Collegati con noi

Cultura

Metropolitana della cultura, nelle viscere di Napoli 15 stazioni museo per la gioia dei turisti

Avatar

Pubblicato

del

La metropolitana più bella del mondo. L’espressione può sembrare banale ma è quella che usano viaggiatori e turisti che scendono nelle viscere della terra a Napoli. Ed è anche il riconoscimento, spesso la certificazione di riviste e periodici specializzati internazionali che menzionano la Metropolitana di Napoli  come un museo diffuso sotto terra, una vera e propria opera d’arte, l’attrazione delle attrazioni della città affacciata sul Golfo con il Vesuvio sullo sfondo. Come si fa per visitare le 15 stazioni della metropolitana diventate esse stesse opere d’arte? Quanto costa entrare in questo museo diffuso nel ventre di Napoli? Un euro e dieci centesimi. Puoi viaggiare in lungo e in largo, fermarti e visitare ogni singola stazione e rimanere a bocca aperta. La linea 1 collega la stazione centrale di Piazza Garibaldi con Piazza Municipio, Via Roma e il quartiere borghese del Vomero, fino ad arrivare nella periferia nord di Scampia e Chiaiano. Nel suo percorso abbraccia alcune delle zone più caratteristiche di Napoli e, in futuro, arriverà fino all’aeroporto di Capodichino. Nelle intenzioni dei progettisti di Metro Napoli, inoltre, c’è il completamento dell’anello che dovrebbe trasformare la linea 1 in una tratta circolare, con partenza e arrivo a Piazza Garibaldi. Al di là dell’itinerario, il punto di forza della metropolitana partenopea è la bellezza delle sue stazioni. 

Colori, atmosfere vivaci, eleganza, sfarzosità ed essenzialità caratterizzano le stazioni della metropolitana di Napoli. Stazione Toledo è forse la più ammirata in assoluto. Fu progettata dall’archistar spagnolo Oscar Tusquets Blanca, è dominata dall’azzurro del mare e del cielo, simboli di Napoli, e presenta alle pareti straordinari mosaici dedicati a San Gennaro, un corridoio marino e il suggestivo Crater de Luz, un gigantesco cono da cui si gode una vista senza pari della città. La stazione della metropolitana di Materdei, a Napoli centro, ospita alcune delle opere d’arte più belle di tutto il percorso come Carpe diem, una scultura in bronzo di Luigi Serafini, oppure il mosaico raffigurante Pulcinella, un gruppo di scugnizzi ed un’infinita distesa marina, realizzato da Luigi Ontani. La fermata Museo, ad esempio, ha una grande galleria fotografica in bianco e nero di Mimmo Jodice e, soprattutto, maestose sculture realizzate dall’Accademia di Belle Arti, come una grande Testa di Cavallo o l’Ercole Farnese. La stazione Neapolis, Museo, è un ambiente museale situato all’interno della stazione stessa contenente tutti i reperti rinvenuti durante gli scavi della metro. Bellissima è anche la stazione Dante, progettata da Gae Aulenti, sormontata dai versi iniziali della Divina Commedia e ricca di oggetti appesi alle pareti. Particolare, inoltre, è la stazione Vanvitelli, realizzata da Lorenzo e Michele Capobianco con la consulenza di Achille Bonito Oliva, che ha come peculiarità la spirale in neon azzurro di Mario Merz e le stelle in acciaio di Gilberto Zorio.

E la stazione di Piazza Garibaldi è stata progettata da Dominique Perrault ed è ricca di scale mobili sospese, ed è la porta d’accesso alla metropolitana. Da vedere l’opera d’arte Stazione, una superficie su cui sono riprodotti i viaggiatori a grandezza naturale, di Michelangelo Pistoletto. La fermata Università, a pochi passi dalla Federico II, si apre su piazza Borsa, zona bellissima di Napoli, propone le installazioni di Karim Rashid, Rione Alto quelle di Achille Cevoli, Quattro Giornate i dipinti di Nino Longobardi e le sculture di Marisa Albanese, Salvator Rosa i giochi estrosi di Mimmo e Salvatore Paladino, Montecalvario gli scatti d’autore di Oliviero Toscani.

La metro art di Napoli è ancora in costruzione. Presto, infatti, saranno aperte nuove stazioni, che si preannunciano straordinarie al pari delle precedenti. Le nuove uscite della fermata Municipio-Porto saranno completate nel 2019 e metteranno in vetrina i grandiosi reperti di epoca romana rinvenuti durante i lavori di costruzione, in quello che si è rivelato a tutti gli effetti lo scavo archeologico più grande d’Europa. Prima dovrebbe essere aperta Duomo, un’altra fermata di grande impatto progettata da Fuksas. Metro Napoli, insomma, non finisce mai! È come Napoli, non si finisce mai di raccontarla e scoprirla tanto è bella e ricca di storia e cultura.

Advertisement

Cultura

Le Settimane Internazionali della Musica d’Insieme a Villa Pignatelli, una mostra fotografica nei saloni dove nacquero

Avatar

Pubblicato

del

Benché avessero l’accortezza di indossare babucce felpate, si sentivano i click degli otturatori che scandivano tempi diversi da quelli musicali. Click che non infastidivano i musicisti che durante le prove dovevano sopportare due giovani con le macchine fotografiche che si posizionavano ovunque, ma non erano ancora consci che a distanza di oltre 40 anni avrebbero esposto proprio quelle foto realizzate prima dei concerti, negli stessi posti dove i concerti si svolgevano.

Felice Biasco e Luciano Furia erano i due giovani fotografi, dei quali poi il secondo divenuto un valente ingegnere continuando a produrre fotografie nel campo del food, che con profondo amore e rispetto documentavano le prove della già famosa Associazione Alessandro Scarlatti nella meravigliosa veranda neoclassica  di Villa Pignatelli. Fu al nascere degli anni ’70 e su iniziativa di Gianni Eminente, della Associazione Alessandro Scarlatti, e di Salvatore Accardo che furono organizzate le Settimane Internazionali della Musica di Insieme di Napoli.

Dopo le prime due edizioni le Settimane furono spostate a Villa Pignatelli, l’elegante dimora a ridosso del lungomare che per diversi motivi rappresenterà l’ambiente ideale per questi eventi di musica da camera.

Luciano Furia e Felice Biasco, documentarono dall’interno la vita quotidiana degli artisti per i giornali e per i musicisti stessi, con foto informali, intime ed esclusive.

Nella veranda di ViIla Pignatelli, infatti, iniziò a crescere un’alleanza fra musicisti e spettatori, molti di loro giovanissimi adolescenti che marinavano la scuola per poter assistere alle prove di musicisti di classica.

La messa a punto in poche ore di complessi pezzi musicali, del repertorio sia classico che moderno, rendeva il pubblico partecipe di una sorta di magia, complice sicuramente la distanza fisica minima, fra esecutori e spettatori.

Inaugura domani la mostra con le foto realizzate in quegli anni alle ore 18,00, proprio nella veranda di Villa Pignatelli che vide la nascita di una delle più importanti realtà musicali della citta.

 

 

 

Continua a leggere

Cronache

Louvre, colletta per acquistare l’Apollo rubato a Pompei: Irlando chiede l’intervento di Franceschini

Avatar

Pubblicato

del

“Il Ministro Franceschini dovrebbe chiedere dettagliate spiegazioni alla Francia sulla legittimità dell’acquisto in corso, da parte del Museo Louvre di Parigi, di una preziosa statua in bronzo di Apollo citarista proveniente, ma non si sa in che modo, dal territorio entro cui si trovano gli scavi archeologici di Pompei”. E’ quanto sostiene l’architetto Antonio Irlando, responsabile di “Osservatorio Patrimonio Culturale” riguardo all’iniziativa annunciata ieri dal grande museo Francese.

“E’ sconcertante leggere sul sito ufficiale del Louvre che è stata avviata una vasta campagna di raccolta fondi denominata “Apollo Mission” – incalza l’Osservatorio Patrimonio Culturale – per contribuire all’acquisizione di quanto, impropriamente si definisce un “tesoro nazionale”, per la cifra di 6,7 milioni di euro richiesta dal misterioso detentore della statua e a cui la “Société des Amis du Louvre” ha già garantito la somma di 3,5 milioni di Euro”. “Il sito del museo francese per convincere i mecenati a contribuire al raggiungimento della somma di 800.000 euro entro il prossimo 28 febbraio – spiega l’architetto Antonio Irlando – fornisce notizie accattivanti facendo sapere che questa grande statua in bronzo risale al II o I secolo avanti Cristo ed è una superba rappresentazione di Apollo, aggiungendo, senza pudore e rispetto istituzionale per l’Italia, che probabilmente fu usata per decorare una villa romana alla periferia di Pompei, distrutta dall’eruzione del Vesuvio”.    

Continua a leggere

Cultura

Il Presidente del Consiglio Conte a Napoli, al San Carlo, per “Una notte di cuore” organizzata da Paolo Scudieri

Tatiana Travaglini

Pubblicato

del

È arrivato a sorpresa al Teatro San Carlo per un evento di beneficenza Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio è giunto al Massimo
napoletano con la compagna Olivia Paladino per partecipare all’iniziativa “Una notte di cuore” organizzata dalla Fondazione Scudieri a favore del progetto “Bambini coraggiosi” dell’Associazione Ospedali Pediatrici.

“Mi è piaciuta la formula, ha detto Conte, e sono emozionato”. La Fondazione  Achille Scudieri è nata nel 2012 per volere di Paolo Scudieri, presidente di Adler Group e in questo caso affianca l’Associazione degli Ospedali Pediatrico Italiani per l’umanizzazione dei reparti dove si curano i bambini in tutta Italia.

Continua a leggere

In rilievo