Collegati con noi

Cultura

Matera 2019, in tavola connessioni tra buon cibo e cultura

Avatar

Pubblicato

del

Nella Sala Levi di Palazzo Lanfranchi, a Matera, si terrà domani, domenica 10 marzo, il ‘Social food forum’, evento pubblico presentato da John Thackara, scrittore e teorico del design sociale. Il forum e’ parte del programma di Mammamiaaa, progetto di Matera 2019 Capitale della Europea della Cultura, coprodotto da Casa Netural e Fondazione Matera-Basilicata 2019, in collaborazione inoltre con IdLab e Alce Nero, “azienda di agricoltori, apicoltori e trasformatori impegnati nella produzione biologica”, e Super, Scuola Superiore d’arte applicata del Castello Sforzesco. Un evento “esclusivo nel suo genere”, perche’ “raccoglie in se’ la partecipazione di 15 ‘Social food curator’ provenienti da tutta l’Europa, per presentare al pubblico buone pratiche e progetti legati al cibo, connettendo chi produce cibo con semplici cittadini, per il miglioramento del benessere e dell’impatto sociale sul territorio europeo”. Tra questi ‘Social food curator’, VaZapp, Rete Semi Rurali – Il Querceto, Alce Nero, Wonder Grottole, Atlante del cibo Matera, Avanzi Popolo, Funky Tomato, Liminaria, Panecotto Ethical Bistrot, Casa Netural e Agrinetural dall’Italia; Simra dalla Scozia; Surcos Urbanos dalla Spagna; Vart Sustainable food lab dalla Svezia; Doors of Perception e Atelier Luma dalla Francia; Holis dalla Polonia; Urbania Hoeve Social Design Lab dall’Olanda. Ma oggi cos’e’ il cibo? Secondo Thackara, “il cibo non e’ solo nutrimento ma anche cura, connessione con un luogo, solidarieta’ tra generazioni, e accoglienza di diverse culture. Un contadino non produce solamente, ma insieme agli altri cittadini, gestisce sistemi agro-ecologici”. Durante l’evento, inoltre, verra’ presentato il ‘Social food atlas’: una piattaforma online aperta, che “rende visibile, per la prima volta in un unico spazio, una vasta gamma di progetti legati al cibo e alla produzione di esso, dal rilevante impatto sociale”. “I progetti di social food – spiega Andrea Paoletti, fondatore di Casa Netural – creano una grande varieta’ di beni pubblici: coesione sociale, salute condivisa e benessere, sviluppo territoriale, sovranita’ alimentare, apprendimento, innovazione e biodiversita’”. Infine, come eredita’ di Matera 2019, Thackara e gli altri curator presenteranno un documento programmatico di valori, il ‘Social food green paper’, con l’obiettivo di aiutare la moltiplicazione dei progetti di social food sparsi in tutta Europa, in nuovi luoghi aggregando nuovi partner.

Advertisement
Continua a leggere

Cultura

Matera 2019: boom primi sei mesi, 80mila agli eventi

amministratore

Pubblicato

del

Un miliardo e 600 mila contatti potenziali in tutto il mondo tra stampa e web, radio e tv per seguire quanto accade a Matera. Nel tracciare il bilancio al giro di boa dei primi sei mesi gli organizzatori della grande macchina che si e’ messa in moto per dare lustro alla Capitale Europea della Cultura del 2019 citano con soddisfazione questo dato a riprova della risonanza italiana e internazionale conquistata dal capoluogo lucano. Agli eventi hanno partecipato finora 80 mila persone, oltre alle 50 mila della cerimonia inaugurale. I numeri – ha detto Giovanni Panebianco, segretario generale del ministero del i Beni Culturali – sono importanti ma sono anche la prova dei valori che li sostengono. A spiccare sono i 36 mila passaporti venduti fino al 31 maggio, acquistati da 23.800 lucani e ben 12.500 turisti. Il documento – che costa 19 euro per i non residenti e 12 per i residenti (cinque per la fascia di eta’ dai 5 ai 18 anni) consente di seguire tutti gli eventi e, novita’ di questi giorni, di utilizzare liberamente tutti i mezzi di trasporto locale ordinario. Dei 180 progetti messi in campo il 68% sono in corso e 27 si sono gia’ conclusi, con la particolarita’ che l’ 82% e’ costituito da produzioni nuove o originali e non “importate” da altre regioni. Gli eventi organizzati sono stati 450, il 67% a Matera e il restante 33 nella Basilicata, con 1500 volontari mobilitati. Il picco del successo per le mostre va alla grande rassegna di Palazzo Lanfranchi “Rinascimento visto da Sud” che dal 19 aprile ha contato 18 mila ingressi (30 mila dall’ inizio dell’ anno, +71% rispetto al 2018). “Dopo la spettacolare apertura del 19 gennaio – ha detto Salvatore Adduce, presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019 – molti hanno detto che sembrava di stare in una grande capitale. Non abbiamo mascherato una citta’ di piccole dimensioni ma abbiamo mantenuto la sua identita’ con un linguaggio internazionale, rompendo i luoghi comuni sul mezzogiorno e parlando di Europa nel momento piu’ difficile”. Il budget previsto sfiora i 50 milioni di euro, ha ricordato, ma i frutti si vedranno a lunga scadenza “seminando bene per quello che verra’ dopo il 2020”. Nel successo un ruolo fondamentale ha la comunicazione. Paolo Verri, direttore generale della Fondazione, ha citato ad esempio le 198 mila richieste per diventare cittadini di Grottole, dopo la notizia dei 5 volontari che vivranno tre mesi nel piccolo borgo per il progetto di Airbnb contro lo spopolamento. Marta Ragozzino, direttrice del Polo Museale della Basilicata, ha annunciato che il successo riscosso dalla Mostra sul Rinascimento – che presenta oltre 250 opere e oggetti d’ arte con prestiti straordinari italiani ed europei – ha convinto a prorogarla fino al 15 settembre. E se torna a casa il Raffaello prestato dagli Uffizi, altri pezzi importanti sono in arrivo, tra cui il frammento di un affresco del Pinturicchio tanto che domenica prossima ci sara’ una “seconda inaugurazione”. Dal 21 giugno il Museo di Metaponto ospitera’ la mostra Pitagora e i numeri primi, curata da Piergiogio Odifreddi. Il boom di visitatori che hanno scelto Matera ha portato a una enorme crescita dei posti letto: in 3 anni – ha detto l’assessore comunale alla Cultura Giampaolo d’Andrea – sono passati da 700 a seimila e piu’ con il sistema di alberghi, case-vacanze e alberghi diffusi, specie nel suggestivo scenario dei Sassi. Fino a dicembre sara’ un susseguirsi di festival, mostre, rassegne, spettacoli di teatro, musica, opera, danza ed eventi a Matera e non solo. Sono 130, ad esempio, i comuni della regione chiamati a essere “capitale per un giorno”. “I cittadini – e’ stato detto – diventano protagonisti, non solo clienti. La Basilicata e’ una frontiera da scoprire”.

Continua a leggere

Cultura

Un workshop Magnum da Magazzini Fotografici con Chris Steele-Perkins

Avatar

Pubblicato

del

Un workshop fotografico per un parterre internazionale  che ha visto i nove partecipanti attivarsi con le riprese nelle viscere della città. In quelle viuzze del ventre di Napoli conosciuto come la zona dell’Anticaglie. Stradine che attraversano e costeggiano via Duomo, via Sapienza, via Tribunali, largo Avellino e tutti i vicoli che compongono quel meraviglioso labirinto della zona più antica della città, in questi due giorni gli abitanti, gli artigiani e i commercianti della area,  non hanno visto solo turisti che scattavano confuse  foto, ma hanno incontrato, dialogato e conosciuto gli iscritti  al workshop “Expanding your horizon” che  Chris Steele-Perkins ha tenuto presso i Magazzini Fotografici di Via San Giovanni in Porta, struttura consolidata nel panorama fotografico nazionale, diretta da Yvonne De Rosa accompagnata dal suo team tutto al femminile.

Chris Steele-Perkins, fotografo della famosa Agenzia Magnum, fondata da Henry Cartier-Bresson, David Seymour, George Rodger, Robert Capa, William Vandivert, Maria Esner e Rita Vandivert è a Napoli, accompagnato dalla curatrice Laura Noble,  per presentare  JAPAN  una delle sue mostre piu’ famose dopo “The Teds”,  quella che lo consacrò, alla fine degli anni settanta, allora quasi trentenne, membro della prestigiosa agenzia parigina. Japan, visitabile presso i Magazzini Fotografici fino al 21 Luglio 2019 è il frutto dei 48 viaggi nel paese del Sol Levante che il fotografo ha affrontato per lavoro, ma anche per incontrare e ritornare dalla famiglia della moglie. Benchè conosca benissimo il paese Chris Steele-Perkins è sempre affascinato dagli stili e dalle usanze giapponesi che risultano essere completamente estranee al nostro modo di vivere e di conseguenza assumono un fascino particolare. In questi suoi numerosi viaggi si sono susseguite esperienze ed avvenimenti di varia natura, tra cui il tragico tsunami del Tōhoku del 2011.

