Collegati con noi

In Evidenza

Lazio, tre sberle alla Juventus e l’Inter resta sola in vetta

amministratore

Pubblicato

del

Dopo 195 giorni la Juventus cade pesantemente in campionato. L’ultima sconfitta dei bianconeri risaliva al 26 maggio, sul campo della Sampdoria, in una partita quasi senza significato. Questa volta la sconfitta ha un sapore e un peso diversi, perche’ e’ maturata sul campo della terza in classifica, la Lazio, e avrebbe potuto anche assumere connotati numerici diversi dal 3-1 finale, soprattutto se Immobile non si fosse fatto parare un rigore da Szczesny. Una Juve inizialmente molto determinata e concentrata ha fatto spazio a una squadra molle e un po’ svagata, che ha accusato limiti di atletici non indifferenti. Nella seconda parte della ripresa, in particolare, la Juve e’ apparso sulle gambe, incapace di tenere il passo dei biancocelesti che hanno dimostrato di avere una marcia in piu’. La Juve ha dato per scontato prima la vittoria e poi il possibile pareggio, dando l’impressione di pensare che, tanto, prima o poi, qualcosa sarebbe successo e che il gol sarebbe arrivato. Invece, e’ venuta fuori la Lazio con una prestazione maiuscola, da grande squadra. Una prestazione da Champions contro una squadra che la Champions vorrebbe tornare a vincerla. Come sempre, pero’, al netto dei meriti e dei pregi dei vincitori, ma anche delle debolezze degli sconfitti, sono stati gli episodi a fare la differenza. L’espulsione al 23′ della ripresa di Cuadrado per fallo da ultimo uomo sulla ‘Frecciarossa’ Lazzari, ha fatto pendere l’ago della bilancia dalla parte della squadra di Simone Inzaghi. Da quel momento la Juve non e’ stata piu’ in grado di tamponare sulle ripartenze avversarie ed e’ franata al cospetto della furia biancoceleste.

La Lazio e’ divenuta straripante e ha trovato un successo di platino nel bel mezzo di una serata da tramandare ai posteri. C’e’ un tempo per soffrire e un tempo per gioire. La Lazio dimostra di sapere bene come metabolizzare, e smaltire senza conseguenze, il vantaggio dei bianconeri che, al primo, vero affondo sono micidiali per freddezza e lucidita’. Bentancur, fra i migliori finche’ resta in campo (deve alzare bandiera bianca dopo uno scontro), avvia l’azione per Dybala che e’ bravo sulla destra dell’area a pulire il pallone per Ronaldo che, appostato sul palo opposto, insacca a due passi dalla porta. La Juve ci aveva provato altre due volte, sempre con Dybala (bravo Strakosha), poi con Bernardeschi, che sbaglia l’impatto col pallone di testa da posizione assai favorevole. Il gol annacqua l’impeto della Lazio, ma lo stato d’ipnosi dura poco, perche’ i biancocelesti cominciano a mettere alle corde la Juve che, prima di rintanarsi, sfiora pure il raddoppio con Ronaldo, questa volta di testa, in un’azione simile a quella dell’1-0. A forza di provarci – e di crederci – arriva il gol di Luis Felipe, che raccoglie di testa un cross delizioso di Luis Alberto, sfrutta un ‘vuoto aereo’ di Bonucci, anticipa Alex Sandro, insaccando il pari.

Nella ripresa accade di tutto. Anzi, di piu’. Strakosha regala un pallone al limite a Dybala che viene riacciuffato con un mezzo miracolo da Acerbi e non puo’ concludere al 21′. Due minuti dopo Cuadrado ferma come puo’ Lazzari e va fuori, anche se l’incertissimo Fabbri (prestazione da dimenticare, la sua) va a consultare chissa’ perche’ la Var. Sarri toglie Bernardeschi e inserisce Danilo. Ma l’inerzia del match e’ cambiata e la Lazio al 29′ trova il 2-1 con una prodezza di Milinkovic, che stoppa un cross di Luis Alberto e fulmina Szczesny. Al 34′ ancora Szczesny protagonista nel bene e nel male: atterra Immobile in area e poi gli respinge il rigore, oltre alla successiva conclusione. Il miracolo del portiere polacco non basta alla Juve che viene graziata da Fabbri (c’era un altro rigore su Immobile), poi subisce addirittura il 3-1 di Caicedo, appena entrato,sugli sviluppi di un 4 contro 1 con Immobile ancora stoppato da Szczesny. Finisce in gloria per la Lazio, la Juve se ne torna a testa bassa, lasciando a Roma la propria imbattibilita’.

