”, ha detto sarcastica la danese, convinta che per la casa fondata da Steve Jobs sia ancora “possibile trovare soluzioni” per tornare a una “concorrenza leale”. A patto che le trovi entro 12 settimane. Dalla California hanno pero’ subito fatto sapere di non avere affatto gradito. Le motivazioni addotte dalla Commissione Ue sono “l’opposto della concorrenza leale” e “ancora una volta, tutti vogliono i vantaggi dell’App Store ma credono di non dover pagare nulla per questo”, e’ stata la replica di Cupertino, dove anzi ritengono che la societa’ svedese dovrebbe in un certo senso ringraziarli per la parabola che negli ultimi anni li ha portati a diventare il piu’ grande servizio di abbonamento musicale al mondo. “Spotify non paga ad Apple nessuna commissione su oltre il 99% dei suoi abbonati, paga solo una commissione del 15% sugli abbonati rimanenti acquisiti tramite l’App Store”, ha precisato ancora la Big Tech, aggiungendo anche che la richiesta di Spotify di pubblicizzare offerte alternative sull’app per iOS non e’ consentita da nessun negozio digitale al mondo. La guerra, insomma, e’ soltanto iniziata.

Advertisement

Economia

Troppo lavoro fa male, si rischia di morire per ictus

Avatar

Pubblicato

del

Lavorare piu’ di 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte per malattie cardiache e ictus. Tanto che solo in un anno, sono stati 745.000 decessi per questo motivo, con un aumento del 29% rispetto al 2000. E la pandemia Covid-19 sta rafforzando in modo preoccupante la tendenza a lavorare troppe ore. A quantificare il danno e’ uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanita’ e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), appena pubblicato sulla rivista Environment International. Gli autori hanno sintetizzato i dati di dozzine di studi precedenti all’emergenza Covid, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di partecipanti. I risultati mostrano che lavorare 55 ore o piu’ a settimana e’ associato a un aumento del 35% del rischio di ictus e del 17% del rischio di morte per cardiopatia ischemica rispetto al lavorare per le normali 35-40 ore settimanali. Nello specifico, solo nel 2016, ad esempio, Oms e Ilo stimano che 398.000 persone siano morte per ictus e 347.000 per malattie cardiache dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Un trend in peggioramento negli ultimi anni, tanto che tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati e’ aumentato del 42%, mentre la percentuale si attesta al 19% per gli ictus. Questo carico di malattie legate al lavoro e’ particolarmente significativo negli uomini (il 72% dei decessi si e’ verificato tra i maschi), nelle persone che vivono nelle regioni del Pacifico occidentale e del Sud-est asiatico, mentre l’impatto e’ minore in Europa Occidentale. La maggior parte dei decessi hanno riguardato persone morte tra 60 e 79 anni, che avevano lavorato per 55 ore o piu’ a settimana quando avevano tra 45 e 74 anni. Angola, Libano, Corea ed Egitto sono tra i paesi piu’ colpiti. I motivi per cui cio’ accade, suggeriscono le evidenze scientifiche, sono due: il primo e’ che lavorare a lungo attiva continuamente gli ormoni di risposta allo stress e cio’ innesca reazioni nel sistema cardiovascolare, portando a ipertensione e arteriosclerosi. Il secondo sono le risposte comportamentali allo stress, che includono un maggior uso di tabacco, alcol, dieta malsana e inattivita’ fisica, tutti fattori di rischio stabiliti per la cardiopatia ischemica e l’ictus. E la pandemia ha peggiorato la situazione. Uno studio del National Bureau of Economic Research in 15 paesi ha mostrato, infatti, che il numero di ore di lavoro e’ aumentato di circa il 10% durante i lockdown. Il telelavoro, infatti, rende piu’ difficile disconnettere i lavoratori. Inoltre la pandemia ha aumentato la precarieta’ del lavoro, che, in tempi di crisi, tende a spingere chi ha mantenuto il proprio a lavorare di piu’. “La pandemia Covid19 ha cambiato in modo significativo il modo in cui molte persone lavorano”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. “Il telelavoro – prosegue – e’ diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre, molte aziende sono state costrette a ridimensionare il personale per risparmiare denaro e le persone che sono ancora sul libro paga finiscono per lavorare piu’ a lungo”. Per ridurre questi rischi, concludono Oms e Ilo, i governi possono introdurre leggi e politiche che vietano lo straordinario obbligatorio e garantiscono limiti massimi all’orario di lavoro.

