Collegati con noi

Sport

La Var sbarca anche in Champions League, ci spiega come cambierà ulteriormente l’uomo che ne sta curando lo sviluppo tecnologico

Pubblicato

del

Anticipato l’esordio della Var in Champions League già a partire dagli ottavi di finale dell’edizione in corso: il comitato esecutivo dell’Uefa, riunitosi a Dublino, ha deciso di introdurre la “Video Assistant Referee” praticamente da subito. Il presidente Ceferin ha convinto i membri dell’Esecutivo ad anticipare il via libera. Il primo passo ufficiale era arrivato da Nyon, dove si era riunito il comitato esecutivo per dare il via libera al programma di rodaggio che avrebbe portato la Video assistant referee anche nelle competizioni Uefa. “Siamo fiduciosi che l’introduzione della Var nell’ agosto 2019 – aveva detto allora Alexander Ceferin- ci darà abbastanza tempo per metter su un sistema efficace e per preparare al meglio gli ufficiali di gara con l’obiettivo di assicurare un’implementazione efficiente e di successo per la Var in Champions, la competizione di punta nel mondo”.

L’esordio era dunque previsto per il 14 agosto prossimo al Besikta Stadium di Istanbul, sede della Supercoppa 2019 tra le vincitrici della Champions e della Europa League. Tutto anticipato. E la video-assistenza agli arbitri di campo sarà introdotta anche nell’Europeo Under 21 in programma a giugno in Italia e San Marino.
Ne sarà sicuramente contento Daniele Diana, italiano, di Aversa che lavora alla Fifa come manager football innovation. 34 anni, una laurea in Business Administration alla Bocconi, fa parte del team Fifa ha gestito l’implementazione prima e l’uso poi di questa innovazione tecnologica ai mondiali in Russia, dove Daniele Diana era il responsabile dell’implementazione della tecnologia Var a bordo campo nelle 12 partite giocate nei due stadi di Mosca (Spartak e Luzhniki), inclusa la finalissima, dove il Var è stato utilizzato dall’arbitro argentino Pitana per una On-field Review, che ha poi assegnato un rigore alla Francia.
E proprio subito dopo i mondiali, “Juorno.it” lo ha incontrato e con ha parlato della Var e di nuove tecnologie che saranno a breve varate nel mondo del calcio.

Ci tolga subito un dubbio: si dice il Var o la Var?
Il problema è tutto italiano. Al maschile è il video arbitro assistente, cioè riferito all’uomo che controlla, al femminile, invece, si dice della tecnologia. In inglese non c’è differenza. Ed in ogni caso, tranquillizzo gli italiani: nessuno dei due modi è errato.

Il primo Mondiale della storia con l’utilizzo del Var è stato archiviato. Qual è il bilancio sulla tecnologia e sulla sua gestione in Russia? E com’è stato accolto da calciatori e arbitri?
Il bilancio è stato positivo. Basti pensare che nel corso delle 64 partite disputate al Mondiale in Russia solo quattro sono stati i cartellini rossi. E nessuno di questi quattro per gioco violento. Questo significa che anche i calciatori sono consapevoli di essere osservati e monitorati. In questo modo il calcio è più pulito e bello, sia da vedere che da giocare. <

Il Var è stato il protagonista della scorsa serie A. Riuscirà a mettere un freno alle polemiche arbitrali?

Il bello del calcio, che è lo sport più seguito ed amato al mondo, è anche questo. Il var non deve eliminare le polemiche, ma eventuali ingiustizie. La tecnologia al servizio dello sport aiuta ad evitare decisioni evidentemente sbagliate. Oggi, ad esempio, al tempo del var non ci sarebbe stata la ‘Mano de Dios’. Sarebbe stato un peccato non vedere quel gol di Maradona, ma la tecnologia non avrebbe consentito che la palla finisse in rete.
Oltre il Var, già utilizzato nel campionato italiano, in Russia è stata utilizzata la linea virtuale tridimensionale per valutare il fuorigioco con più sicurezza. Tutta questa tecnologia non rischia di far morire il divertimento che c’è nel gioco del calcio?

Il var è stato il protagonista della scorsa serie A. Riuscirà a mettere un freno alle polemiche arbitrali?

La tecnologia non elimina il divertimento nel calcio, anzi, lo rende ancora più bello. In Brasile quattro anni fa quando è stata istituita la gol line tecnology ci sono state numerose polemiche. La novità era vista con diffidenza. Oggi, invece, non è più così. Quest’anno oltre il var è stata inserita anche la cosiddetta ‘linea tridimensionale’, utile per valutare oggettivamente il fuorigioco.

Dopo il Var e la linea 3D quale sarà la prossima frontiera tecnologica del calcio?
In Russia è stata utilizzata una var operation room (Vor) centralizzata: dall’ international Broadcast Center (Ibc) di Mosca, il team var, composto da quattro arbitri (Var, Avar1, Var2, e Avar3), aveva accesso a 38 differenti telecamere per poter meglio analizzare le azioni di gioco da ogni angolazione. Nonostante la distanza, il ritardo nella comunicazione tra il terreno di gioco e la sala var, era meno di un secondo. Oltre al var, al mondiale è stata confermata la Goal Line Technology (Glt), già utilizzata nel mondiale brasiliano, mentre altri due progetti, Data Tracking, raccolta dati delle performance dei calciatori forniti in tempo reale allo staff tecnico, e Medical Analysis, monitoraggio di eventuali incidenti sul terreno di gioco, sono stati lanciati in quello che è stato definito, il torneo più tecnologico di sempre. Il ‘data tracking’ monitora ogni movimento di un calciatore in campo e lo comunica, attraverso un tablet, ad un analista in panchina. Stesso principio per il Medical Analysis che invece valuta la parte medica. In pratica se c’è uno scontro ed un calciatore resta a terra, attraverso un ricevitore viene comunicato allo staff medico cosa è successo e quale punto del corpo è stato colpito.
Com’è stato il suo Mondiale?
Per me è come se avessi vinto la Coppa del Mondo. In ogni caso concordo con quanto detto dal presidente della Fifa Gianni Infantino che ha definito questo Mondiale come “il migliore di sempre”.
Da italiano come ha vissuto i mondiali senza la nazionale in campo?
Mi è dispiaciuto non vedere gli azzurri in campo, ma c’è una differenza tra tifoso e l’operatore del calcio. Sono ruoli differenti. A livello di tifoseria si è sentita la mancanza degli italiani così come degli olandesi e degli statunitensi: tifosi corretti che donano sempre ‘colore’ ad un Mondiale. Con l’Italia in lizza, comunque, non sarei stato al var a bordo campo per evitare ogni eventuale speculazione.

Advertisement

In Evidenza

Si commuove Dries Mertens quando viene premiato dal suo papà come “calciatore belga che ha segnato di più all’estero”

Pubblicato

del

Si è commosso quando è salito sul palco ed ha visto che a premiarlo era stato chiamato suo padre Herman: per Dries Mertens il trofeo intitolato a Raimond Braine, storico attaccante suo connazionale, come calciatore belga che ha segnato di più all’estero, è arrivato inaspettato anche se meritatissimo.

Una bella serata, una premiazione emozionante che ha raggrumo il momento clou quando il calciatore belga ormai naturalizzato napoletano, accompagnato dalla moglie Kat Kerkhofs, ha avuto il trofeo dalle mani del suo papà. I due si sono abbracciati per il piacere del pubblico.

L’attaccante azzurro sul suo profilo Instagram ha pubblicato le foto, ha ringraziato gli organizzatori del Gala, @hln_be e @vtm.be ( i media che hanno supportato l’evento) e tutti quelli che gli hanno permesso di vincere e di portare a casa la “scarpa d’Oro”, molto importante nel suo Paese.

Continua a leggere

Sport

Squalifica di Koulibaly, in Corte di Appello della Figc ci saranno il calciatore e il presidente De Laurentiis

Pubblicato

del

Sarà discusso domani alle 13.30 alla Corte d’Appello della Figc il ricorso del Napoli contro la seconda giornata di squalifica inflitta a Kalidou Koulibaly, per l’espulsione contro l’Inter del 26 dicembre scorso. A discutere il ricorso ci saranno lo stesso giocatore senegalese e il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis che ha mal digerito la squalifica e non ha fatto mistero del suo profondo disappunto per la gestione della gara al Meazza sotto il profilo dei cori beceri e razzisti contro Kalidou Koulibaly. il calciatore era stato espulso per doppia ammonizione dopo aver applaudito a seguito della prima ammonizione per un fallo di gioco. Il senegalese ha già scontato la prima giornata di squalifica. A rigore di regole le due giornate di squalifica sono quelle previste dal regolamento, occorre capire se i giudici di appello vorranno contestualizzare quell’applauso di Koulibaly all’arbitro (sempre educato, compito, correttissimo il calciatore in campo e fuori) e capire che era un gesto frutto di quel clima razzista creato allo stadio. Stadio poi chiuso parzialmente per razzismo. Ad assistere il Napoli ci sarà il legale di fiducia del club, Mattia Grassani.

Continua a leggere

Milano

Al Meazza fuori i razzisti dalla curva Nord e dentro i ragazzini, l’iniziativa dell’Inter piace alla Federcalcio

Pubblicato

del

Ecco una di quelle iniziative che ti riconciliano con il calcio affaristico e senza valori dell’Italia. L’iniziativa è di una di quelle squadre blasonate e nobili del mondo del pallone. Nobile decaduta da anni. L’ultimo scudetto vinto è del 2006, gliel’ha assegnato la giustizia sportiva togliendolo alla Juventus che l’aveva vinto in maniera truffaldina perchè invischiata in Calciopoli. Che cosa ha fatto l’Inter. Ha invitato oltre 10mila bambini e ragazzi a San Siro sabato sera per la sfida tra Inter e Sassuolo. Dopo la squalifica del Meazza per i fatti di Inter-Napoli, il club nerazzurro aprirà il primo anello ai giovani grazie all’ok da parte della Figc. Ad assistere alla gara, come reso noto dalla società con una nota sul sito, saranno presenti bambine e bambini del network Scuole Calcio Inter, del Centro Sportivo Italiano e delle scuole milanesi, oltre ai ragazzi e ragazze dei progetti ‘Io Tifo Positivo’, ‘Quarta categoria’ e ‘Rete!’, per un totale quindi di oltre 10mila giovani sugli spalti per il match della squadra di Luciano Spalletti contro i neroverdi emiliani. Insomma, fuori gente che normalmente si comporta in maniera razzista e disgustosa e dentro bambini e ragazzini.

Continua a leggere

In rilievo