Collegati con noi

Cronache

Libera: Comuni rimandati su trasparenza beni confiscati mafia

Pubblicato

del

Comuni italiani “rimandati” sul livello di trasparenza della ‘filiera’ della confisca dei beni mafiosi: su 1076 Comuni monitorati destinatari di beni immobili confiscati, 670 non pubblicano l’elenco e non danno informazioni sul loro sito internet. Cio’ significa che ben il 62% dei Comuni e’ totalmente inadempiente. E’ quanto emerge “RimanDATI” il primo Report nazionale sullo stato della trasparenza dei beni confiscati nelle amministrazioni locali pubblicato dall’associazione Libera contro le mafie. Ai Comuni vengono destinati beni immobili confiscati alle mafie per finalita’ istituzionali o per scopi sociali.  Il primato negativo in termini assoluti spetta ai Comuni del Sud Italia comprese le isole con ben 392 Comuni che non pubblicano elenco, segue il Nord Italia con 213 Comuni e il Centro con 65 Comuni che non pubblicano dati. A livello regionale tra le piu’ virtuose Basilicata, Marche, Emilia Romagna, Liguria e Lazio. Tra le regioni meno trasparenti segnaliamo Umbria, Trentino Alto Adige, Abruzzo, Sardegna, Toscana e Campania. “RimanDATI” e’ stato promosso in collaborazione con il Gruppo Abele e il Dipartimento di Culture, Politica e Societa’ dell’Universita’ di Torino, primo appuntamento di una serie di iniziative in occasione dell’anniversario dei venticinque anni dall’approvazione della Legge 109/96. Il Report di Libera (il monitoraggio ha avuto inizio nel mese di maggio 2020 e si e’ chiuso il 31 ottobre 2020) vuole accendere una luce sulla carente trasparenza e mancata pubblicazione dei dati dei Comuni italiani in merito ai dati sui beni confiscati che insistono nei loro territori perche’ sono proprio i Comuni ad avere la piu’ diffusa responsabilita’ di promuovere il riutilizzo dei patrimoni. Eppure, proprio a livello comunale le potenzialita’ della ‘filiera della confisca’ sono tuttora dense di ostacoli, criticita’ ed esitazioni. La base di partenza del lavoro di monitoraggio – spiega Libera – coincide con il totale dei Comuni italiani al cui patrimonio indisponibile sono stati “destinati” i beni immobili confiscati alle mafie per finalita’ istituzionali o per scopi sociali. La ricerca analizza nello specifico le modalita’ di pubblicazione degli elenchi anche su scala regionale. Sui 406Comuni che hanno pubblicato l’elenco, e’ stato costruito un ranking: su una scala da 0 a 100 la media e’ pari a 49.11 punti. La fotografia regionale restituisce un quadro generale di grande criticita’. Sono 11 le regioni che sono al di sotto della media regionale e “rimandate” sulla modalita’ delle pubblicazioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Umbria, con valori che variano da una media 42 a 48. Bocciate Sardegna, Molise, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta. E’ stato anche realizzato un focus su alcuni capoluoghi di regione: ottime le performance di Milano (90.43), Genova (80.87), Roma(80.87) e Napoli(76.52). Oltre la sufficienza Reggio Calabria (65.22) e Palermo (61.72).Solo Bologna(42.61) e Firenze (46.96) non riescono a superare la media di 49.11 del ranking nazionale. In particolare Milano presenta un elenco ed e’ regolarmente disponibile alla voce “beni immobili e gestione patrimonio” della sezione Amministrazione Trasparente del sito internet istituzionale del Comune. E’ pubblicato correttamente in un link specifico e risulta regolarmente aggiornato. Anche Genova presenta un elenco e’ pubblicato nel formato PDF e contiene gli estremi che permettono di individuare il soggetto gestore del bene. Sotto la media Bologna e Firenze.

Advertisement

Cronache

Giustizia, il tribunale di Napoli intitolato al giurista Alessandro Criscuolo

Pubblicato

del

Da oggi il palazzo di Giustizia di Napoli e’ intitolato ad Alessandro Criscuolo, giurista di lungo corso, gia’ presidente della Corte Costituzionale tra il 2014 e il 2016 di cui e’ stato giudice dal 2008, scomparso a marzo di due anni fa. “Un protagonista dell’intera esperienza giudiziaria italiana – lo ricorda il Guardasigilli Marta Cartabia che lo stesso Criscuolo volle vicepresidente ai tempi della Consulta – e che aveva una dote rara: era un uomo che sapeva cedere il passo. Non solo non amava i protagonismi e la ribalta, volentieri cedeva il passo ad altri, con i suoi modi sempre eleganti, sempre raffinati, ispirati forse proprio da quella naturale nobile umilta’ che lo caratterizzava”. “Sandro Criscuolo – ha ricordato Cartabia – fu eletto alla Corte Costituzionale dalla Corte di Cassazione ed e’ uno di quei rarissimi casi, non so se l’unico, di eletto al primo turno con un consenso unanime.

Qual era il segreto della sua personalita’? Sicuramente c’e’ l’insigne giurista della grande scuola napoletana, ma non meno decisive sono le virtu’ dell’uomo, capace di diventare un modello e un maestro”. Inevitabile il ricordo personale frutto delle comuni esperienze alla Consulta. “Ebbe nei miei confronti un gesto molto generoso – ha sottolineato il ministro nel corso della cerimonia all’aperto – quando mi volle alla Corte Costituzionale, una scelta quasi eversiva, anche perche’ io ero arrivata da poco e appartenevo a una generazione diversa, anche una formazione diversa, venivo dall’accademia, ma per me fu un vero privilegio. E mai mi fece sentire la distanza in alcun modo. Il rapporto con lui era facile e naturale, aveva un animo davvero mite, quante volte diceva ‘non mi piace comandare’. Quando presiedeva la Corte qualche comando lo doveva pur impartire, ma la sua era una autorita’ che si faceva ascoltare senza mai imporsi, con interventi sempre misurati ma sempre incisivi. Lo considero un modello, per tanti giudici, per tanti giovani che guarderanno questo nome come un faro di un percorso da seguire”.

Luigi Riello, oggi procuratore generale della Corte d’Appello di Napoli, di Criscuolo e’ stato un allievo. “Era il magistrato per eccellenza, il giudice che sapeva ascoltare, e infatti lo ricordo in una posa particolare, pollice e indice sul volto nell’ascoltare in religioso silenzio e rispetto il suo interlocutore. In questo momento cosi’ delicato e lacerante, che magistrati e avvocati insieme all’unisono abbiano pensato di intitolargli il palazzo di Giustizia di Napoli trovando l’entusiastica adesione della ministra, fa pensare a un momento di ricostruzione, a una voglia di andare avanti. Ripartiamo da Alessandro Criscuolo – l’invito – dalla sua figura, dall’esempio che ha dato e che ha testimoniato ogni giorno nella sua vita da magistrato”. “Alessandro Criscuolo – ha osservato il presidente del tribunale Elisabetta Garzo – e’ stato soprattutto per noi giovani magistrati un faro perche’ era una persona di grandissimo spessore, umanita’ e preparazione. Ogni volta si chiedeva un consiglio a Sandro, era sempre disposto a darci una mano. Aveva una vivacita’ infinita e una saggezza grandissima. Negli anni in cui e’ stato presidente dell’Anm ne ho apprezzato la sua disponibilita’ in tutte le battaglie che la magistratura affrontava”. Parla di “riconoscimento alla grande tradizione giuridica napoletana, e a un uomo che e’ stato uno dei piu’ grandi esponenti di quella tradizione”, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi.

Continua a leggere

Cronache

Campania, incidenza risale al 14,84%

Pubblicato

del

Risale anche in Campania il dato di incidenza del Covid sulla popolazione, arrivando al 14,8% di positivi sui tamponi. In totale sono quindi 16.380 i nuovi contagi in regione, su 110.674 test esaminati, riportando il tasso di contagio in alto rispetto al 12,91 di ieri. Il bollettino dell’Unita’ di crisi conta oggi 38 nuove vittime, di cui 20 decedute nelle ultime 48 ore e 18 risalenti ai giorni precedenti ma registrate in ritardo. In lieve incremento anche l’occupazione dei posti letto, che sono 102 nelle intensive (+2) e 1.394 in degenza (+3). La situazione a fine gennaio resta quindi difficile in una giornata in cui le Regioni esprimono al governo la volonta’ di cancellare i colori assegnati e che la sorveglianza sanitaria sia riservata ai soggetti sintomatici. In Campania, intanto, parte anche un nuovo accordo tra la sanita’ regionale e i medici di base che e’ stato ufficialmente approvato al Tavolo regionale di medicina generale: i medici di base potranno aderire alla catena di tamponi per il covid, effettuando i test antigenici sui malati che stanno bene e devono concludere la quarantena. L’idea e’ stata stabilita oggi nella riunione in cui l’Unita’ di Crisi ha acquisito la volonta’ dei medici di medicina generale a collaborare per i tamponi antigenici rapidi al fine di ottimizzare la conclusione dei processi di quarantena e isolamento. I tamponi dei medici di base sul territorio si sommeranno a quelli di farmacie e laboratori di analisi, accelerando la possibilita’ di uscire dall’isolamento. I medici comunicheranno i risultati alle Asl di appartenenza attraverso la piattaforma regionale. L’adesione dei professionisti sara’ volontaria: i sindacati stimano che in Campania il 70-80 per cento dei medici di medicina generale siano pronti a collaborare. A NAPOLI, intanto, continua a crescere il dato dei malati con 2.918 nuovi positivi di cui 429 sono senza vaccino. Gli ospedali dedicati al Covid si affollano come dimostra il Loreto Mare, che oggi accoglie in degenza altre due persone raggiungendo la totalita’ di occupazione dei propri 50 posti letto.

Continua a leggere

Cronache

Altri due morti e un ferito sul lavoro, una strage continua

Pubblicato

del

Ancora una volta una giornata di lavoro si e’ trasformata in tragedia. Il bollettino, ormai quasi quotidiano, degli infortuni si allunga con due nuove vittime: un operaio di 51 anni nella provincia di Arezzo e di un boscaiolo in Alto Adige. Un altro operaio, di 40 anni, sempre in Toscana ma in provincia di Grosseto e’ rimasto ferito ma non e’ in pericolo di vita. E’ ancora viva la rabbia per la morte dello studente di 18 anni, Lorenzo Parelli, avvenuta pochi giorni fa in una fabbrica della provincia di Udine: il ragazzo e’ rimasto schiacciato da una trave d’acciaio nell’ultimo giorno di un programma di alternanza scuola-lavoro. Proprio in questi giorni gli studenti di diverse scuole e citta’ hanno protestato davanti al Miur e agli Uffici Scolastici Regionali e Provinciali esponendo lo striscione: “Non si puo’ morire di scuola-lavoro” e annunciando che scenderanno in piazza in tutta Italia il 28 gennaio. L’operaio di 51 anni, residente in Casentino, e’ morto dopo essere rimasto incastrato in una tramoggia. L’infortunio mortale e’ avvenuto in un impianto di produzione di materiale per edilizia, dove si lavorano calcestruzzi, a Bibbiena (Arezzo). Sono arrivati sul luogo della tragedia personale del 118, vigili del fuoco e carabinieri ma per l’uomo ormai non c’era piu’ nulla da fare. Il boscaiolo sarebbe stato invece travolto da un tronco d’albero mentre lavorava nei boschi di Tires, in Alto Adige. L’allarme e’ stato lanciato alle 14: sono intervenuti carabinieri, il soccorso alpino e l’elisoccorso Pelikan 1, decollato da Bolzano ma il medico d’urgenza ha solo potuto costatare la morte dell’uomo. Ad Ansedonia, in provincia di Grosseto, l’operaio di 40 anni e’ caduto da un’impalcatura di circa due metri. L’uomo e’ stato trasportato con un elicottero all’ospedale Misericordia di Grosseto ma non e’ in pericolo di vita. Sulla morte dell’operaio che lavorava nell’azienda di calcestruzzo di Bibbiena e’ intervenuta l’Ugl. “Un ennesimo dramma sul lavoro che non puo’ essere tollerato o derubricato a mera fatalita’. Siamo in presenza – hanno sottolineato il segretario generale del sindacato Paolo Capone e il segretario generale della Toscana Giuseppe Dominici – di una vera e propria strage che non e’ degna di un Paese civile”. A ricordare le triste statistiche e’ stata Giulia Bartoli, segretaria generale della Fillea Cgil Toscana: nel 2021, tra gennaio e novembre, gli incidenti sul lavoro sono cresciuti del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (2369 contro 1940). “La politica deve porsi il problema ” ha detto. Mentre la segretaria generale della Filca Cisl Toscana ha chiesto di aprire “urgentemente un tavolo con la Regione e le parti sociali di settore sulla sicurezza sul lavoro, perche’ fermare la strage sul lavoro si puo’ e si deve”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto