Collegati con noi

Sport

Lega A in stallo su diritti tv, scontro sui fondi

Avatar

Pubblicato

del

Lo stallo prosegue, ma lo scontro in Lega Serie A si inasprisce. L’ennesimo nulla di fatto sui diritti tv sembrava poter riaccendere qualche speranza per alcuni club di riaprire la partita con i fondi sul progetto della Media Company, ma la secca risposta da parte di Juventus e Napoli ha confermato che appare sempre piu’ complesso convincere tutti a tornare a trattare coi private equity. Le due societa’ infatti si sono dette “indisponibili” a trattare ulteriormente con i fondi interessati alla creazione della Media Company, di fatto tirandosi fuori dalla commissione di cui facevano parte insieme a Bologna, Udinese e Roma. Una risposta a quanto emerso dall’assemblea di oggi (aperta “con un ricordo di Marco Bogarelli, manager di assoluto spessore legato da tanti anni al mondo della Serie A”), in cui i club avevano dato mandato alla commissione delle societa’, insieme all’ad De Siervo, per incontrare la cordata formata da CVC, Advent e FSI ai fini di “negoziare l’ultima migliore proposta da sottoporre all’attenzione delle Societa’”. Tuttavia gia’ durante l’assemblea il presidente bianconero Andrea Agnelli ha esplicitato la sua posizione chiarendo che considera “il lavoro della commissione istituita per trattare con i fondi concluso a febbraio”. L’incontro con i private equity, spinto dai club che ancora sperano nella trattativa, dovrebbe comunque avvenire ma senza Juventus e Napoli, con la strada che sembra cosi’ segnata verso una chiusura definitiva o quasi all’affare con la cordata CVC-Advent-FSI. Una situazione che tuttavia continua a bloccare la vicenda diritti tv. Anche oggi infatti l’assemblea non e’ arrivata ad una decisione: nel voto odierno il fronte dei favorevoli a Dazn ha perso il Cagliari, che ha lasciato la riunione al momento della votazione (di fatto quindi astenendosi senza pero’ entrare nel gruppo dei contrari), ma le posizioni restano cristallizzate. Dieci club quindi hanno confermato il loro voto per Dazn (Atalanta, Fiorentina, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Parma e Udinese), mentre i soliti nove si sono astenuti (Benevento, Bologna, Crotone, Genoa, Roma, Sampdoria, Sassuolo, Spezia e Torino). Nel corso della riunione, inoltre, e’ stato deciso che l’ad De Siervo proseguira’ le trattative con gli offerenti per i diritti tv internazionali “affiancato da un’apposita Commissione”, ha spiegato la Lega Serie A in un comunicato.

Advertisement

Sport

Malagò rieletto presidente del Coni per la terza volta, il suo primo impegno: è l’ultima volta

Avatar

Pubblicato

del

Giovanni Malagò è stato rieletto presidente del Coni a Milano. Con un lungo applauso il Consiglio Nazionale  ha accolto la rielezione di  Malagò. Il numero uno uscente ha ricevuto 55 voti, con 13 voti a Di Rocco e 1 a Belluti, con una scheda bianca e una scheda nulla. “Gli faccio i migliori auguri e ringrazio Di Rocco e Belluti per il contributo che hanno dato. Non solo sono persone di sport, ma è stata una competizione civile e corretta”, le parole di Franco Carraro, che ha presieduto il Consiglio elettivo.

Malago

“Sarà il mio terzo mandato, sarà anche l’ultimo. Non mi risparmiero’ nel mio ruolo. A chi ha votato per Di Rocco e Bellutti dico che cercherò di fare il possibile per raccontargli che insieme si puo’ scrivere una nuova pagina di storia dello sport italiano e del Coni e arrivare a un traguardo, essere piu’ prestigiosi, forti e credibili in questi momenti di tempesta” ha detto Giovanni Malagò, appena rieletto padre padrone dello sport italiano. “Ringrazio tutti, anche chi mi ha dato nuovi stimoli come i due avversari elettorali che mi hanno stimolato a dare più energie per essere credibile”, ha proseguito Malagò nel suo discorso dopo la rielezione. “Vi devo raccontare una cosa che pochi sanno, in questi anni ho ricevuto tante proposte di fare cose sulla carta molto belle. Non le ho mai prese in considerazione per due motivi, perchè ho preso un impegno con tutte le persone ed era indispensabile continuare questa storia e perchè per me non esiste ruolo più bello. Grazie a tutti, siete la mia famiglia, e mi troverete sempre dalla parte dello sport e del Coni. Viva l’Italia”, ha concluso Malagò.

Continua a leggere

Musica

U2 e Martin Garrix firmano inno Europei di Calcio

Avatar

Pubblicato

del

Il tocco magico del dj e produttore multiplatino Martin Garrix da una parte, quello poetico e leggendario di Bono e The Edge dall’altra per la colonna sonora dei prossimi Europei di calcio. Frutto della collaborazione tra Garrix e gli U2 e’ We are the People, inno ufficiale di Euro 2020 (che ha mantenuto il nome, anche se la competizione e’ stata rimandata, causa Covid), che dopo un anno di attesa e’ pronto a risuonare negli stadi di mezza Europa (11 le citta’ ospitanti, con Roma a fare da apripista, ospitando la prima gara allo Stadio Olimpico con l’Italia che affrontera’ la Turchia) e da oggi e’ disponibile in radio e sulle piattaforme. Un brano – scritto due anni fa – che nelle intenzioni vuole trasmettere positivita’, speranza, determinazione e coesione. E segnare un primo passo verso il ritorno alla normalita’, dopo il ciclone pandemia che ha investito il mondo. “E’ la cosa piu’ pazza che io abbia mai fatto – ha raccontato Martin Garrix in un incontro internazionale -. Quando la Uefa mi ha chiamato per chiedermi di occuparmi della produzione dell’intera colonna sonora dandomi carta bianca ero davvero molto emozionato, ma anche nervoso. Mi e’ stato chiesto solo che fosse una musica che facesse divertire le persone e che rispecchiasse l’atmosfera del torneo. Un grande onore per me, ma anche tanta pressione perche’ sentivo che le aspettative erano alte”. Nel momento in cui il dj olandese ha iniziato a lavorare al progetto, ha avuto subito chiaro quale voce avrebbe potuto accompagnare la sua produzione. “Avevo questa demo che mi ricordava un po’ The Edge, nell’intro con la chitarra, e Bono. Ma li consideravo irraggiungibili, non erano nemmeno nella lista di persone che avevo intenzione di contattare. Invece dopo due ore aver inviato loro il provino, ero gia’ al telefono con Bono a parlare della canzone: era entusiasta e super-coinvolto”. Il brano e’ una miscela perfetta delle sonorita’ distintive di tutti e tre gli artisti: Bono ha infatti composto il testo e alcune melodie insieme a Garrix, mentre The Edge ha impreziosito il brano con i suoi riff di chitarra. Una collaborazione “incredibile”, la definisce Garrix, con The Edge e Bono artisti “geniali”. “Ancora non posso credere di aver avuto la possibilita’ di lavorarci insieme su questo pezzo – racconta come un bimbo al quale hanno regalato un gioco che sognava da tempo -. Mi hanno aiutato molto e credo che il brano non sia una canzone di Garrix con Bono che canta e The Edge che suona la chitarra, ma una canzone alla quale hanno contribuito tutti, un lavoro di grande collaborazione. Ed e’ stato interessante e istruttivo per me vedere il loro approccio e confrontarmi con il loro modo di lavorare”. L’ispirazione per il brano e’ arrivata da come il calcio riesce a far sentire i tifosi e “da come sia in grado di unire le persone. Abbiamo cercato con tutte le nostre forze di catturare quella sensazione di euforia, eccitazione, felicita’”, spiega ancora Garrix che si dice “emozionato” per il campionato “perche’ e’ gia’ di per se’ una vittoria. Non importa chi vincera’ alla fine, perche’ gia’ solo il fatto che questo torneo si faccia puo’ essere motivo di gioia per la gente. In questo momento tutti abbiamo bisogno di questa connessione, di sentirci uniti”. L’olandese – che ovviamente tifa per la squadra del suo Paese -, oltre al singolo, ha prodotto anche tutti i temi musicali della manifestazione, inclusi quelli che accompagneranno in campo le squadre e sottolineano il momento dei gol. Ogni campionato europeo a partire dal 1992 ha avuto un inno ufficiale: il dj e’ stato preceduto da artisti come Nelly Furtado, Simply Red, Enrique Iglesias.

Continua a leggere

Sport

Corsa Champions, vincono tutte le avversarie del Napoli: azzurri concentrati per il rush finale

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Per la corsa Champions vincono tutte alla terz’ultima di campionato dunque il Napoli, più che mai sarà artefice del suo futuro. Milan e Atalanta (75 punti) hanno già un piede nel massimo campionato europeo. Domenica  alle 12:30 gli azzurri affronteranno la Fiorentina in trasferta al Franchi. Vecchi ricordi affiorano ancora se pensiamo all’anno dello scudetto sfiorato con Sarri (tre anni fa) quando nello stesso turno cruciale si incrociarono sia Fiorentina e Napoli che Inter e Juventus. La storia insegna e gli azzurri stavolta non possono e non devono sbagliare.

A scanso di clamorose defaillance dellle squadre che sono davanti dunque Gattuso (Napoli punti 73) e Pirlo (Juventus punti 72), separati da un punto in classifica, si giocano l’ultimo posto in palio con la Lazio (punti 67) di Inzaghi che segue (ha una partita in meno) ed è tenuta in corsa dall’aritmetica. Due vittorie del Napoli (appunto con la Fiorentina e poi con il Verona in casa) significheranno per il Napoli almeno il terzo posto.

Comunque vada appare scontato il divorzio tra Gattuso e il Napoli. Da settimane è scattato il toto allenatore: al possibile Spalletti si è unito nelle ultime ore il nome di Allegri. I due sembrano favoriti rispetto al ritorno di Sarri e all’approdo di uno tra Juric o Italiano.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto