Collegati con noi

Cronache

Lettera-denuncia dei sindaci dell’isola d’Ischia a De Luca: da 7 giorni in attesa degli esiti di 40 tamponi rinofarignei, così si aiuta il contagio

Avatar

Pubblicato

del

Tamponi pochi. Contagiati su un’isola piccola 23. Risultati di 40 test covid 19 effettuati nei sei comuni isolani  attesi oramai da più di una settimana. Che cosa vuole dire? Che, potenzialmente, sull’isola d’Ischia ci sono una 40ina di persone che in attesa dell’esito dei tamponi rinofaringei potrebbero aver contagiato o potrebbero contagiare loro congiunti o persone con cui vengono in contatto. In queste ore è arrivata sul tavolo del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, del prefetto di Napoli Marco Valentini e i vertici della Sanità della Campania una lettera firmata da cinque sindaci dell’isola e dal commissario prefettizio che guida il comune di Lacco Ameno.  I toni della lettera sono ovviamente garbati, ma fermi.

Sindaci isolani. Da sinistra Castagna, Ferrandino, de Magistris (sindaco della città Metropolitana), Del Deo, Gaudioso, Caruso

I sindaci “ribadiscono che solo la rapida conoscenza degli esiti dei tamponi permetterebbe di isolare con rapidità i casi positivi, predisporre le collocazioni nelle strutture  dedicate e  di interrompere  la catena del contagio abbassando il numero dei nuovi positivi al Covid-19”. Come dire, dopo una settimana, dovete dirci chi è positivo ai tamponi, perchè queste persone hanno diritto ad essere curate subito, così come la comunità ha diritto ad essere preservata dal contagio. E i sindaci sono prima autorità sanitaria sul territorio. É loro dovere fare ogni sforzo per difendere i loro concittadini dal pericolo contagio.

Nella foto di archivio il sindaco di Ischia Enzo Ferrandino assieme al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che fanno da ciceroni al Capo dello Stato Sergio Mattarella in visita sull’isola

Tutti i sindaci hanno peraltro più volte “avuto modo di porre in evidenza” che l’isola è piccola e che “l’Ospedale “Anna Rizzoli” di Lacco Ameno, unica struttura ospedaliera sull’intera isola di Ischia, che allo stato ospita diversi pazienti ricoverati con diagnosi di positività al virus, presenta innumerevoli criticità legate, tra l’altro, al numero limitato di  posti letto in terapia intensiva, alla carenza di D.P.I. FFP3 per il personale  e di cateteri a circuito chiuso per i pazienti, con la conseguenza che risulti di fondamentale importanza, per la gestione dell’emergenza, conoscere con rapidità gli esiti dei tamponi effettuati, mentre emergono gravi disfunzioni relative alle comunicazioni di tali esiti definiti a distanza di diversi giorni dalla effettuazione”.

Ambulanza. Mezzo dotato di barella attrezzata con lettiga e biocontenimento che a Ischia non c’è ancora

Insomma la situazione è molto difficile e questi ritardi non fanno altro che renderla ancora più complicata. Ora  i primi cittadini reclamano attenzione e pretendono risposte sui tamponi effettuati. Una settimana di attesa per conoscere gli esiti, oggettivamente sono troppi e i rischi di perpetuare la catena del contagio sono responsabilità enormi che ora i sindaci in maniera decisa e ferma imputano a chi gestisce l’organizzazione, l’effettuazione e i risultati dei tamponi rino-faringei. Non solo. I sindaci reclamano anche “la possibilità di svolgere test per verificare la positività anche attraverso presidi sanitari mobili, come sta già avvenendo in alcuni territori ricompresi nella gestione dell’Asl Na 1”.

E sollecitano “per l’intera isola di Ischia, una campagna di tamponi che tenga conto della densità di popolazione e dell’assenza di continuità territoriale con il continente, in una fase nella quale i collegamenti per le vie del mare risultano drasticamente ridotti a causa dell’emergenza”. Una richiesta che tiene conto del fatto che “i trasferimenti con elicottero di pazienti gravi, ove mai si esaurissero i posti presso l’unica struttura ospedaliera, sarebbe problematica in quanto secondo i protocolli, si dovrebbe attivare successivamente al trasporto, la procedura di igienizzazione di tali velivoli. Peraltro il trasferimento dei pazienti in continente dovrebbe avvenire attraverso barelle per il trasporto ad alto biocontenimento, allo stato non rinvenibili sull’isola, con ulteriori elementi di criticità non superabili”.

Lettera dei sindaci dell’isola di Ischia di Barano d’Ischia (Dionigi Gaudioso), Casamicciola Terme (Giovan Battista Castagna), Forio (Francesco Del Deo), Ischia (Vincenzo Ferrandino), Lacco Ameno (Commissario Prefettizio Simonetta Calcaterra), Serrara Fontana (Rosario Caruso) che pretendono risposta immediata.

 

 

 

Advertisement

Cronache

“Lotta armata” in chat, denunciati 5 minori

Avatar

Pubblicato

del

Lotta armata, anche con richiami alle Br, apologia di regimi sanguinari, volonta’ di andare a combattere in Donbas, inneggiando al separatismo filo-russo e al compimento di atti di guerra in Ucraina Orientale: e’ quanto sarebbe emerso da una chat, ‘gruppo politica’, attiva tra il 2018 e il 2019, scoperta dai carabinieri di Siena. Le indagini sono partite dall’inchiesta su unAchat con contenuti pedopornografici e razzisti, ‘The Shoah Party”, risalente a due anni fa. In tutto 96 le persone censite in ‘gruppo politica’, prevalentemente minorenni. E sono 5 i minori ora denunciati a vario titolo per associazione sovversiva e istigazione a delinquere. Secondo quanto spiegato dai carabinieri i partecipanti alla chat “sebbene di idee politiche con accenti estremistici anche diametralmente opposte”, erano accomunati da “antisemitismo, discriminazione sessuale e odio razziale” e ritenendo l’uso della forza e della violenza “uno strumento necessario per l’affermazione del pensiero politico”. Oggetto di particolare attenzione poi “le figure di alcuni utenti” “che hanno reiteratamente espresso la volonta’ di andare a combattere in Donbas”, alcuni dei quali tra l’altro “hanno evidenziato una buona conoscenza delle armi e dei materiali in uso agli eserciti, specialmente a quello russo, cui hanno unito lo studio del russo. In tale contesto, si spiega, “vi e’ stata condivisione di materiale multimediale del tipo ‘Best Gore’, ovvero filmati concernenti esecuzioni capitali, torture smembramenti di corpi umani realizzati in teatri di guerra, realizzati ad opera di terroristi appartenenti” all’Isis. Le indagini comunque hanno permesso “di escludere che tali soggetti abbiano messo in atto tali propositi, e evitato comunque che cio’ potesse verificarsi”. L’inchiesta ‘The Shoah Party’ aveva gia’ portato alla denuncia di 25 persone di cui 20 minorenni. Altre 12 persone, per lo piu’ minorenni, erano state poi denunciate per diffusione e detenzione di materiale pedopornografico e istigazione a delinquere dopo la scoperta di un’altra chat, denominata ‘Utistici’.

Continua a leggere

Cronache

Violenza sessuale in un residence, arrestato un 27enne

Avatar

Pubblicato

del

La Squadra Mobile della Questura di Rimini ha eseguito questa mattina un’ordinanza di arresto con l’accusa di violenza sessuale a carico di un cittadino macedone di 27 anni. L’uomo si trova ora ai domiciliari su ordine del Gip del Tribunale di Rimini, Benedetta Vitolo. Secondo le indagini coordinate dal sostituto procuratore Davide Ercolani, il 27enne lo scorso maggio avrebbe violentato una giovane straniera conosciuta sulla spiaggia di San Giuliano Mare. I due dopo essersi scambiati i contatti social si sarebbero incontrati qualche sera dopo. L’uomo dopo aver tentato diversi approcci sessuali aveva seguito la donna nella stanza di un residence, dove l’aveva violentata. Per il Gip si tratto’ di “violenza in itinere” ossia nonostante un apparente consenso iniziale della donna, ad un certo punto della serata il rifiuto di lei era stato palese e quindi si sarebbe dovuto fermare davanti ad un “no” esplicito. La ragazza era dovuta quindi ricorrere alle cure dei medici del Pronto soccorso da dove era stata dimessa con una prognosi di 15 giorni.

Continua a leggere

Cronache

Ex militare violentava ragazze, Cassazione conferma condanna

Avatar

Pubblicato

del

E’ stato condannato in via definitiva Dino Maglio, ex carabiniere salentino che per anni e’ stato in forze al comando provinciale di Padova nella stazione di Teolo. Maglio era accusato di aver violentato cinque giovani turiste straniere, e di averne drogate altre 9. Le violenze avvenivano nel B&B che l’uomo gestiva nel quartiere Arcella, a Padova. Maglio adescava le ragazze provenienti da tutto il mondo tramite le piattaforme di couchsurfing, una volta giunte a casa sua le drogava e le violentava. L’uomo e’ stato condannato a 12 anni e 8 mesi in primo grado a Padova, e a 9 anni e 8 mesi in Appello: e’ quest’ultima la condanna che diventa definitiva con il rigetto del ricorso in Cassazione. Maglio si trova ora agli arresti domiciliari, ma presto potrebbe essere trasferito in carcere a Santa Maria Capua Vetere. Dopo una prima condanna per stupro ai danni di una liceale australiana che gli e’ costata oltre sei anni, altri casi sono venuti a galla prima di tutto nei blog di viaggi. Sono stati i giornalisti di Irpi (Investigative Reporting Project Italy) a raccogliere le denunce in varie parti del mondo, e a collegare i fatti e presentando un dettagliato esposto al pm padovano Giorgio Falcone che poi ha condotto le indagini.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto