Collegati con noi

Economia

L’Ilva di Taranto si ferma per sciopero, il giudice rigetta la richiesta di uso dell’Altoforno 2

Avatar

Pubblicato

del

Mentre Governo e ArcelorMittal tentano di individuare un percorso condivisibile per arrivare a un nuovo accordo sul turnaround dell’ex Ilva, tutti gli stabilimenti dell’ultimo colosso siderurgico italiano, sono fermi per lo sciopero indetto dai sindacati. E una tegola arriva in serata: il giudice rigetta la richiesta di proroga per l’attivita’ dell’Afo2 avanzata dai commissari al tribunale di Taranto. Questo tradotto vuol dire il possibile inizio delle operazioni di fermata degli impianti dal 13 dicembre. Anche se c’e’ un ulteriore spiraglio: fare ricorso al Tribunale del riesame. Intanto lo sciopero proclamato da Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm ha ottenuto adesioni che in alcuni casi sono del 100%, con il 90% a Taranto e l’80% a Genova e Novi Ligure. Lo sciopero e’ iniziato alle 23 di ieri e si concludera’ alle 7 di domani. Il messaggio dei sindacati a Governo e ArcelorMittal e’ sempre lo stesso “no esuberi”. Mentre Confindustria Taranto chiede al Governo di prevedere una “No tax Area” per l’area di Taranto. Da parte del Governo, il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, intercettato davanti a Palazzo Chigi assicura a chi ha manifestato a Taranto: che in manovra e’ stato “approvato un fondo apposito” per sostenere il piano di sviluppo di Taranto.

Quanto all’Ilva, ha aggiunto: “stiamo definendo un piano molto ambizioso per il rilancio di Ilva e delle acciaierie, nel segno della sostenibilita’ e del lavoro”. Il ministro Stefano Patuanelli ribadisce l’obiettivo del Governo di fare dell’Ilva di Taranto “il primo esempio europeo di una riconversione sostenibile del siderurgico. Lo stato vuole poter entrare nello stabilimento – ha aggiunto dai microfoni di Radiouno – per controllare e garantire non solo la produzione ma anche le modalita’ di produzione e il rispetto dell’ambiente”. Dal Governo i sindacati si aspettano “una decisione chiara e netta sul risanamento ambientale, sulla tutela e garanzia dei livelli occupazionali e la continuita’ produttiva. Con o senza ArcelorMittal”, dice il segretario generale della Uilm Rocco Palombella.

I sindacati non si fidano di ArcelorMittal perche’, dicono, “e’ gravemente inadempiente rispetto all’accordo del 2018, e al Governo chiedono “una linea chiara”. La ricerca di creare un percorso definito e’ l’impegno di questi giorni nei contatti quotidiani fra Mise-ArcelorMittal-Commissari e fra i due ministeri ai quali il premier Conte ha affidato il compito di trovare una soluzione che, sembra ormai acquisito, avra’ una presenza dello Stato con una quota che permetta un controllo sull’effettiva realizzazione del piano. Il Piano di risanamento e sviluppo, che si sta delineando, avra’ una rete di protezione occupazionale di almeno 5 anni e vedrebbe l’Ilva di Taranto come parte essenziale di un piu’ ampio piano di rilancio della citta’ e dell’area di Taranto. La decisione del Tribunale di Taranto sull’uso dell’Altoforno 2, arriva dopo una serie di sequestri e dissequestri nell’inchiesta sulla morte dell’operaio Alessandro Morricella. I commissari chiedevano un anno di tempo per ottemperare alle prescrizioni di automazione del campo di colata. La decisione e’ del giudice Francesco Maccagnano, dinanzi al quale si svolge il processo sulla morte di Morricella, che si esprimera’ tra l’11 e il 12 dicembre.

Advertisement

Economia

Ryanair, scioperi a gogo ma arriva il sigillo Codacons: riconoscimento dei consumatori

Avatar

Pubblicato

del

Questa è nuova. E ve la diamo così come ce la fornisce Ryanair ovvero la compagnia aerea che si definisce “la compagnia numero uno in Italia e in Europa”. Ebbene Ryanair annuncia di essere “il primo vettore ad ottenere il sigillo ‘Ok Codacons’, riconoscimento per termini e condizioni affidabili e trasparenti, un servizio clienti efficiente e un sito web user friendly”. Un sigillo che arriva alla fine di un anno orribile per Ryanair, con molti scioperi e migliaia di passeggeri costretti a cambiare progetti di vacanza o lavoro per essere riprotetti su altre rotte e altri voli di altre compagnia per gli scioperi nel 2019. L’ultimo sciopero per la compagnia low cost Ryanair che ha fatto danni incalcolabili alla clientela è quello del 14 gennaio. Eppure, nonostante questo per Ryanair è arrivato il sigillo di qualità di una associazione di consumatori. La stessa compagnia in una nota fa sapere che “il conferimento da parte di Codacons è giunto a seguito del feedback positivo dei consumatori italiani e dell’approvazione di Enac”.

“Ryanair è lieta di annunciare di essere stata la prima compagnia aerea ad ottenere il sigillo ‘OK Codacons’, in seguito all’annuncio della collaborazione con Codacons ad agosto 2019”, dice Kenny Jacobs di Ryanair. E aggiunge: “non vediamo l’ora di ricevere il terzo trifoglio come azienda sostenibile, dal momento che Ryanair è la compagnia aerea più green e con le emissioni piu’ basse d’Europa”. Per il presidente dell’Enac, Nicola Zaccheo, “iniziative come questa sono positive in quanto evidenziano come il passeggero sia, e debba sempre essere, al centro del sistema del trasporto aereo”. Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, avverte: come “associazione continueremo a tenere alta la guardia e monitoreremo costantemente la qualità dei servizi resi agli utenti e il pieno rispetto dei loro diritti”.

Continua a leggere

Economia

Sewelo, è il diamante grezzo più grande del mondo: 1758 carati

Avatar

Pubblicato

del

La maison Louis Vuitton annuncia la sua partecipazione, assieme a Lucara Diamond Corporation e a Hb Company di Anversa, alla lavorazione di un diamante raro ed eccezionale, da 1758 carati, il secondo il più grande diamante grezzo mai trovato: Sewelo, che significa “scoperta rara” in lingua setswana. Il 19 aprile 2019 rimarrà un momento storico: il giorno in cui il monumentale diamante grezzo da 1758 carati, e’ venuto alla luce nella miniera di Karowe in Botswana al 100% di proprietà di Lucara Diamond Corporation. È il secondo diamante grezzo piu’ grande mai scoperto e il piu’ grande ad aver mai lasciato il Botswana. Grande circa come una pallina da tennis, che misura 83 mm x 62 mm x 46 mm, pesa 352 grammi, Sewelo e’ il secondo diamante allo stato grezzo piu’ grande della storia, superato solo dal Cullinan, a 3106 carati, scoperto in Sudafrica nel 1905, e trasformato in storici diamanti che ora sono parte della British Crown Jewels e della collezione reale. Sewelo e’ anche il piu’ eccezionale e grande diamante grezzo recuperato dall’avanguardistica miniera Karowe di Lucara in Botswana. Il diamante e’ rimasto intatto grazie al circuito high-tech XRT di Lucara, un processo di recupero avanzato che evita la rottura della roccia contenente la pietra preziosa. L’analisi iniziale di Sewelo caratterizza la pietra come “gemma di qualita’” con “prevalenza di gemma bianca di alta qualita’”, mentre gli studi dettagliati sulla pietra, la sua composizione, qualita’ e potenziale continueranno per diversi mesi. Sewelo e’ spettacolare non solo per le sue incredibili dimensioni ma anche per le sue caratteristiche di forma, colore, formazione e composizione. Il cristallo grezzo e’ in gran parte coperto da uno strato molto sottile di carbonio nero, che custodisce al suo interno i segreti di 2 miliardi di anni. L’intera portata delle variazioni di colore e chiarezza della resa del diamante e’ ancora sconosciuta.

Continua a leggere

Economia

Il prezzo del petrolio resta stabile grazie alla tregua in Libia, mercato ben rifornito

Avatar

Pubblicato

del

Le tensioni geopolitiche non mancano, ma il prezzo del petrolio, pur in salita, non si infiamma. Dopo un piccolo scatto nelle prime ore della mattinata, con il Brent che ha toccato quota 66 dollari (venerdi’ era poco sotto i 65), le quotazioni hanno ripreso senza scosse: il Brent viaggia poco sopra i 65 dollari e il Wti non arriva ai 59 dollari, a dimostrazione che il mercato e’ ben approvvigionato e che la situazione in Libia, ma anche in Iraq dove uno sciopero ha bloccato un giacimento, non dovrebbe preludere a nuove accelerazioni dei prezzi. Il conflitto in Libia, al momento, e’ naturalmente il fronte piu’ preoccupante, ma i passi avanti compiuti alla conferenza di Berlino hanno probabilmente smorzato la speculazione. E’ vero che il generale Khalifa Haftar ha messo i lucchetti ai terminal petroliferi dell’est del Paese, bloccando almeno 800mila barili di greggio al giorno (creando qualche problema anche all’Eni che ha dovuto ridurre parzialmente la produzione del giacimento di El Feel), ma questa mossa, evidentemente, allarma i mercati fino a un certo punto: “Si tratta di un blocco dovuto alla politica – spiega all’agenzia Bloomberg l’analista Edward Bell – e quindi potrebbe esserci un capovolgimento abbastanza rapido se si trovasse una soluzione politica”. L’importante, per il settore, e’ che i mercati siano ben approvvigionati e la mossa di Haftar, in questo senso, non sembra devastante, anche perche’ e’ molto circoscritta e non interessa altri territori. Infatti, come spiega l’Unione petrolifera, il petrolio mancante dalla Libia puo’ essere facilmente coperto da altri paesi Opec, in particolare dall’Arabia Saudita: stando agli ultimi dati, la produzione saudita e’ intorno ai 9,5 milioni di barili al giorno, rispetto a un potenziale nell’immediato superiore ai 12. Quanto all’Italia, la Libia pesa per circa l’11% sulle nostre importazioni di greggio, ma considerando che abbiamo molta flessibilita’ dal punto di vista delle provenienze (importiamo 60 tipi di greggi da 24 paesi diversi), non dovremmo avere eccessivi problemi nel rimpiazzare il greggio libico con altri. In uno scenario che vede il Mediterraneo al centro dell’attenzione sul fronte energetico, c’e’ da registrare anche un’importante serie di accordi firmata dall’Egitto, la maggior parte dei quali con Royal Dutch Shell: si tratta di investimenti per un valore totale di 452 milioni di dollari per l’esplorazione nelle aree desertiche occidentali e nelle acque del Mediterraneo.

Continua a leggere

In rilievo