Collegati con noi

In Evidenza

Luna, accordo storico Italia-Usa per esplorarla

Avatar

Pubblicato

del

“Ci vediamo sulla Luna”: si sono salutati cosi’ il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio, Riccardo Fraccaro, e l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine, al termine del collegamento in cui e’ stata firmata la dichiarazione d’intenti nella quale l’Italia collaborera’ al programma Artemis della Nasa per l’esplorazione della Luna. Per Fraccaro si apre una pagina storica, che fa dell’Italia “il primo Paese Ue a siglare quest’intesa che ci dara’ la possibilita’ di partecipare alla missione lunare e di avere un ruolo da protagonista nel piu’ ambizioso programma di attivita’ spaziale mai attuato”. Per l’Italia, ha aggiunto, e’ “un riconoscimento del valore delle nostre eccellenze scientifiche e produttive e del nostro contributo alla missione lunare”. L’obiettivo e’ “allargare il mercato agli operatori commerciali non esclusivamente spaziali e creare un volano che incrementera’ la competitivita’ e la crescita di entrambi i nostri Paesi”, ha detto ancora Fraccaro riferendosi ai possibili sviluppi dell’accordo alla luce della new space economy. Soddisfatto anche Bridenstine, che ha ricordato la lunga collaborazione fra Italia e Stati Uniti in campo spaziale: dopo che nel 1964 l’Italia aveva lanciato il suo primo satellite, il San Marco 1, dalla base americana di Wallops Island, nel 1997 la collaborazione con gli Stati Uniti aveva portato all’accordo bilaterale con cui il nostro Paese ha fornito i moduli pressurizzati per la Stazione Spaziale Internazionale. Quell’accordo ha permesso all’industria italiana di costruire oltre la meta’ delle strutture della grande casa-laboratorio nello spazio, ha reso possibili molte missioni di astronauti italiani e di portare sulla stazione orbitale numerosi esperimenti del nostro Paese. Si apre adesso una nuova pagina, che secondo l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, per l’industria italiana ha il valore potenziale di un miliardo di euro. La missione Artemis e’ il cardine del progetto americano di riportare l’uomo sul suolo lunare entro il 2024 e per la quale il governo degli Stati Uniti ha stanziato 28 miliardi di dollari. E adesso e’ anche un’avventura che vede l’Italia in prima fila, con “grande soddisfazione” del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia. Il prossimo passo, ha rilevato Saccoccia, saranno gli accordi attuativi fra le due agenzie spaziali, nei quali “saranno specificati nel dettaglio i contributi italiani al programma che contribuiranno a rendere possibile il sogno di una presenza sostenibile in orbita e sulla superfice lunare: dai moduli abitativi, agli esperimenti scientifici, al sistema di telecomunicazioni”. Fra i possibili contributi che l’Italia potra’ dare all’esplorazione lunare, l’amministratore delegato di Thales Alenia Space (Thales-Leonardo), Massimo Comparini, ha indicato la “nuova generazione di elementi pressurizzati abitabili, quali il primo habitat di superficie o la cabina che fara’ approdare gli astronauti sulla Luna”.

Advertisement

Corona Virus

Coronavirus, Campania: 3186 nuovi positivi, 84 sono bambini e De Luca chiude le materne

Avatar

Pubblicato

del

Ancora alto il contagio in Campania: nelle ultime 24 ore sono stati 3186 i nuovi positivi su 18650 tamponi effettuati. Anche qui si abbassa notevolmente l’età media dei contagiati. Fra i positivi  di oggi ci sono anche 84 bambini e per questo motivo il presidente della Regione Campania De Luca ha annunciato che chiuderà anche le scuole per i più piccini.

Continua a leggere

Corona Virus

Emergenza Covid nel mondo: oltre 45 milioni di casi e quasi un milione e duecentomila morti

Avatar

Pubblicato

del

covid

Il bilancio dei casi di coronavirus registrati nel mondo ha superato oggi quota 45 milioni, con un incremento di un milione di contagi in soli due giorni: e’ quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University, secondo cui le infezioni a livello globale sono oggi 45.028.250 rispetto ai 44.059.551 di martedi’. I morti causati dal virus nel mondo sono 1.181.075, mentre le persone guarite sono 30.301.655.

Ecco l’elenco dei primi 20 paesi al mondo per numero di contagiati e morti

contagiati                         morti

  1. 8.946.154 US                          (228.668 morti)
  2. 8.088.851 India                     (121.090 morti)
  3. 5.494.376 Brazil                     (158.969 morti)
  4. 1.570.446 Russia                    (27.111 morti)
  5. 1.327.852 France                    (36.058 morti)
  6. 1.160.083 Spain                      (35.639 morti)
  7. 1.143.800 Argentina              (30.442 morti)
  8. 1.048.055 Colombia               (30.926 morti)
  9. 968.456 United Kingdom     (46.045 morti)
  10. 912.811 Mexico                        (90.773 morti)
  11. 894.928 Peru                           (34.315 morti)
  12. 721.770 South Africa               (19.164 morti)
  13. 616.595 Italy                            (38.122 morti)
  14. 596.941 Iran                            (34.113 morti)
  15. 507.050 Chile                          (14.118 morti)
  16. 506.381 Germany                   (10.359 morti)
  17. 467.755 Iraq                             (10.815 morti)
  18. 404.760 Bangladesh              (5.886 morti)
  19. 404.048 Indonesia                 (13.701 morti)
  20. 392.258 Belgium                     (11.308 morti)

Continua a leggere

Cronache

Giallo del commercialista legato, imbavagliato e ucciso a Torino: i carabinieri arrestano un suo inquilino

Avatar

Pubblicato

del

I carabinieri di Torino hanno arrestato all’alba il presunto assassino di Luciano Ollino, il 60enne commercialista e consulente finanziario trovato assassinato nella notte tra l’8 e il 9 giugno scorso in una strada sterrata di collina tra Torino e Moncalieri. Si tratta di un pregiudicato del luogo, 42enne, venditore di auto, ben conosciuto dalla vittima e suo inquilino in un appartamento di un residence di Pecetto Torinese. Secondo gli inquirenti il movente sarebbe da ricondurre a dissidi tra i due, soprattutto di carattere economico e relativi alla compravendita di un immobile.

Ollino era stato legato e imbavagliato dal suo killer, che poi gli aveva sparato sei colpi di pistola all’interno della sua auto, una Bmw trovata parcheggiata in una piazzola di sosta, con il cadavere sul lato passeggero. Per crearsi un alibi il presunto assassino la notte stessa si era allontanato dal Piemonte verso il sud Italia. Il 42 enne e’ accusato di omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e rapina aggravata.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto