Collegati con noi

Esteri

Miracolo in Spagna, è stata per 6 ore in arresto cardiaco: rianimata sta bene

Avatar

Pubblicato

del

In Spagna, una donna è sopravvissuta a sei ore di arresto cardiaco: letteralmente resuscitata e riportata in vita, dopo l’incredibile esperienza si e’ ripresa, sta bene e non ha riportato conseguenze neurologiche. “E’ un caso eccezionale al mondo”, ha rimarcato Eduard Argudo, del servizio di medicina intensiva dell’Hospital Vall d’Hebron, a Barcellona. Sono miracoli che si spingono “ai limiti della vita, che ancora non conosciamo”.

Si tratta dell’arresto cardiaco piu’ lungo documentato in Spagna. Audrey Mash, una britannica 34enne insegnante di inglese e residente a Barcellona, si era persa sui Pirenei, nella zona di Girona. Accompagnata dal marito, Rohan Schoeman, la donna il 7 novembre scorso aveva lasciato il rifugio di buon mattino con l’obiettivo di raggiungere una vetta vicina. Ma poco dopo, un improvviso cambio del meteo, ha disorientato la coppia e la donna, intrappolata nella tempesta e piegata dal vento e dal freddo, intorno alle 13:00 di quello stesso giorno, prima ha cominciato a perdere la parola e la capacita’ di movimento, poi ha perso conoscenza. L’uomo e’ riuscito a chiamare i soccorsi, che pero’ hanno raggiunto alle 15:40 il posto dove si trovava la coppia. Audrey, che in quel momento aveva una temperatura corporea di 18 gradi, e’ stata trasferita in elicottero ed e’ arrivata all’Hospital Vall d’Hebron alle 17:44. A quel punto il cuore non batteva piu’, i polmoni e i reni erano inerti e il suo corpo non dava piu’ segni di vita. Per ore i medici hanno tentato la rianimazione: nella disperata corsa contro il tempo, hanno anche utilizzato una macchina che ha ossigenato il sangue della donna. Fino a quando, con il corpo tornato a una temperatura di 30 gradi, alle 21:46, un defibrillatore e’ riuscito nel miracolo e il cuore ha ripreso a battere. Proprio la bassa temperatura corporea ha contribuito a salvarla donna, ha spiegato Argudo.

“Sembrava morta. Ma sapevamo che, nel contesto dell’ipotermia, Audrey aveva una possibilita’ di sopravvivere”. L’ipotermia ha protetto il corpo e il cervello, nonostante la donna fosse sull’orlo del precipizio. “Se fosse stata in arresto cardiaco per cosi’ tanto tempo a una temperatura corporea normale, sarebbe morta”. La signora Schoeman e’ stata dimessa il giorno seguente, dopo appena dodici ore di ricovero, con solo lievi problemi di mobilita’ e sensibilita’ alle estremita’, dovute alla prolungata ipotermia. Nella conferenza stampa organizzata giovedi’, con i media spagnoli, Audrey ha voluto ringraziare l’efficienza dei medici e ha raccontato di non ricordare nulla. Tra i casi piu’ estremi di ipotermia e recupero neurologico documentati al mondo, l’arresto piu’ lungo -scrive El Pais citando un articolo pubblicato lo scorso gennaio sulla rivista Intensive Medicine- e’ durato otto ore e 40 minuti: un paziente che ha ottenuto un completo recupero, se si eccettua un deficit di memoria minimo che comunque non influenza la sua vita quotidiana. La temperatura minima documentata e’ di 13,7 gradi, il caso di un escursionista caduto in un burrone con acqua ghiacciata, che ha subito un arresto cardiaco di 45 minuti e poi si e’ completamente ripreso da un punto di vista neurologico. Fonti mediche citano il caso, ancora pero’ non pubblicato su una rivista scientifica, di un polacco la cui temperatura era scesa a 12 gradi.

Advertisement

Esteri

Lettera avvelenata a Trump, arrestata una donna canadese

Avatar

Pubblicato

del

Usa donna canadese avrebbe inviato diverse lettere contenenti ricina – un potente veleno letale per l’essere umano – all’indirizzo della Casa Bianca e di alcune agenzie federali nel Texas. Lo scrive l’emittente “Cnn”, che cita fonti di polizia secondo cui la donna ha anche tentato, armata di pistola, di attraversare illegalmente il confine tra il suo paese e lo Stato di New York. La donna e’ stata arrestata e verra’ incriminata a Washington Dc. La stampa Usa aveva dato notizia dell’intercettazione delle lettere avvelenate ieri, 20 settembre; una delle lettere era indirizzata al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Dal Federal Bureau of Investigation (Fbi) non e’ giunto alcun commento ufficiale, mentre un portavoce del ministro per la Sicurezza pubblica del Canada, Bill Blair, ha confermato che Ottawa sta collaborando alle indagini delle autorita’ statunitensi.

Continua a leggere

Esteri

Usa, sparatoria in una festa: 2 morti e 14 feriti

Avatar

Pubblicato

del

 Almeno due persone morte e altre 14 sono rimaste ferite in una sparatoria avvenuta a Rochester (New York). Lo riferiscono alcuni media americani. In base alle prime informazioni, un uomo armato ha aperto il fuoco durante una festa in giardino con piu’ di 100 persone poco dopo la mezzanotte di venerdi’. Al momento non sono stati effettuati arresti.   Le vittime sono due giovani, una ragazza e un ragazzo, tra i 18 e i 22 anni, ma le generalita’ non sono state rese note. Il capo della polizia ad interim, Mark Simmons, ha detto che gli agenti al loro arrivo sul posto dopo l’allarme al 911, intorno alle mezzanotte locale (le 6 di sabato ora italiana), si sono trovati davanti a una “scena caotica” con diverse vittime. Secondo Simmons e’ ancora troppo presto per dire se a sparare siano state una o piu’ persone. Altri dettagli sulla sparatoria saranno resi noti in una conferenza stampa prevista in mattinata.

Continua a leggere

Esteri

Addio a Ruth Bader Ginsburg, ora sfida in Corte Suprema

Avatar

Pubblicato

del

Il giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg e’ morta a 87 anni. Bader Ginsburg e’ morta in seguito a complicazioni per un tumore al pancreas. Aveva 87 anni. Nominata da Bill Clinton, era alla Corte Suprema dal 1993. Nata a Brooklyn il 15 marzo del 1933, e’ morta circondata dalla sua famiglia.

Sembrava immortale, anche e soprattutto a lei stessa. Aveva superato operazioni per cancro ai polmoni, radiazioni per un tumore al pancreas, tutto nel corso degli ultimi due anni. Prima, nel 2009, l’ operazione per il cancro a pancreas allo stadio iniziale e dieci anni prima per un tumore al colon. Ma alla fine il ‘generale C’ ha avuto la meglio sulla giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg: ‘The Notorious R.B.G’, come era chiamata dai fan che la identificavano con una icona rap, e’ morta a 87 anni. La seconda donna alla Corte Suprema dopo Sandra Day O’Connor, protagonista del documentario candidato agli Oscar nel 2018 “RBG” di Betsey West e Julie Cohen, era la decana dell’ala liberal della Corte, ridotta a questo punto a solo tre membri: una corsa in salita per difendere conquiste di decenni in materia di diritti civili, non solo per donne, gay, ‘affirmative action’. Lei aveva ripetutamente giurato che sarebbe rimasta al suo posto fintanto che la salute glielo avesse permesso, ma la serie di disavventure mediche avevano creato preoccupazione nel partito democratico e sollevato in generale dubbi sull’opportunita’ di avere giudici a quel livello di potere con un mandato a vita. Una cosa che dovrebbe preoccupare l’altro giudice liberal Stephen Breyer e il superconservatore Clarence Thomas. Nell’arco di due anni, il presidente Donald Trump e’ riuscito a nominare due membri della Corte Suprema, Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh. L’ultimo presidente capace di nominare due giudici nel suo primo mandato fu Richard Nixon creando una maggioranza di conservatori che ha tenuto fino a oggi. La Ginsburg fu scelta nel 1993 da Bill Clinton, la prima democratica dal 1997, quando Lyndon Johnson aveva nominato Thurgood Marshall. Nata a Brooklyn nel 1933, aveva studiato legge, gia’ moglie e madre, a Harvard, una delle nove donne in una classe di 500 uomini, poi alla Columbia. Negli anni Settanta, come direttrice del Women’s Rights Project della organizzazione libertaria American Civil Liberties Union, aveva dibattuto davanti alla Corte una serie di casi che avevano creato le protezioni istituzionali contro la discriminazione sessuale: una strategia legale che aveva invitato a paralleli con quelli del giudice Marshall sul fronte delle battaglie per i diritti civili dei neri. Tra le sue tattiche, l’uso della parola “genere” quando altri usavano “sesso”, parola che, a suo avviso, confondeva i giudici. Durante l’amministrazione Obama, la Ginsburg aveva respinto gli appelli dei liberal a dimettersi in modo che il presidente avesse la possibilita’ di nominare un successore “finche’ c’era tempo”. “Ci sara’ un altro presidente democratico”, aveva detto Ruth pensando a Hillary Clinton. Donald Trump, eletto invece della ex First Lady e Segretario di Stato, aveva liquidato la giudice progressista come una “che non ci sta piu’ con la testa” dopo che Ruth lo aveva criticato in una serie di interviste prima dell’elezione, affermando che, se il tycoon avesse conquistato la Casa Bianca, si sarebbe trasferita in Nuova Zelanda.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto