Collegati con noi

Cronache

Manuel Bortuzzo ringrazia gli amici “per il sostegno”. Il papà: è forte, tornerà forte come prima

Avatar

Pubblicato

del

“Siete fantastici, siete ciò che mi faceva andare a dormire tranquillo la sera e ciò che mi faceva risvegliare con il sorriso”. E’ uno dei passaggi del messaggio che ieri sera Manuel Bortuzzo, il 19 enne ferito da un colpo di pistola una settimana fa alla periferia sud di Roma, ha pubblicato sul proprio profilo Instagram. “Buongiorno a tutti ragazzi – scrive il nuotatore -. Finalmente sono tornato in possesso del mio telefono e con calma potrò rispondere e ringraziare singolarmente ognuno di voi, quelle fantastiche persone che siete che non mi avete lasciato da solo un attimo. Grazie per il sostegno che mi avete dato. Credetemi, l’ho percepito da parte di chiunque. Siete fantastici, siete cio’ che mi faceva andare a dormire tranquillo la sera e cio’ che mi faceva risvegliare con il sorriso. Un abbraccio e un bacio a tutti. Presto ci ribecchiamo in giro. Manuel”.

“E’ stata una settimana difficile. E’ ancora in rianimazione. Gli hanno tolto le ultime suture anche se oggi era un po’ sofferente anche per il carico dei farmaci ma risponde a tutti gli amici di piscina dicendo che lui tornera’ in acqua, fara’ piu’ fatica a prenderli, ma li prendera’”. Queste le parole del papà di Manuel Bortuzzo intervistato a Non è l’Arena su La7. “Questa mattina ho sentito Manuel che mi ha detto: ‘Papa’ andiamo avanti’. E’ forte, tanto forte”, ha aggiunto. Franco Bortuzzo ricorda i momenti in cui hanno detto a lui e alla moglie del ferimento del figlio. “Ho chiesto immediatamente all’ispettore due cose: non raccontarmi la storia, voglio solo sapere se e’ vivo o morto. Questa e’ la cosa che mi interessava – ha sottolineato -. Mi risponde: E’ vivo. Siamo partiti subito e sono state cinque ore di viaggio davvero toste”.

“Ti rendi conto che la tua vita e’ cambiata, quindi la devi affrontare in maniera diversa e devi farti coraggio, devi dire avanti perche’ non e’ finita e soprattutto perche’ e’ vivo”, ha aggiunto il papa’ di Manuel che ha poi acconsentito alla messa in onda le immagini in cui il figlio viene colpito dal proiettile. “E’ giusto vederle, cosi’ qualcuno ci pensera’. Fa tanto male – ha detto – e’ una cosa insopportabile per un padre ma questa e’ la vita e bisogna affrontarla”. Il papa’ ha raccontato anche della solidarieta’ avuta dalle persone. “Una signora benestante – ha rivelato – mi ha detto: guardi, io ho una villa vicino a Casa Santa Lucia in modo che dalle finestre potra’ vedere suo figlio. Questa casa è sua per il tempo che ne avra’ bisogno’. Non ho parole”. In chiusura ha voluto anche ringraziare la Federnuoto che fin dal primo giorno ha offerto il suo sostegno al ragazzo. “Mio figlio stravede per questa grande famiglia del nuoto e ancora di piu’ si sente protetto e mi ripete: ‘abbiamo i mezzi per andare avanti’. Grazie a tutti e si va avanti a testa alta”, le sue parole.

 

Advertisement

Cronache

Così fan tutti, razziati nelle scuole mantovane 52 computer

Avatar

Pubblicato

del

A Mantova li hanno ribattezzati “ladri delle scuole” perche’ in due settimane hanno colpito in due scuole, al comprensivo di Volta Mantovana e alla Bertazzolo in citta’, portando via 52 pc. L’ultimo bottino e’ di 20 Mac Apple. Gli agenti di polizia stanno cercando di ricostruire i colpi e ritengono che ad agire, probabilmente su commissione, siano sempre gli stessi componenti della banda.

Continua a leggere

Cronache

Quindicenne sfregiata al volto a Varese, è caccia ad un 50enne

Avatar

Pubblicato

del

A Varese una quindicenne è stata sfregiata al volto e ferita a un braccio da un uomo poco dopo la mezzanotte di sabato. La polizia sta dando la caccia all’aggressore, un uomo sulla cinquantina con la barba lunga e una cicatrice sul viso. La ragazzina stava raggiungendo la madre di un’amichetta 14enne che si trovava con lei e insieme dovevano essere riaccompagnate a casa dopo una serata con gli amici in centro. Prima che arrivassero al luo dell’appuntamento, pero’, l’uomo e’ passato in bicicletta davanti alle due ragazzine e poi e’ tornato indietro. La piu’ giovane e’ scappata mentre l’altra e’ stata bloccata dalla paura ed e’ stata aggredita con un coltello a seghetto. Ha riportato una ferita al volto, vicino a un occhio, e un’altra al braccio, ed e’ stata medicata in ospedale.

Continua a leggere

Cronache

Senza casco e senza patente investe e uccide un vecchino di 90 anni, denunciato per omicidio stradale un 19enne

Marina Delfi

Pubblicato

del

Non indossava il casco, non aveva la patente e guidava una motocicletta risultata senza assicurazione quando ha investito e ucciso un uomo di 90 anni, Vittorio Santorelli, in viale Traiano a Napoli. L’incauto driver, un ragazzo di 19 anni, è stato denunciato per omicidio stradale ma la sua posizione potrebbe aggravarsi: si attendono i risultati delle analisi per stabilire se guidasse anche sotto l’effetto di droghe.

Il giovane, a bordo di una moto Yamaha, andava a velocità sostenuta quando ha preso in pieno il pensionato che viene sbalzato ad alcuni metri di distanza. Si fermano gli automobilisti di passaggio, intervengono gli agenti della polizia municipale di Napoli  e quando arriva l’ambulanza, l’anziano viene trasportato in codice rosso all’ospedale Cardarelli ma appare subito chiaro che le sue condizioni sono gravissime e poco dopo muore.

Continua a leggere

In rilievo