Notice: La funzione register_sidebar è stata richiamata in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Over the header". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-1". Impostare manualmente id a "sidebar-1" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /web/htdocs/www.juorno.it/home/wp-includes/functions.php on line 5835

Notice: La funzione register_sidebar è stata richiamata in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Header Top Right". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-2". Impostare manualmente id a "sidebar-2" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /web/htdocs/www.juorno.it/home/wp-includes/functions.php on line 5835

Notice: La funzione register_sidebar è stata richiamata in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "Footer Center". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-3". Impostare manualmente id a "sidebar-3" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /web/htdocs/www.juorno.it/home/wp-includes/functions.php on line 5835

Notice: La funzione register_sidebar è stata richiamata in maniera scorretta. Nessun id è stato impostato nell'array degli argomenti per la sidebar "After Post/Page". Si utilizzerà il valore predefinito "sidebar-4". Impostare manualmente id a "sidebar-4" per nascondere questo avvertimento e mantenere il contenuto attuale della barra laterale. Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.2.0.) in /web/htdocs/www.juorno.it/home/wp-includes/functions.php on line 5835
Mafia Romana, colpo al clan Casamonica: arresti e sequestro beni per 20milioni di euro. Nella villa piena di ori e argenti > JUORNO.it
Collegati con noi

Cronache

Mafia Romana, colpo al clan Casamonica: arresti e sequestro beni per 20milioni di euro. Nella villa piena di ori e argenti

Pubblicato

del

Villa con piscina, argenti ed ori a profusione, piscina, lussi. È la villa della famiglia Casamonica. Uno dei beni sequestrati al clan i cui esponenti presentavano denunce dei redditi da fame e vivendo da miliardari. Ieri più di 150 uomini della Polizia di Stato del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato di PS “Romanina” hanno dato esecuzione all’Ordinanza Applicativa di Misure Cautelari Personali e Reali emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di appartenenti al “clan Casamonica”.
Contestualmente all’esecuzione delle ordinanze, è stata data esecuzione al decreto di sequestro di beni ai fini della confisca emesso dal Tribunale di Roma – Sezione delle Misure di Prevenzione per un valore di circa 20 milioni di euro. Del resto basta guardare le foto e il video all’interno di una villa sequestrata.

 

Nemmeno il tempo che la notizia degli arresti diventa ufficiale e la sindaca di Roma, Virginia Raggi, dice “grazie a Polizia di Stato, Procura Roma e Antimafia per blitz contro Casomonica . Sferrato nuovo duro colpo a clan: é una vittoria per Roma e i suoi cittadini. Avanti #ATestaAlta #FuoriLaMafiaDaRoma #NonAbbassiamoLoSguardo” scrive su Twitter  la signora Raggi. Parla di “un durissimo colpo al clan deI Casamonica inferto dallo Sco e dal Servizio centrale anticrimine della Polizia di Stato” anche Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, secondo cui l’operazione denominata ‘Noi proteggiamo Roma’ “mette ancora piú in luce la potenza di questo clan, a cui sono stati sequestrati beni per un valore di 20 milioni di euro in un periodo di dura crisi economica. Estorsione, usura tra gli altri reati contestati. Un plauso alle forze dell’ordine ed alla magistratura che combattono sul campo le mafie”. “Cambia il clima a Roma – prosegue Morra – ed un ringraziamento è dovuto anche alla sindaca Raggi che da anni ha tracciato un cammino di legalita’ che sta cambiando tutta la cittá di Roma, ed anche questa è antimafia dei fatti, non delle parole”.

 

Advertisement

Cronache

Terremoti: scossa magnitudo 3 a Bacoli, vicino Napoli

Pubblicato

del

Una scossa di terremoto di magnitudo 3 è stata registrata all’1:45 vicino Napoli. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 4 km di profondità ed epicentro a 3 km da Bacoli e a 13 dal capoluogo campano. Non si registrano danni a persone o cose.

Continua a leggere

Cronache

Catturato dai carabinieri a Napoli il killer di ’ndrangheta Sestito evaso a Milano / Video

Pubblicato

del

I Carabinieri di Milano con il supporto dei colleghi di Napoli hanno catturato il killer della ‘ndrangheta Sestito Massimiliano, evaso dai domiciliari a Pero, nel milanese, il 30 gennaio. Il fuggiasco è stato rintracciato e catturato dai Carabinieri presso la Stazione Circumvesuviana di Sant’Anastasia in provincia di Napoli.

“Complimenti all’Arma dei Carabinieri per la cattura di Massimiliano Sestito, pericoloso esponente della ‘ndrangheta evaso dagli arresti domiciliari lo scorso 30 gennaio”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, sottolineando “l’importanza di una operazione che ha consentito di interrompere in tempi brevi la latitanza del criminale già condannato a trenta anni per l’omicidio di un Carabiniere e che era fuggito in attesa del verdetto della Cassazione per un altro omicidio”. (

Continua a leggere

Cronache

Addio a Bruno Menna: giornalista sannita colto e perbene 

Pubblicato

del

Stroncato da un malore improvviso, è venuto a mancare Bruno Menna, 66 anni, giornalista professionista e autore di numerosi libri su Benevento. Menna, per anni colonna portante della redazione de Il Giornale di Napoli, aveva anche ricoperto l’incarico di addetto stampa del senatore Pasquale Viespoli. Lascia la moglie Fiorella e due figli. Numerosi gli attestati di cordoglio a cominciare da quello del sindaco di Benevento Clemente Mastella e dell’amministrazione comunale di Benevento. “Giornalista colto e sensibile, comunicatore efficace e puntuale – scrive Mastella – Menna lascia un vuoto nel mondo dell’informazione e della cultura sannita. Tra le molte cose, ricordo che a lui si deve un contributo di alto valore per l’esegesi e la conoscenza del gergo popolare e delle tradizioni laiche e religiose della città che ha indagato a fondo in libri raffinati e originali. Contribuiremo a tenerne viva l’eredità giornalistica e culturale”. 

Alla famiglia di Bruno Menna le condoglianze sincere della redazione di Juorno.it

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto