Collegati con noi

Cronache

Lucia Riina, la figlia pittrice del capomafia sanguinario morto in carcere che vive vendendo quadri e servendo pasti al ristorante “Corleone” di Parigi

Avatar

Pubblicato

del

C’è uno studio legale francese, il “Cabinet Pierrat”, esperto in tutela di marchi e proprietà intellettuale, dietro l’apertura e la gestione del nuovo ristorante “Corleone”, aperto a Parigi da Lucia Riina, figlia del padrino stragista di Cosa Nostra Totò Riina, morto in una cella del carcere di Parma al 41 bis il 17 novembre 2017.

Il padre di Lucia Riina, Totò u curtu, fu arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza. Era il capo indiscusso di Cosa nostra, doveva scontare 26 condanne all’ergastolo per decine di omicidi e stragi tra le quali quella di viale Lazio, gli attentati del ’92 in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e quelli del 1993 a Milano, Roma e Firenze. A Totò Riina, tra  le condanne che nessuno potrà mai infliggergli, c’è quella di aver trasformato Corleone in un marchio d’infamia mafiosa e di aver ridotto il termine corleonese da cittadino di Corleone a sinonimo di mafioso.

Il marchio “Corleone by Lucia Riina” oggi ha invece una accezione commerciale. È il marchio depositato il 13 febbraio del 2018 e registrato l’8 giugno dello stesso anno a Parigi, città dell’amore e di tanto altro. Se la figlia di Totò Riina risulta la titolare del marchio, nelle vesti di rappresentante troviamo l’avvocato Sophie Viaris de Lesegno, socia e co-fondatrice dello studio legale ‘Cabinet Pierrat’ ed esperta di diritto d’autore e proprietà intellettuale. Parliamo di uno degli studi legali più accorsati e in vista di Francia. Tanti i vip francesi del mondo dell’arte tra i clienti dello studio ‘Pierrat’, a cominciare da Miss Tic, una delle regine della street art transalpina, famosa per le sue ‘pinup’, e Sophie Calle, artista che ha esposto anche alla Biennale di Venezia. Ma non solo: gallerie d’arte e fondazioni come Le Corbusier e Cartier Bresson hanno scelto ‘Cabinet Pierrat’ per tutelare i propri interessi.

Lucia Riina. La figlia del capomafia morto in carcere sepolto da decine di ergastoli

Lucia Riina con ogni probabilità è venuta in contatto con lo studio legale ‘Cabinet Pierrat’ grazie alla sua vita di artista. Perchè Lucia è una pittrice. Dipinge quadri. Portano la sua firma molti dipinti su tela esposti sul web, acquistabili previo contatto via mail con l’ufficio commerciale dell’artista. Non c’è un prezzo indicato pubblicamente per le opere d’arte di Lucia Riina. Al momento la signora Riina offre in vendita quattordici tele. Quattro di questi dipinti raffigurano il leone dello stemma del comune di Corleone, un felino stilizzato che nella sua accezione istituzionale ghermisce con la zampa anteriore destra un cuore rosso con una fiamma che lo sovrasta. La Riina, invece, inserisce una piccola variante sul tema, e raffigura esattamente lo stesso leone all’interno però di un cuore invece dentro lo scudo fregiato dalla corona . I titoli di questi dipinti sono “Cuor di Leone” e “Fuoco d’Amore”. In basso, lato destro di ogni dipinto, c’è la firma per esteso di Lucia Riina, che poi, senza voler offendere le velleità artistiche della signora Riina, che probabilmente non siamo manco capaci di apprezzare,  è quello il prezzo vero da pagare se un collezionista intende possedere un quadro della figlia del defunto capo della mafia italiana.

Il ristorante di Parigi. Il comune di Corleone ha diffidato Lucia Riina dall’usare il nome del comune

L’uso del nome Corleone dato al ristorante parigino ha innescato un contenzioso giudiziario che rischia di diventare anche incidente diplomatico (l’ennesimo in questi mesi) tra Italia e Francia. Il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, ha diffidato la signora Lucia Riina a usare lo stemma della Animosa Civitas, titolo conferito il 12 gennaio 1556 da Carlo V al comune del Palermitano.

Il neo primo cittadino, eletto dopo due anni di commissariamento del comune per mafia, sostiene che “associare il nome di Corleone alla famiglia del capo dei capi è devastante”. Non solo, il sindaco Nicolosi ha chiesto ufficialmente al premier Giuseppe Conte e al ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi di chiedere alle autorità francesi di impedire che nell’insegna del ristorante parigino di Lucia Riina “possa esserci la commistione tra il nome di Corleone e la famiglia Riina”.

Il Governo ha subito girato la richiesta del sindaco Nicolosi, tramite la Farnesina, all’ambasciatrice italiana a Parigi, la napoletana Teresa Castaldo, che peraltro oltre a essersi laureata con  lode in Scienze Politiche presso l’Istituto Universitario “L’Orientale” di Napoli nel 1979, prima della carriera diplomatica ha lavorato presso la Cattedra di Diritto dell’Unione Europea con un contratto di ricerca avente ad oggetto la tutela dei marchi e dei brevetti industriali nell’ambito della legislazione europea sulla proprietà intellettuale. Dunque è molto preparata in questo campo. Sembra però evidente che il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, che protesta e diffida la signora Lucia Riina ad usare il nome Corleone per il ristorante, sappia poco o nulla dei quadri della ultimogenita del padrino di mafia. Quadri in cui si usa il nome di Corleone, e lo stemma di Corleone, quello riconosciuto e protetto con D.P.C.M. del 30 ottobre 1929.

L’artista. Lucia Riina dipinge e vende quadri oltre a fare la ristoratrice a Parigi assieme al marito e ad un socio

I dipinti della signora Riina in vendita sul web, oltre a usare lo stemma di Corleone, raffigurano anche altri soggetti. La stessa cifra artistica, però, non cambia. L’artista Lucia Riina raffigura in un caso una sirena su uno scoglio, in un altro dipinto vediamo una sorta di Dafne formato sirena con il mare sullo sfondo e poi teste e volti di donne, con particolare attenzione agli occhi. Lucia Riina è una bella donna che ha degli occhi molto belli. Anche se, a guardare nel fondo di quegli occhi verdi, ci scorgi molta tristezza. Ma questa è una opinione che non ha nulla di giornalistico. Non si sa quanto costa un quadro, ma acquistare direttamente sul web  i  soggetti disegnati su tavolozza in legno, i dipinti eseguiti a mano, quindi unici, della signora Riina, consentono al compratore anche di sentirsi parte di un progetto di beneficenza. Eh sì, la signora Riina sostiene che per ogni quadro venduto, una parte del ricavato viene devoluto in beneficenza ad associazioni che di volta in volta vengono indicate pubblicando i bollettini dei versamenti effettuati. E siccome la signora Riina è donna d’onore, sia detto senza alcuna ironia, avendo venduto qualche quadro, ha effettuato le donazioni promesse. E mostra le prove. Ci sono i bollettini di versamento di somme di denaro a Save the Children Italia. E c’è anche copia della letterina di ringraziamento del direttore per l’Italia di Save The Children, Valerio Neri, per le donazioni ricevute dalla signora Riina e per aver deciso di “stare dalla parte due bambini”. Chissà che cosa pensò Lucia Riina dell’attenzione riservata da cosa nostra ad un bambino palermitano, Giuseppe Di Matteo, rapito da mafiosi travestiti da poliziotti il pomeriggio del 23 novembre 1993, quando aveva quasi 13 anni, in un maneggio di Piana degli albanesi. Un bambino strangolato e sciolto nell’acido l’11 gennaio 1996, poco prima di compiere 15 anni, dopo 25 mesi di prigionia, 779 giorni di sequestro. Di quel brutale assassinio fu condannato all’ergastolo assieme a tanti altri mafiosi anche suo zio Leoluca Bagarella. Perché Lucia Riina da Corleone è l’ultimogenita di Salvatore Riina ed Antonina Bagarella, sorella più piccola di Maria Concetta, Giovanni e Giuseppe Salvatore, quindi anche nipote di Leoluca Bagarella.

“Corleone by Lucia Riina”, il ristorante di Parigi dove si mangia italiano, un locale dove la figlia del capomafia oltre ai suoi quadri ha appeso i ritratti del padre mafioso e della mamma

Ma torniamo allo studio francese, il “Cabinet Pierrat”, che si occupa anche dei contratti di vendita delle opere d’arte della signora Riina, delle mostre allestite in giro per il mondo e in Italia. A questo studio Lucia Riina ha deciso di affidare la tutela del proprio marchio. Lucia Riina come artista eclettica e poliedrica, ha anche altri interessi, come quello in campo musicale. E quello che ascoltate è un brano, Tru Factz, che parla di lei e della sua famiglia, della sua Sicilia, della sua Palermo, della sua vena artistica.

Sull’uso del nome Corleone, va detto, che l’ultimogenita di Salvatore Riina non è stata certo l’unica a servirsene come marchio. Dagli Stati Uniti alla Russia al Brasile, passando per la stessa Francia, non sono poche le aziende che hanno utilizzato il nome del paesino siciliano tristemente legato a fatti di mafia per le proprie attività commerciali. Come il ‘Corleone coffee’ made in Turchia o il ‘Corleone barber shop’ peruviano. Spuntano pizzerie e ristoranti col marchio ‘Corleone’ anche in Cile, nella Federazione Russa, Brasile e Repubblica Ceca. Senza contare che anche la Paramount Pictures, casa cinematografica che ha prodotto la trilogia de ‘Il Padrino’ di Francis Ford Coppola, ha pensato bene di registrare il marchio della città che ha dato i natali a Totò Riina, Leoluca Bagarella e Luciano Liggio.

Advertisement

Cronache

Multe durante la messa ai fedeli indisciplinati, si arrabbia il parroco: “È sciacallaggio”

Avatar

Pubblicato

del

Scontro tra parroco e comando vigili. La novella storia di Peppone e don Camillo si è consumata a Pezzalunga, frazione di Acerra, nel Napoletano dove il parroco, don Stefano Maisto ha contestato le contravvenzioni elevate dai vigili urbani nei pressi della chiesa di San Carlo Borromeo. “Proprio non riesco a farmela scendere giù. Non riesco a tollerare questo sciacallaggio. Perché di questo si tratta”, ha sbottato il parroco sui social. “Venire a Pezzalunga, durante l’orario della celebrazione Eucaristica e fare le multe a tutte le macchine parcheggiate sui marciapiedi per una ora, solo durante l’orario della Messa e solo la domenica e solo perché non ci sono altri parcheggi in zona è da sciacalli. Non vi sono altre spiegazioni. È assurdo che le persone per venire ad una celebrazione Eucaristica si ritrovino multe alle macchine. A Pezzalunga poi. Dove non trovi un vigile neanche se lo chiami apposta. È da sciacalli e da codardi. Spero e confido in una amministrazione che sia giusta e non punitiva”. Lo sfogo del parroco ha fatto incetta di like e condivisioni da parte dei fedeli.

don Stefano Maisto

Ma non si è fatta attendere la risposta dei vigili urbani che attraverso il Vice Comandante Capitano Domenico De Sena si sono detti “sorpresi” delle “dichiarazioni contro l’operato del comando della Polizia municipale. Innanzitutto, perché sono senza senso le parole di chi, oggi, si lamenta perché i vigili urbani hanno elevato 3 (solo tre) contravvenzioni ai danni, tra l’altro, di altrettante  persone che avevano parcheggiato la propria automobile sui marciapiedi, come ammesso con candore dal sacerdote, intralciando il passaggio pedonale”. Al Comando della Polizia Municipale di Acerra è giunto un circostanziato esposto, mentre domenica mattina sono pervenute telefonate al Comando per sollecitare l’intervento urgente dei vigili urbani, denunciando come “alcune auto erano irregolarmente ferme sui marciapiedi. I vigili urbani pertanto, hanno agito correttamente di conseguenza, elevando tre contravvenzioni, solamente tre, a chi con l’auto stava intralciando il passaggio pedonale, così come denunciato. In questo momento di disorientamento generale si fa già grande sforzo a far applicare la legge, dispiace constatare che un rappresentante di istituzioni religiose disorienti le persone: lo stesso sacerdote, sempre attento “ad igiene, decoro, parcheggiatori abusivi, parcheggi in doppia e tripla fila” solo qualche mese fa, sui social, sollecitava egli stesso l’intervento della Polizia municipale. Non sono possibili interpretazioni ad personam per consentire alle tre persone che ieri hanno parcheggiato sui marciapiedi nei pressi della Parrocchia di Pezzalunga di trasgredire il codice della strada”. Amen.

Continua a leggere

Cronache

L’assassino serbo Igor condannato all’ergastolo, in aula non batte ciglio

Avatar

Pubblicato

del

Il massimo della pena possibile a Igor. Il serbo dai tanti nomi e’ stato condannato all’ergastolo, nonostante il rito abbreviato e lui, Norbert Feher, collegato in videoconferenza dal carcere di Saragozza, non ha battuto ciglio, fedele fino in fondo alla sua aura di criminale freddo e implacabile. A quasi due anni dai delitti che terrorizzarono la pianura paludosa tra le province di Bologna e Ferrara, dove viveva e si rifugiava questo piccolo criminale divenuto improvvisamente uno dei killer piu’ ricercati d’Europa, e a un anno e mezzo dal suo arresto in Aragona dove fu preso dopo altri tre omicidi, arriva la prima sentenza. Il verdetto, pronunciato dal Gup Alberto Ziroldi, che ha accolto la richiesta del pm Marco Forte, e’ tutt’altro che imprevisto. E non placa la rabbia dei parenti delle sue vittime. “Chi ha ammazzato mio marito non e’ stato Igor, ma lo Stato, perche’ questa persona non doveva essere qui in Italia”, ha detto Maria Sirica, la vedova del barista di Budrio Davide Fabbri, che dalla sera del primo aprile 2017 in cui perse il compagno di vita e si trovo’ faccia a faccia con l’assassino, entrato nel locale con fucile e pistola, lo ha voluto nuovamente affrontare, seppur separata da un video. Il suo riferimento e’ a una passata espulsione per il criminale, mai eseguita. Dopo la sera dell’omicidio di Fabbri, Igor fuggi’, e fece perdere le sue tracce. Mentre si iniziava a diffondere la leggenda di lui come ex militare dell’armata rossa, poi risultata infondata, Feher riemerse dall’ombra una settimana dopo, nelle campagne di Portomaggiore. Qui, per loro sventura, lo incrociarono Valerio Verri e Marco Ravaglia, poliziotto provinciale e volontario di Legambiente, in pattuglia antibracconaggio.

Igor fece fuoco, uccise il primo e feri’ gravemente il secondo. Ravaglia, che oggi dice di essere “felice soprattutto per tutti i parenti delle vittime, per mia moglie, per tutte le persone che hanno sofferto, che questa persona, questo mostro, sia stato condannato all’ergastolo”. Ma in quella zona, hanno sempre sostenuto i familiari di Verri, le forze dell’ordine sapevano che si poteva nascondere e a un volontario non doveva essere consentito di circolare. Valerio l’8 aprile “non doveva essere li'”, ha detto anche oggi l’avvocato Fabio Anselmo, secondo cui “e’ sbagliato dire che e’ stato vittima del dovere: e’ un cittadino che e’ stato esposto a un rischio cui non doveva essere esposto. Abbiamo gia’ fatto ricorso a Strasburgo ed e’ stato ritenuto ammissibile quindi abbiamo avuto gia’ un bel primo successo. Questa sentenza avvalora la nostra tesi”, visto che non e’ stata riconosciuta l’aggravante di aver ucciso un pubblico ufficiale. La fuga di Igor dall’agguato del Mezzano prosegui’ ai margini di un boschetto, dove abbandono’ l’auto e si nascose sottraendosi a tre carabinieri in borghese. Prenderlo sembrava questione di ore, invece l’uomo fece impazzire i reparti speciali che diedero vita a una caccia imponente, con battute durate settimane e restate senza risultato. Dove si sia nascosto, chi e come lo abbia aiutato, resta un mistero. “Nessuna rete organizzata”, forse qualche “comportamento estemporaneo”, ha detto il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato. Otto mesi dopo Igor si rimaterializzo’ in una zona desertica della Spagna. Messo alle strette dopo alcuni furti in campagna, sparo’ e uccise ancora: due militari della Guardia Civil e un allevatore. Venne arrestato perche’ nella fuga su un furgone, forse ubriaco, si schianto’ e perse i sensi. In carcere legge la Bibbia e i fumetti, fa flessioni e addominali. Aspetta i processi, apparentemente impassibile, come oggi quando gli hanno detto che se mai verra’ consegnato all’Italia dovra’ scontare la massima pena.

Continua a leggere

Cronache

Stop impianto rifiuti Roma, il sindaco Raggi parla di attacco alla città e il pm valuta ipotesi sabotaggio

Avatar

Pubblicato

del

Dopo il Tmb Salario, messo ko dall’incendio di fine dicembre, le fiamme divampate nel secondo e ultimo impianto di trattamento meccanico biologico di proprieta’ dell’Ama, la tenuta del sistema di raccolta e gestione rifiuti a Roma appare a rischio. La Procura di Roma, per ora, ha aperto un fascicolo di indagine in cui si ipotizza il reato di incendio colposo, e c’e’ anche la pista del sabotaggio tra le ipotesi prese in considerazione dagli inquirenti. “Questo incendio e’ un colpo durissimo per Roma e per tutti i romani”, commenta la sindaca Virginia Raggi che pero’ promette: “Ci rialzeremo anche questa volta”. Gli impianti di Salario e Rocca Cencia, “erano gli unici siti di proprieta’ dell’azienda municipale di Roma e coprivano il trattamento della meta’ dei rifiuti della Capitale. Ne restano attivi soltanto altri due, di proprieta’ privata”, sottolinea Raggi. In Campidoglio gia’ nel pomeriggio si riunisce una cabina di regia per ricercare le soluzioni utili a gestire i flussi dei rifiuti dopo l’ultimo rogo: ad essere invitati sono rappresentanti del Ministero dell’Ambiente, Regione Lazio e Ama. Se la struttura di Rocca Cencia, a differenza del Salario, come spiega Ama, “non e’ stata compromessa dalle fiamme”, resta il nodo dei tempi della sua completa riapertura, per cui si attende il via libera delle autorita’ competenti.

Al momento, infatti, una delle due linee resta ferma per accertamenti. I sindacati chiedono al vertice di Ama di convocare “un incontro urgente e di studiare tutte le soluzioni per evitare gia’ nell’immediato la crisi sulla raccolta. La raccolta indifferenziata dei rifiuti – rimarcano – gia’ e’ in affanno”. Dopo aver subito domato il rogo, i vigili del fuoco sono rimasti al lavoro per tutta la notte per spegnere completamente le fiamme. Sul posto in nottata sono arrivati anche Raggi e il pm Carlo Villani per effettuare un primo sopralluogo. I magistrati della Procura di Roma disporranno una consulenza tecnica per chiarire le cause del rogo. Nel frattempo Ama corre ai ripari, potenziando la raccolta differenziando e chiedendo “maggiore elasticita’ nei conferimenti in entrata presso gli altri impianti gia’ utilizzati di Roma e del Lazio”. Su Rocca Cencia, la sindaca avverte: “Se questo e’ l’ennesimo attacco e non un incidente, i responsabili sappiamo che non ci pieghiamo e non ci fermeremo”. In allarme anche lo stesso ministro dell’Ambiente Sergio Costa, in continuo contatto con la prima cittadina. Che sempre in giornata annuncia lo sprint “sul divieto di utilizzo delle plastiche monouso a Roma. Ci stavamo lavorando, a questo punto acceleriamo perche’ dobbiamo iniziare a sottrarre rifiuti a questo sistema criminale – dice Raggi -. Sono certa che i cittadini capiranno e saranno con noi. Ovviamente daremo un congruo termine a tutti gli esercizi commerciali e fornitori per gestire giacenze e scorte”. “La Capitale e’ in balia del degrado piu’ totale da quasi tre anni senza che siano state finora proposte soluzioni concrete – tuona il Pd in Campidoglio -. Al di la’ di eventuali colpevoli nell’incendio di Rocca Cencia, la Raggi e i suoi si assumano le proprie responsabilita’”. Per i M5S alla Camera “come ha dichiarato il Ministro Costa, e’ palese ormai che ci troviamo davanti a un piano ben orchestrato per non far funzionare il sistema dei rifiuti nella Capitale”.

#NonAbbiamoPaura #ATestaAlta

Ieri sera un incendio è divampato all’interno dell’impianto di trattamento dei rifiuti di Rocca Cencia, nella periferia Est della città, dove viene trattato circa un quarto della spazzatura dei tre milioni di abitanti di Roma. Le fiamme sono state domate nella stessa notte grazie all’intervento di un vigilante dell’azienda e dei vigili del fuoco che ringrazio. Probabilmente, parte della struttura non sarà completamente agibile nel brevissimo periodo: stanno ancora verificando i danni. La magistratura farà le sue indagini che si aggiungono a quelle sull’incendio dello scorso 12 dicembre che ha devastato e reso inutilizzabile l’impianto di trattamento dei rifiuti del Salario. Questi due erano gli unici siti di proprietà dell’azienda municipale di Roma e coprivano il trattamento della metà dei rifiuti della Capitale d’Italia. Attualmente ne restano attivi soltanto altri due che sono di proprietà privata. Questo incendio è un colpo durissimo per Roma e per tutti i romani. Ci rialzeremo anche questa volta e reagiremo. Aspettiamo con fiducia il lavoro della magistratura che ringrazio per essersi attivata immediatamente. Non ho alcun elemento per fare ipotesi ma, se non dovesse trattarsi di un incidente, chi ha colpito così duramente Roma e i romani sappia che noi romani non ci fermeremo e non ci piegheremo.

Pubblicato da Virginia Raggi su Lunedì 25 marzo 2019

Continua a leggere

In rilievo