Collegati con noi

Politica

Mattarella incontra Conte: fare presto e bene per il Paese

amministratore

Pubblicato

del

Silenzio assoluto dal Colle sull’incontro di quasi un’ora tra il presidente Sergio Mattarella e il premier Conte. Si e’ trattato di un incontro “interlocutorio”, e’ l’unica sottolineatura che esce dal Quirinale, ma che ben spiega quanto Sergio Mattarella in queste ore sia piu’ preoccupato spettatore che regista di una crisi politica nella quale, dall’opposizione, vogliono tirarlo dentro. Se infatti Matteo Salvini e Giorgia Meloni da giorni chiedono un suo intervento – anche ricordando che in passato il presidente disse al centro-destra che per avere un incarico servivano numeri certi – e’ chiaro che il capo dello Stato in questa fase non puo’ intervenire se non con una pedagogica “moral suasion”. Giuseppe Conte e’ infatti fresco di una fiducia, seppur minima, dei due rami del Parlamento ed una crisi non e’ mai stata formalmente aperta. Ma le preoccupazioni di Mattarella sono note ormai da settimane e non si sono certo affievolite in queste ore nelle quali si irrobustisce la percezione della fragilita’ della maggioranza. Si sta infatti materializzando quel rischio di avere un esecutivo “abborracciato” che il Colle ha gia’ segnalato a Conte. “Siamo in una situazione delicata e non compiuta”, sintetizza una fonte confermando cosi’ una rischiosa sensazione di precarieta’ che il Quirinale annota anche dopo l’incontro con il premier. Un incontro interlocutorio, appunto, solo “per riferire” quali sono le volonta’ e gli intendimenti di palazzo Chigi, questi si’ chiari, nel voler prendere tempo per allargare la maggioranza, promuovere la formazione di un nuovo gruppo parlamentare centrista e poi accontentare tutti con un rimpasto. Un percorso che Mattarella non ostacola e del quale non puo’ essere che autorevole spettatore, almeno fino al passaggio finale quando il premier dovra’ condividere con lui la scelta dei nuovi ministri. Ma se dal Quirinale oggi “non esce neanche un fiato”, non e’ difficile ricostruire quali siano le perplessita’ e i timori del presidente. La parlamentarizzazione della crisi e’ stata una scelta corretta in una Repubblica parlamentare, ma forse il tentativo – sicuramente piu’ rischioso – di ricomporre la maggioranza attraverso dimissioni e nuovo incarico, cioe’ il Conte-ter, avrebbe forse accelerato i tempi e riportato a una ricomposizione con Italia Viva piu’ utile al Paese, anche con il sacrificio di dover mettere da parte gli antagonismi personali poi deflagrati. “E il tempo dei costruttori”, aveva detto Mattarella nel suo discorso di fine anno, quando al Quirinale era gia’ chiara la portata della crisi che si stava aprendo. Parole interpretate poi da ognuno secondo i propri bisogni, ma che nel ragionamento presidenziale erano accompagnate dalla piena comprensione della gravissima crisi in atto per la pandemia e dalle enormi responsabilita’ che attendono il governo per l’esecuzione e il buon uso dei fondi del Recovery plan. L’ancoraggio europeo dell’Italia e’ stato il faro che ha guidato le scelte del Quirinale che oggi registra l’incredulita’ delle cancellerie europee su questa ennesima crisi all’italiana, semplicemente “incomprensibile” vista da Bruxelles. “Fare presto e fare bene”, e’ l’estrema sintesi del colloquio odierno al Quirinale che per ora preferisce adottare con il premier la linea del consiglio piuttosto che quella del rimbrotto. Non sono stati presentati ultimatum, ne’ indicate date e dead line al tentativo di Conte di raggranellare una maggioranza che si possa chiamare tale. Ma certamente non saranno mancate, in quei 50 minuti di colloquio, una serie di osservazioni e inevitabili richiami sullo stato di salute del Paese, sul ruolo alto della politica, sulla necessita’ di non perdere il contatto con i bisogni della gente e, soprattutto, che l’Italia in questa fase non ha bisogno solo di aritmetica ma di un grande progetto politico per risollevare il Paese dalla crisi piu’ buia della Repubblica.

Advertisement

In Evidenza

Lamberto Giannini è il nuovo capo della Polizia

Avatar

Pubblicato

del

Il Consiglio dei ministri ha nominato Lamberto Giannini nuovo capo della Polizia. A Giannini sono andate le felicitazioni di tutti i leader politici e le congratulazioni del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. “Mi congratulo con il prefetto Giannini che da oggi è il nuovo capo della Polizia – direttore generale della Pubblica sicurezza”. La nomina, ha aggiunto,”è stata deliberata dal cdm su proposta del ministro dell’Interno in virtù di un curriculum di eccellenza e di un apprezzamento sulle qualità personali e professionali condiviso a tutti i livelli istituzionali, che la rendono ancor di più solida garanzia per cittadini e forze di polizia”.  Giannini ha 57 anni, prende il posto di Franco Gabrielli che ha giurato da sottosegretario con delega alla sicurezza della Repubblica. È romano, tifoso dell Roma, chi lo conosce dice che ha la maglia di Francesco Totti incorniciata in ufficio. Per 12 anni è stato dirigente della Digos di Roma. Nel 2013 fu nominato direttore del Servizio centrale antiterrorismo e successivamente direttore centrale della Polizia di prevenzione fin da quando era dirigente superiore. Vi è rimasto poi con le successive promozioni a dirigente generale e a prefetto. Numerose le operazioni di spicco da ascrivere a Giannini: gli arresti dei brigatisti rossi per gli omicidi di Massimo D’Antona e Marco Biagi, nel 2005. Poi l’arresto a Roma di Osman Hussain, uno degli attentatori di Londra. Nel 2009 portano la sua firma gli arresti dei membri di una cellula che aveva programmato un attentato al G8 della Maddalena (poi stato spostato a L’Aquila).

Continua a leggere

In Evidenza

Rinvio delle elezioni in Calabria e in tutti i Comuni, si terranno tra il 15 settembre e il 15 ottobre

Avatar

Pubblicato

del

Le elezioni in Calabria, le suppletive per la Camera a Siena e le Comunali si terranno tra il 15 settembre e il 15 ottobre. Lo prevede il decreto legge approvato in Consiglio dei ministri. Il rinvio delle elezioni amministrative è dovuto al “permanere del quadro epidemiologico da Covid-19”. La novità del decreto è che per l’anno 2021 sarà ridotto di un terzo il numero di sottoscrizioni richieste per la presentazione delle liste e candidature. Così si andrà incontro a chi deve raccogliere firme in un momento difficile.

Continua a leggere

Politica

Zingaretti si dimette da segretario del Pd: mi vergogno, si parla solo di poltrone

Avatar

Pubblicato

del

“Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti dovranno assumersi le proprie responsabilita’. Nelle prossime ore scrivero’ alla Presidente del partito per dimettermi formalmente. L’Assemblea Nazionale fara’ le scelte piu’ opportune e utili. Io ho fatto la mia parte, spero che ora il Pd torni a parlare dei problemi del Paese e a impegnarsi per risolverli. A tutte e tutti, militanti, iscritti ed elettori un immenso abbraccio e grazie. Ciao a tutte e tutti, a presto”. Cosi’ Nicola Zingaretti.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto