Collegati con noi

Cronache

Manovra, lettera di Cgil-Cisl-Uil al premier Conte per chiedere un incontro

Avatar

Pubblicato

del

“Con Maurizio Landini e Annamaria Furlan abbiamo scritto stamattina una lettera a Giuseppe Conte e al Governo chiedendo un incontro urgente sulla legge di Bilancio”. Lo fa sapere il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, a margine degli esecutivi unitari dei sindacati dei pensionati. Una conferma arriva anche da una nota congiunta dei tre sindacati.  “Egregio Presidente – scrivono i tre segretari generali – nel congratularci per la fiducia ricevuta dalle Camere al Suo governo, siamo a chiederle un incontro urgente per poter discutere, come da lei annunciato nel corso del discorso programmatico alle Camere, della prossima legge di stabilita’ e delle misure che riteniamo indispensabili per la crescita e lo sviluppo dell’economia italiana”. E ancora, si legge nella lettera, “chiediamo che l’incontro possa anche essere l’occasione per esaminare le richieste che le nostre organizzazioni da tempo avanzano e che hanno indicato in una piattaforma sostenuta – ricordano Landini, Furlan e Barbagallo – in questi mesi da una mobilitazione nei luoghi di lavoro e nelle piazze d’Italia”. Intanto per il 9 ottobre, un mercoledi’, e’ stato deciso di convocare un?assemblea a Milano dei quadri e dirigenti di Cgil, Cisl e Uil.

Advertisement

Cronache

Favorivano immigrazione di islamici radicali, scoperta una organizzazione

Avatar

Pubblicato

del

Favoriva l’Immigrazione clandestina, anche di persone segnalate per possibili legami con ambienti del radicalismo islamico, il gruppo criminale smantellato dalla Digos di Torino. A capo del sodalizio un tunisino di 40 anni, Walid Fanni: trattenuto al Cpr del capoluogo piemontese, e’ stato rimpatriato. In attesa di essere espulso anche un altro tunisino, irregolare e senza fissa dimora. Le perquisizioni effettuate hanno permesso il sequestro di numerosi documenti.

Il gruppo reperiva documenti contraffatti per consentire il rilascio di permessi di soggiorno e agevolare cosi’ l’ingresso illegale in Francia di alcuni clandestini. Tra questi anche un tunisino, sospettato di attivita’ legate al terrorismo, che avrebbe superato il confine grazie ad alcuni passeur. Il leader del gruppo, Fanni, era considerato il referente per molti connazionali, anche studenti, che per il rilascio del permesso di soggiorno indicavano come domicilio la sua abitazione. Nel corso delle perquisizioni, effettuate a carico di quattro tunisini e di un italiano nel Torinese, sono stati sequestrati documenti falsi, tra cui varie carte d’identita’, richiese di rilascio del permesso di soggiorno, stampe di documenti falsi pronti ad essere plastificati. Nell’abitazione dell’italiano, indagato nella stessa indagine, e’ stata trovata anche la stampante con cui venivano prodotti i documenti.

Continua a leggere

Cronache

Ucciso da una fucilata del suo amico durante una battuta di caccia

Avatar

Pubblicato

del

Grave incidente di caccia nelle campagne di Sant’Andrea Frius nel sud Sardegna. Un trentenne ha perso la vita. La dinamica della tragedia non è ancora stata del tutto ricostruita, sul posto per i rilievi sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Dolianova che hanno avviato gli accertamenti. Da quanto si apprende il 30enne era impegnato in una battuta di caccia insieme ad alcuni amici quando è stato raggiunto da una fucilata, iniziando a perdere molto sangue. Immediata la richiesta di soccorsi e l’arrivo sul posto dei carabinieri e dell’elicottero del 118. Purtroppo per il 30enne non c’e’ stato nulla da fare, sarebbe morto a causa dell’emorragia.

Continua a leggere

Cronache

Bruciano tutti i mezzi della ditta dei rifiuti di San Severo di Foggia

amministratore

Pubblicato

del

L’incendio sembra essere di origine dolosa. Ed è un rogo che ha distrutto 23 mezzi della ditta Buttol srl che si occupa del servizio di igiene urbana a San Severo nel Foggiano. I mezzi erano parcheggiati in un capannone che si trova in Via Foggia, alla periferia della città. Sul posto hanno operato alcune squadre dei vigili del fuoco. Le cause  sono in fase di accertamento ma gli inquirenti pensano si sia trattato di un attentato. Dal Comune fanno sapere che il contratto con la ditta Buttol che si occupa del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani è in scadenza a febbraio.

“Noi non ci arrendiamo, la città non si arrende e continueremo a lottare per la ricerca della legalità. Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine che presto arriveranno alla verita’”. Cosi’ il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, e l’assessore all’Igiene urbana Felice Carrabba, commentano il vasto incendio che ha distrutto, secondo le prime stime, 23 mezzi della ditta Buttol srl, che si occupa del servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana nel comune in provincia di Foggia. Questa mattina il prefetto di Foggia Raffaele Grassi, dopo aver contattato il primo cittadino per esprimere la propria vicinanza a tutta la cittadinanza di San Severo, ha convocato per martedi’ prossimo – a quanto si apprende dal Comune – una riunione con i vertici delle forze dell’ordine in Prefettura. Da luglio dello scorso anno sono gia’ quattro gli incendi che hanno riguardato aziende per la raccolta di rifiuti nel Foggiano. A luglio 2019 furono distrutti 33 mezzi della Tekra a San Giovanni Rotondo; a ottobre furono incendiati 13 autocompattatori della ditta Tecneco a Chiuti, poi una settimana piu’ tardi fu avvolto dalle fiamme il capannone della Sia a Carapelle.

Controlli a campione sono stati effettuati sulla qualita’ dell’aria a San Severo in seguito all’incendio che all’alba ha distrutto 23 mezzi per la raccolta dei rifiuti, sprigionando una densa nube di fumo nero che preoccupa i cittadini. “I picchi di diossina non sarebbero preoccupanti”, scrive su Facebook il sindaco Francesco Miglio, precisando che “il vento spinge i fumi fuori dal centro abitato”. “Nelle prossime ore – aggiunge – verra’ diramato un avviso per stabilire le modalita’ del conferimento dei rifiuti per i prossimi giorni e fino all’arrivo di altri mezzi”. Il comitato straordinario per la sicurezza convocato dal prefetto di Foggia per martedi’ prossimo, in cui si discutera’ dell’incendio, sara’ riunito nel Comune di San Severo. Un modo – fa sapere la Prefettura – per dimostrare vicinanza delle istituzioni e al territorio.

Continua a leggere

In rilievo