Collegati con noi

Salute

L’ospedale cambia faccia, arrivano le cure 4.0 da casa

Avatar

Pubblicato

del

L’intelligenza artificiale puo’ salvare la vita, in particolare ai malati cronici. Big data e sensori hi-tech entreranno presto nelle cure di chi soffre di asma e Bpco: dimezzano le visite al pronto soccorso e riducono i ricoveri. La conseguenza sara’ una trasformazione, almeno parziale, degli ospedali di oggi, a favore di un sistema di cure 4.0 per l’assistenza a distanza. Dal Portogallo alla Scozia si moltiplicano gli studi clinici che confermano il ruolo dell’intelligenza artificiale per migliorare la salute dei pazienti che soffrono di malattie respiratorie. “Gli ospedali stessi cambieranno volto, l’identikit dei reparti di pneumologia del futuro prevede meno posti letto, meno sale d’attesa e piu’ alta tecnologia” come spiega l’architetto Giorgia Zunino, direttore del Master in Redesining Medicine presso l’Istituto di Design dell’Accademia di Belle Arti di Brescia, responsabile del progetto che trasformera’ l’ex Ospedale Psichiatrico del Santa Maria della Pieta’ a Roma nel Parco della Salute e del Benessere. “Per innovare non serve costruire di piu’, ma ripensare e riorganizzare gli spazi ospedalieri, attingendo alle innovazioni tecnologiche che gia’ integrano ospedale e domicilio”.

Il machine learning, ovvero algoritmi che elaborano grande mole di dati clinici e parametri vitali permette di ridurre del 30% i ricoveri e del 50% gli accessi al pronto soccorso e di prevedere l’evoluzione della malattia nell’arco di 5/10 anni. Lo dimostrano recenti studi illustrati al congresso organizzato da Menarini “Limitless: innovazione in pneumologia, un impegno senza limiti”, appena concluso a Firenze, che ha riunito esperti di pneumologia, architettura e bioingegneria, matematica e sociologia per fare il punto insieme sul futuro delle malattie respiratorie. Nell’arco della vita l’aria entra ed esce dai nostri polmoni 3 miliardi di volte, ma per molti i respiri prima o poi diventano affannosi e difficili: succede ai quasi 4 milioni di italiani che soffrono di broncopneumopatia cronico ostruttiva o BPCO, una patologia che e’ corresponsabile del 55% dei decessi per cause respiratorie ogni anno e che nel 2030 diventera’ la terza causa diretta di mortalita’. Accanto ai clinici, a segnare la via delle innovazioni che ci cureranno domani anche architetti, bioingegneri, matematici e sociologi.

“Nei malati con BPCO l’aderenza alle terapie non arriva al 40% e questo comporta un alto rischio di peggioramento e progressione verso stadi piu’ gravi della patologia che poi compromettono fortemente la qualita’ e la durata di vita. E che si traducono in piu’ ricoveri e visite al pronto soccorso”, spiega Federico Lavorini, Ordinario di Malattie dell’apparato respiratorio dell’Universita’ di Firenze. L’intelligenza artificiale consentira’, pero’, un miglioramento nella gestione dei pazienti. “Si puo’ cambiare il destino dei malati di BPCO, permettendo di seguirli meglio a domicilio e di ridurre ricoveri. Di fatto l’ospedale del futuro sara’ praticamente la poltrona di casa – afferma Fulvio Braido, Professore di Malattie Respiratorie dell’Universita’ di Genova – Nel Regno Unito, per esempio, secondo i dati del Digital Health Institute, l’algoritmo BPCO Glasgow and Clyde, e’ in grado di prevedere il rischio e lanciare l’allarme se le condizioni del malato stanno peggiorando, rendendo possibile una riduzione del 30% dei ricoveri con un risparmio stimato per il sistema britannico di 1,4 miliardi di sterline. In Portogallo, l’Hospitalar Universitario de Coimbra ha messo a punto uno strumento simile, che testato clinicamente ha mostrato di poter ridurre di quasi il 50% gli accessi al pronto soccorso”. “Sono oltre mezzo miliardo nel mondo le persone che soffrono di malattie respiratorie ed e’ enorme l’impegno della ricerca a livello internazionale nello sviluppo di nuove tecnologie che possano consentire ai pazienti una migliore qualita’ e una maggiore aspettativa di vita” ricorda Germano D’Amore, Direttore Divisione Famaco-Etico Italia Menarini.

Advertisement
Continua a leggere

In Evidenza

Prelievo del sangue dal tallone nei primi giorni di vita del neonato per identificare possibili malattie metaboliche ereditarie

Avatar

Pubblicato

del

Alla nascita a tutti i neonati viene effettuato un test di screening metabolico allargato per identificare eventuali malattie metaboliche ereditarie.Tali malattie sono una parte di malattie rare e sono molto eterogenee. Per la diagnosi servono indagini specifiche e veloci definite diagnostiche di metabolomica.
Lo screening neonatale esteso è un’analisi che si effettua su poche gocce di sangue e permette una diagnosi precoce prevenendo i danni soprattutto cerebrali e d’organo altrimenti irreversibili.

Lo screening parte dall’informazione dei genitori e ad una risposta dubbia del test impone l’esecuzione di un ulteriore test di conferma.
Nel 1992 si iniziarono a screenare tre patologie:
fenilchetonuria
ipotiroidismo congenito
fibrosi cistica.
In seguito c’è stata una estensione del pannello ed attualmente vengono identificate 40 patologie per le quali esiste una possibile terapia.
Sul territorio nazionale sono partiti i progetti pilota (nel 2007 anche in Campania).

Come si effettua il test di screening nel neonato?
Lo screening neonatale avviene mediante un prelievo di gocce di sangue dal tallone tra le 48 e le 72 ore di vita che viene deposto su un cartoncino detto Guthrie card.
Per i bambini sottopeso, in nutrizione parenterale o sottoposti ad exsanguinotrasfusione esistono protocolli speciali che prevedono prelievi multipli. Nel caso di positività del test il neonato viene richiamato per effettuare un test di conferma con successive analisi genetiche.

Continua a leggere

Cronache

Mobilitazione in Campania dal 20 aprile al 1 maggio, in caso di necessità ci sono medici pediatri in ogni distretto

Avatar

Pubblicato

del

La Regione Campania ha approvato il  “Progetto di Consulenza Specialistica Pediatrica”, più brevemente “CO.S.PED.” Entrerà in vigore da questa mattina, 20 aprile e fino  al 1 maggio, per consentire di ridurre il ricorso ai Pronto Soccorsi pediatrici nei giorni festivi e pre-festivi contenuti in questo arco temporale.
A tale progetto, destinato ai soggetti minori di 16 anni di età partecipano vari pediatri e nelle 9 giornate è prevista la continuità dell’assistenza pediatrica. Il servizio sarà assicurato dalle 8 alle 20.
Il calendario è il seguente: 20, 21, 22, 24, 25, 27, 28, 30 aprile e 1 maggio.
Nelle fasce orarie previste, in ogni Distretto Sanitario della Regione Campania, ci sarà un pediatra disponibile per visitare i piccoli pazienti con patologie meno gravi che non richiedono la necessità dell’accesso in pronto soccorso.

Continua a leggere

Salute

Epatite C, uno spot in tv per trovare 200mila casi sommersi

Avatar

Pubblicato

del

Detenuti, tossicodipendenti e immigrati, ma anche over 60enni esposti al virus prima che si diffondesse la cultura di presidi sanitari usa e getta: sono circa 200mila le persone che hanno contratto l’epatite C e non lo sanno. Mira a far emergere questo sommerso, di cui la stessa grandezza è difficile da valutare, lo spot tv che verrà trasmesso su tutti i canali nazionali da maggio. A lanciarlo, è la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit), in occasione del convegno “Stato avanzamento lavoro del Piano di eliminazione dell’Epatite C in Italia”. Le ultime stime dell’associazione di pazienti Epac Onlus parlano di 240mila infetti dal virus dell’epatite C e ignari di esserlo. Altre stime non vanno oltre i 140mila. “La stima del sommerso e’ molto difficile e mancano studi ben strutturati per capirlo. Ma sappiano che sono tantissimi e molti di loro vanno incontro a cirrosi o al cancro del fegato”, spiega Massimo Galli, presidente della Simit. L’obiettivo e’ trovarli, grazie a una grande campagna di sensibilizzazione per arrivare alle tante persone colpite e talora ignare della malattia. “Oggi – prosegue Galli – abbiamo a disposizione una terapia di poche settimane per bocca e senza alcun rischio, cosi’ efficace da assicurare nella quasi totalita’ dei casi l’eradicazione dell’infezione”. La partita, ha sottolineato la senatrice Paola Binetti (Udc), “si gioca oggi sul garantire pari diritto di accesso alle cure e alla diagnosi. Avere delle terapie e non darle a tutti coloro che ne hanno bisogno, nel piu’ breve tempo possibile, non e’ etico. Soprattutto nell’ambito di un sistema sanitario, come il nostro, che si basa su universalita’ e equita’ delle cure”.

Continua a leggere

In rilievo