Collegati con noi

Ambiente

L’agenzia spaziale europea studia lo sbarco degli uomini su Marte, Tommaso Ghidini: ci andrà un bimbo che oggi ha 5-6 anni

Avatar

Pubblicato

del

L’uomo o la donna che “per primo metterà piede sul Pianeta rosso è un bambino che oggi ha 5-6 anni”. Il primo passo per portare la razza umana più in là nello spazio sarà con una base orbitante intorno alla Luna verso la fine del 2020, e poi in volo verso Marte entro la fine del 2030. Lo ha detto Tommaso Ghidini, capo Divisione strutture, meccanismi e materiali dell’Esa (Agenzia spaziale europea), all’apertura dell’anno accademico dell’universita’ Statale di Milano. Anche se il traguardo e’ di la’ da venire, la ricerca spaziale sta gia’ lavorando da anni per sperimentare, sulla Terra e nello spazio, le tecnologie che permetteranno all’uomo di realizzare colonie sulla Luna e Marte, e che allo stesso tempo avranno applicazione anche sulla Terra. Come ad esempio la casa lunare, che “si potra’ realizzare semplicemente con una stampante in 3D, la regolite o sabbia lunare e l’energia del Sole. Dalla regolite tra l’altro si possono estrarre titanio per costruire strutture, silicio per le componenti elettroniche e dagli scarti ricavare l’ossigeno”, precisa Ghidini. I lander invece, una volta usati per atterrare, saranno riciclati per ristampare le componenti di plastica e acciaio necessarie. Strutture del genere potrebbero essere utilissime, secondo Ghidini, sulla Terra dopo terremoti o tsunami, o in localita’ desertiche. Sempre nell’ottica di una colonia umana su Marte, l’Esa ha condotto dei test con 6 astronauti, in un ambiente simile a quello del veicolo su cui viaggeranno per 2 anni ininterrotti, simulando anche le comunicazioni con la Terra, le attività e coltivazioni da fare sul suolo marziano. L’Esa sta inoltre lavorando ad una missione, prima robotica e poi umana, con cui far andare e tornare materiale e uomini da Marte. “Tutto questo lavoro di ricerca accelerera’ e migliorera’ le tecnologie terrestri – conclude – Ne e’ un esempio il defibrillatore portatile, ora in uso in tutti i centri sportivi, e che un’azienda olandese sta producendo per farlo arrivare a bordo di un drone, o i voli suborbitali che renderanno piu’ veloci quelli intercontinentali”.

Advertisement

Ambiente

Avvistati 3 capodogli nel Mar Ligure, tra loro ci sono anche due vecchie conoscenze: i balenotteri Hide e Onda

Avatar

Pubblicato

del

Eccezionale avvistamento di balene nel Mar Ligure. Tre capodogli maschi sono stati visti a circa cinque miglia al largo di Sanremo dai biologi dell’Istituto di ricerca Tethys. “L’avvistamento è avvenuto in un punto la cui profondità del mare è di circa 600 metri – afferma la biologa marina Sabina Airoldi – tra il canyon di Arma di Taggia e i due canyon di Bordighera”.

Due dei capodogli appartenenti al gruppo erano Hide e Onda, già incontrati il 18 giugno scorso dai ricercatori. Sono sono soliti nuotare assieme spiegano i loro amici umani. “Un fatto piuttosto singolare – prosegue Airoldi – è avvenuto quando Hide si è avvicinato all’imbarcazione e, incuriosito, ha messo fuori la grande testa dall’acqua, come per guardare chi c’era a bordo”. Un comportamento insolito per un capodoglio, ma a volte capita quando sono particolarmente incuriositi o attratti da qualche movimento hanno spiegato i ricercatori.

Continua a leggere

Ambiente

l’Italia brucia dal calore, in queste ore anche oltre i 50 gradi a terra in alcune regioni

Avatar

Pubblicato

del

E’ arrivata anche a 50 gradi la temperatura della superficie, ma non quella dell’aria, in alcune aree dell’Italia, in questi giorni. Le aree piu’ roventi in Puglia, Sicilia e Sardegna e alcuni punti di Campania, Lazio, Toscana e Marche. Lo indicano le immagini dell’Italia incandescente per il caldo catturate dal satellite Sentinel 3 del programma Copernicus, di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Ue.

Le immagini sono state pubblicate su Twitter dal Servizio di gestione delle emergenze Copernicus che scrive nel messaggio: “L’Italia brucia di calore. Deve essere stata una giornata difficile per i primi soccorritori e i medici”. Nello stesso messaggio, il Servizio emergenze di Copernicus precisa che la mappa del calore è relativa alle temperature raggiunte dalla superficie terrestre e non dall’aria. Nella mappa, le aree più bollenti, dove la temperatura del suolo ha raggiunto i 50 gradi, sono colorate di nero, mentre le aree dove si sono toccati i 40 gradi sono colorate di rosso, e quelle piu’ fresche, fra i 35 e i 25 gradi, sono colorate di arancione e giallo. Intanto tra l’11 e il 13 agosto sono previste le giornate piu’ calde dell’estate, specie nelle regioni centro-meridionali e nelle isole, con punte massime della temperatura dell’aria di 39-41 gradi. Y

Continua a leggere

Ambiente

Si mostra in video sui social mentre getta nel mare del Cilento la bottiglia di plastica e prende in giro le iniziative “plastic free”, denunciato

Avatar

Pubblicato

del

Lui è un giovane. Ed ha deciso di  mostrarsi in pubblico in un video con un post su Instagram mentre getta una bottiglietta di plastica nel mare a Punta Licosa. La scelta di mostrarsi in un momento di inciviltà è suo. Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, quel video l’ha rilanciato ed ha “segnalato immediatamente alle autorità quel giovane,  individuato dalla Capitaneria di Porto. E quasi certamente sarà denunciato penalmente”.

Tommaso Pellegrino. ll presidente del Parco del Cilento

Perchè quella bottiglietta di plastica, peraltro con espressioni di scherno, non poteva lanciarla in mare, e ancor di più non poteva farlo nelle acque cristalline di Punta Licosa, in pieno Parco Nazionale del Cilento. “Con l’ambente e con la civiltà non si scherza. Un giovane cialtrone ha postato sui social un video che lo ritraeva mentre gettava nel mare di Punta Licosa una bottiglietta di plastica al grido ‘via la plastica dalla mia barca’. Un gesto squallido, tanto più se utilizzato per sbeffeggiare una cosa seria e delicata come il plastic free. Abbiamo provveduto immediatamente ad allertare il presidente del parco del Cilento, Tommaso Pellegrino, e le autorità locali per segnalare questo atto vergognoso.

La Capitaneria di Porto, allertata dalle autorità del Parco, avrebbe anche già individuato il responsabile. E per lui scatterà una denuncia penale”  ha dichiarato Francesco Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

Francesco Emilio Borrelli. Il consigliere regionale della Campania dei Verdi

“Così come abbiamo fatto per Balotelli che istigò un uomo a gettarsi in mare con lo scooter, così anche per questo ragazzo. La denuncia – ha aggiunto Borrelli – è l’unica strada. E anche lui, come il calciatore, si è scusato. Ma è troppo tardi. Non c’è nulla da scherzare in gesti come questi, nessuna goliardia, solo inciviltà. Si lascia passare un messaggio sbagliatissimo, e per di più sui social. Abbiamo notato, poi, che c’è la tendenza a scusarsi sempre dopo che l’indignazione della gente gli fa capire la stupidaggine che hanno commesso. Non transigeremo mai. Segnaleremo ogni gesto incivile, ogni abuso, ogni inquinamento dei nostri mari!”

Continua a leggere

In rilievo