Collegati con noi

Tecnologia

La voce delle ancora poche donne ricercatrici sulla scienza: è libertà e speranza

Avatar

Pubblicato

del

Liberta’, curiosita’, speranza e avventura: significa tutto questo la scienza, per le donne impegnate nei laboratori, ancora purtroppo molto poche. La Giornata Internazionale delle Donne e le Ragazze nella scienza, promossa dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, e’ l’occasione per “promuovere la piena ed equa partecipazione di donne e ragazze nelle scienze, in materia di istruzione, formazione, occupazione e processi decisionali”. Le cifre piu’ recenti pubblicate dall’Eurostat, relative al 2017, sono purtroppo molto chiare, e raccontano che la ricerca parla ancora al maschile in Europa, e soprattutto in Italia: il nostro Paese si posiziona al 23/o posto, con il 35% circa di donne scienziate e ingegneri, contro la media Ue del 41%, seguita da Germania, Austria e Finlandia. Gli uomini sono molto piu’ numerosi (83%) nei laboratori con le tecnologie piu’ evolute, mentre nei settori di servizio il divario si riduce, con il 55% di uomini contro il 45% di donne. “Il talento femminile va sfruttato soprattutto nel mondo scientifico”, ha detto la virologa Ilaria Capua, alla quale l’Universita’ di Perugia ha dato oggi il dottorato honoris causa in Sanita’ e scienze sperimentali veterinarie. “Per le donne – ha detto ancora Capua – spesso e’ tutta salita, ma queste hanno gambe forti, e quindi devono imparare anche a stringere i denti e andare avanti”. Troppi pregiudizi anche secondo Lella Golfo, presidente della Fondazione Marisa Bellisario. “La giornata mondiale per le donne e le ragazze nella scienza – ha rilevato – serve non solo a ricordarci il contributo femminile alla scienza, ma a denunciare le discriminazioni che continuano a sussistere nel mondo scientifico”. Golfo ha osservato inoltre che “meno del 30% dei ricercatori nel mondo e’ di sesso femminile e solo il 30% delle studentesse sceglie le materie scientifiche nell’istruzione superiore”. Non si tratta, ha detto ancora, solo di ristabilire un principio di parita’, ma di “rimuovere tutti gli ostacoli al progresso dell’umanita’”. Di ostacoli parla anche l’esperta di biologia sintetica Velia Siciliano, dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Napoli, che ha scelto di tornare in Italia dopo cinque anni di lavoro al Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston e l’Imperial College di Londra: “Per me la scienza e’ vita, mi entusiasma e mi affascina l’idea di capire meglio come funzioniamo”. E’ contenta di essere tornata, ma si rende conto che in Italia c’e’ ancora moltissimo da fare perche’ le persone riacquistino fiducia nella scienza e per combattere il sessismo. Di quanto spazio ci sia ancora per l’ottimismo lo raccontano le ricercatrici dell’Iit che, nella Giornata dedicata alle donne e la scienza, hanno affidato la loro grinta a un video nel quale dicono che cos’e’ per loro la scienza: e’ quello che hanno “sempre voluto fare”, “avventura”, ma anche “insonnia”, “scoprire qualcosa di nuovo” e “dare nuove possibilita’ per i bambini”, capacita’ di “mettere in discussione e migliorare la societa’”, “non smettere mai di imparare”, “migliorare la qualita’ della vita”.

Advertisement

Tecnologia

Samsung, slitta il lancio del Galaxy pieghevole: “Servono altri test”

Avatar

Pubblicato

del

Samsung annuncia lo slittamento del lancio del Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole. Una decisione per consentire ulteriori test e per valutare i commenti dei critici, secondo i quali servono ulteriori miglioramenti per il dispositivo che costa quasi 2.000 dollari. Alcuni critici hanno infatti riscontrato difetti non trascurabili, quali la rottura dello schermo solo dopo uno o due giorni di uso. Il Galaxy pieghevole sarebbe dovuto arrivare nei negozi americani il 26 aprile. Samsung annuncerà la nuova data per il lancio nelle prossime settimane.

Continua a leggere

Tecnologia

Scoperta super-tempesta magnetica su una mini-stella

Avatar

Pubblicato

del

Una super-tempesta magnetica, dieci volte più potente della piu’ grande mai osservata sul Sole, e’ stata scoperta su una mini-stella delle dimensioni di Giove: si tratta dell’eruzione piu’ energetica mai vista su una stella cosi’ piccola e fredda, che l’ha resa 10.000 volte piu’ luminosa del normale. L’evento, avvenuto il 13 agosto 2017, e’ stato osservato da un gruppo di ricerca guidato dall’Universita’ di Warwick, Gran Bretagna, e descritto sulla rivista mensile della Royal Astronomical Society. La stella, a 250 anni luce di distanza dalla Terra (un anno luce equivale a circa 9.461 miliardi di chilometri), e’ diventata visibile ai telescopi solo grazie alla gigantesca esplosione.

“Per le sue dimensioni, si trova esattamente al limite tra una stella e una nana bruna, un oggetto estremamente piccolo”, spiega James Jackman, alla guida del gruppo che ha osservato la stella per 146 notti. “Investigando questo limite – aggiunge – possiamo scoprire se questo tipo di eruzioni stellari, dovuto all’improvviso rilascio di energia magnetica dall’interno del corpo celeste, sono limitati dalle sue dimensioni”. La tempesta magnetica, in termini energetici, ha prodotto l’equivalente di 80 miliardi di milioni di tonnellate di Tnt, o tritolo: dieci volte piu’ potente della piu’ grande eruzione solare mai osservata, il cosiddetto Evento di Carrington del 1859. In quell’occasione la tempesta provoco’ notevoli disturbi all’allora recente tecnologia del telegrafo, causando l’interruzione delle linee per 14 ore, e produsse un’aurora boreale visibile anche a latitudini molto inusuali, come a Roma. Se un evento della stessa potenza avvenisse sul Sole, i sistemi energetici e le comunicazioni sulla Terra sarebbero in serio pericolo.

Continua a leggere

Tecnologia

Cervelli di maiale riattivati dopo la morte

Avatar

Pubblicato

del

Nonostante la morte fosse avvenuta alcune ore prima, i cervelli di 32 maiali sono tornati a essere vitali grazie a una tecnica che ripristina la circolazione del sangue e le funzioni cellulari, fino a formare delle sinapsi. Il risultato e’ pubblicato sulla rivista Nature, che gli ha dedicato la copertina, e si deve al gruppo dell’Universita’ di Yale coordinato da Nenad Sestan. Primi autori sono Zvonimir Vrselja e Stefano G. Daniele, ha collaborato l’italiana Francesca Talpo, che lavora fra Yale e Università di Pavia. Proprio Francesca Talpo ha notato anche una debolissima attivita’ elettrica legata pero’ alle singole cellule e non globale: l’elettroencefalogramma resta piatto e non si puo’ parlare di alcun risveglio della coscienza. E’ piuttosto il giro di boa verso la possibilita’ di poter studiare il cervello di mammiferi complessi dopo la morte, senza che i tessuti si degradino rapidamente. Adesso diventa possibile studiare le malattie neurodegenerative con un dettaglio mai visto e sperimentare farmaci per combattere i danni cerebrali provocati dalla carenza di ossigeno. Certamente ci si chiede come stia cambiando il confine tra vivente e non vivente, ma i ricercatori si muovono lungo questa strada insidiosa con molta prudenza e un continuo dialogo con i comitati etici. Una prima fuga di notizie sull’esperimento c’era stata nel 2018, quando sui giornali si comincio’ a parlare di ‘maiali zombie’, ma solo adesso sono stati pubblicati i dati. Secondo Sestan, in futuro la stessa tecnologia “potrebbe essere utilizzata per terapie contro i danni provocati dall’ictus”. Di certo, ha aggiunto, questo primo risultato indica che “la capacita’ dei cervelli dei grandi mammiferi di ripristinare la microcircolazione e l’attivita’ molecolare e cellulare e’ stata sottovalutata”. L’esperimento e’ stato condotto su 32 cervelli di maiale ottenuti da macelli con lo strumento chiamato BrainEx, progettato e finanziato nell’ambito della Brain Initiative promossa dagli statunitensi National Institutes of Health (Nih). Il dispositivo si basa su un sistema che, a temperatura ambiente, pompa nelle principali arterie del cervello una soluzione chiamata BEx perfusato, un sostituto del sangue basato su un mix di sostanze protettive, stabilizzanti e agenti di contrasto. Immersi nel dispositivo, in sei ore nei cervelli sono state ripristinate l’irrorazione in tutti i vasi sanguigni e alcune funzioni cellulari; si e’ anche notata la riduzione della morte cellulare. Non e’ chiaro se tempi di perfusione piu’ lunghi possano portare a un ripristino completo dell’attivita’ cerebrale: per questo nuovo obiettivo, secondo i ricercatori, saranno necessari ulteriori test. Solo tra molto tempo si potra’ pensare di utilizzare questa tecnologia su cervelli umani.

Continua a leggere

In rilievo