Collegati con noi

Napoli

M5S, primi addii post voto: a Napoli Brambilla lascia il Movimento

Pubblicato

del

“Nessuno, nessuno mai potrà dirti che non ci hai provato: lo dovevi ai 40.000 napoletani che nel 2016 ti avevano votato e riposto in te le loro speranze. Ho deciso di andare avanti, di finire il mandato con quel simbolo che non esiste più, ma che nessuno ci potrà mai togliere dalla nostra pelle, dove ormai è tatuato per sempre. Oggi alle 15 posso dirvi che ho finito la mia missione, il mio essere vostro portavoce. Non ho risparmiato nessuna goccia del mio sudore, nessun minuto del mio tempo per dare il massimo, senza mai cedere a compromessi o alle lusinghe della politica. Non so se rientreremo in Consiglio Comunale, per continuare a dare la voce ai cittadini nelle istituzioni, ci abbiamo provato con lo stesso entusiasmo di 15 anni fa, quando partecipai ai miei primi meetup a Napoli. Si chiude una pagina della mia vita, si chiude con dolore, pensando a cosa è diventato oggi quel movimento che ci aveva fatto decidere di metterci in gioco completamente. Ma bisogna andare avanti, continuare, è necessario continuare, c’è bisogno di persone perbene e motivate. Quindi: coraggio, Matteo, un bel respiro, apri gli occhi il cuore, la mente al futuro”, conclude Brambilla.

Advertisement

Cronache

Blackout ai Colli Aminei di Napoli, guasto da riparare ma energia erogata

Pubblicato

del

E’ tornata normale da oltre un’ora l’erogazione della corrente elettrica in tutte le abitazioni della zona collinare di Napoli interessate ieri pomeriggio da un blackout che ha riguardato migliaia di persone, tra viale Colli Aminei e via Nicolardi. I tecnici di E-distribuzione spiegano che si e’ trattato di un doppio guasto su cavi interrati, probabilmente legato alle forti ondate di calore. E’ stato installato quindi un cavo-attrezzo esterno, una sorta di by-pass alle linee danneggiate, ed e’ stata montata una power station, un grande gruppo di continuita’. Tutto cio’ ha consentito di ripristinare l’erogazione di energia elettrica senza che i clienti dovessero attendere la riparazione definitiva del guasto, che richiedera’ piu’ tempo. Un primo gruppo di utenze ha ricevuto la corrente gia’ intorno alle 20:30, poi l’erogazione ha raggiunto via via le altre famiglie.

Continua a leggere

Napoli

Napoli tre consiglieri lasciano il M5s per seguire Di Maio

Pubblicato

del

Nel consiglio comunale di Napoli si spacca il Movimento 5 stelle: tre consiglieri su sei passano a ‘Insieme per il futuro’ seguendo la scelta del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. A sostenere l’ex esponente di primo piano dei pentastellati saranno: Gennaro Demetrio Paipais, Fiorella Saggese e Flavia Sorrentino, eletti con la lista del M5s alle amministrative di ottobre. Restano, invece nel gruppo del Movimento 5 Stelle: Ciro Borriello, Salvatore Flocco e Claudio Cecere.  Il nuovo gruppo consiliare di ‘Insieme per il futuro’ esordirà martedì in occasione della prossima seduta del consiglio comunale. Capogruppo sarà Flavia Sorrentino, che ricopre anche la carica di vicepresidente del Consiglio. La decisione era già nell’aria da qualche giorno, dopo la scelta di Di Maio di abbandonare i suoi ex compagni pentastellati. Oggi l’ufficializzazione dopo l’incontro tra Paipais e lo stesso titolare della Farnesina, oggi a Napoli per una serie di appuntamenti istituzionali.

Continua a leggere

Cronache

Pizza a 4 euro: Sorbillo a Briatore, una serata “a 4 mani”?

Pubblicato

del

 Una serata “a quattro mani” tra la squadra di pizzaioli di Briatore e quelli di Sorbillo “per offrire e far conoscere anche ai suoi clienti abituati a pizze gourmet anche la tipica pizza napoletana”. Dai microfoni di RTL 102.5, offre il calumet della pace, Gino Sorbillo, a Flavio Briatore, dopo i “botta e risposta” dei giorni scorsi scaturiti dalla “provocazione” del titolare di “Crazy Pizza” secondo il quale una pizza venduta a 5 euro non puo’ essere di qualita’. Ieri, davanti alla storica pizzeria napoletana di Sorbillo, e’ distribuita pizza gratis, per rispondere alla “boutade” dell’imprenditore. Tra Sorbillo e Briatore non c’e’ stata interlocuzione pero’ il napoletano ha fatto sapere di essersi autoinvitato: “Gli ho detto che questa e’ la nostra risposta, che si puo’ fare qualita’”, che “il 99,9% delle pizzerie in Italia ha prezzi medi che vanno dai 5 ai 12 euro, non arrivano a 70 euro a pizza”. “Ho cercato di fare pizze sartoriali, – ha raccontato Sorbillo – pizze che non fossero solo dei dischi di pasta serviti per sfamare le persone e basta ma che potessero avere anche un messaggio di generosita’, ma anche di territorio, di resistenza, di coraggio, di presenza. Questa cosa mi ha consentito di crescere e poi sono arrivati dei premi e dei riconoscimenti. Il tutto mi ha fatto rimanere sempre lo stesso”. Per Gino Sorbillo, che ha anche ricordato gli insegnamento di zia Esterina, l’ingrediente zero di una buona pizza “e’ il calore: ho fatto e faccio pizze come quando un genitore prepara una cosa ai propri figli. C’e’ quell’amore particolare che si sente”, ha concluso, “questa cosa e’ riuscita ad arrivare ai miei clienti anche con nuove aperture. Trasmetto l’idea di una spesa quotidiana, per fare pizzeria-impresa mi sono collegato alla casa e alle sensazioni di casa”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto