Collegati con noi

Spettacoli

Lina Wertmuller riceve l’Oscar alla carriera a Los Angeles

Avatar

Pubblicato

del

Un trionfo per Lina Wertmuller stasera a Los Angeles ai Governors Award dell’Academy per la cerimonia di consegna dell’Oscar alla carriera. La regista, 91 anni, emozionata, non ha perso la sua verve e la sua ironia trasformando il gala in un happening divertente. Soprattutto quando ha scherzato con Isabella Rossellini sul palco provocatoriamente in viola davanti alla regista evidentemente superstiziosa che ha fatto piu’ volte il gesto delle corna davanti alla comunita’ del cinema che rideva. A presentare il riconoscimento alla prima donna che nel ’76 venne candidata per l’Oscar alla regia, le colleghe Greta Gerwig e Jane Campion. Poi sul palco, a sorpresa e a farle festa, la Rossellini e Sophia Loren. Lina Wertmuller, che aveva accanto la figlia Maria Zulima Job, ha preso la parola e ha con ironia sottolineato che “bisogna cambiare il nome a questa statuetta, perche’ Oscar? Chiamiamolo con un nome di donna, chiamolo Anna”. E giu’ un trionfo di applausi. “Ti trovo benissimo” le ha detto la Loren, “sono qui per te per salutarti, era tempo che ci vedessimo”. Nella cerimonia all’Hollywood & Highline Center sono stati premiati alla carriera anche David Lynch, Geena Davis e Wes Studi.

Advertisement

In Evidenza

Per i cento anni di Federico Fellini è festa nella sua Rimini

Avatar

Pubblicato

del

Nella penombra del ‘Fulgor’, seduto sulle ginocchia del nonno a guardare ‘Maciste all’inferno’, il piccolo Federico Fellini scopriva la magia del cinema. A due passi da quella sala che ha segnato per sempre la sua vita – iniziata il 20 gennaio del 1920 – la sua Rimini celebra il centesimo anniversario dalla nascita del figlio piu’ illustre, il Maestro della settima arte premiato con cinque Oscar. A due passi, nella centralissima Piazza Cavour, tra le note oniriche che hanno contrappuntato le sue pellicole e una torta, ribattezzata la Torta dei Sogni, alta due metri con figure e immagini dedicate alle sue opere e punteggiata da crostatine di zuppa inglese, il dolce preferito. Vissuto ieri sera, tra gli stucchi del rinnovato ‘Teatro Galli’, l’incanto della musica di Ezio Bosso che ha guidato dal podio la Europe Philharmonic Orchestra in un percorso dedicato al Maestro sulle partiture di Vivaldi, Mozart, Bach e Beethoven, il compleanno numero cento del regista va in scena tra la gente con un corteo variopinto a muoversi dal vicino Castel Sismondo – sede della mostra ‘Fellini 100 Genio immortale’ e cuore del futuro Museo Internazionale Federico Fellini – guidato da figuranti a interpretare le ‘maschere’ dell’immaginario felliniano e le note dei Musicanti di San Crispino, a precedere la sfilata dei bambini con i disegni dei loro sogni, il loro omaggio al piu’ visionario fra tutti i sognatori. Qui – dopo le magie dell’acrobata canadese Kai Leclerc famoso per le sue passeggiate capovolte’ e le coreografie della danzatrice aerea Elisa Barucchieri – giungera’ in serata, ancora al Teatro Galli, l’abbraccio musicale del direttore d’orchestra Vince Tempera, sul palco per augurare ‘Buon compleanno Federico’ attraverso le arie di Nino Rota, autore delle colonne sonore che hanno reso immortali le pellicole del cineasta romagnolo eseguite dalla Symphonitaly Orchestra e Oles di Lecce e del Salento. Le celebrazioni per l’anniversario numero cento del Maestro del Cinema – che la sua citta’ disseminera’ di appuntamenti lungo tutto l’anno – vivranno, domani, una appendice gastronomica con ‘Il sapore dei sogni, Fellini a tavola’ e una speciale Brigata di cuochi stellati a rendere omaggio ai gusti dell’insigne concittadino e, mercoledi’, un’appendice letteraria con lo scrittore francese Daniel Pennac per una rilettura teatrale del suo libro, ‘La legge del sognatore’ dedicato al regista romagnolo in un adattamento di Clara Bauer e dello stesso Pennac con la regia di Clara Bauer. In scena insieme allo scrittore, Pako Ioffredo, Demi Licata e Gaetano Lucido. Musiche originali di Alice Loup.

Continua a leggere

Economia

Walt Disney scarica la Fox di Murdoch, via dal logo

Avatar

Pubblicato

del

Walt Disney scarica ‘Fox’. Dopo aver segnato la storia di Hollywood nei suoi 85 anni di vita, il logo ’20th Century Fox’ va in pensione: al suo posto, sotto la nuova proprieta’ di Topolino, è lanciato ’20th Century’, un nome che evoca il glorioso passato ma che taglia il cordone con il brand di Rupert Murdoch e soprattutto con le sue news. Disney non spiega la decisione ma si limita solo a comunicarla, annunciando anche la nascita di Searchlight Pictures al posto di Fox Searchlight e la fine del contratto con Peter Chernin, in passato il numero due di Murdoch. La scelta di rottura di Topolino non stupisce viste le profonde differenze culturali fra Disney e Fox, il network ‘preferito’ da Donald Trump e non visto di buon occhio dalla liberal Hollywood e dal #MeToo. Roger Ailes, l’ex numero uno di Fox News, e Bill O’Reilly, uno dei volti piu’ noti del network, sono infatti stati travolti negli ultimi anni da scandali legati ad accuse di molestie sessuali e costretti a fare un passo indietro. Considerato il vero creatore di Fox, Ailes e lo scandalo delle molestie all’interno della rete sono al centro del film ‘Bombshell’, candidato all’Oscar per la migliore attrice protagonista, Charlize Theron nei panni di Megyn Kelly, e per la miglior attrice non protagonista, Margot Robbie. Le accuse e gli scandali recenti non hanno comunque scalfito la forza del marchio Fox, che continua a dominare nel panorama delle news americane sposando e sostenendo Trump e le sue teorie, anche quella che ritiene il cambiamento climatico un’invenzione. Al magnate Murdoch e alla Fox si contrappone una Disney che ha nel suo pubblico di riferimento i bambini ed e’ guidata da Robert Iger. Proprio Iger ha accarezzato piu’ volte in passato l’idea di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti nel 2020 come democratico, sfidando Trump. Un’ipotesi poi accantonata, come ha lui stesso ammesso, con la richiesta di Disney di restare alla guida di Topolino anche dopo l’acquisizione degli asset di intrattenimento di 21st Century Fox, acquistati lo scorso anno in un accordo da 71,3 miliardi di dollari. Il cambio di logo consente a Disney di voltare pagina e di imprimere il proprio marchio senza calpestare il passato che ha regalato grandi classici come ‘Alien’ e ‘Die Hard’. Ad aprire la nuova era di 20th Century sara’ ‘The Call of the Wild’, il film con Harrison Foird che segnera’ il debutto sul grande schermo del nuovo logo.(

Continua a leggere

Politica

“Murder Ballad”, in scena a Salerno il rock-musical diretto da Ario Avecone

Avatar

Pubblicato

del

Dopo il grande successo di critica e di pubblico della stagione scorsa torna in Italia, a Salerno, 24,25 e 26 gennaio 2020 presso il Teatro Sala Pasolini, MURDER BALLAD, il rock musical statunitense ideato e scritto da Julia Jordan, con i testi e le musiche di Juliana Nash. Uno degli spettacoli più originali degli ultimi vent’anni di produzione Off-Broadway. Il musical approda in Italia grazie al regista, autore e produttore Ario Avecone, ideatore del musical immersivo, che da 7 anni porta in scena “Amalfi 839AD” e il suo seguito “Rebellion” presso l’Arsenale della Repubblica di Amalfi, con grande successo di pubblico e critica. “Se parliamo di un omicidio, è logico che ci sia un assassino e che qualcuno dovrà morire. Un triangolo amoroso, il rock e un omicidio: questi gli ingredienti che compongono la miscela esplosiva di MURDER BALLAD, rock musical dal sapore metropolitano e underground. In scena un cast eccezionale, diretto da Ario Avecone e Fabrizio Checcacci: Arianna Bergamaschi, lo stesso Ario Avecone, Fabrizio Voghera, Myriam Somma, Martina Cenere, Valentina Naselli e Jacopo Siccardi. La direzione musicale è di Cosimo Zannelli”.

Ario Avecone firma l’adattamento teatrale e la regia della versione italiana, coadiuvato dal supporto di Fabrizio Checcacci. In scena, Sarah è interpretata dalla cantante e attrice Arianna Bergamaschi, già protagonista dell’opera nella versione statunitense che ha debuttato nel 2016 al Detroit Public Theatre e interprete di numerosi musical, tra cui “La Bella e la Bestia”, campione d’incassi dal 2009 al 2011; il ruolo di Michael è interpretato da Fabrizio Voghera (“Notre Dame de Paris”, “Giulietta e Romeo”, “Otello-L’ultimo Bacio”), mentre nel ruolo di Tom vi è lo stesso Ario Avecone (“Amalfi 839AD”, “Rebellion”, “MR-Musical Romanitco”, “Musicals of the World”);  Myriam Somma (Beatrice ne “La Divina Commedia”, “Balliamo sul Mondo”) e Martina Cenere (“Newsies”, “West Side Story”) si alterneranno nel complesso ruolo del Narratore. Completano il cast, Valentina Naselli (“Jesus Christ Superstar”, “Mamma Mia”) nel ruolo di Libertà e Jacopo Siccardi (“Amalfi 839AD”, “Rebellum”, “Christmas Carol”) nei panni di Destino. “Immergeremo il pubblico in una storia noir che è un viaggio negli abissi della mente e del cuore: uno spettacolo che al ritmo di rock anni ’90, in un genere come il  “ballad” che nasce dalla narrazione popolare

Continua a leggere

In rilievo