Il fotografo riesce a tresmettere nel corso del workshop questa curiosità, che lo ha sempre accompagnato, ai partecipanti, consigliandoli sugli approcci da intraprendere per ottenere una buona fotografia un buon ritratto insieme ad un buon racconto delle realtà che si documentano. I nove partecipanti, provenienti dagli USA, dal Pakistan, dall’Inghilterra e dall’Italia, non si sono lasciati scappare l’occasione di poter apprendere le tecniche di uno tra i fotografi internazionali più curiosi, innovativi e attenti ai cambiamenti degli stili di vita che cambiano. Classe 1949 Steele-Perkins, conserva quella curiosità negli occhi che si allineano con la mente e con il cuore offrendo,  a chi lo ascolta e vuole afferrare la sua arte, quel naturale passaggio di saperi, che solo la consapevolezza della propria visione della vita, del mondo e della luce che lo attraversa  riesce a trasmettere. Buona Luce a Steele-Perkins e aspettiamo il suo ritorno al piu’ presto,  per ammirare  il lavoro sulla nostra città,  che sicuramente avrà avuto modo di avviare.

 

 

Continua a leggere

Cultura

È morto Franco Zeffirelli, una vita straordinaria tra cinema e teatro

Avatar

Pubblicato

del

E’ morto Franco Zeffirelli. Il regista aveva 96 anni. “Non avrei mai voluto che arrivasse questo giorno. Franco #Zeffirelli se ne è andato questa mattina. Uno dei più grandi uomini della cultura mondiale. Ci uniamo al dolore dei suoi cari. Addio caro Maestro, Firenze non ti dimenticherà mai” scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

Franco Zeffirelli, all’anagrafe Gian Franco Corsi Zeffirelli, e’ morto stamani nella sua casa di Roma, sull’Appia Antica, assistito dai figli adottivi Pippo e Luciano, da un medico e dal parroco della chiesa di San Tarcisio che ha benedetto la salma. Circa una settimana fa, secondo quanto si apprende dalla famiglia, aveva ricevuto l’estrema unzione. “Si e’ spento serenamente – riferiscono i familiari – dopo una lunga malattia, peggiorata negli ultimi mesi”. Il maestro Zeffirelli, dopo i funerali di cui stabilire ancora luogo e data, riposera’ nel cimitero monumentale delle Porte Sante di Firenze, citta’ dove era nato il 12 febbraio 1923. La camera ardente sara’ allestita in Campidoglio a Roma.

In passato la regina d’Inghilterra ha fatto baronetti anche artisti popolari come i Beatles o Elton John. Ma Franco Zeffirelli, scomparso all’eta’ di 96 anni (era nato a Firenze il 12 febbraio 1923), e’ stato l’unico regista italiano che poteva fregiarsi del titolo di cavaliere dell’ordine dell’impero britannico (KBE) da quando l’ambita onorificenza gli fu appuntata nel novembre del 2004. Si faceva volentieri chiamare Maestro e certamente, da fiorentino purosangue, amava pensarsi come il rigoglioso frutto di una bottega che ebbe in Luchino Visconti il primo maestro. Era appena diplomato all’Accademia di Belle Arti quando il principe milanese lo volle per allestire le scene teatrali di ‘Troilo e Cressida’ (1949) per poi chiamarlo, come assistente, sul set di ‘La terra trema’. Cominciava cosi’ un sodalizio vitale, burrascoso e fecondo che coinvolse gli affetti di Zeffirelli, la sua formazione estetica, la sua carriera. Senza Visconti, probabilmente il giovane orfano (il padre lo aveva riconosciuto solo quando aveva 19 anni, la madre mori’ quando era bambino) non avrebbe calcato i palcoscenici piu’ famosi, non sarebbe diventato amico e confidente di stelle come Anna Magnani, Maria Callas o Richard Burton, non avrebbe potuto debuttare dietro la cinepresa gia’ nel ’57 (con ‘Camping’) dopo un tirocinio che lo aveva affiancato a Francesco Rosi sul set di ‘Senso’ (1954). Eppure quella cavalcata folgorante e fortunata fu anche il segno critico che per molti anni non avrebbe abbandonato l’immagine di Zeffirelli, fino a diventare un vanto e una maledizione: lo hanno descritto come un calligrafo, un esteta, uno scenografo vestito da regista. E invece onesta’ vuole che si ricordi il suo vibrante documentario sull’alluvione di Firenze (1966) con la voce narrante proprio di Burton e poi una coppia di successi planetari come ‘La bisbetica domata’ (che nel ’67 riuni’ Richard Burton e Liz Taylor) e ‘Romeo e Giulietta’ (1968). Il nume tutelare era la penna di William Shakespeare, sua la lingua che apri’ al regista italiano le porte della fama internazionale, tutti italiani il gusto e la cultura che rivitalizzavano le due grandi tragedie elisabettiane. Quattro anni dopo l’operazione si ripeteva nel nome di San Francesco con ‘Fratello sole, sorella luna’ (1972). Ormai Zeffirelli era una star, eppure un pregiudizio negativo lo avrebbe accompagnato sempre per il suo gusto anticonformista di smarcarsi costantemente dalle correnti del pensiero dominante. Polemico, feroce nei giudizi, scoperto nelle fragilita’ personali, orgogliosamente fazioso, dalla politica allo sport,Zeffirelli si ritenne a lungo uno straniero in Italia. L’altra sua anima era quella cattolica, che trovava radici nel magistero di Giorgio La Pira, carismatica figura della fede in politica e che fu suo istitutore al convento di San Marco. Non era certo uno sperimentatore Zeffirelli, eppure proprio nel ’74 si cimento’ con la tv filmando la cerimonia dell’Anno Santo e poi, due anni dopo, dirigendo per la Rai, il kolossal ‘Gesu” con Robert Powell nei panni del Cristo. Ma appena possibile si rifugiava in teatro, dimostrandosi insuperabile custode dell’allestimento classico per l’opera lirica. La sua ‘Aida’ verdiana fece storia, ripetutamente fu chiamato ad aprire la stagione della Scala di Milano. Era come se questo secondo amore assorbisse tutte le sue energie da quel punto in poi. Non abbandono’ mai il cinema, ma sono rari i titoli capaci di fare storia nella sua maturita’, da ‘Il giovane Toscanini’ (contestato a Venezia nel 1988) a un modernissimo ‘Amleto’ (1990) con Mel Gibson. Proprio dagli anni ’90 la sua firma si fece pero’ piu’ rada, nonostante un elegante ‘Jane Eyre’ (1996) o l’autobiografico ‘Un te’ con Mussolini’ (1999). Nel ’94 entrava in Parlamento, eletto senatore a Catania per Forza Italia.

Tuttavia anche nella cultura liberale il suo anticonformismo disturbo’ piu’ d’uno e le sue proposte per la cultura e l’ambiente non ebbero seguito. I riconoscimenti che scandiscono la sua carriera sono relativamente pochi rispetto al grande successo conquistato sulla scena e sullo schermo: c’e’ da riflettere sul fatto che nessun grande festival, e neppure l’Oscar (nonostante ben 14 nomination per i suoi film) abbia voluto riconoscere il suo indubbio talento. Da qualche anno si era rinchiuso in un distaccato silenzio, circondato dall’affetto di pochi amici e dei figli adottivi nella bella casa romana e nella villa sulla costiera amalfitana. E’ riuscito a vedere pero’ l’ultimo suo capolavoro, tenacemente voluto: quella Fondazione per le Arti e lo Spettacolo che porta il suo nome ed ha trovato casa nell’ex Tribunale di Piazza Firenze, dietro Palazzo Vecchio, per ospitare i tesori della sua vita artistica. Ha sempre sognato uno spettacolo al servizio di grandi interpreti, di grandi spazi, di lussuose confezioni. Ha immaginato una cultura italiana ancora rinascimentale, intrisa di gusto antico e di eleganti riferimenti al passato. Ha voluto un’Italia dell’arte e del bello capace di conquistare ancora il mondo, e piu’ di una volta le ha dato vita coi suoi lavori, pagando pero’ il prezzo dell’isolamento e di un ‘passatismo’ scambiato spesso per arroganza aristocratica. La sua visione del mondo e di se stesso e’ affidata alla bella autobiografia del 2008. Giovane bellissimo, poi dandy raffinato ed elegante, infine gentiluomo solitario, Zeffirelli resta l’isolato cantore di una civilta’ ormai scomparsa.

Continua a leggere

In rilievo