Collegati con noi

Cinema

Mollica, Italia da Oscar, da Fellini a Sorrentino

Avatar

Pubblicato

del

L’ironia di Fellini, l’entusiasmo incontenibile di Benigni, il fulminante ‘fuck you’ di Antonioni a Jack Nicholson “che faceva un po’ troppo lo splendido”. Sono fra i ricordi, momenti e aneddoti, “bellissime emozioni” che riportano alle persone e agli artisti dietro il glamour, vissuti da Vincenzo Mollica e condivisi in L’italia agli Oscar – Racconto di un cronista, il libro a cura di Steve della Casa (Luce Cinecitta’ /Edizioni Sabinae) realizzato in occasione dello storico accordo per una partnership almeno quinquennale fra Istituto Luce Cinecittà e il Museo dell’Academy of Motion Pictures di Los Angeles, di cui sono ancora in corso i lavori. Mollica ha seguito la prima edizione degli Oscar da inviato a Los Angeles trent’anni fa: “Era candidato Peppuccio Tornatore, con Nuovo cinema Paradiso ed erano 15 anni che Italia non vinceva come miglior film straniero. Quando vinse Giuseppe era felicissimo, anche se non ebbe il tempo di parlare sul palco dopo il produttore Franco Cristaldi, riusci solo a dire grazie” racconta il maestro del giornalismo alla presentazione del libro, dove e’ venuto a salutarlo anche Francesco De Gregori. Tra gli eventi indimenticabili l’Oscar alla Carriera all’amico Federico Fellini: “Quando e’ arrivato a Los Angeles, l’Academy gli ha fatto un trovare un trono e tutti, da Billy Wilder in giu’ andavano a rendergli omaggio. Lui, ironico come sempre, quasi li benediva- dice Mollica -. Poi sull’aereo di ritorno in Italia, Federico mi parlo’ del rammarico per non aver mai lavorato con Sophia Loren (che gli aveva consegnato la statuetta insieme a Marcello Mastroianni, ndr) ma che stava scrivendo un film in cui sarebbe stata tra i protagonisti, intitolato Attore! Nel cast ci sarebbe stato anche Salvo Randone, che Fellini definiva il piu’ grande rapinatore di applausi del teatro”. Come non ricordare poi le storiche vittorie di Roberto Benigni per La vita e’ bella (miglior film, miglior attore protagonista e la colonna sonora a Nicola Piovani, ndr): “quel momento straordinario nel quale Benigni arriva sul palco saltando sulle sedie e’ diventato uno degli spot simbolo dell’Academy – commenta sorridendo Mollica -. Nei giorni successivi, andai con Benigni a New York, e c’erano tassisti che quando lo vedevano gli urlavano ‘Roberto!’. Lui per loro improvvisava un balletto in mezzo alla strada”. Un’altra grande emozione furono le candidature postume a Massimo Troisi per Il postino: “Si riunirono le fidanzate di Massimo, che si sentivano tutte a loro modo vedove. E mi torno’ in mente quando lui mi aveva raccontato per ore del progetto de Il Postino, in un’osteria di Roma. Mentre stavamo mangiando entro’ all’improvviso Al Pacino con due sgallettate… e lo misero a mangiare un posto piu’ riservato”. Il giornalista era a Los Angeles anche per la vittoria di Sorrentino: “E’ stata bellissima anche quella, oltre che inattesa. Il film era stato molto amato ma non si pensava che vincesse. Poi Sorrentino fece una dedica strepitosa, da Fellini a Maradona… che gli vuoi dire di piu’?”. Per Mollica, “il cinema italiano non e’ secondo a nessuno nel mondo perche’ e’ vitale e ha una forza che ha sempre rappresentato una guida”. Sulla copertina del libro, Mollica e Della Casa hanno voluto Anna Magnani: “E’ la numero uno assoluta, rappresenta il cinema in tutte le sue forme, e’ L’italia, ed e’ stata la prima donna italiana a vincere un Oscar. Tutti i grandi protagonisti del cinema l’hanno sempre amata e rispettata. C’e’ un inchino da fare a questa donna cosi’ generosa e straordinaria, che ha regalato al cinema pagine di vita”. il giornalista e’ stato molto contento anche dell’Oscar alla carriera per Lina Wertmuller: “Mi piacerebbe ne arrivasse uno anche per Giancarlo Giannini e uno a Nanni Moretti… chissa’ cosa succederebbe su qual palcoscenico!”.

Advertisement

Cinema

CliCiak Scatti di Cinema, la ventiduesima edizione in mostra al Centro di Fotografia Indipendente a Napoli

Avatar

Pubblicato

del

E’ oramai come sentirsi dire che si vuol vincere facile, una scuola consolidata e internazionalmente riconosciuta, capace di imporsi (è proprio il caso di dirlo) sulle scene e sui set ad ogni latitudine di questo mondo magico che è il cinema, dove vince l’estro del “direttore lavori”, del regista, di quel nome che esce a titoli di coda finiti o all’inizio della proiezione, ma che poco sarebbe senza la macchina/staff produttiva che deve comporre e saper oculatamente guidare, tutte sono parti fondamentali in questo enorme apparato che è il cast/produttivo di un film, ma da sempre uno degli aspetti e professioni che a tutto questo danno una immagine e riportano all’esterno le sensazioni, le emozioni e le  meraviglie del set, sono i fotografi di scena. Non solo mere riprese fotografiche delle scene e dei set  che il regista e il direttore di fotografia compongono insieme agli scenografi e a tutti gli operatori di ripresa, ma dalle foto di questi fotografi esce l’anima della produzione, il fotografo di scena deve saper documentare ed interpretare i set e quello che si muove intorno ad essi,  che giorno dopo giorno compongono l’opera filmica e alla quale  dovranno dare una immagine che nei manifesti e nella comunicazione ne influenzerà il successo o meno. Angelo Novi, Tazio Secchiaroli, fotografi di scena che sono usciti dalle scene e hanno rappresentato la vita sulle scene e la vita nel cinema, i fotografi di Fellini e Mastroianni e Leone, Novi e Secchiaroli, due maestri che oggi hanno eredi che continuano nella loro tradizione a guardare oltre la macchina da presa e addirittura a consigliare inquadrature con i loro scatti e le loro visioni a piani riprese già consolidati e studiati da tempo, stravolgendo, a volte intere giornate di lavorazione, migliorando , qualora ce ne fosse bisogno il prodotto finale. Queste visioni, queste foto, queste opere da tempo sono chiamate a concorso dal Centro Cinema Città di Cesena in un contest fotografico aperto a tutte le produzioni cinematografiche intitolato «CliCiak Scatti di Cinema»  in collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna a cura di Antonio Maraldi sono alla ventiduesima edizione di un evento   che ha visto nel corso degli anni, premiare fotografi poi arrivati con i film da loro seguiti sui red carpet dei più importanti premi cinematografici internazionali, Oscar, Leoni d’Oro, Palme, Orsi.

Dal 22 Febbraio  «CliCiak Scatti di Cinema» fa tappa a Napoli, con quaranta foto esposte nelle sale del Centro di Fotografia Indipendente di piazza Guglielmo Pepe con una mostra a cura di Roberta Fuorvia.

un importante appuntamento per professionisti e appassionati che hanno la possibilità di apprezzare i lavori selezionati negli spazi del Centro di Fotografia Indipendente.

La 22esima edizione è stata vinta da Stefano C. Montesi (miglior foto per Michelangelo infinito), Mario Spada (miglior serie cinema per Capri Revolution) e Angelo R. Turetta (miglior serie tv per Il nome della rosa), mentre il Premio Giuseppe e Alda Palmas, per un fotografo che si presenta per la prima volta è andato a Franco Oberto per Soledad, mentre il premio speciale Ciak Ritratto d’attore è stato vinto per la sezione in bianco e nero da Anna Camerlingo (per una foto di I bastardi di Pizzofalcone 2) e per quella a colori da Eduardo Castaldo (per una foto di L’amica geniale), scelti dalla giuria di addetti ai lavori (Marina Alessi, Cesare Biarese, Gianfranco Miro Gori, Paolo Mereghetti e Michele Smargiassi) tra 2.100 foto di scena, presentate da 62 autori, a documentazione di 102 tra film, corti e serie tv. Numeri – sottolineano i promotori – che confermano l’interesse per un’iniziativa unica nel suo genere in Italia, dedicata a valorizzare il lavoro dei fotografi di scena attivi sui set delle produzioni cinematografiche e televisive delle ultime tre stagioni.

Quaranta le foto esposte dal 22 febbraio alle ore 19,00 al 12 marzo al Centro di Fotografia Indipendente di Napoli. L’ingresso alla mostra è gratuito.

In esposizione le foto di:

Livio Bordone, Anna Camerlingo, Bepi Caroli, Eduardo Castaldo, Paolo Ciriello, Giuseppe D’Anna, Fabrizio De Blasio, Chico De Luigi, Tullio Deorsola, Floriana Di Carlo, Gianni Fiorito, Simone Florena, Paolo Galletta, Duccio Giordano, Matteo Graia, Maila Iacovelli e Fabio Zayed, Claudio Iannone, Arianna Lanzuisi, Fabio Lovino, Giulia Mannelli, Maria Marin, Andrea Miconi, Stefano Montesi, Nicoletta Morici, Franco Oberto, Lia Pasqualino, Sara Petraglia, Andrea Pirrello, Azzura Primavera, Emanuela Scarpa, Giuseppe Schimera, Assunta Servello, Mario Spada, Angelo R. Turetta, Federico Vagliati, Loris T. Zambelli.

 

 

 

 

Continua a leggere

Cinema

Barack Obama, dopo il Nobel per la pace anche un premio Oscar

Avatar

Pubblicato

del

Dopo il premio Nobel per la pace, per Barack Obama anche un premio Oscar: “American Factory” (in italiano Made in Usa – Una fabbrica in Ohio) di Steven Bognar, Julia Reichert e Jeff Reichert. E’ il primo documentario di Higher Ground, la societa’ di produzione dell’ex presidente e di Michelle. Obama ha subito twittato: “congratulazioni a Julia e Steven, i registi dietro American Factory, per aver raccontato una storia cosi’ complessa e commovente sulle conseguenze molto umane del difficile cambiamento economico. Sono felice di vedere due persone assolutamente perbene e talentuose portare a casa l’Oscar per la prima produzione di Higher Ground”.

Continua a leggere

Cinema

La notte degli Oscar: Joaquin Phoenix miglior attore protagonista per Joker, Parasite il miglior film

Avatar

Pubblicato

del

Il miglior film è “Parasite” e porta  casa 4 statuette, tutte pesanti. Oltre a miglior film anche miglior regìa, miglior sceneggiatura e miglior film internazionale, è infatti coreano.

Oscar per il miglior attore protagonista a Joaquin Phoenix: il premio per la magistrale interpretazione del cattivo nel film Joker di Todd Phillips era atteso, secondo le previsioni. Sul palco ha ricordato il fratello morto giovane tragicamente: “Abbiamo avuto paura di cambiare, ha detto nel ricevere la statuetta, sono stato un collega difficile, non ero una bella persona ma mi hanno dato la possibilità di cambiare”.

“Joker” ha vinto anche per la migliore colonna sonora originale Statuetta a Hilder Guonadottir.

Il miglior film è “Parasite” e porta  casa 4 statuette, tutte pesanti. Oltre a miglior film anche miglior regìa, miglior sceneggiatura e miglior film internazionale. Ilpremio per la miglior regia va al sudcoreano Bong Joon Ho che ha omaggiato tutti gli altri registi in nomination: “Mi piacerebbe avere una motosegna per dividere il premio con voi”, ha detto.  Bong Joon-Ho li ha ringraziati a partire da Martin Scorsese che ha ricevuto una standing ovation ed ha spiegato di aver studiato i suoi fil. Rivolgendosi a Tarantino ha poi detto: “Quentin ha sempre messo i miei film nella lista dei preferiti anche quando non mi conosceva nessuno negli Usa. Todd (Phillips) Sam (Mendes) vi ammiro”.

Oscar per la miglior attrice protagonista a Renee Zellweger per la magistrale interpretazione di Judy: lei ha dedicato l’importantepremio ai genitori arrivati negli Stati Uniti da immigrati.

È Brad Pitt il miglior attore non protagonista. Nel ricevere la statuetta, dedicata ai suoi bambini (“Tutto perde”) ha rivolto un ringraziamento a  Quentin Tarantino:”Il cinema sarebbe triste senza di te, ha detto l’attore, sei originale, davvero unico”. Brad Pitt  ha ricevuto l’Oscar per C’era una volta a…Hollywood, è  la seconda statuetta in carriera.

Pitt dal palco ha anche accusato il Senato a maggioranza repubblicana di aver bloccato la testimonianza di Bolton, ex Consigliere per la sicurezza nazionale, nel corso del processo per l’impeachment del presidente Donald Trump.

Oscar per la migliore attrice non protagonista va a Laura Dern per Storia di un matrimonio di Noah Baumbach.”È  un onore essere qui”, ha detto Laura Dern ringraziando l’Academy e  regista e attori del film, distribuito da Netflix, ma in particolare ha voluto rendere omaggio ai genitori, definiti i suoi “supereroi”. Questo Oscar e’ “il miglior regalo di compleanno che si possa ricevere”, ha detto la Dern, nata proprio il 10 febbraio del 1967.

Omaggio a Kobe Bryant sul red carpet degli Oscar su Hollywood Boulevard a Los Angeles: protagonista Spike Lee, che indossava uno smoking color viola e oro con il numero 24 applicato sulla giacca. Lee, un fan del basket, nel 2009 ha diretto il documentario “Kobe: Doin’ Work” sulla celebre etica del lavoro della star dei Lakers morto tragicamente due settimane fa in un incidente di elicottero. “Ci manca a tutti” ha detto il regista.

L’Oscar per la miglior canzone originale va a Elton John e Bernie Taupin per (I’m Gonna) Love me Again del film Rocketman. Per Elton John è

il secondo Oscar dopo quello vinto nel 1995 per Il Re Leone.

 

 

La statuetta per i migliori effetti speciali va a Guillaume Rochereon, Greg Butler e Dominic Tuohy per 1917 di Sam Mendes.1917 vince per la migliore fotografia Statuetta a Roger Deakins. L’Oscar per il miglior sonoro va a Mark Taylor e Stuart Wilson per 1917 di Sam Mendes.

L’Oscar per la migliore scenografia va Barbara Ling (production design) e Nancy Haigh (set decoration) per C’era una volta a…Hollywood di Quentin Tarantino. Quello per il miglior trucco e acconciatura va a Kazu Hiro, Anne Morgan e Vivian Baker per Bombshell – La voce dello scandalo di Jay Roach.

Oscar per i migliori costumi a Jacqueline Durran per Piccole Donne di Greta Gerwig. Per la costumista si tratta della seconda statuetta dopo quella vinta nel 2013 per Anna Karenina.

The Neighbors’ Window, regia di Marshall Curry, vince l’Oscar per il miglior cortometraggio.

L’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale va a Taika Waititi per Jojo Rabbit.

American Factory si aggiudica l’Oscar per il miglior documentario. Il film di Steven Bognar, Julia Reichert e Jeff Reichert, distribuito da Netflix, è sui diritti dei lavoratori.

Toy Story 4 di Josh Cooley ha vinto l’Oscar come miglior film d’animazione.

l’Oscar come miglior corto d’animazione va a Hair Love, regia di Bruce W. Smith, Matthew Cherry e Everett Downing Jr.

Continua a leggere

In rilievo