Advertisement

In Evidenza

Lollobrigida e il suo manager Andrea Piazzolla a processo: essere anziani non è reato, vivo come voglio

Avatar

Pubblicato

del

Lollo e il suo manager a processo «Nessun reato, vivo come voglio»
È stato rinviato a giudizio per circonvenzione di incapace continuata e aggravata. Prima udienza già fissata a dicembre. Eppure il ruolo di Andrea Piazzolla nella vita di Gina Lollobrigida è cambiato. Impossibile definirlo assistente o un manager. Andrea Piazzolla è diventato uno di famiglia, più del figlio Milko e del nipote Dimitri Skofic, che hanno intentato la causa contro di lui assieme a Javier Rigau, l’imprenditore catalano che non possiamo chiamare ex marito della diva, visto che papa Francesco in persona ha dichiarato nullo il loro matrimonio il 19 gennaio del 2019 (peraltro, la stessa giudice che ha disposto il rinvio a giudizio di Piazzolla, lo ha escluso dalla costituzione di parte civile). Andrea Piazzolla, che Gina conosce nel 2009,  diventa quasi subito collaboratore e uno degli assistenti di fiducia. Pochi anni dopo diventa amministratore unico della «Vissi d’Arte», la società che gestisce i beni della Lollobrigida. Nel 2015 Andrea Piazzolla viene accolto dalla Lollo a casa sua. I rapporti con il figlio e il nipote sono già tesi: è del 2011 la richiesta di sfratto ai congiunti dalla dependance della villa dell’attrice che si trova sulla Appia Antica ed è del 2014 la causa intentata senza successo dal figlio per mettere la mamma sotto tutela con un amministratore di sostegno.
Più i familiari si allontanano dalla madre, più Andrea si avvicina. Gina in più interviste si lamenta di non essere mai riuscita a coinvolgere nelle sue attività il figlio, nonostante avesse voluto farlo. Andrea diventa per lei più di un collaboratore, conquista la sua fiducia, organizza le vacanze, i viaggi, gli appuntamenti di lavoro, assistendola nelle questioni mediche. È grazie a lui, per esempio, che parte la richiesta di annullamento alla Sacra Rota delle nozze con Rigau. Tre anni fa i rapporti familiari diventano ancora più tesi. Mentre Gina è ricoverata al Campus Biomedico di Roma con la polmonite, parte la querela di Milko, Dimitri e Rigau che ha portato al rinvio a giudizio di giovedì. A marzo del 2019 la pm Eleonora Fini aveva chiuso l’inchiesta per circonvenzione di incapace contestando a Piazzolla operazioni sospette tra il 2013 e il 2018, tra cui la vendita di tre appartamenti vicini a piazza di Spagna, l’acquisto di macchine di lusso, prelievi e bonifici sui conti del padre e della madre di Andrea. Due mesi prima, a gennaio, il giudice tutelare aveva nominato un amministratore di sostegno per l’attrice, che non digerì bene neppure questa iniziativa, soprattutto quando quest’ultimo, a febbraio del 2020, decise senza interpellarla di scegliere un nuovo legale per rappresentarla nel processo penale contro Piazzolla. Quella volta la battagliera 93enne scrisse perfino al presidente della Repubblica per protestare. Ma il 15 maggio la stessa gip Emanuela Attura ha messo per iscritto, “richiamando i principi costituzionali e in particolare l’articolo 2 della Costituzione, di non ravvisare alcun ostacolo a che l’artista di fama internazionale possa seguire l’andamento del processo a mezzo di un difensore da lei nominato”.
Epilogo familiare: ora con Gina, oltre ad Andrea, vive la fidanzata Adriana, che due mesi fa ha dato alla luce la piccola Gina. La Gina grande ammette: “L’innocenza dei bambini è un balsamo di vita”.

Continua a leggere

In Evidenza

Calcio stellare ad Agosto: ecco il calendario Champions con la Finale a Lisbona

Avatar

Pubblicato

del

Il sorteggio di Nyon ha fatto ordine nell’Europa che verrà e che il Covid-19 ha compresso. I quarti di Champions si disputeranno dal 12 al 15 a Lisbona, in una partita secca. Prima andranno in scena le quattro sfide di ritorno degli ottavi (nelle sedi originarie).  Si partira’ il 7 e l’8 agosto. Tutte le partite si giocheranno alle 21. Questo il dettaglio.

– Ottavi di Champions

Venerdi’ 7 agosto: Juventus-Lione e Manchester City-Real Madrid.

Sabato 8 agosto: Barcellona-Napoli e Bayern Monaco-Chelsea.

– Quarti

  • Mercoledi’ 12 agosto: Atalanta-PSG (stadio Da Luz Lisbona).
  • Giovedi’ 13 agosto: Lipsia-Atletico Madrid (stadio Jose’ Alvalade, Lisbona).
  • Venerdi’ 14 agosto: Bayern o Chelsea-Barcellona o Napoli (stadio Da Luz).
  • Sabato 15 agosto: Juventus o Lione-Real Madrid o Manchester City (stadio Jose’ Alvalade).

– Semifinali

  • Martedi’ 18 agosto: Vincente 1-Vincente 2 (stadio Da Luz).
  • Mercoledi’ 19 agosto: Vincente 3-Vincente 4 (stadio Jose’ Alvalade).
  • – Finale.

Domenica 23 agosto (stadio Da Luz).

I quarti di Europa League si disputeranno il 10 e l’11 agosto in Germania, in sfida unica. Prima le sei sfide di ritorno degli ottavi da giocare (nelle sedi originarie), piu’ Inter-Getafe e Siviglia-Roma che si affronteranno in una partita secca in Germania. Si comincera’ il 5 e 6 agosto. Il dettaglio.

– Ottavi Europa League (5 agosto) Shakhtar Donetsk-Wolfsburg (ritorno, alle 18,55), Copenaghen-Basaksehir Istanbul (ritorno, alle 18,55), Manchester United-Lask (ritorno, alle 21), Inter-Getafe (partita unica, Gelsenkirchen, alle 21), – Ottavi (6 agosto) Siviglia-Roma (partita unica, Duisburg, alle 18,55), Bayer Leverkusen-Rangers (ritorno, alle 18,55), Basilea-Eintracht Francoforte (ritorno, alle 21), Wolves-Olympiacos (ritorno, alle 21). – Quarti 1. Wolfsburg o Shakhtar-Eintracht o Basilea (11 martedi’ agosto, Gelsenkirchen, alle 21); 2) Lask Linz o Manchester United-Basaksehir o Copenhagen (lunedi’ 10 agosto, Colonia, alle 21); 3. Inter o Getafe-Rangers o Bayer Leverkusen (lunedi’ 10 agosto, Duesseldorf, alle 21); 4. Olympiacos o Wolverhampton-Siviglia o Roma (martedi’ 11 agosto, Duisburg, alle 21). – Semifinali: Vincente 4-Vincente 1 (domenica 16 agosto, Colonia, alle 21). Vincente 2-Vincente 3 (lunedi’ 17 agosto, Duesseldorf, alle 21). – Finale: Vincenti semifinali (venerdi’ 21, Colonia, alle 21).

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus: sindaca ‘chiude’ Atlanta, governatore contro

Avatar

Pubblicato

del

E’ guerra in Georgia sulla pandemia tra la sindaca dem di Atlanta Keisha Bottoms e il governatore repubblicano Brian Kemp. La prima cittadina, secondo la Cnn, intende riportare l’emergenza alla fase uno, costringendo i cittadini a stare a casa, salvo spostamenti per gravi e comprovati motivi, per fronteggiare l’impennata dei contagi. Kemp pero’ e’ contrario e ha definito la decisione di Bottoms “confusa”, “non vincolante” e “legalmente inapplicabile”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto