Collegati con noi

Economia

Lascia la Camusso, nella corsa alla segreteria della Cgil è testa a testa tra Landini e Colla

Pubblicato

del

Non scioglie il nodo della successione a Susanna Camusso il congresso dello Spi, il sindacato dei pensionati della Cgil, che con i suoi 2,7 milioni di iscritti ha il peso maggiore all’interno della confederazione. La sfida tra Maurizio Landini, proposto dalla segreteria e Vincenzo Colla, a cui vanno le preferenze dei pensionati, resta in piedi e probabilmente si chiuderà soltanto al congresso nazionale di Bari, in agenda dal 22 al 25 gennaio. I toni nella seconda giornata di lavori al Lingotto confermano la distanza delle posizioni. “Se si vuole avere un percorso unitario non si tratta di trovare un accordo fra due candidati, il luogo fisiologico in cui fare le discussioni e’ la segreteria. L’accordo deve essere collegiale. E’ legittimo non condividere la proposta della segreteria, ma uno sfogo a distanza non fa bene alla nostra organizzazione”, avverte Camusso. “In questa Cgil – replica al segretario generale dello Spi, Ivan Pedretti – non c’e’ stata alcuna alterazione delle regole in questi mesi. E avere passato del tempo a interrogarsi su dove fosse la violazione ha fatto del male perche’ ha delegittimato un gruppo dirigente”. Camusso rivendica la scelta fatta, anche se non cita mai Landini: “Nel direttivo della Cgil la proposta del nuovo segretario e’ stata unitaria e non divisoria. Bisogna continuare a lavorare per trovare una soluzione unitaria per il congresso nazionale di Bari perche’ vedo il rischio che si passi da un documento unitario alla ricerca di cose che ci differenziano per giustificare la presenza di piu’ candidature. Il pluralismo e’ essenziale, ma vedo crescere troppi io e mio rispetto a noi e alla Cgil, bisogna rafforzare la dimensione del noi”. Nel suo intervento Camusso assicura anche che lascera’ l’incarico ma non la Cgil: “mi metto a disposizione, sara’ il gruppo dirigente a decidere cosa dovro’ fare”. E a Pedretti, che dopo l’intervento abbraccia, promette che quando andra’ in pensione s’iscrivera’ allo Spi. Domani il congresso, oltre a confermare Pedretti alla guida dello Spi, nominera’ i delegati al congresso nazionale: i pensionati ne hanno 212, un quarto degli 866 che andranno a Bari. Una meta’, la cosiddetta quota di solidarieta’, pero’, viene lasciata alle altre categorie.

Advertisement

Ambiente

Accordo fra Coldiretti Campania e gruppo Sire per la valorizzazione della filiera agricola: prodotti agroalimentarti certificati per i ricevimenti d’autore

Pubblicato

del

Coldiretti Campania ed il gruppo Sire insieme per banqueting d’autore con la valorizzazione dei prodotti agroalimentari da filiera agricola della Campania. Con questo obiettivo è stato siglato un accordo tra Coldiretti Campania e il gruppo Sire, azienda napoletana leader in Italia nei settori del catering, del banqueting e della ristorazione alberghiera, vincitore per due anni consecutivi del King of Catering Bisol, gestore dell’area ristorativa di Padiglione Italia ad Expo 2015 presso il Padiglione Italia e organizzatore di grandi ricevimenti internazionali come G20, Nato, Banca Centrale Europea e per importanti aziende italiane, tra cui il Calcio Napoli.

La collaborazione con Sire, insieme ad altre case histories importanti, sarà presentata a Berlino in occasione di Fruit Logistica, la più grande fiera europea di settore, che si terrà dal 6 all’8 febbraio.

“Siamo da sempre impegnati in qualificati programmi di sicurezza alimentare e comunicazione scientifica – spiega Vincenzo Borrelli, patron di Sire – al fine di garantire ai nostri clienti un’altissima affidabilità in materia di scienza e tecnologie alimentari. Le certificazioni di qualità sull’impatto ambientale, nonché la certificazione ICEA relativa alla ristorazione biologica, garantiscono una particolare attenzione all’ambiente in tutte le fasi di produzione e di servizio. Questo accordo va nella direzione di alzare il livello qualitativo della nostra offerta con un partner importante come Coldiretti”.

“Per noi si tratta di un’occasione straordinaria – commenta Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania – perché ci consente di mettere in relazione diretta il mondo della produzione agricola di qualità con un player prestigioso della gastronomia italiana. Il nostro compito è creare una comunicazione tra le esigenze qualitative del gruppo Sire e i nostri produttori agricoli, anche piccolissimi, come è nello spirito e negli obiettivi del progetto Campagna Amica. Oltre ai prodotti di eccellenza del territorio, la nostra organizzazione si impegna a trasferire conoscenza agli operatori, attraverso la collaborazione con Medeaterranea, l’accademia enogastronomica promossa da Sire all’interno della mostra d’Oltremare”.

Partner della logistica sarà la cooperativa Terra Orti, associata a Uecoop e accreditata a Campagna Amica, rappresentata dal direttore Emilio Ferrara.

Continua a leggere

Economia

Un anno da record per mytaxi, nel 2018 due milioni di corse e l’esordio a Napoli

Pubblicato

del

Sedici milioni di km, l’equivalente di 43 viaggi dalla Terra alla Luna: sono i chilometri percorsi a bordo dei mytaxi, un totale di due milioni di corse. È stato un 2018 record per mytaxi, l’App per i taxi leader in Europa. In Italia l’applicazione ha visto un aumento del 110% rispetto all’anno precedente. Anche la flotta ha fatto registrare un picco: adesso mytaxi può contare su 100 mila tassisti con licenza. Per sostenere e accelerare ulteriormente la propria crescita nel 2019, mytaxi fa sapere di voler investire in modo significativo nel prodotto, nel personale e nel marketing. Attualmente, più di 600 dipendenti di 52 nazioni lavorano in uno dei 26 uffici mytaxi in Europa, ma l’obiettivo è creare 450 posti di lavoro aggiuntivi in diversi dipartimenti ed aree dell’azienda, con un’attenzione particolare al prodotto e alla sua tecnologia.

Significativa la performance in Europa dove le corse a bordo di mytaxi hanno superato quota 40 milioni. È invece in calo il tempo di attesa dei passeggeri, che nel 2018 si è ridotto di altri 20 secondi, raggiungendo, in media, i 3.5 minuti, a segnalare la maggior efficienza del servizio. Mytaxi può attualmente contare su una flotta globale di 100mila tassisti con licenza, utilizzata da più di 10 milioni di utenti.

“Il 2018 è stato un anno di enorme successo per mytaxi”, rivela Eckart Diepenhorst, CEO di mytaxi.  “Questo mi rende estremamente orgoglioso del nostro team, che ha reso possibili questi importanti risultati, consapevole che anche i 100.000 tassisti che lavorano insieme a noi hanno una grande parte di merito. A dimostrazione di questo, il punteggio medio di 4.8 su 5 stelline, assegnato loro dai passeggeri per valutare la propria esperienza di viaggio”. L’internazionalità di mytaxi è una delle caratteristiche più apprezzate dai passeggeri, che gradiscono sempre di più la possibilità di utilizzare la stessa app, con un unico account, nelle oltre 100 città di 9 Paesi Europei in cui il servizio è presente. Come, infatti, afferma Andy Batty, Chief Operating Officer di mytaxi: “Abbiamo visto una crescita esponenziale del servizio in tutti i mercati in cui siamo presenti. Ad esempio, le richieste di corse da/per gli aeroporti sono cresciute ben dell’80% nel 2018. La nostra destinazione più richiesta in Europa è stata l’Aeroporto di Dublino, che, da solo, ha registrato più di un milione di corse. Anche il traffico transfrontaliero tramite app ha registrato una forte crescita, pari quasi al 200%.”

simone verdi barbara covili mytaxi

I risultati positivi ottenuti sono, inoltre, legati anche allo sviluppo del prodotto. In ottobre, infatti, mytaxi ha lanciato una nuova versione dell’app, che ha reso più semplice scegliere tra le diverse tipologie di veicoli offerti (Eco, XL, equipaggiati con sedia a rotelle), contribuendo non solo al successo del servizio, ma anche a rendere la mobilità urbana significativamente più sostenibile, efficiente ed inclusiva. E i miglioramenti del prodotto sono stati notati anche dai passeggeri: nel 2018 il voto assegnato a mytaxi sull’app store è migliorato, passando da 4.1 a 4.8 stelline.

Altro importante traguardo raggiunto da mytaxi nel 2018 è stato il lancio a Lisbona di Hive, il nuovo servizio di monopattini elettrici in condivisione. In poche settimane, il nuovo brand ha, infatti, attratto circa 10.000 utenti nella città, risultato destinato ad aumentare. Hive verrà, infatti, lanciato in altre città europee nel corso dell’anno.

Per sostenere e accelerare ulteriormente la propria crescita nel 2019, mytaxi fa sapere di voler investire in modo significativo nel prodotto, nel personale e nel marketing. Attualmente, più di 600 dipendenti di 52 nazioni lavorano in uno dei 26 uffici mytaxi in Europa, ma l’obiettivo è creare 450 posti di lavoro aggiuntivi in diversi dipartimenti ed aree dell’azienda, con un’attenzione particolare al prodotto e alla sua tecnologia.

Continua a leggere

Cronache

#Bomba pizzeria #Sorbillo, la denuncia di Confeserenti, Schiavo: le bombe di Afragola e Napoli testimoniano che lo Stato è debole in queste terre

Pubblicato

del

Confesercenti interprovinciale Napoli, Avellino e Benevento esprime “totale solidarietà a Gino Sorbillo” per l’esplosione di un ordigno che questa notte ha danneggiato l’ingresso della sua storica pizzeria in via Tribunali, nel cuore del centro antico della città. “Innanzitutto esprimo la massima solidarietà nei confronti di una grande impresa come quella della famiglia Sorbillo, alziamo la voce contro gli attacchi ai nostri imprenditori, non possiamo consentirlo, non possiamo permettere che queste cose accadano ancora”, dichiara il presidente di Confesercenti interprovinciale Vincenzo Schiavo. “Il nostro – aggiunge Schiavo – è un grido d’allarme disperato, una invocazione nei confronti dello Stato, che ora deve scendere in campo con i mezzi e con gli uomini, che ha, adeguati. La bomba che stanotte ha distrutto la pizzeria, ma anche gli 8 ordigni esplosi in un mese contro le attività commerciali di Afragola, sono la conferma che lo Stato è debole, che ha bisogno di più uomini che lavorino per sconfiggere questo fenomeno. Le mafie sono un male, dei tumori che se non si estirpano alla radice continueranno ad esistere”, conclude Schiavo.

Continua a leggere

In rilievo