Continua a leggere

Economia

Incubo giovani, lavoro precario e pensione a 70 anni

Avatar

Pubblicato

del

Giovani sospesi tra l’incertezza del presente e del futuro, costretti a fare i conti con le difficolta’ a trovare un lavoro e ben pagato ed il timore di andare in pensione a 70 anni o anche piu’ con un assegno basso. A cinque anni dalla fine degli studi, soltanto poco piu’ di uno su tre (il 37,2%) puo’ contare su un posto stabile. A fotografare le condizioni e le prospettive occupazionali, retributive e contributive degli under-35 e’ il rapporto realizzato dal Consiglio nazionale dei giovani in collaborazione con Eures. Per molti, di conseguenza, il percorso verso l’autonomia resta un sogno nel cassetto e la scelta di non lasciare la casa dei genitori e costruire un nuovo nucleo familiare e’ obbligata: e’ cosi’ per oltre la meta’ (50,3%). Dall’indagine, condotta tra febbraio e aprile di quest’anno, emerge dunque una situazione di vulnerabilita’, in cui “il fenomeno della precarizzazione, destinato ad aumentare alla luce della crisi post pandemica”, sottolinea la presidente del Cng, Maria Cristina Pisani, finisce per impattare non solo sull’oggi ma anche sulla loro visione del domani. Un percorso, quello dei giovani, spesso segnato da discontinuita’ lavorativa e basse retribuzioni: completati gli studi, nei cinque anni successivi, se soltanto il 37,2% ha un lavoro stabile, il 26% e’ un precario con contratto a termine ed un quarto degli under-35 (il 23,7%) risulta disoccupato, mentre il restante 13,1% e’ uno studente-lavoratore. All’interno di tale scenario, un’ampia maggioranza (il 58,9% negli ultimi tre anni) indica di ricevere una retribuzione inferiore a 10 mila euro annui (il 23,9% sotto i 5 mila e il 35% tra 5 e 10 mila). Cosi’, se la maggior parte degli under-35 sta ancora a casa con i propri genitori, neanche quattro su dieci (37,9%) vivono da soli o con il proprio partner. La mancanza di certezze dal punto di vista occupazionale, secondo l’indagine, condiziona anche le altre scelte familiari: soltanto il 6,5% dei giovani tra i 18 e i 35 anni afferma di avere figli (8,8% tra i lavoratori stabili), mentre un terzo (33%) dichiara di non averne e di non volerne neanche negli anni a venire. Soltanto un’esigua minoranza, il 12%, possiede una casa di proprieta’. Quattro giovani su dieci non fanno neppure richiesta di mutuo perche’ non hanno le condizioni necessarie per ottenerlo. Sfiduciati anche nei confronti del futuro e del sistema pensionistico: il 44,4% pensa che andra’ in pensione dopo i 70 anni, il 35,4% tra i 65 e 69 anni ed appena il 10,7% prima dei 65 anni. E, ancora, il 73,9% immagina che l’importo dell’assegno che potra’ ricevere non consentira’ di vivere dignitosamente. E per questo, tra le altre cose, per il 75% si dicono favorevoli all’introduzione di una pensione di garanzia. Nel nostro Paese, “la discontinuita’ lavorativa e’ arrivata a rappresentare una condizione strutturale del mercato del lavoro”, sottolinea Pisani. Per questo, “chiediamo nuovi interventi normativi tra cui – prosegue – un tavolo di lavoro con il Governo sulla pensione di garanzia e l’istituzione di un Osservatorio ad hoc che monitori gli impatti degli interventi, centrato su una strategia volta a ridurre la percentuale di Neet, come indicato nell’Agenda 2030”. Un punto su cui insistono anche i sindacati. “Lanciamo un appello alla politica: la questione giovanile va affrontata in maniera strutturale”, afferma il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri. Urgente, inoltre, ripartire con il confronto per la riforma delle pensioni. “Si riapra il prima possibile”, per “dare una risposta” anche a loro, insiste la Cgil, con i segretari confederali Roberto Ghiselli e Giuseppe Massafra.

Continua a leggere

Economia

Crisi Covid, oltre 73.000 imprese a rischio chiusura

Avatar

Pubblicato

del

Sono 73.200 le imprese italiane che rischiano di non sopravvivere al contraccolpo del Covid e di essere costrette a chiudere. E’ una quota che corrisponde al 15% del totale, e che vede una maggiore incidenza nel Mezzogiorno con quasi 20mila imprese (19.900) seguito a ruota dal Centro con 17.500. Di queste, una quota quasi doppia riguarda le imprese dei servizi (17%), rispetto alla manifattura (9%). E’ quanto emerge dall’indagine Svimez-Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne-Unioncamere, condotta su un campione di 4mila imprese manifatturiere e dei servizi tra 5 e 499 addetti. Nel rapporto viene messo in evidenza come le imprese a rischio di chiusura siano quelle che “hanno forti difficolta’ a ‘resistere’ alla selezione operata dal Covid come risultato di una fragilita’ strutturale dovuta ad assenza di innovazione (di prodotto, processo, organizzativa, marketing), di digitalizzazione e di export, e di una previsione di performance economica negativa nel 2021”. Quasi la meta’ (48%) delle imprese italiane e’ fragile (non innovative, non digitalizzate e non esportatrici). Al Sud arrivano al 55%, per quasi il 50% al Centro, per il 46% e il 41% rispettivamente nel Nord-Ovest e nel Nord-Est. Questi divari confermano la tesi Svimez di “nuova questione del Centro”, che ha un’incidenza piu’ vicina a quella del Mezzogiorno. E guardando nel dettaglio, l’incidenza e’ ancor piu’ marcata nel settore dei servizi, dove i deficit di innovazione e digitalizzazione fanno si’ che le imprese fragili superino il 50% a livello nazionale, sfiorando il 60% al Sud. Nel comparto manifatturiero sono fragili in Italia il 31% delle aziende, che salgono al 39% nel Mezzogiorno. “Dall’indagine emerge, oltre a una differenziazione marcata tra Nord Est e Nord Ovest, anche la fragilita’ di un Centro che si schiaccia sempre piu’ sui valori delle regioni del Sud – commenta il direttore Svimez, Luca Bianchi – I diversi impatti settoriali, con la particolare fragilita’ di alcuni comparti dei servizi, impongono, dopo la prima fase di ristori per tutti, una nuova fase di interventi di salvaguardia specifica dei settori in maggiore difficolta’, accompagnabili con specifiche iniziative per aumentare la digitalizzazione, l’innovazione e la capacita’ esportativa delle imprese del Centro-Sud”. L’indagine ha rilevato che il 30% delle imprese dei servizi e il 22% di quelle manifatturiere dichiarano aspettative di fatturato in calo anche nel 2021. Un chiaro segnale che la crisi non e’ affatto finita. Incrociando dinamiche settoriali e territoriali emergono due fatti principali: 1) nei servizi non si segnalano differenziali territoriali apprezzabili ed una persistenza della crisi soprattutto nel Nord-Ovest 2) nel manifatturiero, invece, si confermano le difficolta’ di ripresa del Mezzogiorno (27% delle imprese con previsioni di performance negative, contro il 19% del Nord-Est) e, sia pur meno accentuate, del Centro (25%). “E’ possibile che le imprese del Mezzogiorno possano conseguire quest’anno risultati ancora piu’ negativi rispetto alle loro aspettative, perche’ meno consapevoli dei propri ritardi accumulati sui temi dell’innovazione e del digitale – avverte Gaetano Fausto Esposito, direttore generale del Centro Studi delle Camere di commercio G. Tagliacarne – Anche per questo c’e’ bisogno di un patto per un nuovo sviluppo che tenga conto della gravita’ della situazione e del preoccupante aumento dei divari nel nostro Paese”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto