Collegati con noi

Politica

Letta vede Salvini e fa l’accordo per un Dl Imprese, Draghi gongola

Avatar

Pubblicato

del

Fra gli alleati di governo sono i due che finora si sono attaccati di piu’. Dopo settimane di botta e risposta a distanza, Matteo Salvini ed Enrico Letta si sono visti e hanno firmato una tregua. In un incontro a Roma, hanno messo da parte i temi che li dividono, come lo ius soli, e si sono concentrati su cio’ che li trova d’accordo. “Lega e Pd hanno visioni diverse – ha detto Salvini – ma su alcuni punti la battaglia e’ comune: un importante poderoso decreto imprese, da fare entro aprile con diverse decine di miliardi”. Poche ore dopo, proprio di quello Letta ha parlato con il presidente del consiglio Mario Draghi, in un incontro a Palazzo Chigi. Su Twitter Letta ha parlato di “lungo e approfondito colloquio” in cui ha parlato di un “Decreto Imprese che aiuti chi, rimanendo chiuso, sta garantendo la salute di tutti”, a partire da pmi e partita Iva, e delle proposte dem sul Pnrr: “In particolare su giovani, donne e Sud”. Prima di Salvini, il segretario Pd aveva visto Vito Crimi. Mentre nel pomeriggio ha incontrato su zoom i sindaci dem. Con il capo politico del M5s e’ stata ribadita l’intenzione di cercare accordi per le amministrative, ma resta il nodo Roma, e di trovare un rimedio ai cambi di casacca in Parlamento. Il clima fra Letta e Salvini e’ stato definito “cordiale” da entrambe le parti. Certo, i due leader hanno evitato di farsi vedere insieme e nessuno di loro ha postato sui social foto dell’incontro. Ma alla fine, a distanza di una mezz’ora l’uno dall’altro, entrambi si sono fermati coi giornalisti per raccontare il faccia a faccia. “Abbiamo parlato dei temi su cui c’e’ accordo – ha chiarito Salvini – salute, decreto impresa, lavoro. Se mettiamo gli elementi divisivi sul tavolo non facciamo un bene al Paese”. E Letta, a ruota: “Con la Lega andremo a elezioni su fronti contrapposti, ma in questo momento sosteniamo Draghi e lavoriamo insieme per il successo del governo, per far uscire l’Italia dalla pandemia, con le vaccinazioni e la ripresa economica”. Anche sulle riaperture non hanno litigato: “Dovranno essere fatte in base a dati scientifici e medici”, hanno fatto sapere dalla Lega. Se per due venerdi’ ci saranno dati in miglioramento, “per quel che mi riguarda – ha detto Salvini – dal lunedi’ successivo si puo’ procedere con le riaperture”. Per le prossime politiche, Letta punta su una legge elettorale maggioritaria che porti al confronto fra due schieramenti: da una parte il centrosinistra con il M5s e dall’altra il centrodestra. Su questo, per trovare una sintonia con Salvini dovra’ ancora lavorare. “Non abbiamo parlato di legge elettorale – ha detto il leader della Lega – per me va bene quella che c’e'”. Infine, sul Copasir. Letta condivide l’impostazione secondo cui la presidenza debba essere affidata all’opposizione, quindi a Fdi. Ora c’e’ un leghista. “Io ho – ha detto Salvini – ho ribadito la mia richiesta: azzerare tutto, dimissioni di massa e ricominciare da capo. Vediamo se tutti saranno disposti a dimettersi”.

Advertisement

In Evidenza

Clima: John Kerry in Italia, ridurre emissioni subito

Avatar

Pubblicato

del

Sulla lotta alla crisi climatica, l’America e’ tornata. Dopo i quattro anni di Trump, che aveva portato fuori gli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi, Washington vuole riprendersi la leadership della battaglia contro il riscaldamento globale. Oggi l’inviato speciale di Joe Biden sul clima, l’ex segretario di stato di Obama, John Kerry, e’ arrivato a Roma per capire cosa stia facendo il nostro paese. Sullo sfondo, c’e’ una scadenza importante: la Cop26 di Glasgow, la conferenza annuale dell’Onu sul clima, dal primo al 12 novembre. Dopo 5 anni dall’Accordo di Parigi del 2015 (l’anno scorso la Cop e’ saltata per il Covid), e’ previsto che i paesi firmatari aggiornino i loro target, oramai insufficienti per conseguire gli obiettivi dell’Accordo (mantenere il riscaldamento entro 2 gradi dai livelli pre-industriali). Gli Stati Uniti hanno dato la linea il 22 aprile scorso, al summit virtuale dei leader mondiali convocato da Biden: taglieremo i gas serra del 50-52% entro il 2030, ha annunciato il presidente. Ora, il suo inviato speciale per il clima fa il giro del mondo per spingere gli altri paesi a fare altrettanto. A Roma, oggi Kerry ha incontrato per primo il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Hanno parlato un’ora, soprattutto di G20 (quest’anno in Italia) e di Cop26. Il ministro ha spiegato anche gli investimenti del Recovery Plan per la decarbonizzazione. Kerry al termine ha fatto una breve dichiarazione. Prima ha attaccato Cina e Russia, che al summit di aprile non si sono impegnati gran che: “Ogni paese deve ridurre le emissioni in questo decennio. Non e’ abbastanza dire ‘emissioni zero nel 2050′”. Poi ha parlato ai cittadini del mondo preoccupati per i costi della decarbonizzazione: “Non e’ una scelta fra la prosperita’ e un’economia che funziona meno, ma e’ una opportunita’, una enorme opportunita’”. Infine, ha chiarito che “non c’e’ una cosa sola che possa risolvere la crisi climatica. Serve un approccio multiplo”. Dopo Cingolani, Kerry e’ andato a pranzo a Villa Pinciana (residenza dell’Ambasciata Usa) con il Gotha dell’imprenditoria energetica nazionale: Claudio Descalzi di Eni, Francesco Starace di Enel, Marco Alvera’ di Snam, Nicola Monti di Edison ed Emma Marcegaglia, presidente per l’Italia del B20, il gruppo di lavoro degli imprenditori per il G20. Kerry ha spiegato loro gli obiettivi da raggiungere alla Cop26, i manager hanno raccontato i loro impegni per decarbonizzare. L’inviato di Biden ha poi visto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e quello dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. “Italia e Usa – ha commentato il titolare della Farnesina – sono chiamati ad esercitare un ruolo di leadership per convincere i nostri partner che la transizione energetica e la lotta per la salvaguardia del pianeta sono un vantaggio e una grande opportunita’ per tutta la Comunita’ internazionale”. Domani, Kerry incontrera’ il premier Mario Draghi.

Continua a leggere

Politica

Le verità di Di Battista: sapevo di Draghi premier, me l’aveva detto Di Maio

Avatar

Pubblicato

del

“Fu Luigi Di Maio a dirmi, a fine novembre 2020, che la crisi del governo Conte ci sarebbe stata; mi disse che Matteo Renzi non si sarebbe fermato” e di Mario Draghi premier mi parlarono “fonti istituzionali, non del Movimento, per la prima volta già a metà agosto. Erano però i giorni in cui Di Maio si incontrò con Mario Draghi, Repubblica lo rivelò e il ministro degli Esteri del Governo Conte spiegò che era normale incontrare protagonisti delle istituzioni italiane. All’epoca si parlava di un ipotetico futuro Governo Draghi. Governo che poi è nato. Governo di cui Di Maio fa parte e di cui Di Battista dice peste e corna. Anzi, Di Battista ha lasciato il M5S per questa scelta. Pochi giorni dopo, l’attuale presidente del Consiglio parlo’ al meeting di Comunione e Liberazione. Tenne un discorso ordinario, ma che venne commentato con toni di adorazione, neanche fosse Martin Luther King. Per questo scrissi un articolo definendolo ‘apostolo delle e’lite'”. Cosi’ Alessandro Di Battista sul Fatto quotidiano dove fa presente di essere “assolutamente convinto” nell’aver detto no a questo governo, che “ha accumulato un ritardo colossale sui ristori e soprattutto non si parla piu’ di politica. La pax draghiana l’ha distrutta”. “Il M5s non deve avere paura di me, io sono fuori”, osserva facendo presente che il Movimento “di prima, quello di cui facevo parte, ormai non c’e’ piu’. Si sta trasformando, legittimamente, in qualcosa d’altro. E saranno gli elettori a valutarlo. Ma e’ chiaro che potrei riavvicinarmi al Movimento solo se uscisse dal governo Draghi”. Sulla corsa a sindaco di Roma: “Se Virginia” Raggi “vorrà io la sosterro'”. “C’e’ un livello di conformismo nel Paese che non c’era neanche con Berlusconi. Dappertutto si adora Draghi. E poi le banche hanno occupato la politica, ormai – osserva – ero molto dubbioso anche quando dicemmo si’ al governo con il Pd. Ma in quel caso, come era avvenuto nell’esecutivo con la Lega, avevamo ancora la maggioranza relativa in Consiglio dei ministri, ovvero il M5s poteva porre il veto a cio’ che non voleva. Ora invece nel governo di tutti e’ minoranza. E questo e’ un nodo politico”. Sul ponte sullo Stretto di Messina, dice di non avere “una posizione laica” come Giuseppe Conte: “Ogni volta che leggo qualche 5 stelle parlarne mi sento piu’ lontano dal M5s. Mi indigna che si discuta di piu’ del Ponte sullo Stretto che della strage del Ponte Morandi. Ma per fortuna e’ contraria anche una buona parte del M5s”.

Continua a leggere

Politica

Belloni nuovo capo dei Servizi segreti, il sardo Sequi segretario generale della Farnesina

Avatar

Pubblicato

del

Elisabetta Belloni capo dei Servizi segreti. Al suo posto Ettore Sequi, originario di Ghilarza, come segretario generale del ministero degli Affari esteri. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha scelto Belloni, ambasciatore, come Direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, in sostituzione dell’attuale Direttore generale, prefetto Gennaro Vecchione. Draghi, fa sapere Palazzo Chigi, ha preventivamente informato della propria intenzione il presidente del Copasir, Raffaele Volpi, e ha ringraziato il prefetto Vecchione per il lavoro svolto a garanzia della sicurezza dello Stato e delle istituzioni. La nomina è disposta sentito il Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica.  Il nuovo segretario generale della Farnesina diventa così l’ambasciatore Ettore Sequi, originario di Ghilarza e attualmente capo di gabinetto del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto