Collegati con noi

Sport

Morto Claudio Garella, il portiere degli scudetti di Napoli e Verona

Pubblicato

del

A volte il destino è davvero beffardo: è scomparso a 67 anni  Claudio Garella, indimenticato portiere degli scudetti del Napoli e del Verona. I tricolori sulla maglia: nell’85 con l’Hellas Verona, due anni dopo con il Napoli di Maradona. E lui se ne è andato proprio qualche giorno prima che si affrontassero le sue ex squadre, a Ferragosto. Tempo fa si era lamentato per essere stato messo nel dimenticatoio dal mondo del calcio: “Vivo dimenticato – disse -. Il grande calcio si è scordato di me e non so perché”.

“Garellik”, come lo chiamavano, debuttò in serie A con il Torino, come ha ricordato con un messaggio di cordoglio il presidente granata Cairo: portiere poco ortodosso che giocava tanto con i piedi ma fortissimo.
È morto in un’ospedale di Torino a causa di complicazioni dopo un intervento chirurgico al cuore: si era sentito male mentre era in vacanza al mare ed era stato ricoverato. Poi l’intervento ma il suo cuore ha ceduto.

Advertisement

Sport

Basket: al via la nuova Serie A, caccia a Milano e Bologna

Pubblicato

del

Il cielo non e’ il limite. Il basket e’ zero gravita”. E’ lo slogan scelto dalla Legabasket per lanciare il nuovo campionato di Serie A che, dopo la Supercoppa a Brescia il 28 e 29 settembre – in campo Bologna, Milano, Sassari e Torona -, comincera’ l’1 ottobre con l’anticipo Treviso-Reggio Emilia. Un campionato che vede ai blocchi di partenza, davanti a tutti, Olimpia Milano e Virtus Bologna, gia’ protagoniste delle due ultime finali scudetto e attese a sfidarsi anche sui parquet europei dell’Eurolega. Un torneo, ancora, impreziosito da una nuova veste grafica, curata dall’agenzia Foolbite, e realizzata in collaborazione con il designer greco Charis Tsevis – scelto dalla Nba in occasione dell’anniversario dei 75 anni della lega americana per illustrare il progetto ‘Nba creator series’ – per rilanciare un prodotto accattivante a 360 gradi. E che vivra’ uno dei suoi appuntamenti di spicco, la Final Eight di Coppa Italia, a Torino dal 15 al 19 febbraio. La Coppa Italia torna cosi’ nel capoluogo piemontese che aveva gia’ ospitato la manifestazione – che coinvolge le prime otto squadre qualificate al termine del girone d’andata del campionato – nel 2011 e nel 2012. Nella presentazione alla stampa del campionato a fare gli onori di casa alla Sala Borsa a Bologna il presidente della Legabasket Umberto Gandini, presente anche il presidente della Federazione pallacanestro Gianni Petrucci. Sara’ un’annata avvincente, ha detto, con squadre sempre piu’ competitive, grazie anche al ritorno in Eurolega di due club come EA7 Emporio Armani Milano e Virtus Segafredo Bologna: un fatto che non accadeva dal 2015. Previsto anche il ritorno in A1 di Verona e Scafati, rientrate rispettivamente dopo 20 e 14 anni. “Dopo oltre due stagioni molto difficili a causa della pandemia – ha spiegato Gandini – il nostro obiettivo e’ di riempire nuovamente i palasport che devono tornare a essere centri di aggregazione e divertimento. In questo ci aiutera’ certamente anche la spinta della Nazionale che ha ben figurato agli ultimi Europei”. Gandini ha anche confermato il rilascio dalla Federazione delle sedici licenze alle squadre, segno di una certa tranquillita’ economica. Poi il capitolo della copertura televisiva. “La Supercoppa sara’ il primo evento che verra’ trasmesso dal nostro nuovo partner per lo streaming, Eleven Group, che per i prossimi 3 anni sara’ con noi. – ha detto – In piu’ Eurosport 2 del gruppo Warner Bros Discovery, ha acquistato di recente l’autorizzazione da parte delle due authority preposte e quindi lo scenario e’ completo : tutte le partite saranno trasmesse da Eleven sulla sua piattaforma streaming e su tutte le altre possibilita’ di accesso, due partite saranno su Eurosport 2, una al sabato e una la domenica, come negli anni passati, all’interno dell’universo pay di Sky e altri. La novita’ del giorno – ha aggiunto – e’ nell’avere trovato un nuovo partner per la distribuzione e la promozione del campionato: ancora il gruppo Warner Bros Discovery, infatti, che trasmettera’ una partita in chiaro per turno sul canale Dmax, numero 52 del digitale terrestre visibile su tutti i televisori che oggi ci sono in Italia. Novita’: una volta al mese (a partire dal 2 ottobre con Milano-Brescia) – il canale 9 alle 18.15 della domenica trasmettera’ la miglior partita della giornata. Il Nove trasmettera’ anche le semifinali e finali di Final Eight di Coppa Italia, tutti i playoff e le finali in chiaro e in diretta, dedicando tanto tempo e risorse all’interno dei canali del gruppo Discovery per promuovere il basket”.

Continua a leggere

Sport

Allarme Brozovic per l’Inter, verso stop di un mese

Pubblicato

del

Allarme in casa Inter per le condizioni di Marcelo Brozovic. Il centrocampista croato, infatti, rischia di dover stare ai box per un mese, dopo l’infortunio muscolare nella gara della sua Croazia e l’Austria in Nations League. Domenica Brozovic si e’ fermato dopo soli 19′ nella gara della nazionale: un problema alla coscia apparso subito di rilievo, tanto da costringere il giocatore (che gia’ contro l’Udinese nell’ultima gara disputata dall’Inter non era al massimo delle condizionI) a lasciare il terreno di gioco. Oggi il centrocampista ha svolto in patria gli esami strumentali che, come reso noto dalla federcalcio croata, hanno evidenziato una lesione parziale ai flessori della coscia sinistra. “Brozović dovra’ osservare diverse settimane di riposo – si legge nella nota della federcaldio croata -. Ulteriori cure saranno decise dai medici dell’Inter, che forniranno anche una precisa prognosi di guarigione, e con loro il servizio medico della Nazionale croata sara’ in costante contatto”, conclude la nota. Il rischio e’ quindi di un lungo stop, fino a un mese, che porterebbe Brozovic a saltare, tra le altre, la sfida con la Roma e il doppio incrocio con il Barcellona, decisivo nella rincorsa dei nerazzurri agli ottavi di Champions League. Se fosse confermato lo stop di un mese, Brozovic rientrerebbe quindi solo a fine ottobre, in tempo forse per il ritorno della gara con il Viktoria Plzen e con il Bayern Monaco ma soprattutto per il big match in campionato contro la Juventus previsto il 6 novembre, una settimana prima della conclusione dei campionati per i Mondiali in Qatar. Per sostituirlo il tecnico interista Simone Inzaghi pensa a Kristjan Asllani, pronto cosi’ al suo esordio da titolare in maglia nerazzurra. In casa Inter, intanto, tiene banco anche la situazione societaria. Nei giorni scorsi la Curva Nord ha tappezzato Milano con la scritta “Zhang vattene”, dopo il messaggio sui social dei giorni scorsi. Mercoledi’, invece, dovrebbe andare in scena il CdA del club, chiamato ad approvare il bilancio al 30 giugno 2022 con una perdita tra i 130 e i 140 milioni di euro nonostante i 100 milioni di plusvalenze derivanti dalle cessioni di Lukaku e Hakimi nell’estate 2021.

Continua a leggere

Sport

Tennis, Napoli Cup ATP250, torna lo stadio del mare da 4mila posti sul lungomare: uno spettacolo

Pubblicato

del

Sono iniziati i lavori per la costruzione dell’Arena da 4.000 posti sul lungomare di Napoli, in Rotonda Diaz: sarà l’attrazione e il cuore pulsante della Tennis Napoli Cup, torneo Atp250 in programma dal 17 al 23 ottobre (qualificazioni il 15 e il 16 ottobre). Dopo la trasformazione della superficie di tre campi del Tennis Club Napoli, da terra rossa a cemento, è partita l’operazione più importante, con l’allestimento dell’Arena che rappresenta il gioiellino dell’appuntamento mondiale in Villa.

”Nonostante il maltempo di questi giorni che ci sta facendo inevitabilmente soffrire – ha spiegato l’organizzatore Cosimo Napolitano – saremo pronti. Contiamo per mercoledì 12 o giovedì 13 ottobre di effettuare le tanto attese prove tennistiche”. Con la direzione dei lavori affidata all’architetto Diego Marotta, il team di Italstage ha iniziato a montare una parte delle tribune dell’Arena.  I passaggi che seguiranno nei prossimi giorni per l’allestimento del campo centrale in cemento sono tutti importanti e in sequenza: ”Si tratta di passaggi uno successivo all’altro, obbligatori per la perfetta realizzazione del campo – illustra nei particolari Cosimo Napolitano -. Si provvederà a disegnare e gettare il bordo del perimetro del campo, che poi verrà riempito con degli inerti che creeranno la base per stendere la platea di legno, con il tappetino, il cemento e la relativa resina”. L’Arena sarà una struttura ad alta tecnologia, tutto l’impianto perimetrale del campo sarà dotato di tecnologia Led con un backdrop di due metri sul lato corto del campo centrale, come nei grandi tornei dell’ATP Tour. ”Durante il challenger del 2021 a Napoli abbiamo fatto intravedere le novità che metteremo in pratica nell’ATP 250 – ha aggiunto Napolitano -, qualcosa di bello che a Napoli non si è mai visto. Ora le stiamo realizzando tutte, con l’aggiunta di effetti grafici particolari e nuovi, tutto ad altissima tecnologia”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto