Collegati con noi

Esteri

Mattarella in Svizzera, un Paese amico ma rebus d’Europa

Pubblicato

del

Un Paese “amico, con il quale i legami sono fortissimi”, situato nel cuore dell’Europa eppure non membro dell’Unione europea. Sergio Mattarella visita la Svizzera dopo ben otto anni dall’ultima missione di un capo di Stato italiano, cioè Giorgio Napolitano nel 2014. Un arrivo molto atteso qui a Berna, prima tappa del suo viaggio che si concluderà mercoledì a Zurigo per una visita ad alto tasso di tecnologia al Politecnico. Nei colloqui si parlerà molto di Europa e, certo, anche delle ottime relazioni bilaterali tra due Paesi che condividono quasi 750 chilometri di confine con un esercito di lavoratori italiani trans-frontalieri che lo attraversano ogni giorno per lavorare nella Confederazione. Ma la collocazione della Svizzera in Europa rimane un rebus ed è tutt’oggi un tema caldo anche per la Commissione europea che vorrebbe regolare i rapporti di cooperazione attraverso un accordo quadro ben strutturato.

Ma il governo elvetico non può non tenere conto delle forti sensibilità autonomiste e neutraliste dei suoi cittadini e preferisce un avvicinamento a Bruxelles molto più graduale, attraverso una serie di accordi tematici. Una strada che, come è facile comprendere, è più lenta e laboriosa rispetto a quella di un accordo quadro. Certamente il presidente Sergio Mattarella parlerà molto di Europa nei suoi colloqui a Berna cercando di capire quali meccanismi costruire per avvicinare sempre più la Confederazione alle istituzioni dell’Unione europea. Il capo dello Stato potrà toccare con mano alcuni progressi compiuti dalla Confederazione elvetica rispetto al sofferto processo d’integrazione, da sempre visto con sospetto da un’ampia fetta dei suoi cittadini strategicamente ancorati al concetto di neutralismo. Sul fronte dell’accordo bilaterale sule tasse dei trans-frontalieri, dopo anni di tensione oggi la situazione si è rasserenata con l’accordo raggiunto in materia fiscale.

Ora, secondo questa intesa, i nuovi lavoratori che attraversano quotidianamente il confine dovranno pagare le tasse in Italia mentre resta il precedente regime per i trans-frontalieri di lunga data. Il presidente Mattarella si potrà comunque presentare nei suoi colloqui con un segnale di apertura visto che recentemente il Consiglio dei ministri ha deliberato il via libera all’accordo che ora passa all’esame del Parlamento. E la Svizzera, che lo ha già ratificato, si attende una risposta celere dalle Camere. Si ipotizza che il Parlamento possa vararlo entro il prossimo marzo. Dopo gli incontri istituzionali a Berna, dove avrà un colloquio con il presidente federale Ignazio Cassis, Mattarella si sposterà, mercoled’ 30 novembre, a Zurigo. Al Politecnico federale, uno dei più importanti centri universitari di ricerca al mondo, potrà assistere all’illustrazione di una serie di progetti su ‘Tecnologia e innovazione’, ‘cultura, trasporto e stoccaggio della CO2’, ‘biomarcatori per la diagnosi del Parkinson’, ‘test Pcr veloci, affidabili e a prezzi accessibili’.

Advertisement
Continua a leggere

Esteri

Terremoto in Turchia e Siria: oltre 1500 morti sotto le macerie, partiti gli aiuti da tutta Europa

Pubblicato

del

Sono oltre 1.500 i morti causati finora dal terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito la notte scorsa il sud della Turchia e la Siria, mentre i feriti sono diverse migliaia:. A questo sisma ne è seguito un altro in mattinata – alle 11:24 ora italiana, di magnitudo 7.5 – mentre secondo l’Istituto geofisico statunitense USGS le scosse di assestamento sono almeno 31 finora. In Turchia si contano almeno 1.014 morti e circa 5.385 feriti. Il terremoto, definito dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan “il più grande disastro nel Paese dal 1939”, ha visto la mobilitazione della comunità internazionale. “L’Italia è vicina ed è pronta a mettere a disposizione la Protezione Civile”, annuncia il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani che assicura che “nella zona dove c’è stato il sisma più forte 21 italiani stanno tutti bene” così come i 168 connazionali che vivono in una zona più ampia. Un primo team Usar (urban search and rescue) dei Vigili del Fuoco, fa sapere il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, è pronto a partire dall’aeroporto di Pisa. “L’Ue è pronta ad aiutare”, ha annunciato in un tweet l’Alto Rappresentante per la Politica Estera Josep Borrell.

Sostegno è stato annunciato anche dal premier britannico Rishi Sunak, dal presidente francese Emmanuel Macron e dal cancelliere tedesco Olaf Scholz mentre Madrid ha attivato l’unità militare di emergenza e il trasporto aereo urgente per dare sostegno alle ricerche. La Casa Bianca, intanto, ha reso noto che gli Usa sono “pronti a fornire tutta l’assistenza necessaria”. E anche il presidente russo Vladimir Putin promette assistenza ai due paesi colpiti. Secondo Erdogan, 2.818 edifici sono crollati nel Paese. Il precedente grande disastro in Turchia risale a 84 anni fa, quando un terremoto colpì Erzincan, provocando la morte di circa 33.000 persone. Nel 1999 il Paese fu colpito a Izmit da un altro violento sisma – di magnitudo 7.6 – che uccise più di 17.000 persone. Secondo la Cnn, il bilancio odierno è finora di almeno 1.504 vittime nei due Paesi , incluse le zone controllate dai ribelli in Siria. Ma le vittime sono destinate ad aumentare: l’USGS, che assegna al sisma di questa notte il rischio ‘rosso’, attribuisce infatti un 47% di probabilità a un numero di morti compreso tra 1.000 e 10.000. Il presidente siriano Bashar al Assad ha convocato stamani a Damasco una riunione d’emergenza del governo e dei capi delle agenzie della protezione civile e della sicurezza per coordinare gli interventi, mentre in entrambi i Paesi proseguono senza sosta le ricerche dei dispersi. Nelle ultime ore, la protezione civile della regione nord-occidentale siriana di Idlib, fortemente colpita dal terremoto di questa notte, ha dichiarato tutto il nord-ovest della Siria una “zona disastrata”. Interi villaggi delle zone fuori dal controllo del governo centrale di Damasco, sono stati rasi al suolo, in particolare nelle zone più vicine al confine turco, si legge nel comunicato della Protezione civile siriana.

Continua a leggere

Esteri

Terremoto in Turchia, revocata allerta tsunami in Italia ma aumenta ancora il bilancio delle vittime

Pubblicato

del

È appena stata revocata l’allerta maremoto in Italia, l’allarme dopo le forti scosse di terremoto che hanno colpito il sud della Turchia e il nord della Siria: lo ha reso noto la Protezione Civile ed è ripresa la circolazione dei treni inSicilia, Calabria e Puglia dove era ea stata sospesa a scopo precauzionale. Ma il bilancio delle vittime sale ancora: sono almeno 237  i morti nella sola Siria, come hannoappena reso noto le autorità siriane.

La ong di protezione civile siriana White Helmets (Caschi Bianchi) ha dichiarato lo stato di emergenza nel nord-est del Paese e ha lanciato un appello alle organizzazioni umanitarie internazionali affinché intervengano con aiuti in tempi rapidi: la scossa ha provocato centinaia id morti e di feriti, numerosi edifici sono crollati e il bilancio, prurtroppo sembra tragicamente dtsinato a alsire ancora.

Terremoto in Turchia e Siria, sale ancora il bilancio delle vittime, permane allarme tsunami

Terremoto in Turchia, la Protezione civile: allerta tsunami su Italia, allontanarsi da zone costiere

 

Continua a leggere

Esteri

Terremoto in Turchia e Siria, sale ancora il bilancio delle vittime, permane allarme tsunami

Pubblicato

del

Sale ancora il bilancio del sisma che ha colpito la Turchia e la Siria: finora sono più di 200 le vittime accertate, 111 nella sola Siria, nel Nord del paese, al confine con la Turchia ma è un bilancio tragicamente destinato a salire ancora. quasi 500 i feriti finora accertati. Numerosi i danni ma è presto per una conta di quanto accaduto. La scossa più violenta alle 3:17, 7,8 della scala Richter , ma poi ce ne sono state ancora, e molto alte e si ritiene che ce ne potrebbero ancora essere altre. Il sisma è stato avvertito anche in Iraq, Libano, Israele e Territori palestinesi occupati.

Non cessa l’allarme tsunami anche se l’altezza di onda anomala misurata in Turchia dopo il violento terremot0 è molto più piccola del previsto. Però c’è il rischio di onde successive  causate da altre scosse, come dicono i dati elaborati dal Cat, il Centro allerta Tsunami.

 

Terremoto in Turchia, la Protezione civile: allerta tsunami su Italia, allontanarsi da zone costiere

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto