Collegati con noi

Esteri

Migranti, Macron fa il Salvini: stretta sugli ingressi, bisogna ascoltare il popolo

amministratore

Pubblicato

del

– Stretta di Emmanuel Macron sull’immigrazione: per il presidente c’e’ la necessita’ di “guardare la questione in faccia”, per evitare che la Re’publique En Marche diventi un “partito borghese”, che non tiene conto dell’opinione delle classi popolari sedotte dal Rassemblement National di Marine Le Pen. A due giorni dalla visita a Roma, in coincidenza con lo scontro sui migranti tra Italia ed Ungheria, e a due settimane dall’apertura, nel parlamento di Parigi, di un importante dibattito sulle questioni migratorie, il presidente francese ha parlato del tema questa sera dinanzi a 200 deputati e senatori della Republique en Marche, il MoDem, e gli altri partiti alleati, oltre che l’insieme del governo. Un intervento a tutto campo, in cui ha affrontato i grandi temi del quinquennio. A cominciare dal nodo migranti. “I flussi di ingresso – ha dichiarato – non sono mai stati cosi’ bassi in Europa e le richieste d’asilo mai cosi’ elevate in Francia”. “Non abbiamo diritto di non guardare questo tema in faccia”, ha martellato il presidente, adottando una linea molto piu’ dura rispetto al passato, incluso sul diritto d’asilo. “Credo nel nostro diritto d’asilo, ma e’ sviato dalla sua finalita’ dalle reti, da gente che manipola. Se non lo guardiamo in faccia, lo subiremo. Risultato? Dei quartieri in cui esplode il numero di minori non accompagnati”. Parole riferite da un partecipante alla riunione citato questa sera da giornali e tv d’Oltralpe. il leader francese e fondatore di En Marche ha sottolineato che oggi “la questione e’ sapere se vogliamo essere un partito borghese o meno. I borghesi non hanno problemi con questo: non li incrociano…”. Mentre “le classi popolari vivono insieme ad esso”. “Per decenni – ha poi deplorato Macron – la sinistra non ha voluto guardare questo problema. Le classi popolari hanno migrato verso l’estrema destra. Siamo come le tre scimmiette: non vogliamo guardare”. L’inquilino dell’Eliseo e’ atteso a Roma dopodomani per incontrare il presidente Sergio Mattarella ed affrontare con il premier Giuseppe Conte, le grandi tematiche europee, con particolare attenzione alla questione migranti. Oggi per lui c’e’ “un solo oppositore sul terreno: e’ il Front National (Rassemblement National,ndr,)”, ha proseguito questa sera, aggiungendo che sul tavolo della Francia ci sono attualmente “due progetti: quello del ripiegamento, della paura, o quello di costruire una soluzione aperta ma non ingenua”.

Advertisement

Esteri

Israele, Netanyahu rinuncia a formare il governo. Ora ci prova Gantz

Avatar

Pubblicato

del

Benjamin Netanyahu passa la mano, e adesso tocca a Benny Gatz tentare di dare un governo a Israele. Il premier uscente del Likud ha gettato la spugna, restituendo al capo dello Stato, Reuven Rivlin, il mandato che quest’ultimo gli aveva affidato. In una dichiarazione video, Netanyahu ha sostenuto di aver lavorato “incessantemente” per formare un “ampio governo di unita’ nazionale” che includesse i partiti religiosi, alleati del Likud, e il rivale Blu e Bianco guidato dall’ex capo di stato maggiore delle forze di difesa, Benny Gantz. Ma, ha denunciato, e’ stato proprio quest’ultimo a impedirglielo: “Nelle ultime settimane ho tentato di tutto per portare Gantz al tavolo del negoziato ma sfortunatamente, lui si e’ sempre rifiutato, ogni volta”. “Bibi ha fallito di nuovo”, e’ il commento lapidario di Yair Lapid, numero due di Blu e Bianco, al quale, ha annunciato l’ufficio di Rivlin, sara’ affidato l’incarico. Il 60enne Gantz, che ha 28 giorni di tempo per dar vita a un esecutivo, ha annunciato che questo dovra’ essere “liberale”, nel senso che limitera’ l’influenza dei partiti di impronta religiosa. “E’ il momento – ha affermato una nota del partito – di agire”. A Netanyahu, invece, tocca attendere, sperando in un ritorno alle urne, l’esito di una vicenda giudiziaria che potrebbe vedere la sua incriminazione. E’ l’intenzione manifestata di recente dal procuratore generale Avichai Mandelblit, decisione che dovrebbe arrivare entro dicembre. Netanyahu e’ coinvolto, tra gli altri scandali, nel Caso 4000, ovvero quello di presunti favori a una societa’ di telecomunicazioni in cambio di una copertura mediatica favorevole al premier. Di recente Netanyahu e’ stato impegnato in una serie di udienze preliminari in cui ha cercato da un lato di far cambiare idea al procuratore generale e dall’altro, di salvare la propria carriera politica.

Continua a leggere

Esteri

Brexit diventa una barzelletta, da Londra arrivano tre lettere all’Ue e Johnson promette che esce il 31 ottobre

Avatar

Pubblicato

del

Che fosse una cosa difficile l’avevamo capito. Che però diventasse anche qualcosa di comico-ridicolo non ce l’aspettavamo. Parliamo di Brexit. Oggi è stata la giornata in cui dall’Inghilterra sono arrivate tre lettere all’Ue da Londra. Poi spieghiamo quali. Intanto è certo  che il governo di Boris Johnson continua a spingere perché la Brexit avvenga il 31 ottobre, anche dopo che il Parlamento ha costretto il premier a scrivere a Bruxelles per chiedere un nuovo rinvio. La giornata di sabato, con un voto storico a Westminster sul nuovo accordo trionfalmente annunciato due giorni prima, avrebbe dovuto dare la svolta decisiva, 3 anni dopo il referendum del 2016. Invece i deputati hanno dato un altro schiaffo a Johnson e deciso di posticipare la propria decisione. Effetto: gli europei si trovano in mano tre lettere, che dicono tutto e il contrario di tutto. Mentre mancano 11 giorni al divorzio e i settori economici temono gli effetti di un no deal. Prima lettera: quasi apocrifa, non firmata da Boris Johnson, chiede il rinvio al 31/01/20 della Brexit. Seconda lettera: firmata da Johnson, che vi afferma di non volere il rinvio. Terza lettera: scritta dall’ambasciatore britannico all’Ue Tim Barrow, precisa che il rinvio è stato chiesto solo per rispettare la legge. Michael Gove, braccio destro del premier, è intervenuto ai microfoni di Sky News: “Usciremo il 31 ottobre. Abbiamo i mezzi e le capacità per farlo”. Poi il ministro degli Esteri Dominic Raab ha aggiunto a Bbc di credere che il governo “abbia i numeri” per l’approvazione dell’intesa, mentre molti “nell’Ue non vogliono una proroga”. Sul lato europeo, a Bruxelles il presidente del Consiglio, Donald Tusk ha annunciato sabato sera che avrebbe “cominciato a consultare i leader dell’Ue sul modo di reagire”. E una fonte europea ha poi aggiunto che le consultazioni con i 27 “potrebbero durare alcuni giorni”. In mattinata durante una breve riunione a Bruxelles tra gli ambasciatori dei 27, assieme al capo negoziatore Michel Barnier, la questione è stata avocata ma non discussa.

“L’Ue tiene tutte le opzioni aperte” ha detto un diplomatico europeo. Insomma, l’Ue prende tempo.Il leader laburista Jeremy Corbyn, intanto, ha esultato: “il dannoso accordo è stato sconfitto” e “nonostante la sua postura irritante e fanfarona” Johnson ha dovuto “obbedire alla legge”.

Cioè al Benn Act, approvato a settembre per evitare un no deal, che l’ha obbligato a chiedere il rinvio. Il testo prevede che, se un accordo non fosse stato approvato al Parlamento entro il 19 ottobre, il premier avrebbe dovuto fare la richiesta di proroga al 31 gennaio. Johnson sperava di evitarlo facendo approvare l’intesa sabato. Previsione sbagliata e nuova incertezza totale.

Alcuni deputati del Labour hanno anche ipotizzato che l’invio della seconda lettera da parte di BoJo sia illegale, annunciando che valutano di portarlo in tribunale per “oltraggio al Parlamento e ai tribunali”.

Il successore di Theresa May ha assicurato che “la settimana prossima” presenterà al Parlamento la legge necessaria all’attuazione del suo accordo, con un primo voto possibile già martedì. “Se passeremo la legge in tempo, non ci sarà estensione. Il 31 ottobre è in vista”, ha sottolineato Gove. Il governo può contare sul sostegno di alcuni ribelli Tory, che erano stati espulsi per aver appoggiato il Benn Act.E lunedì potrebbe tentare di nuovo il voto per approvare l’intesa, ma spetterà allo speaker John Bercow stabilire se questo sarà possibile.

Continua a leggere

Cronache

Bus esce di strada e prende fuoco: almeno 30 morti

Avatar

Pubblicato

del

Almeno 30 persone sono decedute quando un autobus affollato è uscito di strada e si è incendiato vicino a Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo, secondo quanto riferito da un funzionario locale. “L’attuale bilancio è di 30 morti, altri 18 hanno ustioni di terzo grado”, ha detto il portavoce della Croce Rossa David Nsiala ad AFP.”Stiamo continuando il lavoro di identificazione dei corpi”, ha aggiunto Nsiala, che gestisce la Croce Rossa nel territorio di Mbanzea-Ngungu, a sud-ovest di Kinshasa. L’autobus, carico di persone e merci, stava viaggiando da Lufu a Kinshasa quando i suoi freni si sono rotti, ha detto ad AFP Didier Nsimba, vicedirettore del territorio di Mbanza-Ngungu.L’incidente è avvenuto verso l’una del mattino, ha aggiunto.Un passeggero ferito ha detto che più di 100 persone erano nel veicolo in quel momento. Molti corpi sono bruciati e irriconoscibili, ha aggiunto. Mbanza-Ngungu si trova a circa 150 chilometri da Kinshasa sull’autostrada 1, una strada con una triste reputazione per quanto riguarda gli incidenti mortali.

Continua a leggere

In rilievo